Utenti vecchi e nuovi: Il piatto preferito in casa tua

Ricette

Moderatori: Clara, Sandra, Luciana_D, TeresaV, anavlis

Utenti vecchi e nuovi: Il piatto preferito in casa tua

Messaggioda panini e focacce » 5 feb 2007, 17:09

Parlate del vostro piatto preferito, anche se è semplicemente la fettina ai ferri o la pasta col pomodoro.
E vediamo come trattiamo questi piatti tra noi.
Mi spiego:
Lucy dice che il suo piatto preferito è la minestra di verdure, e da la ricetta sua, anche se semplicissima. Risponde X che da i suoi spunti, la sua ricetta o i suoi consigli.
Ecc...
Insomma, vediamo cosa e come bolle in pentola nelle vostre cucine... :)
Chi comincia?
Ultima modifica di Anonymous il 5 feb 2007, 19:02, modificato 5 volte in totale.
Avatar utente
panini e focacce
 
Messaggi: 559
Iscritto il: 28 mar 2008, 22:40

Messaggioda Serena » 5 feb 2007, 17:13

Una domanda...anzi due... :?
dobbiamo aprire un 3d specifico in cui verranno radunate tutte o ognuno apre il suo?
e dove vanno aperti? in padella?
Avatar utente
Serena
 
Messaggi: 81
Iscritto il: 5 mar 2008, 17:26

Messaggioda mammamamma » 5 feb 2007, 18:28

Io incomincio con la semplicissima ricetta del mio cuore:
risotto alla milanese con zafferano,
per me una vera goduria.... :P
Stefania M
Avatar utente
mammamamma
 
Messaggi: 68
Iscritto il: 25 nov 2006, 19:00
Località: Dalmine

Messaggioda cipina » 5 feb 2007, 21:02

I piatti che ricordo con particolare nostalgia sono le acciughe impanate di mia nonna, e sempre di mia nonna il risotto con la zucca.
Le acciughe venivano impastellate, e poi fritte.
Il risotto mia nonna lo faceva regolarmente bruciato...e mi piaceva tantissimo mangiare la crosta...

A casa mia piacciono tantissimo il risotto con la zucca (non bruciato), il tortino al cioccolato dal cuore morbido, e la selvaggina. Lucrezia adora il pesce, cosa che io cucino però assai maluccio.

Per le ricette, posso dire che la selvaggina la cucino senza vino, e la faccio marinare nel sale con le droghe adatte. Purtroppo da quando mia madre ha nei confronti della bottiglia una fatale attrazione, io non riesco più a utilizzarlo. La cottura senza vino la rende molto digeribile e adatta anche ai bimbi.
Ottima anche la selvaggina cotta nel latte...E il cinghiale brasato al latte con castagne è molto gradito nel freddo.
"Ma che fai, mi prendi per i fornelli?"
cipina
 
Messaggi: 196
Iscritto il: 26 nov 2006, 10:56
Località: Pavia

Messaggioda cipina » 5 feb 2007, 21:27

Dimenticavo: l'amatriciana (non piccante) per Lucrezia...
"Ma che fai, mi prendi per i fornelli?"
cipina
 
Messaggi: 196
Iscritto il: 26 nov 2006, 10:56
Località: Pavia

Messaggioda gis » 6 feb 2007, 8:46

E' una cretinata, ma quando devo improvvisare c'èsempre la cara vecchia e facilissima pasta al tonno!Soffriggere uno scalogno tritato aggiungere passata di pomodoro e tonno tritato , far sobbollire piano mentre si cuoce la pasta.Ecco fatto.Come secondo petto di pollo alla salvia, o scaloppine al marsala.C'èquasi da vergoganrsi nel presentare queste sciocchezze! :oops: :oops: :oops: :oops:
Gisella Ponis
Ogni bimbo è una parola di Dio che non si ripete(Alexis Carrel)
gis
 
Messaggi: 93
Iscritto il: 27 nov 2006, 14:34
Località: Scandiano(reggio emilia)

Messaggioda cipina » 6 feb 2007, 9:19

Ebbene, faccio il mio dovere.
Selvaggina della Francy senza alcol
La sera prima: marinare la carne con poco sale grosso, qualche bacca di ginepro, di pepe, un chiodo di garodano, un pezzetto di cannella. Pestare un poco le spezie, miscelare con il sale, coprire la carne e far riposare in frigo per una notte.
Il mattino seguente: rosolare un trito di sedano carota e cipolla abbondante in olio. Aggiungere la carne, ripulita sotto l'acqua corrente (velocemente) dalla marinatura. Rosolare e poi aggiungere tanto brodo (buono) fino a coprire la carne. Io preferisco quello di verdure, non troppo saporito in sale: si fa sempre in tempo a correggere, se manca.
Dopo circa 2 ore, quando ormai la carne è cotta, passo il sugo al setaccio, aggiungo poca panna (facoltativa, giusto per legare un poco il sugo), rimetto la crne e faccio insaporire. Servo poi con polenta.
Anche se non è la ricetta che faccio quando sono a corto di idee, la ritengo una ricetta di casa perchè è anche la dimostrazione pratica che voglio tanto bene a mia mamma, e trovare modi di cucinare senza alcolici per poter condividere con lei comunque tante prelibatezze è un modo per dimostrarglielo.
Quando invece sono ai ferri corti con la Lu che per una ragione o per l'altra non vuole mangiare, faccio la pasta "pancia rossa", come la definisce lei.
In un tegame faccio soffriggere in pochissimo olio dello scalogno affettato al velo. Quando vedo che scurisce, aggiungo qualche cucchiaio di acqua. Poi aggiungo la polpa di pomodoro, correggo di sale e zucchero, e faccio brevemente cuocere.
A parte faccio tostare la pancetta a cubetti (o lo speck, che le piace un sacco), senza condimenti. Aggiungo poi la pancetta al sugo di pomodoro, butto la pasta salto insieme, una bella grattuggiata di formaggio e la piccola peste mangia pure da sola!
"Ma che fai, mi prendi per i fornelli?"
cipina
 
Messaggi: 196
Iscritto il: 26 nov 2006, 10:56
Località: Pavia

Messaggioda Serena » 6 feb 2007, 9:30

Polpettine con i piselli, me le faceva sempre la mia mamma quindi oltre che buone hanno un che di nostalgico per me.
Carne di manzo tritata, pane bagnato nel latte, uovo, aglio, prezzemolo, sale e pepe.
Mescolare bene tutto e fare delle piccole polpettine grandi un po' meno di una noce che andranno poi cotte in un misto di olio e burro.
A parte fare cuocere i piselli con abbondante cipolla.
Servire tutto quanto insieme
Avatar utente
Serena
 
Messaggi: 81
Iscritto il: 5 mar 2008, 17:26

Messaggioda Dida » 6 feb 2007, 10:25

A casa nostra i piatti preferiti sono vari: da brava milanese a me piacciono i risotti, in primis quello giallo, magari con sopra un bell'ossobuco con la gremolata o la cotoletta con il suo sugo, ma anche risotto agli asparagi, ai carciofi, ai piselli, alla trevisana; mio marito adora le lasagne al ragù e besciamella, mio figlio e mia nuora mi chiedono sempre di fare gli spaghetti alla carbonara. D'inverno vanno le minestre o le zuppe, principalmente la zuppa alla valdostana e la Boston chowder. A tutti piacciono le lasagne al pesto, l'arrosto al gorgonzola, il vitello tonnato alla milanese e le verdure al forno. Tra i dolci i preferiti sono il tiramisù (che a me non piace), il bonet, la torta di mele e la torta al cioccolato.

Risotto alla milanese antico
Ingredienti per 4 porzioni:
350 gr. di riso Vialone o Arborio o Carnaroli o Roma
50 gr. di burro
30 gr. di midollo di bue
100 gr. di grana padano stagionato
0, 5 gr. di zafferano in pistilli o una bustina di zafferano in polvere
una cipolla di media grossezza - vino rosso robusto - brodo di carni miste (circa un litro).
Mettere a bagno i pistilli in una ciotola in un mestolo di brodo bollente, tenendo in caldo. Mondare la cipolla, lavarla e asciugarla poi tagliarla a fettine sottilissime. Mondare il midollo di bue levando i rimasugli di sangue, lavarlo e asciugarlo. Far soffriggere 30 gr. di burro in una casseruola pesante, poi farvi appassire la cipolla e il midollo che si dovrò sciogliere. Unire il riso, mescolarlo bene con un cucchiaio di legno e appena sarà  ben tostato (diventerà traslucido) bagnarlo con mezzo bicchiere di vino che si lascerà poi consumare. Coprire con due o tre mestoli di brodo bollente, mescolare e portare a cottura unendo pian piano altro brodo bollente. Cinque minuti prima della fine della cottura aggiungere il brodo con i pistilli o lo zafferano in polvere sciolto in poco brodo. Levare dal fuoco il riso al dente e condirlo con il parmigiano e il burro rimasto mescolando delicatamente e lasciandolo poi lì a mantecare per uno o due minuti, al caldo. Servire con eventuale altro parmigiano a parte.

Lasagne al pesto
Ingredienti:
lasagne fresche gr. 400
pesto in quantitè (varia a secondo i gusti) parmigiano grattugiato olio evo.

Prendete una teglia rettangolare di ceramica, ungetela leggermente sul fondo e tenetela lì in attesa al caldo. Lessate le lasagne in acqua poco salata a cui avrete aggiunto un goccio di olio, scolatele velocemente, fate uno strato nella teglia, copritele con abbondante pesto, una spolverata di parmigiano, altre lasagne, altro pesto, parmigiano e ultimo strato di lasagne con pesto e parmigiano. Servite immediatamente.
Così si mangiano a Recco e a Camogli. In altri ristoranti della Liguria mescolano il pesto alla besciamella e fanno sino a quattro strati, poi passano in forno a gratinare. Se volete provare

Zuppa valdostana
Ingredienti:
gr. 200 di fontina valdostana
gr. 100 di parmigiano reggiano grattugiato
50 gr. di burro
una bella verza pane nero raffermo (io uso anche quello bianco) brodo di carne o vegetale noce moscata sale pepe.
Mondare, lavare e lessare le foglie di verza in acqua salata; scolarle e farle leggermente asciugare su uno strofinaccio. Tagliare la fontine a fettine. Tagliare a fette del pane raffermo e distribuirlo in una pirofila o in un recipiente di coccio, da forno, imburrato, fare uno strato di verza, uno di fontina, uno di parmigiano, un altro di pane, poi fontina e parmigiano e continuare così con un terzo strato. Salape, pepare e cospargere di noce moscata ogni strato dopo la verza. Versare sopra a tutto mezzo litro di brodo bollente, facendolo ben penetrare, schiacciando delicatamente il composto con una forchetta. Mettere sopra a tutto del parmigiano e dei fiocchetti di burro e passare in forno a 180° per circa 40 minuti.


Boston chowder
Ingredienti: dose per 4 persone
Vongole, sgusciate e cotte, con il loro liquido gr. 400
2 tazze di latte una cipolla di media grossezza, tritata una grossa patata, pelata e a cubetti mezza tazza di bacon a pezzettini - ½ cucchiaino di sale pepe bianco.

In una tegame antiaderente far rosolare il bacon con la cipolla sino a quando il bacon sarà  croccante e la cipolla tenera.
Versare il liquido filtrato delle vongole in una tazza e aggiungervi acqua calda sino al bordo; versare sopra al bacon, unendo un'altra tazza di acqua calda, le vongole, le patate, sale e pepe quanto basta. Portare a bollore, abbassare la fiamma e cuocere sino a quando le patate non saranno sfatte, mescolando di tanto in tanto. Unire allora il latte e scaldare senza far alzare il bollore. Servire in ciotole accompagnando con crostini di pane o con fette di pane tostato.
Daniela Mari Griner



In amore, come in cucina, ciò che è fatto troppo in fretta è fatto male.
Anonimo
Avatar utente
Dida
 
Messaggi: 2896
Iscritto il: 25 nov 2006, 16:04
Località: Casorezzo MI

Messaggioda Barbara » 6 feb 2007, 10:42

Spaghetti o penne al pomodoro: olio e qualche spicchio d'aglio schiacciato, pelati fatti in casa cotti per pochi minuti, basilico spezzettato se siamo in stagione e poi la pasta spadellata nel sughetto.
Barbara
______________________________________
Un giorno senza un sorriso, è un giorno perso (Charlie Chaplin)

http://ricettebarbare.blogspot.com/
Avatar utente
Barbara
 
Messaggi: 379
Iscritto il: 27 nov 2006, 9:59
Località: Trieste

Messaggioda carlam » 6 feb 2007, 11:46

D'inverno quando nevicava (alto Lazio) mia madre preparava una specie di polenta pasticciata cotta sulla stufa a legna .Il ragù con carne rigorosamente di maiale doveva cuocere dalla mattina fin quasi all'ora del pranzo , tornando da scuola sentivo subito cosa c'era a pranzo.
In pratica metteva in una scodella cucchiaiate di polenta , ragù, grana e pecorino a strati , lasciava riposare qualche minuto e poi a tavola .
Un sapore unico!!
carla
Avatar utente
carlam
 
Messaggi: 27
Iscritto il: 2 gen 2007, 9:04
Località: brescia

piatto preferito

Messaggioda vitto » 6 feb 2007, 12:51

Ma che bello! Riesco solo oggi dopo tanto tempo a sbirciare nel forum e trovo una discussione così interessante!
Grazie TY!
allora il mio piatto preferito, quello che mi faccio con gran piacere quando mi voglio coccolare è spaghettini al burro. non credo che ci voglia la ricetta, invece ci vuole il burro buono buono.
Quasi quasi me lo faccio a pranzo!
Se ci allarghiamo ai piatti più elaborati, allora il piatto preferito di casa sono sicuramente i ripieni di verdure di nonna Ibidi (mia mamma).
Non ho la ricetta con me e il mio database èinaccessibile per rottura del PC, ma li avevo pubblicati l'anno scorso in un messaggio sulla comunione di mia nipote. Forse qualcuno li ha salvati e li ha sottomano?
Grazie Vitto
rimorsi........... qualcuno, ma rimpianti MAI!
Avatar utente
vitto
 
Messaggi: 30
Iscritto il: 16 dic 2006, 16:20
Località: GENOVA

Messaggioda gis » 6 feb 2007, 12:58

Ty ho già scritto come faccio il sugo al tonno, posso aggiugere che qualche volta , mentre rosolo lo scalogno aggiungo un'acciuga sott'olio, e poi passata di pomodoro e tonno sott'olio tritato.Il petto di pollo alla salvia :sciogliere bene del burro in una padella unire le fette di pollo e cospargerle abbondantemente di foglie di salvia, rosolare bene la carne e salare.Uso il burro perchè le fettine di pollo risultano dorate meglio.Eccedo spesso nelle foglie di salvia perchè io le mangio moooolto volentieri!
Gisella Ponis
Ogni bimbo è una parola di Dio che non si ripete(Alexis Carrel)
gis
 
Messaggi: 93
Iscritto il: 27 nov 2006, 14:34
Località: Scandiano(reggio emilia)

Messaggioda Danidanidani » 6 feb 2007, 13:19

E' difficile...sono molte le cose.Allora, a casa mi richiedono spesso la caponata di melanzane...e questa ricetta l'ho già  messa, corredata di foto.
Però, per me quando ho bisogno di qualche gratificazione faccio la pasta coi pomodorini, aglio, olio, basilico e colatura di alici...davvero goduriosa!
Invece un piatto della "memoria" è la ciambotta" come la faceva mia mamma:Melanzane fritte a dadi grossetti, zucchine fritte a dadi grossetti, peperoni arrostiti e tagliati a pezzettoni, patate fritte a spicchi.Sughetto con cipolla e aglio stufati in olio, pomodoro e moolto basilico:in questo sugo si insaporiscono brevemente tutte le verdure preparate.... :D :D :D

P.S. D'inverno, quando sono un po' già , mi faccio una minestrina con pastina (stelline) cotta in acqua e condita con un giro di olio buono e un paio di formaggini MIO.......... :shock: :shock: aspetto le bacchettate...ma ormai si sa che so' strana....
Daniela Del Castillo
le mie foto qui:
http://www.flickr.com/photos/8594434@N08/?saved=1
Immagine
Avatar utente
Danidanidani
 
Messaggi: 3214
Iscritto il: 26 nov 2006, 0:01
Località: Macerata Feltria

Messaggioda PierCarla » 6 feb 2007, 14:01

Dunque, i piatti sono molti ma non sono nulla di speciale.
A rotazione cerco di accontentare tutti quindi i più gettonati sono lo stinco di vitello al forno, le crespelle prosciutto e formaggio o speck e zucchine con la besciamelle, la carbonara, i casoncelli conditi con pancetta e burro, le lasagne, la polenta taragna, scaloppine al limone o ai funghi, gli gnocchi alla parigina e gli gnocchi di patate conditi con crema di formaggio, cozze alla livornese, spiedini di gamberi, spiedini di pollo e salsiccia, fagottini di vitello avvolti nella pancetta, pasta con zucchine, speck e un poco di panna, orecchiette salsiccia e zafferano e torte salate di vario genere e potrei andare avanti all'infinito. I dolci non sono mai richiesti.
Quello che in casa non deve mai mancare sono i formaggi stagionati e il salame nostrano... :wink:
Avatar utente
PierCarla
 
Messaggi: 1012
Iscritto il: 23 nov 2006, 12:42
Località: prov. Bergamo

Messaggioda PierCarla » 6 feb 2007, 14:16

Orecchiette zafferano, salsiccia e panna.

Ingredienti.:
Orecchiette, panna, zafferano e salsiccia.

Non ho dosi precise perchè vado ad occhio, ma il procedimento è come per un risotto.
Faccio un soffritto con una cipolla e un filo l'olio evo, aggiungo la salsiccia a pezzetti e giro un po'. Poi le orecchiette e il vino bianco. Lascio sfumare e aggiungo il brodo poco alla volta, lo zafferano sciolto in una tazza di brodo e continuo fin quasi a cottura aggiungendo poco brodo per volta per non rischiare di andare oltre la cottura delle orecchiette.
Verso la fine cottura aggiungo panna fresca, direi 200 ml per 6 persone e faccio assorbire. Spengo, copro con una sana dose di formaggio grattugiato e servo. La consistenza finale dev'essere leggermente cremosa. :wink:

Ty... il resto prossimamente, prometto.
Avatar utente
PierCarla
 
Messaggi: 1012
Iscritto il: 23 nov 2006, 12:42
Località: prov. Bergamo

Messaggioda Marina » 6 feb 2007, 15:53

i piatti italiani preferiti dall'olandese di casa sono:
lasagna in super primis (con normale sugo di carne macinata, besciamella e parmigiano, guai a cambiare una virgola :shock: )
spaghetti alla carbonara o bucatini all'amatriciana (insomma, basta che c'è pancetta :evil: )
pasta col gorgonzola (sciolto in un poco di latte)
pasta col pesto (fatto ovviamente da me e senza aglio)
polpette (macinato, uova, patate lesse, pane secco ammorbidito in acqua, parmigiano, prezzemolo, sale e pepe, non infarinate)
peperoni in padella (olio, abbondante cipolla, peperoni a pezzetti, origano, sale e mezzo cucchiaino di zucchero :lol: )
involtini di pollo (scaloppina di pollo, fettina di prosciutto o pancetta messa sopra, qualche erbetta profumata a piacere, arrotolare il tutto con l'affettato all'interno, legare con lo spago e rosolare in padella con un paio di spicchi d'aglio in camicia)

Mentre io mi sogno:
spaghetti aglio e olio (non gli piacciono, non sono abbastanza conditi :shock: )
pasta burro e parmigiano (idem come sopra)
risotti (troppo umidi, preferisce il riso saltato all'indonesiana :cry: )
polenta (gli ricorda le pappe che doveva mangiarsi da bambino)
gnocchi (gli si attaccano ai denti :roll: )
trippa (sorvoliamo....)
tutti i tipi di conchigliame (vongole, cozze, lumachine)

Ovviamente quando vado da mia madre a Roma, la prima cosa che mi prepara sono gli spaghetti alle vongole (vongole fatte aprire con aglio, olio, peperoncino, ci si fanno finire di cuocere gli spaghetti e si condisce il tutto con tanto prezzemolo dei suo vasi in balcone) e la trippa (cotta col pomodoro, un po' di peperoncino e la mentuccia, poi condita col pecorino grattugiato), e poi il resto della lista a seconda della stagione e di quanto tempo rimango :twisted:
Marina
 
Messaggi: 3
Iscritto il: 25 nov 2006, 16:12
Località: Amsterdam

Messaggioda Ospite » 6 feb 2007, 15:55

LO so non sarà sano, ma io impazzisco per le classiche cotolette alla milanese. Mia madre però non si limita a servirle così ma prepara un sugo leggero di pomodoro e basilico, ne mette un mestolo in una teglia da forno ci adagia sopra le cotolette, poi su di ognuna un altro cucchiaio di pomodoro, un fetta di mozzarella una foglia di basilico, una spolveratina di parmigiano ..e in forno.
Mica hai chiesto la tua ricetta light preferita, vero Typone?
Per me questo è veramente il piatto del ricordo, se chiudo gli occhi sento ancora il sapore morbido della cotoletta che si fonde con la mozzarella ed il pomodoro.

Grazie per avercelo fatto ricordare *smk*
Ospite
 

Messaggioda pinguino » 6 feb 2007, 20:25

a casa di mamma, quando eravamo piccoli... le polpetto con l anello di riso, gli gnocchi di mamma burro e salvia, le crepes ricotta e spinaci al sugo di pomodoro e basilico e il riso latte per me o anche i fiocchi di avena con il latte.
adesso penso che restino le polpette... si le stesse cose, ma fatte sempre da mamma. 8)
erika
Avatar utente
pinguino
 
Messaggi: 13
Iscritto il: 27 nov 2006, 0:33
Località: tra le mucche il cioccolato e qualche coucou

Messaggioda Nadia » 6 feb 2007, 20:35

Io adoro le mie lasagne al forno. Preparo un sugo con tanta carne macinata, salciccia, funghi e pomodoro, lo faccio cuocere per ore finchè non diventa bello denso. Quindi strati di lasagne, sugo, besciamella e parmigiano. Che buone! Un altro piatto che anche mio figlio ama sono le crepes salate, farcite col pesto o con i formaggi. E l'agnello al forno con le patate, che preparo spesso perchè in famiglia piace molto.
Nadia Ambrogio
Nadia
 
Messaggi: 90
Iscritto il: 26 nov 2006, 13:31
Località: Genova

Prossimo

Torna a Dalla padella alla brace

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee