Visto che siamo in tema di Maritozzi

Pane e Lievitati - Il club dei Panificatori

Moderatori: Clara, Sandra, Luciana_D, TeresaV, anavlis

Visto che siamo in tema di Maritozzi

Messaggioda Rossella » 1 mar 2007, 11:06

ImmagineImmagine

ImmagineImmagine

ImmagineImmagine

Immagine

Ingredienti per circa 16 Maritozzi (Di origine Laziale questa ricetta è stata subito adottata dai Livornesi) dal sito la nostre terre..

* 100 gr. lievito bianco(5 gr di lievito di birra e 70 gr di farina in circa 1/3 bicchiere di acqua, pari a 90 gr. di acqua)
* 300 gr.farina
* 40 gr. zucchero(aumenterei a 60 gr.)
* 40 ml. di olio
* 100 ml. di acqua

*scorza di arancia grattugiata
*scorza di limone grattugiata
* 6 gr. di sale
* 1 uovo + 1 tuorlo
* aroma arancia
# 40 gr. di uva sultanina( non li ho messi)
# 30 gr. di pinoli(non li ho messi)
# 30 gr. arancia candita (non li ho messi)


Preparazione

Il lievito bianco

La mattina preparare il lievito bianco con 5 gr di lievito di birra e 70 gr di farina in circa 1/3 bicchiere di acqua

L'impasto (primo pomeriggio)

Mettere il lievito bianco in una bacinella, diluirlo con l'acqua aiutandosi con una forchetta.. Aggiungere il sale e lo zucchero, mescolare un poco, quindi unire l'uovo sbattuto, la farina, l'olio e mezza fialetta d'aroma.. Impastare per una decina di minuti fino a quando l'impasto non risulta liscio e morbido. Impastare ancora cinque minuti aggiungendo le scorze grattugiate degli agrumi.
Compattare l'impasto in una "palla", e depositarlo in una bacinella dove è stata cosparsa un po' di farina. Coprire con un panno e mettere a lievitare in un luogo tiepido.
L'impasto deve quasi triplicare il suo volume. Con le dosi indicate dovrebbero risultare alla fine circa 850 gr. di impasto.

I maritozzi (sera)

Preparare due teglie da forno e ungerle con olio. Dividere l'impasto prima in due parti e poi in altre due e così via fino ad ottenere delle piccole porzioni da circa 50 gr. ciascuna. Dare loro la forma voluta (ovale o tonda) e distenderle sulla teglia distanziate in modo che raddoppiando di volume non si vadano a toccare l'una con l'altra. Coprire con un panno leggero e lasciare lievitare fino al mattino, mescolare il tuorlo d'uovo con la restante parte della fialetta di aroma e utilizzando un pennello spennellare i maritozzi lievitati. Mettere in forno caldo a 180°. Cuocere per circa 20 minuti.

nota

Premetto che non conosco i maritozzi, cerco di capire leggendo qui e là e le descrizione di qualche amica.
Queste nello specifico, sono molto leggere, ho seguito letteralmente la ricetta del sito la nostre terre.. secondo me va aumentato leggermente lo zucchero e diminuito i tempi di lievitazione, basterebbe mettere in forma nel tardo pomeriggio(io alle 18.30) e lasciare lievitare 5 ore circa, e non tutta la notte come consigliato, le mie hanno lievitato fino alle 07.00 di questa mattina.( troppo secondo me)
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 14281
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Messaggioda Barbara » 1 mar 2007, 12:39

:shock: :shock:
Una spruzzata di panna e... gnam! Bellissimi Rossella, da mangiare anche con gli occhi!
Barbara
______________________________________
Un giorno senza un sorriso, è un giorno perso (Charlie Chaplin)

http://ricettebarbare.blogspot.com/
Avatar utente
Barbara
 
Messaggi: 379
Iscritto il: 27 nov 2006, 9:59
Località: Trieste

Messaggioda pikkolin@ » 2 mar 2007, 8:52

Che belli Rossella! Per quanto riguarda lo zucchero, in effetti mi sembra un pò pochino anche se i maritozzi di per se non sono molto zuccherati.
pikkolin@
 
Messaggi: 235
Iscritto il: 9 gen 2007, 14:40
Località: Roma


Torna a Chi va al mulino...s'infarina

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee