Pagina 1 di 2

Ciliegie sott'aceto

MessaggioInviato: 6 giu 2007, 10:43
da elvira
Liberamente tratto da “Come si preparano e conservano i sottaceti- Tina Cecchini-De Vecchi ed. 1975”
Le dosi sono, come capirete, un po’ indicative anche perché non penso siano troppo vincolanti.
Ho lavato circa 500 g di ciliegie e tagliato corto il picciolo (diciamo un paio di mm dall’attaccatura), le ho asciugate e messe in un vaso grande. Ho fatto bollire mezzo litro di aceto bianco con un cucchiaio di sale grosso, un paio di cucchiai di zucchero qualche grano di pepe nero, un paio di rametti di maggiorana, una stecca di cannella e due chiodi di garofano. Ho coperto le ciliegie con l’aceto caldo e le ho lasciate per tre giorni.
Ho lavato e sterilizzato due vasetti di vetro da conserve, vi ho messo le ciliegie scolate dall’aceto.
Ho rimesso a bollire l’aceto ( se ritenete che non sia sufficiente a ricoprirle aggiungetene un po’ prima della bollitura), lasciandolo bollire un paio di minuti, ho tolto gli aromi (che a gusto si possono lasciare) e l’ho versato caldo sulle ciliegie. Ho chiuso subito i vasetti.

Tra un passaggio e l’altro ne ho assaggiate un paio, sono molo particolari. A me piacciono molto.

MessaggioInviato: 6 giu 2007, 20:13
da Frabattista
Elvira mi attirano moltissimo.... sto pensando accompagnate al lesso :-P o :p
grazie e ciao!!!

MessaggioInviato: 7 giu 2007, 10:37
da elvira
Infatti, proprio con le carni!!
Lydia, figurati, sono anche rapidissime da fare, provale

MessaggioInviato: 1 lug 2007, 22:27
da Rossella
67.gif per Sandra :D

MessaggioInviato: 1 lug 2007, 22:53
da Sandra
Grazie Rossella non le trovavo :oops: !!

Forse sarebbe stato meglio non aspettare due anni per assaggiarle :) :)

La ricetta che ho seguito e simile ed é QUI

Simpatiche, originali ma non entusiasmanti le mie!! :) :)

Le serviro' comunque con terrine e pâtée en croûte, sono consigliate;

Sandra

MessaggioInviato: 2 lug 2007, 10:29
da elvira
Che problemi avevano?

MessaggioInviato: 3 lug 2007, 18:41
da Sandra
elvira ha scritto:Che problemi avevano?


Penso sia stato l'effeto attesa due anni :) , sapevano prevalentemente di aceto e pochissimo di ciliegia e di spezie messe!!Forse é normale ma non avendole mai mangiate sono rimasta un po' delusa :oops: :) :)
Le avevo fatte sulla fiducia e stanca di togliere noccioli per fare confetture !! :lol: :lol:
Comunque sono talmente rapide da fare che se qualcuno vuole provare potremo avere un terzo giudizio :)

Sandra

MessaggioInviato: 4 lug 2007, 10:09
da elvira
Penso che tu abbia ragione, forse due anni in aceto sono troppi.
Io nal tollero i sottaceti caslinghi proprio per questa ragione, l'aceto risulta sempre troppo "invadente"

filetto e ciliegie sott'aceto

MessaggioInviato: 27 lug 2007, 15:17
da Frabattista
filetto e ciliegie sott'aceto.jpg
Elvira le ho quasi finite! altrochè 2 anni: il profumo è stupendo si sentono distintamente tutti gli ingredienti e pure il sapore del frutto.

per il mio gusto se posso un suggerimento diluirei l'aceto con acqua: il primo preparato le ha rese molto acide anche se ben profumate, allora nella seconda bollitura ho messo abbastanza acqua. Seguendo le tue indicazioni il vaso ha fatto perfettamente il sottovuoto, ma per paura che l'acqua creasse problemi di conservazione le abbiamo aperte ..... e non ci siamo fermati fino all'esaurimento della penultima ciliegia.
Inoltre tra un passaggio e l'altro ho aspettato meno di 2 giorni.
Quest'anno ho preparato un solo vaso medio della Bormioli per prova, il prossimo vorrei provare la diluizione 50/50 aceto/acqua alla prima bollitura.

Eccole con una bistecca alla piastra!

MessaggioInviato: 27 lug 2007, 15:46
da elvira
Cioè tu alla chetichella te le sei fatta e pure mangiate????? Brava!!! D'altronde capisco i tuoi dubbi sulla conservazione :roll: Meglio finirle vero?!
Sono contenta che ti siano piaciute.Io non ho ancora aperto le mie, ma lo farò presto.
L'obiezione che tu fai è probabilmente giusta e come ho già detto i sott'aceti casalinghi per i miei gusti sono sempre un po' troppo acidi. Tuttavia io non scenderei al 50/50 alla prima bollitura, perchè temo che ci possano essere problemi di conservazione, (penso che sia quello responsabile di sottrarre acqua alla frutta) magari scenderei diluendo il liquido di conservazione che in teoria è quello che dovrebbe restare in contatto più a lungo con le ciliegie (sempre ammesso che non ce le si mangi subito......)
Tanto per stuzzicarti un po', ho appena finito di mettere sott'aceto le albicocche.... ricettina? :-P<^

MessaggioInviato: 27 lug 2007, 15:52
da Frabattista
... cicala sono per le cicale : preparate e mangiate, meglio di tanti altri sott'aceti.
... dài finchè ci sono ancora albicocche che da noi in campagna la raccolta sta andando al galoppo e viene giù tutto in una volta.....
ciao :D

MessaggioInviato: 27 lug 2007, 16:31
da elvira
Dunque, non mi ricordo la fonte, casomai te la metterò quando la recupero. Sperimenti assieme a me perchè non le ho mai fatte prima.

1 kg albicocche non troppo mature, 800 g zucchero, aceto bianco, senape in grani , cipolla piccola, rafano a fettine (non l'ho messo) alloro
Pungere le albicocche con un ago grosso, metterle in una zuppiera. Bollire aceto sufficiente a coprirle con gli odori, versarlo sulle albicocche, lasciarle per 12 ore. Scolarle, unire lo zucchero all'aceto e farlo bollire finchè è completamente sciolto. Lasciare intipidire e versarlo sulle albicocche.
Il giorno dopo si ribolle l'aceto e vi si cuocciono le albicocche per 15 minuti.
Mettere nei vasi. Quando è freddo chiudere.
Non va sterilizzato, ma a me resta un po' di dubbio perchè quando faccio i cetrioli in agrodolce (tipo tedesco) se non li sterilizzo vanno a male, per cui una decina di minuti gliela darò.
Io ho fatto 750 g di albicocche e mi sono venuti due Bormioli medi
Non spaventarti se dopo che metti aceto e zucchero, le albicocche che galleggiano saranno un po' scure, quando le fai bollire tornano normali.
Buon lavoro

MessaggioInviato: 27 lug 2007, 17:19
da Sandra
Quando le avrete realizzate date un 'occhiata a Questa ricetta!!

Sono in vendita ma con aceto e miele di Provenza, se al posto di solo zucchero metteste del miele?

Queste prove nonostante la mia mezza delusione per le ciliege, mi entusiasmano!!
Non ho tempo ma proverei anch'io!! :lol: :lol:

Vi lascio fare da cavie :lol: :lol: :lol:

Se trovero' qualcosa d'altro vi diro'


Sandra

MessaggioInviato: 28 lug 2007, 8:24
da Frabattista
OK ! Vedrò se trovo albicocche nostrane altrimenti le compro al super!
ciao e grazie ! :D

MessaggioInviato: 28 lug 2007, 10:50
da Sandra
Se trovo le albicocche quello con miele ed aceto lo provo io!!Capito :lol: :lol: :lol: Non resisto!! :lol: :lol:

Sandra

MessaggioInviato: 20 ago 2007, 11:25
da elvira
Vedo ora, potrebbe essere un'idea, ma forse le dosi andrebbero cambiate?
Non saprei, ma nel fratttempo non è che hai provato?

MessaggioInviato: 20 ago 2007, 14:16
da Frabattista
ciao Elvira! io sono riuscita a provare con albicocche trovate al super, quelle nostrane erano già finite purtroppo. Ho provato come avevo detto usando sempre aceto tagliato con acqua e risultano comunque un po' troppo aspre per 2 motivi (credo): l'aceto che ho comprato era davvero troppo forte e la prossima volta mi compro quello di mele, inoltre la polpa delle albicocche per quanto si usino quelle sode, alla fine diventa troppo morbida con due passate e alla fine mi pare che assoba troppo (anche l'acido quindi); le ciliegie tengono meglio.
Poi non ho più fatto prove perchè le albicocche che potevo reperire erano davvero troppo "sciocche".
Buonissima idea l'uso del miele e di 1 seme di cardamomo che ho provato.
Per me se si vuole mettere un frutto delicato come l'albicocca sott'aceto è meglio versare solo 1 volta il liquido bollente, tagliato con acqua e di acidità non troppo elevata: il profumo in ogni caso c'è.... Devo dire che voglio rifarle quando saremo ancora in stagione: mi piace molto il contrasto agrodolce e non intendo conservarle a lungo.

MessaggioInviato: 21 ago 2007, 9:35
da elvira
Grazie, io ho fatto le albicocche a ridosso della partenza e non ho ancora avuto il tempo di assaggiarle.L'aceto di mele credo sia una buona idea, bisogna accertarsi che l'acidità sia sufficiente, mi pare ci voglia il 6%.
Ti faccio sapere appena apro un vasetto ok?

MessaggioInviato: 22 ago 2007, 11:03
da Frabattista
si si grazie!!! :)

MessaggioInviato: 19 set 2007, 10:04
da elvira
Per adesso ho aperto un vasetto di ciliegie: sono d'accordo con te, troppo forti. Opto per un terzo di aceto, magari poi si sterilizzano.
peccato che dobbiamo aspettare l'anno prox per provare!