Travados ovvero mezzelune alle mandorle e miele

Ricette di pasticceria

Moderatori: Clara, Sandra, Luciana_D, anavlis

Travados ovvero mezzelune alle mandorle e miele

Messaggioda Typone » 7 feb 2007, 18:27

Queste mezzelune della tradizione ebrea sefardita sono una delizia. Non sono indicate a chi è a dieta dimagrante o altra, ma una volta nella vita bisogna assaggiarle... :)

Ingredienti per una ventina di pezzi

Per il ripieno:
- 120 mL (1/2 cup) di gherigli di noci
- 50g (1/4 cup) di zucchero
- 1 uovo
- 1 pizzico di cannella

Per la pasta :
- 120 mL (1/2 cup) di olio
- 60 mL (1/4 cup) di acqua
- 450g di farina bianca
- 1 pizzico di bicarbonate di sodio (baking soda)

Per lo sciroppo :
- 120 mL (1/2 cup) di miele
- 120 mL (1/2 cup) di zucchero
- 120 mL (1/2 cup) di acqua
- 1 cucchiaio da minestra di succo di limone

Preparazione:

IL RIPIENO

Mettere le noci in un mixer e dare due o tre giri per ottenere un tritto di noci grossolano con pezzetti. Mescolare il tritto di noci, l'uovo e lo zucchero e tenere al fresco.


LA PASTA

Prescaldare il forno a 180° C (350°F) e coprire una teglia da forno con carta oleata. Mescolare l'acqua, l'olio e lo zucchero in un recipiente grande e battere per alcuni secondi. Aggiungere la farina a cucchiaiate stando attenti adincorporarla bene ad ogni aggiunta. La pasta è pronta quando è elastica, un pò unta e che la sua consistenza ricorda quella del lobo dell'orecchio.

Consiglio: mischiare le prime due o tre cucchiaiate aiutandosi con un cucchiaio di legno, poi con le mani.

Stendere la pasta sul piano di lavoro infarinato, fino a quando ha 2 a 3mm di spessore. Ritagliare cerchi di 5 o 6 cm di diametro. Allargare leggermente ogni cerchio nel palmo della mano e piazzarci sopra un cucchiaino da caffè di ripieno. Attenzione: non conviene metterne troppo!
Ripiegare ogni cerchio in due e sigillare benne i bordi. Mettere i travados sulla teglia da cottura.
Infornare e lasciare cuocere fino a quando le mezzelune non sono appena dorate, circa 30 muniti. Toglierle dal forno e lasciarle raffreddare.

LO SCIROPPO

Fare bollire il miele, lo zucchero, l'acqua e il succo di limone in un pentolino dal fondo spesso, fino a quando non è sciolto lo zucchero completamente. Immergere 2 o 3 travados nello sciroppo bollente lasciandoli circa 3 minuti. Levarli dallo sciroppo con la schiumarola e ricominciare con altri. Quando sono tutti pronti chiuderli in una scatola ermetica e lasciarli raffreddare a temperatura ambiente.

Se avanza sciroppo lo si può fare cuocere a caramello spesso e ricoprirne i travados già sciroppati.

Si possono usare nocciole o mandorle al posto delle noci.

Tradotto e adattato da: http://tetellita.blogspot.com/2006/03/l ... ourim.html

T.
Typone
 

Messaggioda Maria Francesca » 7 feb 2007, 23:14

Che aspetto godurioso, mi mancava di avere il colesterolo alto, Uffa :(
Avatar utente
Maria Francesca
 
Messaggi: 171
Iscritto il: 25 nov 2006, 23:54
Località: Pizzo

Messaggioda Rossella » 7 feb 2007, 23:18

Lascia che vado al mercato a rifornirmi di un pò di materia prima, poi ti faccio vedere mio caro JM :D
Grazie.
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 14282
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Messaggioda Typone » 8 feb 2007, 0:38

Rossella ha scritto:Lascia che vado al mercato a rifornirmi di un pò di materia prima, poi ti faccio vedere mio caro JM :D
Grazie.

Me li dovrai anche spedire, mia cara Rossella :D

T.
Typone
 

Messaggioda Dida » 8 feb 2007, 9:34

Acciderbolina Ty, non posso mangiare i dolci ricchi di zuccheri. Però posso sognare...
Daniela Mari Griner



In amore, come in cucina, ciò che è fatto troppo in fretta è fatto male.
Anonimo
Avatar utente
Dida
 
Messaggi: 2896
Iscritto il: 25 nov 2006, 16:04
Località: Casorezzo MI

Messaggioda Typone » 8 feb 2007, 12:20

Dida ha scritto:Acciderbolina Ty, non posso mangiare i dolci ricchi di zuccheri. Però posso sognare...

Nemmeno io, Di, ma sogno questi da anni...Li mangiavo da mia nonna quand'ero ragazzo, forse è per questo che non posso più mangiarli ora... :D

T.
Typone
 

Messaggioda Typone » 10 feb 2007, 9:08

up
Typone
 

Messaggioda maxsessantuno » 10 feb 2007, 9:43

La pasta è pronta quando è elastica, un pò unta e che la sua consistenza ricorda quella del lobo dell'orecchio.


Non si finisce mai di imparare. Questa è proprio bella. Me la segno.
Ciao :lol: :lol: :lol:
LA MAX 61°
Lo farò domani.
maxsessantuno
 
Messaggi: 1211
Iscritto il: 29 gen 2007, 22:08

Messaggioda Typone » 11 feb 2007, 1:44

maxsessantuno ha scritto:La pasta è pronta quando è elastica, un pò unta e che la sua consistenza ricorda quella del lobo dell'orecchio.


Non si finisce mai di imparare. Questa è proprio bella. Me la segno.
Ciao :lol: :lol: :lol:
LA MAX 61°

Mai sentito parlare della consistenza che ricorda il lobo dell'orecchio?
E' un vecchio criterio delle nonne che è sempre estremamente valido...

T.
Typone
 

Messaggioda maxsessantuno » 11 feb 2007, 9:21

Typone ha scritto:
maxsessantuno ha scritto:

Non si finisce mai di imparare. Questa è proprio bella. Me la segno.
Ciao :lol: :lol: :lol:
LA MAX 61°

Mai sentito parlare della consistenza che ricorda il lobo dell'orecchio?
E' un vecchio criterio delle nonne che è sempre estremamente valido...

T.


Un po' troppo empirico, non credi? Forse andava bene ai nostri tempi, quelli delle nonne.
E' come pretendere che tutti i single siano felici di cucinare o che non vedano l'ora di andarsene dalla cucina. C'è lobo e lobo, orecchio e orecchio. :lol: :lol:
Ciao
LA MAX 61°
Lo farò domani.
maxsessantuno
 
Messaggi: 1211
Iscritto il: 29 gen 2007, 22:08


Torna a Doce Doce

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee