Tortelli di Carnevale

Ricette di pasticceria

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

Tortelli di Carnevale

Messaggioda Dida » 7 mar 2019, 17:45

image.jpeg


I miei tortelli di Carnevale alla milanese.
Tortelli fritti alla milanese di casa Sant’Ambrogio
Ingredienti:
250 ml. di acqua (o 125 ml. di acqua e 125 ml. di latte intero)
150 gr. di farina bianca 00 setacciata
100 gr. di burro
50 gr. di zucchero semolato zefiro
4 uova intere e 2 tuorli
mezzo bicchierino di grappa - bicarbonato - un pizzico di sale – un cucchiaino di cannella in polvere – olio di soia o di arachidi per friggere – zucchero al velo per spolverare (se piace)

Versare l’acqua in un pentolino, aggiungervi il burro, il sale, lo zucchero e mezzo cucchiaino scarso di bicarbonato, portare la miscela a bollore e versarvi la farina in un solo colpo mescolando velocemente con un cucchiaio di legno. Continuare a mescolare sino a quando la pasta si stacca dalle pareti con uno sfrigolio. Levare dal fuoco, versare la pasta in una zuppiera di ceramica e lasciarla intiepidire. A questo punto incorporarvi prima le uova intere, una alla volta non aggiungendo il successivo se il primo non è stato perfettamente amalgamato, poi i tuorli e infine la grappa. Si otterrà una pasta morbida. In un pentolino per i fritti, alto e stretto, versare abbondante olio e farlo scaldare, poi cuocervi l’impasto a cucchiaini: se l’olio è alla temperatura giusta i tortelli si gireranno da soli. Quando avranno preso un bel colore dorato intenso scolarli, metterli su carta da cucina poi su un piatto da portata spolverizzandoli con zucchero al velo se piace.

Per friggere in modo perfetto sarebbe meglio usare il sistema delle due padelle: nella prima padellina l’olio è caldo ma non bollente e i tortelli iniziano a gonfiarsi nella parte inferiore. Si passano allora nella seconda padella, con olio bollente, dove si gonfieranno di colpo. L’olio meno caldo impedisce che si formi una crosticina che impedirebbe ai tortelli di gonfiarsi in modo acconcio.
Daniela Mari Griner



In amore, come in cucina, ciò che è fatto troppo in fretta è fatto male.
Anonimo
Avatar utente
Dida
 
Messaggi: 2636
Iscritto il: 25 nov 2006, 16:04
Località: Casorezzo MI

Re: Tortelli di Carnevale

Messaggioda anavlis » 7 mar 2019, 20:31

: Thumbup :
silvana


L’ironia è una dichiarazione di dignità, un’affermazione della superiorità dell’uomo su ciò che gli capita. (Romain Gary)
Avatar utente
anavlis
MODERATORE
 
Messaggi: 10435
Iscritto il: 8 apr 2007, 8:38
Località: palermo

Tortelli alla milanese di Carnevale

Messaggioda Dida » 8 mar 2019, 11:02

Tortelli fritti alla milanese di casa Sant’Ambrogio
Ingredienti:
250 ml. di acqua (o 125 ml. di acqua e 125 ml. di latte intero)
150 gr. di farina bianca 00 setacciata
100 gr. di burro
50 gr. di zucchero semolato zefiro
4 uova intere e 2 tuorli
mezzo bicchierino di grappa - bicarbonato - un pizzico di sale – un cucchiaino di cannella in polvere – olio di soia o di arachidi per friggere – zucchero al velo per spolverare (se piace)

Versare l’acqua in un pentolino, aggiungervi il burro, il sale, lo zucchero e mezzo cucchiaino scarso di bicarbonato, portare la miscela a bollore e versarvi la farina in un solo colpo mescolando velocemente con un cucchiaio di legno. Continuare a mescolare sino a quando la pasta si stacca dalle pareti con uno sfrigolio. Levare dal fuoco, versare la pasta in una zuppiera di ceramica e lasciarla intiepidire. A questo punto incorporarvi prima le uova intere, una alla volta non aggiungendo il successivo se il primo non è stato perfettamente amalgamato, poi i tuorli e infine la grappa. Si otterrà una pasta morbida. In un pentolino per i fritti, alto e stretto, versare abbondante olio e farlo scaldare, poi cuocervi l’impasto a cucchiaini: se l’olio è alla temperatura giusta i tortelli si gireranno da soli. Quando avranno preso un bel colore dorato intenso scolarli, metterli su carta da cucina poi su un piatto da portata spolverizzandoli con zucchero al velo se piace.

Per friggere in modo perfetto sarebbe meglio usare il sistema delle due padelle: nella prima padellina l’olio è caldo ma non bollente e i tortelli iniziano a gonfiarsi nella parte inferiore. Si passano allora nella seconda padella, con olio bollente, dove si gonfieranno di colpo. L’olio meno caldo impedisce che si formi una crosticina che impedirebbe ai tortelli di gonfiarsi in modo acconcio.
Daniela Mari Griner



In amore, come in cucina, ciò che è fatto troppo in fretta è fatto male.
Anonimo
Avatar utente
Dida
 
Messaggi: 2636
Iscritto il: 25 nov 2006, 16:04
Località: Casorezzo MI

Re: Tortelli alla milanese di Carnevale

Messaggioda TeresaV » 8 mar 2019, 13:22

Dida, grazie, che bel regalo che ci hai fatto! Erano anni che cercavo una ricetta affidabile dei tortelli milanesi e le tue ricette sono sempre perfette! Grazie ancora, li farò senz’altro.
Avatar utente
TeresaV
 
Messaggi: 2125
Iscritto il: 17 gen 2013, 6:44
Località: Bruxelles

Re: Tortelli di Carnevale

Messaggioda Clara » 8 mar 2019, 14:09

Grazie Dida,
ho accorpato foto e aggiunto ricetta :D
clara
***********
Avatar utente
Clara
MODERATORE
 
Messaggi: 6613
Iscritto il: 30 nov 2006, 18:46
Località: Rivoli/to

Re: Tortelli di Carnevale

Messaggioda anavlis » 8 mar 2019, 16:46

Grazie Dida! *smk* una bella ricetta :hi
silvana


L’ironia è una dichiarazione di dignità, un’affermazione della superiorità dell’uomo su ciò che gli capita. (Romain Gary)
Avatar utente
anavlis
MODERATORE
 
Messaggi: 10435
Iscritto il: 8 apr 2007, 8:38
Località: palermo

Re: Tortelli di Carnevale

Messaggioda miao » 8 mar 2019, 16:50

molto bello somiglia all impasto delle zeppole di San Giuseppe
: Thumbup : thank you
Avatar utente
miao
 
Messaggi: 4922
Iscritto il: 14 feb 2008, 8:17
Località: Caserta

Re: Tortelli di Carnevale

Messaggioda rosanna » 12 mar 2019, 0:13

grazie Dida penso di farli giovedì prossimo
Rosanna

L’uomo è viator, pellegrino o fuggiasco. Ogni cammino è infine verso una casa. E la casa, dove abito, è il luogo dove sono accolto e amato. Altrimenti fuggo e vado vagando. La casa di ognuno è chi lo ama. E chiunque ama è casa dell’amato. Il nostro camminare è sempre un «cercare» amore, unico luogo dove ci sentiamo di casa e possiamo riposare.
(Silvano Fausti sj)
Avatar utente
rosanna
 
Messaggi: 4064
Iscritto il: 25 nov 2006, 17:21
Località: NAPOLI

Re: Tortelli di Carnevale

Messaggioda Dida » 18 feb 2021, 18:59

Porto su.
Daniela Mari Griner



In amore, come in cucina, ciò che è fatto troppo in fretta è fatto male.
Anonimo
Avatar utente
Dida
 
Messaggi: 2636
Iscritto il: 25 nov 2006, 16:04
Località: Casorezzo MI

Re: Tortelli di Carnevale

Messaggioda anavlis » 19 feb 2021, 10:40

miao ha scritto:molto bello somiglia all impasto delle zeppole di San Giuseppe
: Thumbup : thank you


Credo sia lo stesso, bignè fritti. Confermi?
silvana


L’ironia è una dichiarazione di dignità, un’affermazione della superiorità dell’uomo su ciò che gli capita. (Romain Gary)
Avatar utente
anavlis
MODERATORE
 
Messaggi: 10435
Iscritto il: 8 apr 2007, 8:38
Località: palermo

Re: Tortelli di Carnevale

Messaggioda miao » 19 feb 2021, 12:06

anavlis ha scritto:
miao ha scritto:molto bello somiglia all impasto delle zeppole di San Giuseppe
: Thumbup : thank you


Credo sia lo stesso, bignè fritti. Confermi?

Gli aromi di grappa io non li metto al limite la sambuca che preferisco la scorza del limone grattugiato il resto è uguale si formano con saccapocke e si friggono poi la crema dopo a freddo
Avatar utente
miao
 
Messaggi: 4922
Iscritto il: 14 feb 2008, 8:17
Località: Caserta

Re: Tortelli di Carnevale

Messaggioda TeresaV » 19 feb 2021, 15:42

Anche se appartiene alla grande famiglia dei bignè (per il modo in cui si lavora l’impasto), quello delle zeppole di San Giuseppe è un impasto diverso perché diverso è il prodotto finale che si vuole ottenere.

Mi spiego: una zeppola di San Giuseppe fatta bene deve avere una “crosticina” esterna pronunciata ed una struttura media (caratteristiche assenti nei bignè fritti) e quindi, nell’impasto si mette solo acqua e non latte e la proporzione tra acqua e farina prevede una quantità di farina pari a quella dell’acqua o pari al 90% circa del peso dell’acqua. Infatti Elisabetta mette 300gr di acqua e 270gr di farina. Non mette latte. *

Le bignole, i tortelli, i bignè fritti etc. prevedono una percentuale di farina molto più bassa dei liquidi presenti ed una percentuale anche di latte perché l’effetto finale che si vuole ottenere è quello di un dolce fritto essenzialmente morbido.



*Elisabetta inserisce il latte solo per le zeppole al forno perché, come giustamente osserva lei, quelli in realtà sono bignè a forma di zeppole.
Avatar utente
TeresaV
 
Messaggi: 2125
Iscritto il: 17 gen 2013, 6:44
Località: Bruxelles

Re: Tortelli di Carnevale

Messaggioda miao » 20 feb 2021, 19:31

Quindi l impasto non è uguale per la presenza del latte che per fare le zeppole di san giuseppe pasta sciu o pasta bigne non viene messo giusto :|? grazie Teresa della precisazione *smk*
Avatar utente
miao
 
Messaggi: 4922
Iscritto il: 14 feb 2008, 8:17
Località: Caserta

Re: Tortelli di Carnevale

Messaggioda TeresaV » 20 feb 2021, 23:07

Esatto, Annamaria, nelle zeppole di San Giuseppe il latte nell’impasto non c’è.

*smk*
Avatar utente
TeresaV
 
Messaggi: 2125
Iscritto il: 17 gen 2013, 6:44
Località: Bruxelles

Re: Tortelli di Carnevale

Messaggioda anavlis » 21 feb 2021, 8:02

Grazie Teresa per la precisazione, hai chiarito perfettamente le differenze :D
silvana


L’ironia è una dichiarazione di dignità, un’affermazione della superiorità dell’uomo su ciò che gli capita. (Romain Gary)
Avatar utente
anavlis
MODERATORE
 
Messaggi: 10435
Iscritto il: 8 apr 2007, 8:38
Località: palermo

Re: Tortelli di Carnevale

Messaggioda TeresaV » 22 feb 2021, 18:24

Grazie a te, Silvana, sei sempre carina! *smk*
Avatar utente
TeresaV
 
Messaggi: 2125
Iscritto il: 17 gen 2013, 6:44
Località: Bruxelles


Torna a Doce Doce

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee