Pagina 1 di 2

La scelta Vegan: una scelta a 360 gradi.

MessaggioInviato: 11 apr 2014, 13:29
da cinzia cipri'
Quando si sente la parola "Vegan" molto spesso si è portati ad avere pregiudizi e a storcere il naso, pensando ad un regime alimentare troppo restrittivo e triste, quasi una condanna!
In realtà, dietro a questa scelta c'è un mondo, un mondo fatto di gioia, consapevolezza, rispetto per la vita in generale e piacere nel cucinare e nel mangiare.
Già, perché non di soli fili d'erba si nutre un Vegano.

Ormai questo tipo di alimentazione si sta diffondendo sempre di più tra le persone. Tanti in Italia sono oggi i Vegani e ancora di più sono quelli che si avvicinano, anche solo per curiosità, a questo stile di vita. Molti ristoranti si stanno adeguando alla domanda, affiancando al menu tradizionale, anche un menu totalmente vegetale, ma non per questo privo di gusto e fantasia! Nei supermercati si trovano reparti dedicati ad alcuni prodotti "particolari", quali seitan e tofu, segno evidente che la domanda sta aumentando.

Ma chi è un Vegano e qual è la sua alimentazione tipo?
Chi sceglie di alimentarsi in maniera 100% vegetale lo fa per svariati motivi, che possono essere etici, morali, di salute, legati al rispetto dell'ambiente, degli animali, della vita in genere. Sicuramente è una scelta che ti cambia la vita, rendendo la persona più consapevole di molti aspetti legati al cibo, di cui prima magari non conosceva nemmeno l'esistenza. E parlo sia di tutta la questione degli allevamenti intensivi e del maltrattamento degli animali (quindi un punto di vista più etico) sia della questione legata alla salute, allo scegliere quei cibi che, per natura, sono più adatti al nostro organismo e che ci fanno star bene (quindi un punto di vista più legato alla salute).
Solitamente, infatti, il passaggio ad un'alimentazione Vegan porta con sé un cambiamento anche nel nostro stato di salute: ci si sente più energici, in forma, concentrati! Eliminare dalla nostra alimentazione tutti quei cibi ricchi di grassi quali carne, pesce e latticini, apporta un notevole beneficio e i più riescono anche a risolvere alcuni problemi di salute legati proprio al tipo di cibo introdotto nell'organismo fino a quel momento (pressione alta, colesterolo, diabete...).

Ma allora, cosa mangia un Vegano?
Ci tengo a sottolineare che la scelta Vegan non è necessariamente legata a quei prodotti "strani", costosi e, alle volte, poco reperibili, che troviamo spesso in tante ricette (tofu, seitan, salsa di soia, soia disidratata ecc..). Certo, questi prodotti possono aiutare in una fase di passaggio da un'alimentazione tradizionale ad una Vegana, ricordando spesso come sapore e consistenza i prodotti animali ai quali siamo abituati.
Ma non deve passare il messaggio che la dieta Vegan sia basata su questi prodotti. Anzi! Diciamo pure che quando si inizia a mangiare 100% vegetale c'è un ritorno alle origini, un ritorno ai sapori dimenticati, quelli delle ricette semplici dei nostri nonni e dei nostri bisnonni. Verdura di stagione, legumi di ogni sorta, cereali, frutta, semi oleaginosi, frutta secca, olio buono! Questi sono gli alimenti che stanno alla base di una sana alimentazione vegetale.

Pensate a quanti piatti si possono proporre combinando questi ingredienti ogni giorno in un modo diverso! C'è solo l'imbarazzo della scelta e non bisogna essere dei cuochi provetti! Ognuno può sbizzarrirsi, usare la fantasia e creare antipasti, primi, secondi, contorni e dolci dai sapori sorprendenti. Vi siete mai fermati a pensare a quanti legumi esistono? Una varietà infinita! E i cereali? Non c'è solo il riso!!! Abbiamo farro,orzo, miglio, avena, amaranto, quinoa e chi più ne ha più ne metta.

E quando mi chiedono "ma non temi alcune carenze nutrizionali?" mi piace far riflettere su un punto, secondo me, essenziale: la maggior parte delle malattie della nostra società moderna sono causate dagli eccessi provocati dall'alimentazione. Eccessi di cibo grasso, di scarsissima qualità, ricco di sale o di zucchero e di insaporitori artificiali, dove frutta e verdura non sono contemplati e le fibre ormai sono solo un sogno. Passando ad un'alimentazione vegetale, seguita ovviamente con cognizione di causa, non ci si deve preoccupare delle carenze, ma si deve gioire per una forma fisica ritrovata!

Presentazione gentilmente redatta per noi dalla vegana Laura Meccheri dell'associazione AssoVegan.

Re: La scelta Vegan: una scelta a 360 gradi.

MessaggioInviato: 11 apr 2014, 16:32
da anavlis
Grazie per questo chiarimento, è un mondo che sconosco!

Re: La scelta Vegan: una scelta a 360 gradi.

MessaggioInviato: 11 apr 2014, 20:23
da Rossella
anavlis ha scritto:Grazie per questo chiarimento, è un mondo che sconosco!

Anch'io a dire il vero!
Grazie *smk*

Re: La scelta Vegan: una scelta a 360 gradi.

MessaggioInviato: 12 apr 2014, 12:43
da Donna
Sono convintissima su tutto, ma mi piace carne e pesce e formaggi! : Sorry! :
cerco di comprare bio o da allevamenti di contadini quanto possibile, solo così riesco a fare la mia parte. :wink:

Re: La scelta Vegan: una scelta a 360 gradi.

MessaggioInviato: 13 apr 2014, 15:24
da Clara
Grazie Cinzia per tutte queste precisazioni.
Rispetto assoluto per tutte le scelte alimentari, anche se non imposte da problematiche particolari.
Personalmente ritengo che il nostro organismo ha bisogno di tutto, nella giusta misura e con il giusto equilibrio.
Siamo onnivori, carnivori, altrimenti non avremmo i canini ad esempio, o gli enzimi per digerire la carne.
L'errore fondamentale sta nelle quantità eccessive del cibo.
La piramide alimentare della dietetica umana è un modello di riferimento per il benessere del nostro organismo e la
nostra dieta mediterranea resta la migliore del mondo con tutti i suoi componenti.

Re: La scelta Vegan: una scelta a 360 gradi.

MessaggioInviato: 13 apr 2014, 15:34
da cinzia cipri'
Io non digerisco la carne :ahaha:
Mi riempo di bollicine che fanno un prurito pazzesco!
Comunque, nel mio caso, ho scelto di non mangiare animali.
E sai che c'è? Che a parte l'emoglobina eternamente bassa, tutti i valori sono spettacolari! A cominciare dal ferro che finalmente ha valori più che soddisfacenti.
Però io sono vegetariana, non vegana (con tendenze crudiste a dirla tutta...)

Re: La scelta Vegan: una scelta a 360 gradi.

MessaggioInviato: 14 apr 2014, 18:35
da misskelly
...Anche io approvo, ormai non mangio carne da diversi anni e anche prima non la preferivo, solo che per i vegani il campo è piùristretto, togli l'uovo e i latticini...per il resto ok. : Thumbup :
e comunque ci si abitua facilmente a cambiare regime

Re: La scelta Vegan: una scelta a 360 gradi.

MessaggioInviato: 15 apr 2014, 8:39
da anavlis
Clara ha scritto:Grazie Cinzia per tutte queste precisazioni.
Rispetto assoluto per tutte le scelte alimentari, anche se non imposte da problematiche particolari.
Personalmente ritengo che il nostro organismo ha bisogno di tutto, nella giusta misura e con il giusto equilibrio.
Siamo onnivori, carnivori, altrimenti non avremmo i canini ad esempio, o gli enzimi per digerire la carne.
L'errore fondamentale sta nelle quantità eccessive del cibo.
La piramide alimentare della dietetica umana è un modello di riferimento per il benessere del nostro organismo e la
nostra dieta mediterranea resta la migliore del mondo con tutti i suoi componenti.


Condivido e la penso come Clara ma e rispetto le scelte altrui :wink:

Re: La scelta Vegan: una scelta a 360 gradi.

MessaggioInviato: 15 apr 2014, 20:16
da Patriziaf
Io ho deciso di togliere la carne dalla mia alimentazione,da più di un mese che non la mangio,i servizi fatti alle Iene,mi hanno convinta ancor di più.Chi ha un tumore o è molto predisposto , è meglio che mangi meno carne rossa specialmente,poichè le cellule tumorali si alimentano di proteine animali.Mangio legumi,riso,cibi integrali,frutta e verdura.I formaggi li mangio,anche se in quantità ridotta rispetto a prima.

Re: La scelta Vegan: una scelta a 360 gradi.

MessaggioInviato: 17 apr 2014, 9:59
da misskelly
miky ha scritto:Io ho deciso di togliere la carne dalla mia alimentazione,da più di un mese che non la mangio,i servizi fatti alle Iene,mi hanno convinta ancor di più.Chi ha un tumore o è molto predisposto , è meglio che mangi meno carne rossa specialmente,poichè le cellule tumorali si alimentano di proteine animali.Mangio legumi,riso,cibi integrali,frutta e verdura.I formaggi li mangio,anche se in quantità ridotta rispetto a prima.


Patrizia anche ieri un nuovo servizio delle iene.
da quello che ho capito andrebbe tolto dall'alimentazione tutto ciò che è del regno animale...quindi ok al Vegan!

http://www.melty.it/le-iene-matteo-vivi ... 24626.html

Re: La scelta Vegan: una scelta a 360 gradi.

MessaggioInviato: 17 apr 2014, 11:28
da Danidanidani
misskelly ha scritto:
miky ha scritto:Io ho deciso di togliere la carne dalla mia alimentazione,da più di un mese che non la mangio,i servizi fatti alle Iene,mi hanno convinta ancor di più.Chi ha un tumore o è molto predisposto , è meglio che mangi meno carne rossa specialmente,poichè le cellule tumorali si alimentano di proteine animali.Mangio legumi,riso,cibi integrali,frutta e verdura.I formaggi li mangio,anche se in quantità ridotta rispetto a prima.


Patrizia anche ieri un nuovo servizio delle iene.
da quello che ho capito andrebbe tolto dall'alimentazione tutto ciò che è del regno animale...quindi ok al Vegan!

http://www.melty.it/le-iene-matteo-vivi ... 24626.html


E menomale che ci sono le iene che ci spiegano cosa va fatto e cosa non va fatto da chi è affetto da tumore! Quando moltissimi scienziati non ne sono ancora venuti a capo...L'aloe,fa benissimo,le carni fanno malissimo:ma chi sono questi per permettersi di parlare? Solo conduttori di spettacolo a cui personalmente non darei la mia fiducia se ,come sono,fossi ammalata di cancro. Piuttosto mi rivolgerei a chi ne sa per averlo studiato,anche se non si hanno (purtroppo) definitive conclusioni...Che facciamo,vogliamo tornare al siero di Liborio Bonifacio a base di urina e feci di capra e che tante vittime credulone ha mietuto?
fate voi: faber est suae quisque fortunae...ognuno è artefice della propria sorte.

Per quanto riguarda la dieta,penso che quella mediterranea si la migliore,da usarsi sempre...a meno di patologie particolari come il diabete e/ l'insufficienza renale...Mangiare di tutto,con moderazione.
Penso poi che se tutti divenissimo vegani,allora sarebbe un bel disastro per l'industria alimentare,conserviera (insaccati-yogurt-mozzarelle-formaggi per i quali siamo in posizione eccelsa nel mondo-allevamenti-uova ).Quanti posti di lavoro andrebbero perduti,quanti i disoccupati? Non scherziamo. *smk*

Re: La scelta Vegan: una scelta a 360 gradi.

MessaggioInviato: 17 apr 2014, 12:44
da anavlis
Daniela, per caso ho visto questo pezzo ieri sera. A parte le interviste un pò naif fatte ad un paio di malati di cancro, hanno intervistato un ricercatore (non ricordo il nome) che ha mostrato l'atto conclusivo di un convegno medico che darebbe ragione alla scelta vegana per gli ammalati di cancro. Anche Umberto Veronesi ha più volte insistito sul collegamento tra alimentazione sana e salute puntando il dito contro la carne, proteine animali in genere, e prodotti raffinati.
Il professore,di cui non ricordo il nome, ha anche dichiarato che nessuno è interessato a queste ricerche, esistenti, perchè non portano ulteriori guadagni. Non c'è il farmaco da vendere!
Guarda la puntata anche tu e fammi sapere, ascolto volentieri la tua valutazione da professionista *smk*

Re: La scelta Vegan: una scelta a 360 gradi.

MessaggioInviato: 17 apr 2014, 19:19
da cinzia cipri'
Veronesi è vegetariano dall'età di 14 anni, vegano da non saprei quanto: ma lo avete visto? :shock: :shock: :shock:
Io amo i formaggi e non saprei privarmene, ma condivido il rispetto dell'animale e l'assicurarmi di non avergli provocato dolore.
Da quando sono vegetariana sto appunto meglio.

Re: La scelta Vegan: una scelta a 360 gradi.

MessaggioInviato: 26 dic 2014, 18:30
da zoster
Chi sceglie di vivere vegan, non dovrebbe usare alcun tipo di tecnologia!!! Questo è il paradosso vegan, senza contare che dietro la scelta vegan, ragionata dai suoi seguaci, c'è un mondo di speculazione ad alto guadagno in questo periodo con crescite vertiginose! Poi non parliamo del bio, è un business immenso, perchè basta scrivere su un prodotto bio per rincararlo almeno del 25%(se costa poco) quando poi la scienza stessa ci dice che bio è meno nutriente del coltivato normale. Se poi andiamo affondo, che ci dice che il bio è veramente bio? Internet è falsità, il complottismo generico in altri campi è una immensa forma di marketing ad altissimo guadagno... ma sapete se è scritto su internet è vero...

Re: La scelta Vegan: una scelta a 360 gradi.

MessaggioInviato: 27 dic 2014, 13:41
da anavlis
....magari verrà fuori qualcuno che dirà di rispettare il mondo vegetale e quindi? Perché abbiamo i denti, con canini?

Re: La scelta Vegan: una scelta a 360 gradi.

MessaggioInviato: 27 dic 2014, 13:53
da zoster
anavlis ha scritto:....magari verrà fuori qualcuno che dirà di rispettare il mondo vegetale e quindi? Perché abbiamo i denti, con canini?


Salva una pianta.... mangia un vegano :ahaha: :ahaha: :ahaha: :ahaha:

Re: La scelta Vegan: una scelta a 360 gradi.

MessaggioInviato: 27 dic 2014, 15:23
da cinzia cipri'
scusate...
Non mi pare di aver mai cercato di convincere nessuno o preso in giro nessuno per il fatto di essere carnivoro.
E non perché io mi senta in difetto, ma perché non ho nessuna velleità di sentirmi superiore con la mia scelta.
Vi invito quindi, per favore, di avere rispetto per chi ha fatto una scelta differente o per chi non può fare a meno di fare una scelta differente.
Certo, mi viene da dire, che Umberto Veronesi non è il primo cretino che passa.
E su questo rifletterei bene.

Re: La scelta Vegan: una scelta a 360 gradi.

MessaggioInviato: 27 dic 2014, 15:31
da zoster
cinzia cipri' ha scritto:scusate...
Non mi pare di aver mai cercato di convincere nessuno o preso in giro nessuno per il fatto di essere carnivoro.
E non perché io mi senta in difetto, ma perché non ho nessuna velleità di sentirmi superiore con la mia scelta.
Vi invito quindi, per favore, di avere rispetto per chi ha fatto una scelta differente o per chi non può fare a meno di fare una scelta differente.
Certo, mi viene da dire, che Umberto Veronesi non è il primo cretino che passa.
E su questo rifletterei bene.


Se ti riferisci a me, sappi che la mia era solo una considerazione, non una critica.
Io sarei anche d'accordo alla scelta vegan, ma sempre riferita contro gli allevamenti di massa simil lagher, che concordo, sono un'atrocinio contro la vita.

Re: La scelta Vegan: una scelta a 360 gradi.

MessaggioInviato: 27 dic 2014, 15:37
da cinzia cipri'
il discorso è complesso e difficilmente trattabile in poche righe su un forum se non dietro un lungo confronto.
Ma la mia intenzione non è quella di convincere nessuno.
Sto soltanto cercando di dare una via alternativa, non una scelta di vita.
Infatti la sezione nasce per ogni forma di alimentazione alternativa, anche per problematiche di natura medica (nelle ricette di cucina naturale, vengono riportate anche le indicazioni su chi è indicato quel tipo di pasto: diabetici, ipertesi, insufficienze renali, ecc...)
Non mi piacciono le battute superflue sulle scelte alimentari (o di vita nel caso dei vegani).
Ognuno resti pure della propria idea, ma nessuno si permetta di offendere l'altro.

Re: La scelta Vegan: una scelta a 360 gradi.

MessaggioInviato: 27 dic 2014, 17:07
da anavlis
Su, non prendertela! Una battuta non puoi confonderla addirittura con un'offesa! Come tu giustamente precisi non é una FEDE (ma anche su quella se non si è integralisti ci si può giocare) é solo una scelta personale.
Ad esempio la mia scelta di trasportare cibo, lo faccio senza ritegno, mi danno della terrona...mica mi offendo, anzi sono la prima a riderne. Anche questa é una scelta e non un credo.
Pace fatta? *smk*