Trecce di brioche

Pane e Lievitati - Il club dei Panificatori

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

Trecce di brioche

Messaggioda rosanna » 2 nov 2011, 22:40

http://profumodilievito.blogspot.com/20 ... ioche.html

Voi dite trecce di brioche, niente di nuovo. Modalita' e tempi lunghi di lievitazione danno un risultato molto soddisfacente . Ho cenato brioche con una tazza di orzo , ma ne avro' mangiate sei o sette, ad un certo punto non le ho volute contare. E me le stavo dimenticando nel forno :roll: , un po' scurette vero ? mi spostavo continuamente per vedere la partita di calcio del Napoli.

Immagine


1kg farina W 300 (in alternativa, 70% Manitoba – 30% farina 0 per pizza)
200gr latte intero
6 uova medie
300gr burro
220gr zucchero
20gr lievito fresco
18gr sale
zeste grattugiate di 1 limone
1 bacca di vaniglia
miele

Apriamo a libro la bacca di vaniglia grattiamo via i semini e spalmiamoli sul burro insieme alla buccia grattugiata di mezzo limone.
Immergiamo la bacca nel latte, con il resto della buccia di limone, portiamo fin quasi all’ebollizione e lasciamo intiepidire. Riportiamo il peso del latte a 200gr, stemperiamo il lievito, un cucchiaino di miele ed amalgamiamo 190gr di farina. Copriamo e lasciamo gonfiare (ca. 45’)

Uniamo due uova, una buona manciata di farina ed avviamo la macchina, con la foglia, a vel 1.

Inseriamo le uova rimanenti una alla volta, seguite da uno spolvero di zucchero e di farina, badando che la massa rimanga sostenuta. Con l’ultimo uovo aggiungiamo il sale e, alla fine, 2 cucchiai di miele.
Aumentiamo la vel. a 1,5 e lasciamo incordare.

Aggiungiamo il burro semimorbido un po’ alla volta e ribaltiamo l’impasto di tanto in tanto, per facilitarne l’assorbimento. Riportiamo in corda.
Montiamo il gancio ed impastiamo fino a che la massa si presenterà molto liscia, semilucida e ben legata.
Trasferiamo in un contenitore con il coperchio e, dopo 40’, mettiamo il tutto in frigo per ca. 12 ore.

Tiriamo fuori dal frigo e lasciamo che l’impasto riguadagni la temperatura ambiente (ca. 2 ore).

Rovesciamo sulla spianatoia leggermente infarinata e diamo le pieghe del tipo 2, copriamo a campana.
Dopo 30’, spezziamo l’impasto in 6 porzioni ci ca. 350gr, dividiamo questi ultimi nel numero di pezzi che desideriamo e formiamo le trecce.

Pennelliamo con albume, copriamo con pellicola e lasciamo lievitare a 30°, fino al raddoppio.
Pennelliamo ancora con albume, cospargiamo con zucchero in granella o mandorle a scaglie o zucchero semolato seguito da zucchero a velo ed inforniamo a 180° fino a cottura (ca 20’)

E qui mi sono fermata, le trecce a quattro capi le faro' un'altra volta :lol: devo prima vederle fare piu' volte e poi provare.. provare
Rosanna

L’uomo è viator, pellegrino o fuggiasco. Ogni cammino è infine verso una casa. E la casa, dove abito, è il luogo dove sono accolto e amato. Altrimenti fuggo e vado vagando. La casa di ognuno è chi lo ama. E chiunque ama è casa dell’amato. Il nostro camminare è sempre un «cercare» amore, unico luogo dove ci sentiamo di casa e possiamo riposare.
(Silvano Fausti sj)
Avatar utente
rosanna
 
Messaggi: 4411
Iscritto il: 25 nov 2006, 17:21
Località: NAPOLI

Re: Trecce di brioche

Messaggioda Rossella » 3 nov 2011, 8:50

Ma quanto sei diventata brava Rosanna :clap: :clap:
Appena la mia planetaria rientra a casetta dai suoi innumerevoli viaggi le provo.
Intanto copio dal blog di Adriano le sequenze per realizzare le trecce.

Formatura treccia a due capi, di tipo basso: il capo a destra va sopra, quello a sinistra sotto.

Immagine

Immagine

Formatura treccia a due capi, di tipo alto: alterniamo sinistro su destro e destro su sinistro.

Immagine
Intreccio a 5 capi

Immagine

intreccio a 5 capi, obliquo.
Ricordiamo di ruotare la treccia formata di un quarto di giro a sinistra.

Immagine

Immagine

Treccia a 6 capi.
Molto ricca, si presenta come due trecce sovrapposte.

Immagine
Immagine
Immagine
Immagine

con una sequenza cosi perfetta, diventa difficile potere sbagliare :wink:
Grazie Adriano *smk*
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Re: Trecce di brioche

Messaggioda Luciana_D » 3 nov 2011, 10:57

thank you
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11827
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri

Re: Trecce di brioche

Messaggioda nicodvb » 3 nov 2011, 13:21

Tutto bellissimo!
Rosanna, attenta a non fare indigestione *smk*
Che mondo sarebbe senza ricotta?
file excel con le ricette dei grandi lievitati: http://dl.dropbox.com/u/69660061/lievitati.xls
Avatar utente
nicodvb
 
Messaggi: 3048
Iscritto il: 23 dic 2008, 12:34
Località: Bologna

Re: Trecce di brioche

Messaggioda giuliapi » 4 nov 2011, 6:28

davvero brava! non mi sono mai cimentata in trecce a tanti capi, ma prima o poi lo farò :clap: :clap: :lol:
[url]giuliapignatelli.blogspot.it[/url]
giuliapi
 
Messaggi: 112
Iscritto il: 20 mar 2007, 10:07

Re: Trecce di brioche

Messaggioda miao » 4 nov 2011, 10:20

Accidenti :shock: :roll: tutte ste' trecce sara' difficile scegliere quale fare, le brioche sono il mio debole, prima o poi dovro' cimentarmi, grazie Rosanna e Rossella thank you
il mio blog
Siate sempre allegri!!
Annamaria
Avatar utente
miao
 
Messaggi: 3594
Iscritto il: 14 feb 2008, 8:17
Località: Caserta


Torna a Chi va al mulino...s'infarina

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee