(GR)SEBADAS di Pinella

Ricette di pasticceria

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

(GR)SEBADAS di Pinella

Messaggioda Rossella » 28 giu 2007, 7:37

seadas.jpg
Un dolce tipico della Sardegna a me molto caro, le SEBADAS di Pinella.



ingredienti per la sfoglia:

500 gr di farina ( oppure metà farina e metà semola)
*50 gr di strutto
un pizzico di sale
1 bicchiere di acqua tiepida

*io uso almeno il doppio dello strutto perchè mi piacciono friabili, ma questa è la dose minima

per il ripieno:
500 gr di formaggio pecorino o vaccino freschissimo
scorza grattugiata di limone o arancia
un pizzico di sale
pochissima semola ( 25 gr)

Il formaggio deve stare preferibilmente fuori dal frigo per un giorno o due in modo che inacidisca lievemente, naturalmente coperto con un telo.
Preparate la sfoglia lavorando la farina e la semola con l’acqua lievemente salata. Mettete il liquido a poco a poco, ma non piu’ di un bicchiere perche’ la sfoglia deve essere piuttosto dura. Unite lo strutto e continuate a lavorare. Con lo strutto andateci a vostro gusto. Una mia amica di Nuoro ne mette moltissimo e le sebadas quando friggono diventano una nuvola. Non usate l’impastatrice ne’ il Bimby, perche’ la pasta e’ dura e vi puo’ rovinare l’apparecchio. Coprite quindi la pasta con un telo e fatela riposare.
Nel frattempo, mettete un tegame piatto sul fornello, metteteci il formaggio tagliato a pezzetti e fatelo sciogliere. Se vedete che perde un po’ di liquido aggiungete pochissima semola. Quando il formaggio e’ sciolto unite un pizzico di sale e la scorza grattugiata del limone o dell’arancia. Rimescolate per bene. Togliete il tegame dal fuoco e quando il formaggio diventa meno caldo per poter essere lavorato, bagnatevi le mani e prendete delle porzioni .Fate delle palline che poi schiaccerete tra le mani fino ad avere un diametro di 8 cm. Disponete i dischi sopra un piano e fateli raffreddare.
A questo punto lavorate delle porzioni di pasta tra i rulli della macchinetta passando e ripassando tra i rulli messi un po’ larghi. Quando la pasta”scoppietta” passatela tra i rulli a grossezza “due” e fate delle sfoglie larghe almeno 12-14 cm. La larghezza decidetela voi, l’importante e’ che tra il formaggio e la sfoglia ci sia un bello spazio.
Adagiate i dischetti di formaggio sulla sfoglia (a debita distanza), ricoprite con un’altra sfoglia. Calcate bene con le mani per sigillare i dischi e poi ritagliateli con una rotellina taglia-pasta. Friggete le sebadas in olio (io uso olio di semi) non molto caldo e non giratele finche’ non avrete notato che la base e’ cotta.
Scolatele su carta assorbente, mettetele in un piatto individuale, cospargetele di miele liquido (non fatevi tentare dal mettere solo zucchero!) e guarnite con poca scorza grattugiata di limone o d’arancia.
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Messaggioda sonietta » 9 lug 2007, 22:57

Torno appena adesso dalla Sardegna ......con un carico di Seadas fresche fresche fatte da mia suocera!!! Le ho estorto la ricetta e mi ha detto che il formaggio che usano per questo dolce lo fa apposta il caseificio e non esiste nei negozi, ma è sostituibile con peretta fresca (dolce) o il panetto tipo mozzarella della Santa Lucia.
Spero di esservi stata utile! :wink:
Meglio morire con la pancia piena che con la pancia vuota!!!
sonietta
 
Messaggi: 82
Iscritto il: 4 giu 2007, 21:38
Località: provincia di Cuneo

Messaggioda sonietta » 10 lug 2007, 18:11

SEADAS

per la pasta:
1kg di farina
250 g di strutto morbido, ma non sciolto
un pizzico di sale
un pochino di zucchero a piacere
lavorare e lasciare riposare sotto un piatto anche una notte. Rilavorare la pasta e stenderla per fare la sfoglia.

Ripieno:
grattuggiare il formaggio*, mescolarlo con la scorza di limone o arancio grattuggiata

Procedere come per il ravioli, di solito la forma e' abbastanza grande.
Friggere in abbondante olio fino a doratura, cospargere la superficie con miele sciolto.

* il formaggio usato in Sardegna e' prodotto appositamente dai caseifici del luogo, ma mia suocera dice che in sostituzione si puo' usare anche una caciotta dolce fresca (io la chiamo peretta, ma forse caciocavallo e' uguale) o il panetto di mozzarella della Santa Lucia che viene venduto per condire la pizza. Io comunque ho assaggiato quel formaggio appena fatto e sapeva di mozzarella asciutta.
Se non e' ancora chiaro provo a fare una foto del formaggio.
Meglio morire con la pancia piena che con la pancia vuota!!!
sonietta
 
Messaggi: 82
Iscritto il: 4 giu 2007, 21:38
Località: provincia di Cuneo


Torna a Doce Doce

Chi c’è in linea

Visitano il forum: ADmantX e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee