Pan de mei o Pan meino

Ricette di pasticceria

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

Pan de mei o Pan meino

Messaggioda Dida » 26 apr 2021, 10:04

Questo è il dolce tipico milanese del giorno di San Giorgio, patrono dei lattai. Si faceva in casa o si comperava dal panettiere e si consumava con una tazza di latte freddo o, per chi poteva permetterselo, con una tazza di panna liquida. In casa dei miei nonni e in casa mia prevaleva la panna che veniva richiesta espressamente al lattaio per il 23 aprile. A me non piace la panna e quindi lo "pucciavo" nel latte. Quello che si trova nei panifici e nelle pasticcerie oggigiorno non ha più all'interno i fiori di sambuco ed è più "da pasticceria".

Pan de mei o pan meino
Ingredienti:
farina gialla macinata grossa gr. 200
farina gialla fioretto gr. 200
zucchero semolato gr. 200
burro freschissimo gr. 100
3 uova intere di media grossezza – 2 cucchiaiate di farina bianca 00 – 2 cucchiaiate di fiori di sambuco seccati (panigada) – latte – un pizzico di sale – zucchero semolato per spolverare.

Far sciogliere il burro e lasciarlo intiepidire poi aggiungervi le farine gialle, la farina bianca, le uova leggermente sbattute, lo zucchero e una cucchiaiata di fiori unendo tanto latte quanto ne serve per avere una pasta abbastanza consistente. Prendere un pezzo di pasta per volta, dare la forma di un panino allungato o rotondo e metterlo su una placca coperta da carta forno procedendo poi a fare gli altri e mettendoli ben staccati gli uni dagli altri. Spolverare la superficie dei panini con poco zucchero e distribuirvi sopra i restanti fiori di sambuco. Passare in forno già caldo a 170° per circa 30 minuti.
Daniela Mari Griner



In amore, come in cucina, ciò che è fatto troppo in fretta è fatto male.
Anonimo
Avatar utente
Dida
 
Messaggi: 2429
Iscritto il: 25 nov 2006, 16:04
Località: Casorezzo MI

Torna a Doce Doce

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee