° Tortano o Casatiello?!?!

Pane e Lievitati - Il club dei Panificatori

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

Re: ° Tortano o Casatiello?!?!

Messaggioda Rossella » 17 apr 2014, 6:26

TeresaV ha scritto:Grazie, Rossella *smk*

allora, sul gruppo fb di A&P, ho letto che il Maestro consigliava la manitoba per il poolish ed una farina 0 per pizza per il prosieguo.
Quindi, benchè fossi pronta a fare il tutto con la caputo rossa, all'ultimo momento ho seguito il Maestro!

Ho imparato un'altra cosa, ma la caputo rossa non è una manitoba, lo è la blu? Scusami ma non la conosco :result^
TeresaV ha scritto:Quanto al malto, poiché non ho quello liquido, qualche mese fa, chiesi ad Adriano e mi pare di ricordare che per quello in polvere mi avesse cosigliato il 2% ma ora mi viene il dubbio .... pure tu hai quello in polvere?

Si, ormai utilizzo solo questo quello della Rossetto.

TeresaV ha scritto:Ross, che ne pensi dei buchi della fetta (peraltro non omogenei, in altre parti non erano così pronunciati), a cosa sono dovuti? Arrotolamento non abbastanza stretto oppure avrei dovuto arrotolare procedendo in obliquo?

Probabilmente avresti dovuto arrotolare più stretto, i casatielli che ho visto in giro non sono sempre omogenei all'interno, in ogni caso l'arrotolamento dello stesso lo migliora! :wink:
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Re: ° Tortano o Casatiello?!?!

Messaggioda TeresaV » 17 apr 2014, 6:47

Rossella,
graziemille, hai ragione, penso di non aver strizzato bene dopo aver arrotolato.

Grazie anche per le dritte sul malto, evidentemente ricordo male.

Quanto alla farina, non mi sono speigata bene: va usata una manitoba commerciale (non una vera!) oppure meglio ancora la caputo rossa solo per il poolish perché deve resistere tante ore, poi, per il prosieguo della lavorazione, poiché viene fatto tutto in giornata, il consiglio di A (di ieri mattina!) era di usare la 0 per pizza Rossetto o la caputo blu che non è tanto forte (Proteine 11,5-12,5 W240-260).
Avatar utente
TeresaV
 
Messaggi: 1352
Iscritto il: 17 gen 2013, 6:44
Località: Bruxelles

Re: ° Tortano o Casatiello?!?!

Messaggioda Rossella » 17 apr 2014, 6:50

TeresaV ha scritto:Rossella,
graziemille, hai ragione, penso di non aver strizzato bene dopo aver arrotolato.

Grazie anche per le dritte sul malto, evidentemente ricordo male.

Quanto alla farina, va usata la caputo rossa solo per il poolish perché deve resistere tante ore, poi, per il prosieguo della lavorazione che viene fatta tutta in giornata, il consiglio di A (di ieri mattina!) era di usare la 0 per pizza Rossetto o la caputo blu che non è tanto forte (Proteine 11,5-12,5 W240-260).

Grazie, mi toccherà acquistare anche questa!!! : Thumbup :
Unciafazzucchiù!!! :thud:
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Re: ° Tortano o Casatiello?!?!

Messaggioda TeresaV » 17 apr 2014, 15:20

Hai ragione Ross, non sono piena di farine come voi, solo perché qui la scelta è limitatissima!
Anche per questo stravedo per la caputo rossa: oltre ad incordare velocemente e perfettamente, è molto versatile con la W che ha!! Infatti, tutte le volte che c'è da tagliare una manitoba con una con W più bassa, è sufficiente la sola la Caputo Rossa :D
Avatar utente
TeresaV
 
Messaggi: 1352
Iscritto il: 17 gen 2013, 6:44
Località: Bruxelles

Re: ° Tortano o Casatiello?!?!

Messaggioda Patriziaf » 28 apr 2014, 9:16

Ho provato a fare "Casatiello di M.Letizia",solo che il mio stampo era troppo grande.....
SAM_6949.JPG
ma il risultato è stato ottimo
Patrizia
Avatar utente
Patriziaf
MODERATORE
 
Messaggi: 2635
Iscritto il: 22 lug 2012, 20:15
Località: Cisterna di Latina

Re: ° Tortano o Casatiello?!?!

Messaggioda mrb » 28 apr 2014, 16:36

TeresaV ha scritto:Quanto alla farina, non mi sono speigata bene: va usata una manitoba commerciale (non una vera!) oppure meglio ancora la caputo rossa solo per il poolish perché deve resistere tante ore, poi, per il prosieguo della lavorazione, poiché viene fatto tutto in giornata, il consiglio di A (di ieri mattina!) era di usare la 0 per pizza Rossetto o la caputo blu che non è tanto forte (Proteine 11,5-12,5 W240-260).


Scusami, TeresaV :-) ma a quale ricetta ti riferisci? Ho letto la ricetta del casatiello sul blog di Adriano, però non c'è il passaggio sul poolish.
mrb
 
Messaggi: 50
Iscritto il: 23 gen 2010, 6:22

Re: ° Tortano o Casatiello?!?!

Messaggioda TeresaV » 28 apr 2014, 19:27

Ciao Mrb,

come spiegavo nel post iniziale, questa è una ricetta di casa mia, sono napoletana e a Napoli, infatti, non c'è famiglia che non prepari il suo tortano. Per me fare il tortano è una cosa normale!
Ho solo apportato delle "varianti di metodo", ispirandomi ai metodi di A&P per renderne più soffice e meno compatta la struttura. Ho fatto un poolish a 12 ore, ho aggiunto il malto diastatico (va aggointo l'1% sul totale della farina) e operato una drastica riduzione del LDB.
Del Poolish ho sentito parlare sul gruppo fb di A&P e ho ascoltato il consiglio sulle farine che veniva dato dal Maestro ad una ragazza.
Avatar utente
TeresaV
 
Messaggi: 1352
Iscritto il: 17 gen 2013, 6:44
Località: Bruxelles

Re: ° Tortano o Casatiello?!?!

Messaggioda mrb » 28 apr 2014, 21:13

Grazie, TeresaV, per avermi risposto. Distrattamente, mi era sfuggito il tuo messaggio iniziale.
mrb
 
Messaggi: 50
Iscritto il: 23 gen 2010, 6:22

Re: ° Tortano o Casatiello?!?!

Messaggioda TeresaV » 9 mag 2014, 4:19

Avevo un "conto aperto" con questo tortano e oggi credo proprio di averlo regolato!! :=:! :=:! :=:!

Immagine

Immagine
Avatar utente
TeresaV
 
Messaggi: 1352
Iscritto il: 17 gen 2013, 6:44
Località: Bruxelles

Re: ° Tortano o Casatiello?!?!

Messaggioda Rossella » 9 mag 2014, 4:53

TeresaV ha scritto:Avevo un "conto aperto" con questo tortano e oggi credo proprio di averlo regolato!! :=:! :=:! :=:!

Immagine

Immagine

:-::!
E' un'esplosione :D :D , hai stretto di più durante l'avvolgimento? Racconta :D
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Re: ° Tortano o Casatiello?!?!

Messaggioda TeresaV » 9 mag 2014, 18:47

Grazie Ross *smk*
Tutto uguale alla scorsa volta dalla ricetta allo stampo, mi sono concentrata sulla formatura: ho arrotolato in diagonale, dando un po' di forza ma senza stringere esageratamente e poi ho cercato di strizzare ben il "bastone" ottenuto, tenendo ferma l'altra estremità. Infine ho chiuso a ciambella.
Avatar utente
TeresaV
 
Messaggi: 1352
Iscritto il: 17 gen 2013, 6:44
Località: Bruxelles

Re: ° Tortano o Casatiello?!?!

Messaggioda Rossella » 10 mar 2015, 12:03

<^UP^>
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Re: ° casatiello

Messaggioda Rossella » 29 mar 2015, 9:07

Rossella ha scritto:
casatiello.jpg
Immagine



Lo scorso anno ho fatto il castiello di MLetizia che troverete sul forum di coquinaria QUI
per comodità trascrivo la ricetta.

Casatiello di MLetizia

A Napoli questo rustico non manca mai sulla tavola il giorno di Pasqua, ma essendo un po’ pesantuccio, non si riesce a mangiarne molto, per cui è diventato il pasto tradizionale della Pasquetta fuori porta. La tradizione vuole che il casatiello sia pesante e anche un po’ difficile da digerire, infatti a Napoli ad una persona dal carattere “poco sopportabile” si dice “…sì pproprio ‘nù casatiello!”

    Ingredienti:

  • 600g di farina,
  • 50g lievito di birra, ( ho ridotto a 10gr.)
  • 225g di sugna,
  • pecorino e parmigiano grattugiati,
  • 100g di salame napoletano,
  • 150g di provolone semipiccante,
  • 6 uova, sale,
  • pepe nero in abbondanza.
preparazione

Intridete la farina con 50g di sugna, il lievito, il sale e tanta acqua tiepida, fino ad ottenere una pasta piuttosto morbida, che lavorerete per almeno una decina di minuti (oppure mettete tutti gli ingredienti nell’impastatrice, che viene anche meglio e si risparmia un sacco di fatica). Mettete a lievitare la pasta in un luogo tiepido, in una terrina coperta da un panno.
Quando la pasta sarà ben cresciuta, dopo circa un’ora e mezza, mettetela sul tavolo, sgonfiatela con le mani e stendetela fino allo spessore di un cm. A questo punto spalmatela con un po’ di sugna e cospargetela con il pepe e i formaggi grattugiati, piegate in 2 la pasta, ungetela di nuovo e ripiegatela, ripetendo questa operazione finchè avrete sugna. (Prendete un pezzetto di pasta grande quanto un panino e mettetelo DA parte). Con l’ultima spalmata di sugna aggiungete il salame ed il provolone tagliato a dadini ed arrotolate la pasta formando un bastone che sistemerete in un ruoto col buco, unto e infarinato, unendolo alle estremità. Lasciatelo lievitare per almeno 3 ore.

Quando il casatiello sarà lievitato, sistematevi sopra le uova crude, col guscio ben lavato, con la punta rivolta verso il centro dello stampo; con la pasta tenuta DA parte formate 12 bastoncini grossi come dei grissini, che sistemerete a croce sulle uova per fissarle alla pasta.
Infornatelo in forno quasi tiepido e fatelo cuocere mantenendo 180° per almeno un’ora o fino a che sarà ben colorito e se ne sentirà il profumo per tutta la casa. Si può lucidare la superficie con un uovo, ma non è obbligatorio, anche se viene più bello.
Si seve accompagnato a ricotta salata, fave fresche (crude) e salame, come antipasto.

note:

Lo strutto non bisogna scioglierlo, si spalma con una spatola o con le mani.(come ho fatto io)
Ogni piega si fà riposare la pasta per circa 5 minuti, considerando che è una pasta molto ricca si potrebbe trovare difficoltà a stenderla , in questo modo diamo il tempo al glutine di rilassarsi.
Le pieghe orientativamente come quelle della pasta sfoglia, ad ogni piega, insieme allo strutto aggiungeremo anche il pecorino il parmigiano grattugiati e una spolverata di pepe nero.
Quando lo strutto da spalmare è terminato si cosparge anche il ripieno, si arrotola e si rimetti a lievitare nello stampo.

Io ho diminuito il lievito di birra a 10 gr.ho fatto fare alla pasta una lievitazone piuttosto lunga, al mattina ho preparato la pasta, dopo un'oretta l'ho messa in frigorifero siggillata dentro una busta di plastica(faccio sempre cosi) a sera ho trovato una pasta ben lievitata, l'ho sgonfiata stesa, riempita arrotolata e sistemata nello stampo imburrato e infarinato siggillato e rimesso in frigorifero.
il mattino seguente dopo 2 ore di lievitazione fuori dal frigorifero ho infornato partendo da una temp. bassa cosi come consiglia ML, portando la temp a 180° cottura un'ora circa, qualche minuto prima di terminare la cottura in forno ho spruzzato in superfice un pò di latte, per renderla lucida.
Non avevo mai fatto un casatiello, ne avevo un termine di paragone, devo dire che sono tutti rimasti molto soddisfatti.

Farò questa, anzi spero di fare questa di ML :cool:
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Re: ° Tortano o Casatiello?!?!

Messaggioda miao » 30 mar 2015, 14:29

(I think) essere o non essere...adesso non mi confondete :lol: :lol: per la scelta tra il tortano o il casatiello , sono cosi' indecisa ^sch^ mia madre lo impastava e non faceva nessun riposo al frigo , per quale motivo deve fare questo passaggio? grazie
Sto procurandomi i vari ingredienti, ..ne ho letta una anche di Adriano nella prima pagina del tred :roll: quale fare? :|?
il mio blog
Siate sempre allegri!!
Annamaria
Avatar utente
miao
 
Messaggi: 3594
Iscritto il: 14 feb 2008, 8:17
Località: Caserta

Re: ° Tortano o Casatiello?!?!

Messaggioda Rossella » 30 mar 2015, 15:32

miao ha scritto:(I think) essere o non essere...adesso non mi confondete :lol: :lol: per la scelta tra il tortano o il casatiello , sono cosi' indecisa ^sch^ mia madre lo impastava e non faceva nessun riposo al frigo , per quale motivo deve fare questo passaggio? grazie
Sto procurandomi i vari ingredienti, ..ne ho letta una anche di Adriano nella prima pagina del tred :roll: quale fare? :|?

Il passaggio in frigorifero e successivo riposo serve a migliorarlo di gran lunga. :wink:
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Re: ° Tortano o Casatiello?!?!

Messaggioda miao » 30 mar 2015, 21:35

Rossella ha scritto:
miao ha scritto:(I think) essere o non essere...adesso non mi confondete :lol: :lol: per la scelta tra il tortano o il casatiello , sono cosi' indecisa ^sch^ mia madre lo impastava e non faceva nessun riposo al frigo , per quale motivo deve fare questo passaggio? grazie
Sto procurandomi i vari ingredienti, ..ne ho letta una anche di Adriano nella prima pagina del tred :roll: quale fare? :|?

Il passaggio in frigorifero e successivo riposo serve a migliorarlo di gran lunga. :wink:

Devo prima farlo crescere e po metterlo nel frigo :|?
il mio blog
Siate sempre allegri!!
Annamaria
Avatar utente
miao
 
Messaggi: 3594
Iscritto il: 14 feb 2008, 8:17
Località: Caserta

Re: ° Tortano o Casatiello?!?!

Messaggioda Rossella » 30 mar 2015, 21:47

miao ha scritto:
Rossella ha scritto:
miao ha scritto:(I think) essere o non essere...adesso non mi confondete :lol: :lol: per la scelta tra il tortano o il casatiello , sono cosi' indecisa ^sch^ mia madre lo impastava e non faceva nessun riposo al frigo , per quale motivo deve fare questo passaggio? grazie
Sto procurandomi i vari ingredienti, ..ne ho letta una anche di Adriano nella prima pagina del tred :roll: quale fare? :|?

Il passaggio in frigorifero e successivo riposo serve a migliorarlo di gran lunga. :wink:

Devo prima farlo crescere e po metterlo nel frigo :|?


Annamaria, ti riporto le mie note:
Lo strutto non bisogna scioglierlo, si spalma con una spatola o con le mani.(come ho fatto io)
Ogni piega si fà riposare la pasta per circa 5 minuti, considerando che è una pasta molto ricca si potrebbe trovare difficoltà a stenderla , in questo modo diamo il tempo al glutine di rilassarsi.
Le pieghe orientativamente come quelle della pasta sfoglia, ad ogni piega, insieme allo strutto aggiungeremo anche il pecorino il parmigiano grattugiati e una spolverata di pepe nero.
Quando lo strutto da spalmare è terminato si cosparge anche il ripieno, si arrotola e si rimetti a lievitare nello stampo.

Io ho diminuito il lievito di birra a 10 gr.ho fatto fare alla pasta una lievitazone piuttosto lunga, al mattina ho preparato la pasta, dopo un'oretta l'ho messa in frigorifero siggillata dentro una busta di plastica(faccio sempre cosi) a sera ho trovato una pasta ben lievitata, l'ho sgonfiata stesa, riempita arrotolata e sistemata nello stampo imburrato e infarinato siggillato e rimesso in frigorifero.
il mattino seguente dopo 2 ore di lievitazione fuori dal frigorifero ho infornato partendo da una temp. bassa cosi come consiglia ML, portando la temp a 180° cottura un'ora circa, qualche minuto prima di terminare la cottura in forno ho spruzzato in superfice un pò di latte, per renderla lucida.
Non avevo mai fatto un casatiello, ne avevo un termine di paragone, devo dire che sono tutti rimasti molto soddisfatti.
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Re: ° Tortano o Casatiello?!?!

Messaggioda miao » 30 mar 2015, 23:38

Grazie Ross !! domani compro gli ingredienti a presto :saluto: e buona notte *smk*
il mio blog
Siate sempre allegri!!
Annamaria
Avatar utente
miao
 
Messaggi: 3594
Iscritto il: 14 feb 2008, 8:17
Località: Caserta

Re: ° Tortano o Casatiello?!?!

Messaggioda susyvil » 4 apr 2015, 10:36

<^UP^> <^UP^> <^UP^>
Assunta
" Cucinare è un modo di dare"- ( Michel Bourdin)
http://www.lacuocadentro.com
Avatar utente
susyvil
 
Messaggi: 2790
Iscritto il: 25 ago 2009, 17:29
Località: Villammare (SA)

Re: ° Tortano o Casatiello?!?!

Messaggioda miao » 4 apr 2015, 11:14

Le mie stannno crescendo <^UP^> <^UP^>
il mio blog
Siate sempre allegri!!
Annamaria
Avatar utente
miao
 
Messaggi: 3594
Iscritto il: 14 feb 2008, 8:17
Località: Caserta

PrecedenteProssimo

Torna a Chi va al mulino...s'infarina

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee