° Uovo in raviolo di ricotta e ortiche °

Ricette

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

° Uovo in raviolo di ricotta e ortiche °

Messaggioda ZeroVisibility » 17 set 2007, 9:27

Immagine

Uovo in raviolo di ricotta 1.jpg
Uovo in raviolo di ricotta 1.jpg (4.66 KiB) Osservato 145 volte
Uovo in raviolo di ricotta.jpg
Uovo in raviolo di ricotta.jpg (4.18 KiB) Osservato 145 volte
Uovo in raviolo di ricotta e ortiche


Foto 1


Foto 2


Sfoglie di pasta fresca
Tuorli d'uovo
Ortiche
Ricotta vaccina
sale /pepe
Olio Evo
Noce moscata
Parmigiano
Burro
timo fresco

Bianchire le cime di ortica in acqua bollente salata per qualche minuto. Scolarle e metterle in una ciotola con acqua e ghiaccio. Rimarranno verdissime. Quando sono ben fredde, strizzarle e tritarle unendole ad una pari quantita' di ricotta precedentemente setacciata. Salare e pepare il composto e aggiungere una abbondante grattuggiata di noce moscata. e trasferire il tutto in un sac a poche. Posizionare le sfoglie di pasta su dei ritagli di carta da forno. Con il sac a poche formare dei nidi all'interno dei quali andrete a posizionare un tuorlo. ( vedi foto1). Richiudere il raviolo con un'altra sfoglia e ritagliare il raviolo dandogli una forma rotonda. (foto 2) La carta da forno al di sotto dei ravioli , serve per poterli mettere in pentola senza rompere il tuorlo. Una volta in acqua la carta si stacchera' automaticamente dal raviolo e potrete recuperarla. Cuocere i ravioli in acqua salata per circa tre/quattro minuti ( il tuorlo deve rimanere cremoso). Scolarli e condirli con del burro fuso con del timo e del parmigiano.

A gentile richiesta...
Ettore
Ettore
"guida poco...che devi bere"
Avatar utente
ZeroVisibility
 
Messaggi: 1061
Iscritto il: 15 lug 2007, 20:02
Località: milano nord/ovest

Messaggioda Mariella Ciurleo » 17 set 2007, 9:49

Grazie Ettore per la ricetta bellissima.
Ho mangiato un raviolo buonissimo, molto simile al tuo, recentemente in un ristorante aperto da poco a Capena da un giovane chef veneto.
A che temperatura cuoci il raviolo? Lo chef diceva che per far rimanere liquido il tuorlo l'acqua non deve essere troppo calda, altrimenti si rapprende tutto.
Tu che ne dici?

Un bacio
Mariella
Io non mi sento italiano, ma per fortuna o purtroppo lo sono (G. Gaber)
Avatar utente
Mariella Ciurleo
 
Messaggi: 392
Iscritto il: 4 dic 2006, 8:28
Località: Roma (Q.re Talenti)

Messaggioda ZeroVisibility » 17 set 2007, 9:52

Acqua salata a leggero bollore...come per qualsiasi altra pasta 8) 8) 8)
Ettore
"guida poco...che devi bere"
Avatar utente
ZeroVisibility
 
Messaggi: 1061
Iscritto il: 15 lug 2007, 20:02
Località: milano nord/ovest

Messaggioda Mariella di Meglio » 17 set 2007, 10:07

A me uno chef aveva detto che lui, per evitare che l'uovo si rapprendesse, congelava il tuorlo.
Avatar utente
Mariella di Meglio
 
Messaggi: 241
Iscritto il: 25 nov 2006, 19:29

Messaggioda Typone » 17 set 2007, 10:25

Mariella di Meglio ha scritto:A me uno chef aveva detto che lui, per evitare che l'uovo si rapprendesse, congelava il tuorlo.

In effetti, è ciò che indica Max61 nella sua ricetta di patata ricomposta, ma se Zero dice che qui non è necessario...

T.
Typone
 

Messaggioda Danidanidani » 17 set 2007, 11:10

Bellissima davvero questa ricetta....ora muniamoci di guanti ed andiamo per fossi a trovare le ortiche!.....Alternativa? bietoline e spinaci? :D :D :D
Daniela Del Castillo
le mie foto qui:
http://www.flickr.com/photos/8594434@N08/?saved=1
Immagine
Avatar utente
Danidanidani
 
Messaggi: 2803
Iscritto il: 26 nov 2006, 0:01
Località: Macerata Feltria

Messaggioda MEB » 17 set 2007, 13:51

Direi di si'.
Per i siciliani ci vedo bene anche i "tennerumi" ...

Io ci vedrei bene anche delle zucchine tagliate a julienne ( compreso il verde ) e spadellate.....
oppure degli asparagi .... o anche dei porcini mo' che viene la stagione .. insomma avete capito che non ne posso piu' della dieta ? :wink:
Maria Elena Baroni
MEB
 
Messaggi: 228
Iscritto il: 27 nov 2006, 11:24
Località: Dovera - CR

Messaggioda Frabattista » 17 set 2007, 14:04

In primavera ero andata a raccogliere le ortiche ed erano piene di foglioline tenere all'apice, chissà se ora si trovano ancora con qualche cima tenera e senza infiorescenza?
Questo raviolo merita davvero una ricognizione :D
Avatar utente
Frabattista
 
Messaggi: 957
Iscritto il: 6 gen 2007, 15:52
Località: Ferrara

Messaggioda Frabattista » 24 set 2007, 20:19

Per prima cosa ho dato un'occhiate alle ortiche che si vedono a margine delle strade della periferia e le ortiche mi paiono proprio tutte in semenza quindi non vale la pena andarle a cercare in campagna o in golena del Po!
mi sono arrangiata con un ripieno così: ricotta di pecora, bietoline da taglio, una manciata di basilico spezzettata, Asiago stagionato, noce moscata, sale e pepe.

Per la confezione del raviolo me la sono cavata non troppo bene: mi pareva proprio un disco volante :lol: :lol:
L'ho condito con burro fuso una pepatina e altro Asiago
NB burro e formaggio sono gli ultimi pochini della scorta che mi ero fatta questa estate: buonissimi ma ormai finiti!!!!! :sigh:

Immagine

Questo è un piatto ricco completo che sembra un primo ma è davvero molto di più: alla fine abbiamo fatto pure scarpetta :D
Avatar utente
Frabattista
 
Messaggi: 957
Iscritto il: 6 gen 2007, 15:52
Località: Ferrara

Messaggioda maxsessantuno » 25 set 2007, 15:16

Sfoglie di pasta fresca
Tuorli d'uovo
Ortiche
Ricotta vaccina
sale /pepe
Olio Evo
Noce moscata
Parmigiano
Burro
timo fresco

Bianchire le cime di ortica in acqua bollente salata per qualche minuto. Scolarle e metterle in una ciotola con acqua e ghiaccio. Rimarranno verdissime. Quando sono ben fredde, strizzarle e tritarle unendole ad una pari quantita' di ricotta precedentemente setacciata. Salare e pepare il composto e aggiungere una abbondante grattuggiata di noce moscata. e trasferire il tutto in un sac a poche. Posizionare le sfoglie di pasta su dei ritagli di carta da forno. Con il sac a poche formare dei nidi all'interno dei quali andrete a posizionare un tuorlo. ( vedi foto1). Richiudere il raviolo con un'altra sfoglia e ritagliare il raviolo dandogli una forma rotonda. (foto 2) La carta da forno al di sotto dei ravioli , serve per poterli mettere in pentola senza rompere il tuorlo. Una volta in acqua la carta si stacchera' automaticamente dal raviolo e potrete recuperarla. Cuocere i ravioli in acqua salata per circa tre/quattro minuti ( il tuorlo deve rimanere cremoso). Scolarli e condirli con del burro fuso con del timo e del parmigiano.

A gentile richiesta...
Ettore


Chef Morini del SAN DOMENICO DI IMOLA. Giusto Yoda? Manca la piallata di TB.

Quando si posiziona il tuorlo è bene lasciare ancora poco albume.

Il tuorlo freezerato garantisce il successo della ricetta (uovo liquido).

E' davvero una bella ricetta. Personalmente preferirei delle buon erbette o spinaci nostrani. Le ortiche san sempre di poco ed eviterei di lessare. Cuocere in padella con poco burro fino ad asciugare la loro acqua di vegetazione. Poco sale e poco pepe.
A breve vi dirò la mia esperienza con le patate ricomposte.
Ciao
LA MAX61°
Lo farò domani.
maxsessantuno
 
Messaggi: 1143
Iscritto il: 29 gen 2007, 22:08

Messaggioda Typone » 25 set 2007, 16:16

maxsessantuno ha scritto:A breve vi dirò la mia esperienza con le patate ricomposte.

Sarebbe ora, eh... :roll:

T.
Typone
 

Messaggioda maxsessantuno » 25 set 2007, 18:33

MEB ha scritto:Direi di si'.
Per i siciliani ci vedo bene anche i "tennerumi" ...

Io ci vedrei bene anche delle zucchine tagliate a julienne ( compreso il verde ) e spadellate.....
oppure degli asparagi .... o anche dei porcini mo' che viene la stagione .. insomma avete capito che non ne posso piu' della dieta ? :wink:


E' il frutto delle mie "novene" atte a propiziare un tuo ritorno tra gli obesi :lol: :lol: :lol:
Mai svegliare il can che dorme.
Ciao
LA MAX61° LO ZIO
Lo farò domani.
maxsessantuno
 
Messaggi: 1143
Iscritto il: 29 gen 2007, 22:08

Messaggioda maxsessantuno » 25 set 2007, 18:34

Typone ha scritto:
maxsessantuno ha scritto:A breve vi dirò la mia esperienza con le patate ricomposte.

Sarebbe ora, eh... :roll:

T.

Come ti ho già detto, senza foto, non mi piace più postare ricette. Non ho ancora la digitale.
Ciao
LA MAX61°
Lo farò domani.
maxsessantuno
 
Messaggi: 1143
Iscritto il: 29 gen 2007, 22:08

Messaggioda stroliga » 25 set 2007, 18:49

maxsessantuno ha scritto:
Sfoglie di pasta fresca
Tuorli d'uovo
Ortiche
Ricotta vaccina
sale /pepe
Olio Evo
Noce moscata
Parmigiano
Burro
timo fresco

Bianchire le cime di ortica in acqua bollente salata per qualche minuto. Scolarle e metterle in una ciotola con acqua e ghiaccio. Rimarranno verdissime. Quando sono ben fredde, strizzarle e tritarle unendole ad una pari quantita' di ricotta precedentemente setacciata. Salare e pepare il composto e aggiungere una abbondante grattuggiata di noce moscata. e trasferire il tutto in un sac a poche. Posizionare le sfoglie di pasta su dei ritagli di carta da forno. Con il sac a poche formare dei nidi all'interno dei quali andrete a posizionare un tuorlo. ( vedi foto1). Richiudere il raviolo con un'altra sfoglia e ritagliare il raviolo dandogli una forma rotonda. (foto 2) La carta da forno al di sotto dei ravioli , serve per poterli mettere in pentola senza rompere il tuorlo. Una volta in acqua la carta si stacchera' automaticamente dal raviolo e potrete recuperarla. Cuocere i ravioli in acqua salata per circa tre/quattro minuti ( il tuorlo deve rimanere cremoso). Scolarli e condirli con del burro fuso con del timo e del parmigiano.

A gentile richiesta...
Ettore


Chef Morini del SAN DOMENICO DI IMOLA. Giusto Yoda? Manca la piallata di TB.

Quando si posiziona il tuorlo è bene lasciare ancora poco albume.

Il tuorlo freezerato garantisce il successo della ricetta (uovo liquido).

E' davvero una bella ricetta. Personalmente preferirei delle buon erbette o spinaci nostrani. Le ortiche san sempre di poco ed eviterei di lessare. Cuocere in padella con poco burro fino ad asciugare la loro acqua di vegetazione. Poco sale e poco pepe.
A breve vi dirò la mia esperienza con le patate ricomposte.
Ciao
LA MAX61°


io ho cominciato a fare esperimenti con l'uovo nel raviolo circa, penso..oddio :shock: .......10 anni fà, dopo essere stata al San Domenico a Imola...ma non ho mai beccato il tempo di cottura....cruda la pasta o sodo l'uovo......ho provato anche con del prosciutto cotto all'interno, ma nisba........ma adessso che conosco l'uovo congelato ci devo provare :P
****************************
Licia
“Tra vent’anni non sarete delusi delle cose che avete fatto, ma da quelle che non avete fatto.
Allora levate l’ancora, abbandonate i porti sicuri, catturate il vento nelle vostre vele.
Esplorate. Sognate. Scoprite.” (Mark Twain)

“Se avete costruito castelli in aria, il vostro lavoro non sarà sprecato: è quello il posto in cui devono stare.E adesso metteteci sotto le fondamenta.” David Thoreau
Avatar utente
stroliga
 
Messaggi: 1274
Iscritto il: 14 lug 2007, 8:27
Località: Bugliaga dentro - VCO

Messaggioda Frabattista » 25 set 2007, 19:42

A dir la verità la pasta, se sottile a sufficienza, si cuoce in un paio di minuti e anche meno, io l'uovo in questo raviolo l'ho messo fresco, non surgelato (almeno non avevo capito che andasse surgelato)
Nell'acqua la sfoglia non si lacera facilmente se ha raggiunto una buona elasticità con un po' di riposo dopo averla impastata. Infatti ho cotto i ravoloni semplicemente tenendo sotto ad essi la ramina (come nell'ultimo esperimento della patata ricomposta) e con un cucchiaio ogni tanto lo premevo delicatamente per mantenerlo sott' acqua. Scolandolo, poi l'ho adagiato un attimo su un canovaccio.
Ne ho preparati 3 e ovviamente in acqua uno alla volta: ho fotografato il particolare del rosso che per me è stato cotto meglio: uno invece era rimasto anche più liquido e l'altro più sodo avendoli cotti con tempi leggermente differenti.
Ovviamente ho sempre pizzicato la pasta nell'acqua per verificare che fosse comunque cotta!!!
ciao :D
Avatar utente
Frabattista
 
Messaggi: 957
Iscritto il: 6 gen 2007, 15:52
Località: Ferrara

Messaggioda maxsessantuno » 26 set 2007, 7:44

frabattista ha scritto:A dir la verità la pasta, se sottile a sufficienza, si cuoce in un paio di minuti e anche meno, io l'uovo in questo raviolo l'ho messo fresco, non surgelato (almeno non avevo capito che andasse surgelato)
Nell'acqua la sfoglia non si lacera facilmente se ha raggiunto una buona elasticità con un po' di riposo dopo averla impastata. Infatti ho cotto i ravoloni semplicemente tenendo sotto ad essi la ramina (come nell'ultimo esperimento della patata ricomposta) e con un cucchiaio ogni tanto lo premevo delicatamente per mantenerlo sott' acqua. Scolandolo, poi l'ho adagiato un attimo su un canovaccio.
Ne ho preparati 3 e ovviamente in acqua uno alla volta: ho fotografato il particolare del rosso che per me è stato cotto meglio: uno invece era rimasto anche più liquido e l'altro più sodo avendoli cotti con tempi leggermente differenti.
Ovviamente ho sempre pizzicato la pasta nell'acqua per verificare che fosse comunque cotta!!!
ciao :D


Se devi cuocere 4 ravioloni in un sol colpo usa la teglia per lasagne.
Ciao
LA MAX61°
Lo farò domani.
maxsessantuno
 
Messaggi: 1143
Iscritto il: 29 gen 2007, 22:08

Messaggioda ZeroVisibility » 26 set 2007, 7:54

frabattista ha scritto:A dir la verità la pasta, se sottile a sufficienza, si cuoce in un paio di minuti e anche meno, io l'uovo in questo raviolo l'ho messo fresco, non surgelato (almeno non avevo capito che andasse surgelato)Nell'acqua la sfoglia non si lacera facilmente se ha raggiunto una buona elasticità con un po' di riposo dopo averla impastata. Infatti ho cotto i ravoloni semplicemente tenendo sotto ad essi la ramina (come nell'ultimo esperimento della patata ricomposta) e con un cucchiaio ogni tanto lo premevo delicatamente per mantenerlo sott' acqua. Scolandolo, poi l'ho adagiato un attimo su un canovaccio.
Ne ho preparati 3 e ovviamente in acqua uno alla volta: ho fotografato il particolare del rosso che per me è stato cotto meglio: uno invece era rimasto anche più liquido e l'altro più sodo avendoli cotti con tempi leggermente differenti.
Ovviamente ho sempre pizzicato la pasta nell'acqua per verificare che fosse comunque cotta!!!
ciao :D


L'ho usato fresco anch'io. Dopotutto, se si ha l'accortezza di tirare la pasta molto fine ( questa era fatta con l'Imperia all'ultima tacca e ripassata due volte) non serve che il tuorlo sia congelato. Tre minuti di cottura e si avra' una corretta ( a mio giudizio) consistenza cremosa del tuorlo e la pasta sara' cotta a puntino. 8)
Ettore
"guida poco...che devi bere"
Avatar utente
ZeroVisibility
 
Messaggi: 1061
Iscritto il: 15 lug 2007, 20:02
Località: milano nord/ovest

Messaggioda Frabattista » 26 set 2007, 7:56

ahhh! giusto....
grazie :D
.... in effetti è così buono , ma proprio ben caldo, e quindi abbiamo cenato con i tempi un po' sfalsati!
Avatar utente
Frabattista
 
Messaggi: 957
Iscritto il: 6 gen 2007, 15:52
Località: Ferrara

Re: ° Uovo in raviolo di ricotta e ortiche °

Messaggioda cinzia cipri' » 26 set 2009, 10:14

sto procedendo alla preparazione di questo piatto, con borragine pero' perche' non l'ho mai mangiata e volevo provarla :D
cosi' mi e' sembrato un buon metodo (anche perche' ho le ultime due uova di parisi )
Avatar utente
cinzia cipri'
 
Messaggi: 6231
Iscritto il: 27 mar 2008, 12:03
Località: Palermo

Re: ° Uovo in raviolo di ricotta e ortiche °

Messaggioda anavlis » 7 ott 2009, 11:42

Ettore complimenti ;-)) quando mi sfuggono simili meraviglie, me la prendo con me stessa per il metodo disordinato con cui leggo i post! : Thumbup : ...permetti? *smk* :saluto:
silvana


L’ironia è una dichiarazione di dignità, un’affermazione della superiorità dell’uomo su ciò che gli capita. (Romain Gary)
Avatar utente
anavlis
MODERATORE
 
Messaggi: 10416
Iscritto il: 8 apr 2007, 8:38
Località: palermo

Prossimo

Torna a Dalla padella alla brace

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee