Pagina 1 di 1

Maccheroni e cavolfiore

MessaggioInviato: 2 set 2007, 20:01
da Typone
Un'ottima ricetta d'ispirazione siciliana passatami tempo fa da un'amica francese - eh si ! - di origine sicula.
Premettendo che adoro il cavolfiore ma che non posso mangiare maccheroni, vi lascio la prerogativa dell'assaggio. Per me è acqua passata... :cry:

per 6
500 gr. di maccheroni
un cavolfiore mondato e lessato, "sfiorato".
una cipolla rossa a fettine sottili
4 filetti di acciughe sott'olio
1 manciata di uvetta
1 manciate di pinoli tostati
1 pizzico di origano
pecorino grattatato
sale e pepe o peperoncino


Fare "fondere" la cipolla in olio evo in padell e "diluitevi" i filetti di acciuga prima di spingere a rosolatura.
Aggiungere il cavolfiore, i pinoli, l'uvetta e l'origano, il pepe o peperoncino e sale (attenzione: l'acciuga sala...), e saltare il tutto per amalgamare bene e insaporire.
Cuocere i maccheroni, scolarli e condirli con il cavolfiore saltato.
Servire con pecorino grattato, preferibilmente stagionato...

T.

MessaggioInviato: 2 set 2007, 20:09
da Danidanidani
La faccio anche io in stagione...la pasta deve cuocere nell'acqua dove sono stati lessati i cavolfiori...aggiungo al condimento un pizzico di zafferano e al posto del pecorino caciocavallo grattugiato grossolanamente....spadellati.BBBBoni!

MessaggioInviato: 2 set 2007, 20:19
da Rossella
Danidanidani ha scritto:La faccio anche io in stagione...la pasta Rigorosamente deve cuocere nell'acqua dove sono stati lessati i cavolfiori...aggiungo al condimento un pizzico di zafferano e al posto del pecorino caciocavallo grattugiato grossolanamente....spadellati.BBBBoni!

se vogliamo fare una cosa "vastasa" condiamo bene la pasta, in una teglia passiamo dell'olio e del pan grattato, mettiamo la pasta e dell'altro pan grattato in superfice, quindi in forno a gratinare bene :D

MessaggioInviato: 2 set 2007, 20:24
da Typone
Rossella ha scritto:
Danidanidani ha scritto:La faccio anche io in stagione...la pasta Rigorosamente deve cuocere nell'acqua dove sono stati lessati i cavolfiori...aggiungo al condimento un pizzico di zafferano e al posto del pecorino caciocavallo grattugiato grossolanamente....spadellati.BBBBoni!

se vogliamo fare una cosa "vastasa" condiamo bene la pasta, in una teglia passiamo dell'olio e del pan grattato, mettiamo la pasta e dell'altro pan grattato in superfice, quindi in forno a gratinare bene :D

Come si chiama questo procedimento dalle tue parti?

T.

MessaggioInviato: 3 set 2007, 7:17
da Dida
Anch'io preparo spesso questa pasta omettendo pinoli e uvetta e facendo saltare la pasta nel condimento. Come formato uso le mezze penne o le orecchiette o ancora gli gnocchetti sardi.

MessaggioInviato: 3 set 2007, 8:28
da benedetta lugli
Anch'io come Daniela con lo zafferano, uso però gli spaghetti, uno dei nostri piatti preferiti nell'inverno, che consola di essere ....d'inverno! :D

MessaggioInviato: 3 set 2007, 10:57
da fabrizio
Piatto molto cucinato anche a casa mia, con la differenza dell'aglio al posto della cipolla e il formato di pasta, quasi sempre tubettoni o mezze maniche.

MessaggioInviato: 3 set 2007, 19:51
da cilantro
Rossella ha scritto:
Danidanidani ha scritto:La faccio anche io in stagione...la pasta Rigorosamente deve cuocere nell'acqua dove sono stati lessati i cavolfiori...aggiungo al condimento un pizzico di zafferano e al posto del pecorino caciocavallo grattugiato grossolanamente....spadellati.BBBBoni!

se vogliamo fare una cosa "vastasa" condiamo bene la pasta, in una teglia passiamo dell'olio e del pan grattato, mettiamo la pasta e dell'altro pan grattato in superfice, quindi in forno a gratinare bene :D



Se vuoi fare una vastata napoletana, ci aggiungi della provola a pezzetti :-P o :p :-P o :p .

MessaggioInviato: 7 set 2007, 6:35
da AMR
fabrizio ha scritto:Piatto molto cucinato anche a casa mia, con la differenza dell'aglio al posto della cipolla e il formato di pasta, quasi sempre tubettoni o mezze maniche.


Idem pure a casa mia e nel tuo stesso modo : cime di cavolfiore ben lavate i cui gambetti teneri verranno intaccati con coltellino a forma di croce e versate in soffritto di olio evo , aglio prezzemolotrito , peperoncino , capperi medi ( non dissalati ) e poche olive nere di Gaeta intere ma intaccate o punzecchiare.Condire con poco o niente sale. I cavoli non vengono scaldati in acqua bollente a priori onde non impestare la casa dal suo poco gradevole odore e non perdere così nessuna delle sue prezione vitamene. Si finisce la loro cottura nella pasta mista o spaghetti spezzati , scolti brodosetti ed aldenti.
Condire con poco pecorino sardo o romano ed altro trito di prezzemolo fresco.

MessaggioInviato: 7 set 2007, 6:43
da Typone
Grazie a tutti per le variazioni e consigli!

:wink:

T.