Pagina 1 di 1

° ghenefle

MessaggioInviato: 3 mar 2007, 22:40
da Clara
GHENEFLE

Immagine

Immagine

Questo piatto l’ho mangiato in un ristorante di Champlas Janvier, un borgo nei pressi di Sestriere, valli olimpiche. Mi è molto piaciuto, è molto “formaggioso” e io adoro il formaggio. Sono quindi risalita alla ricetta che è tipica dell’alta Val Susa e ho cercato di riprodurla il più possibile simile a quella che ho mangiato.

ingredienti
1 kg. di patate, 250 gr. pane raffermo , 3 uova, latte, farina burro, noce moscata, sale

Lessare le patate e passarle allo schiacciapatate, aggiungere il pane raffermo, precedentemente ammollato nel latte*, le uova, un pizzico di noce moscata, sale. Lavorare l'impasto fino a raggiungere una consistenza tale da poter ottenere degli gnocchi, se occorre aggiungere a questo scopo del pane pesto o della farina. Ricavare dall'impasto degli gnocchi un po’ grandini a forma di uovo, passarli nella farina bianca e disporli su un canovaccio. Cuocerli in abbondante acqua salata in ebollizione sino a quando vengono a galla, come i comuni gnocchi. Sistemarli in una teglia o in pirofile monoporzione, sopra uno strato di formaggio fuso, preferibilmente toma di montagna, ricoprirle con altro formaggio fuso e far gratinare in forno.

(*Per ottenere un impasto più omogeneo ho frullato un po’ il pane ammollato nel latte, che altrimenti si presentava non troppo fine.
Un’altra variante che ho fatto è quella di lessare le patate. Nella ricetta originale vengono grattugiate finemente crude e in questo modo, invece di raccogliere gli gnocchi con la schiumarola appena vengono a galla, bisogna lasciarli cuocere per una ventina di minuti )

E’ curioso come ogni paesino o borgata della valle abbia una sua versione di questo piatto, chiamato anche “las calhetas”. Le varianti riguardano alcuni ingredienti che possono essere aggiunti all’impasto base: cipolle rosolate nel burro, prezzemolo o avanzi di carne, lardo, spinaci, erbe aromatiche, formaggio locale, insomma cose che si potevano recuperare o reperire sul posto.

MessaggioInviato: 3 mar 2007, 22:53
da Clara
In realtà non credo che siano molti quelli che possono mangiare senza limitazione cose come queste. :-P<^
Diciamo che una volta ogni tanto si può fare, no? :lol: :wink:

MessaggioInviato: 3 mar 2007, 22:59
da maxsessantuno
Clara ha scritto:In realtà non credo che siano molti quelli che possono mangiare senza limitazione cose come queste. :-P<^
Diciamo che una volta ogni tanto si può fare, no? :lol: :wink:


Certo che qui, tutti mettono ricette e son tutte cose che almeno una volta possiamo concederci di mangiare. Se le provassimo tutte una volta sai che disastri le analisi? Meglio non pensarci. Domani passeremo le ricette della pastina ospedaliera e del pancotto della zia Karolina(Quarolina o Querolina? come la mettiamo la zia?) così Type potrà anche "degustare" :lol:
LA MAX 61°

MessaggioInviato: 3 mar 2007, 23:01
da Frabattista
certo!! (io dovrei mangiare insalata ma ho le mie felici cavie a casa per questi piatti ricchi)
tutti i tipi di gnocchi sono buoni e diventano piatti unici e in questo forum si stanno facendo delle belle raccolte, che si possono preparare per tempo!!! grazie e ciao!!!

MessaggioInviato: 4 mar 2007, 21:07
da gatta
Grazie Clara, hanno davvero un'aria invitante....

Per il pancotto: pietà , proprio non ce la faccio!!!! Magari quando avrò un'età appropriata ci ripenserò! :D

Re: ° ghenefle

MessaggioInviato: 27 gen 2009, 20:58
da elena barbasio
Grazie, anche io stavo cercano la ricetta di questo piatto, dopo averlo assaggiato nello stesso ristorante di Champlas (il mio preferito su al Colle!!).
Proverò a farli. Grazie, Elena :lol:

Re: ° ghenefle

MessaggioInviato: 27 gen 2009, 21:52
da Clara
Ma dai Elena, veramente? :D Che combinazione! Non ricordo più il nome del ristorante, ma ricordo che ho mangiato veramente bene.
Non so se la ricetta che ho trovato sia proprio la stessa, ma ci assomigliano proprio molto :D

Ne approfitto per darti il benvenuto ed invitarti a passare nella stanza delle presentazioni per parlarci un pò di te :D :saluto: