Tortelli cremaschi

Ricette

Moderatori: Clara, Sandra, Luciana_D, TeresaV, anavlis

Tortelli cremaschi

Messaggioda MEB » 26 feb 2007, 16:06

Tortelli cremaschi

I tortelli cremaschi sono un tradizionale primo piatto delle feste del cremasco.
Sono un po' particolari perchè sono dolci , per cui si amano o si odiano!

INGREDIENTI
Per il ripieno :
250 gr di amaretti Gallina polverizzati ( è importante che siano i Gallina , non normali amaretti. I Gallina sono degli amaretti molto scuri in quanto contengono del cacao )
1 uovo
120 gr grana grattugiato
100 gr uvette tritate finemente
1 pezzettino di cedro ( io ho messo l'arancio ) candito . poco poco , due cm quadrati, tritato fine
2 mustasi' ( biscotti tipici locali , in mancanza due biscotti secchi )
1 pizzico di sale

si impasta tutto e si fa riposare qualche ora , meglio tutta la notte.

Per la pasta ( che deve essere tradizionalmente rigorosamente senza uova )
500 gr farina ( mista semola e 00 )
250 ml acqua tiepida

I ravioli di confezionano ritagliando dei quadrati ( o cerchi ) di circa 5 cm di lato ( la pasta non deve essere sottilissima , massimo penultimo buco dell'Imperia ), che si riempiono con una nocciolina di ripieno , si ripiegano a mezzaluna e si pizzicano ai bordi.
( non li ho fotografati cerchero' di rimediare prossimamente visto che li ho congelati )

con queste dosi vengono circa 150 ravioli .

Si gustano ovviamente lessati e poi affogati nel burro fuso e spolverizzati con abbondante grana.

Ecco le foto!

Crudi




Immagine


Cotti

Immagine
Ultima modifica di MEB il 3 mag 2007, 15:28, modificato 6 volte in totale.
MEB
 
Messaggi: 235
Iscritto il: 27 nov 2006, 11:24
Località: Dovera - CR

Torna a Dalla padella alla brace

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee