° u'muffitte °

Pane e Lievitati - Il club dei Panificatori

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

° u'muffitte °

Messaggioda Donna » 11 ott 2007, 12:21

Immagine


Rossella ha scritto:Che goduria... :shock: :D
Brava Donatella...senti io amo pericolo 8) :wink: raccontami un pochino questo 'u muffite...che mi ispira assai :D


sono contenta <hay <hay
per le u'muffitte voglio la ricettuzza :wink:
grazieee[/quote]

Evvabene!! L'avete voluta voi!!!

u'muffitte


Impastate circa 500gr di farina con mezzo bicchiere di olio di semi, acqua e pochissimo sale. Imptate fino a afre un impasto relativamente morbido che andrete a spianare formando una pizza sottile. Quindi farcite la pizza distribuendo: uvetta, ciccioli di maiale, peperoncino dolce tritato fine, peperoncino dolce a pezzetti e peperoncino piccante. Pochissimo di sale.
Arrotolate coem una pergamena e quindi riarrotolate il salsicciotto a spirale. Con le dita fate tante pressioni per schiacciare la spirale.Cuocete in forno!
"Voglio un cibo educato. Un solo aggettivo, che non ha bisogno di tante parole di contorno. Così ci riprenderemo il diritto al cibo, e non il suo rovescio. Questo è quanto (basta)". ´
Andrea Segre´(Cibo)
Avatar utente
Donna
MODERATORE
 
Messaggi: 3324
Iscritto il: 30 gen 2007, 14:02

Messaggioda Rossella » 11 ott 2007, 13:17

Cuocete in forno, per quanto tempo e a che temperatura ;-))
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Messaggioda Donna » 11 ott 2007, 13:24

IO aggiungerei una foto in sezione per far notare la sfogliata che si crea..... :lol:
Inoltre questa ricetta e' tipica dell'alto Ionio nella Regione Calabria, non si trova nelle altre zone calabre

Immagine
Immagine
"Voglio un cibo educato. Un solo aggettivo, che non ha bisogno di tante parole di contorno. Così ci riprenderemo il diritto al cibo, e non il suo rovescio. Questo è quanto (basta)". ´
Andrea Segre´(Cibo)
Avatar utente
Donna
MODERATORE
 
Messaggi: 3324
Iscritto il: 30 gen 2007, 14:02

Messaggioda Donna » 11 ott 2007, 13:25

Rossella ha scritto:Cuocete in forno, per quanto tempo e a che temperatura ;-))


Deve venire croccante..per cui....200 gradi! 8)
"Voglio un cibo educato. Un solo aggettivo, che non ha bisogno di tante parole di contorno. Così ci riprenderemo il diritto al cibo, e non il suo rovescio. Questo è quanto (basta)". ´
Andrea Segre´(Cibo)
Avatar utente
Donna
MODERATORE
 
Messaggi: 3324
Iscritto il: 30 gen 2007, 14:02

Messaggioda Donna » 11 ott 2007, 13:28

A popro'!!! s ela rifate non la intitolate come u muffitte di Donatella
ma dite: u muffitte di Lucia l'amica calabra di Donatella
"Voglio un cibo educato. Un solo aggettivo, che non ha bisogno di tante parole di contorno. Così ci riprenderemo il diritto al cibo, e non il suo rovescio. Questo è quanto (basta)". ´
Andrea Segre´(Cibo)
Avatar utente
Donna
MODERATORE
 
Messaggi: 3324
Iscritto il: 30 gen 2007, 14:02

Messaggioda Panellissima » 11 ott 2007, 14:02

Donna ha scritto:
Rossella ha scritto:Cuocete in forno, per quanto tempo e a che temperatura ;-))


Deve venire croccante..per cui....200 gradi! 8)

sbaglio o la pasta mi sembra che venga anche sfogliata?è davvero molto interessante!
grazie.
Panellissima
 

Messaggioda Donna » 11 ott 2007, 14:43

Panellissima ha scritto:
Donna ha scritto:
Rossella ha scritto:Cuocete in forno, per quanto tempo e a che temperatura ;-))


Deve venire croccante..per cui....200 gradi! 8)

sbaglio o la pasta mi sembra che venga anche sfogliata?è davvero molto interessante!
grazie.


Si, la pasta viene sfogliata in quanto si arrotola per lungo la "pizza" spianata come se dovessi arrotolare la pasta biscotto per fare il tronchetto.Quindi, si riarrotola a spirale e si fanno tante digitopressioni per attaccare il tutto e man mano spianare .
"Voglio un cibo educato. Un solo aggettivo, che non ha bisogno di tante parole di contorno. Così ci riprenderemo il diritto al cibo, e non il suo rovescio. Questo è quanto (basta)". ´
Andrea Segre´(Cibo)
Avatar utente
Donna
MODERATORE
 
Messaggi: 3324
Iscritto il: 30 gen 2007, 14:02

Messaggioda Rossella » 11 ott 2007, 15:03

Donna ha scritto:
Rossella ha scritto:Cuocete in forno, per quanto tempo e a che temperatura ;-))


Deve venire croccante..per cui....200 gradi! 8)

grazie <)> <)>
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Messaggioda Maria Francesca » 12 ott 2007, 13:54

Infatti, non la conoscevo questa preparazione!!!! Nell'impasto non c'è lievito, vero??? :shock:
Avatar utente
Maria Francesca
 
Messaggi: 168
Iscritto il: 25 nov 2006, 23:54
Località: Pizzo

Messaggioda Barbara » 12 ott 2007, 13:55

Grazie anche per questa!
Barbara
______________________________________
Un giorno senza un sorriso, è un giorno perso (Charlie Chaplin)

http://ricettebarbare.blogspot.com/
Avatar utente
Barbara
 
Messaggi: 369
Iscritto il: 27 nov 2006, 9:59
Località: Trieste

Messaggioda Donna » 12 ott 2007, 14:00

Maria Francesca ha scritto:Infatti, non la conoscevo questa preparazione!!!! Nell'impasto non c'è lievito, vero??? :shock:

Maria Francesca! Aspettavo il tuo commento! ..no Lucia non me l'ha fatto mettere
"Voglio un cibo educato. Un solo aggettivo, che non ha bisogno di tante parole di contorno. Così ci riprenderemo il diritto al cibo, e non il suo rovescio. Questo è quanto (basta)". ´
Andrea Segre´(Cibo)
Avatar utente
Donna
MODERATORE
 
Messaggi: 3324
Iscritto il: 30 gen 2007, 14:02

Messaggioda Maria Francesca » 12 ott 2007, 20:54

Donna ha scritto:
Maria Francesca ha scritto:Infatti, non la conoscevo questa preparazione!!!! Nell'impasto non c'è lievito, vero??? :shock:

Maria Francesca! Aspettavo il tuo commento! ..no Lucia non me l'ha fatto mettere


Perchè, sò calabrotta anch'io!!!!???? :wink:
Avatar utente
Maria Francesca
 
Messaggi: 168
Iscritto il: 25 nov 2006, 23:54
Località: Pizzo

Messaggioda robertopotito » 23 ott 2007, 7:31

questa me la copio alla grande!!!!
Se ci mettessi un pochino di lievito di birra???
Roberto Potito
Finchè la barca va tu non remareee...finchèla barca va...lasciala andareee..(Orietta Berti)
robertopotito
 
Messaggi: 446
Iscritto il: 28 nov 2006, 7:38

Re: u'muffitte

Messaggioda Rossella » 3 ott 2008, 16:47

la porto su ,metto nei segnalibri ;-))
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Re: u'muffitte

Messaggioda akkua » 19 ott 2008, 19:27

Un pane cosi' ricco l'ho mangiato un paio d'anni fa al mercatino natalizio di Friborgo... e me lo sogno ancora perché non sono mai riuscita a riprodurre quella bontà! :sigh: Lo vendevano ad una bancarella che offriva specialità italiane e non ricordo nessun nome particolare per indicare quelle montagne di focacce (passatemi il termine, su :wink: ) belle succulente. Pero' adesso vedendo questo della foto deduco che fosse una muffitte o quantomeno una parente lontana! ;-)) . La consistenza della focaccia che ho mangiato io andava sul morbido e penso che fosse stata fatta usando del lievito di birra (o magari con quello tipo madre) perché non era affatto croccante ma bella "ricca", tipo la focaccia pugliese ma non cosi' alta, ed era in qualche modo sfogliata. Ne avevano ai pomodori secchi, origano e olive e anche ai ciccioli di maiale. Ne ho prese due di entrambi i gusti e posso dire con certezza che quella ai ciccioli pero' non aveva alcun sentore di uvetta. Che io abbia assaggiato una variante della muffitte? Ad ogni modo, questa ricetta é da provare. GRAZIE. :fiori:
akkua
 
Messaggi: 6
Iscritto il: 17 ott 2008, 19:36

Re: u'muffitte

Messaggioda Donna » 19 ott 2008, 20:56

akkua ha scritto:Un pane cosi' ricco l'ho mangiato un paio d'anni fa al mercatino natalizio di Friborgo... e me lo sogno ancora perché non sono mai riuscita a riprodurre quella bontà! :sigh: Lo vendevano ad una bancarella che offriva specialità italiane e non ricordo nessun nome particolare per indicare quelle montagne di focacce (passatemi il termine, su :wink: ) belle succulente. Pero' adesso vedendo questo della foto deduco che fosse una muffitte o quantomeno una parente lontana! ;-)) . La consistenza della focaccia che ho mangiato io andava sul morbido e penso che fosse stata fatta usando del lievito di birra (o magari con quello tipo madre) perché non era affatto croccante ma bella "ricca", tipo la focaccia pugliese ma non cosi' alta, ed era in qualche modo sfogliata. Ne avevano ai pomodori secchi, origano e olive e anche ai ciccioli di maiale. Ne ho prese due di entrambi i gusti e posso dire con certezza che quella ai ciccioli pero' non aveva alcun sentore di uvetta. Che io abbia assaggiato una variante della muffitte? Ad ogni modo, questa ricetta é da provare. GRAZIE. :fiori:

facci sapere e magari prova le due versioni con e senza lievito! :saluto:
"Voglio un cibo educato. Un solo aggettivo, che non ha bisogno di tante parole di contorno. Così ci riprenderemo il diritto al cibo, e non il suo rovescio. Questo è quanto (basta)". ´
Andrea Segre´(Cibo)
Avatar utente
Donna
MODERATORE
 
Messaggi: 3324
Iscritto il: 30 gen 2007, 14:02


Torna a Chi va al mulino...s'infarina

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee