Torta sorpresa

Ricette di pasticceria

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

Torta sorpresa

Messaggioda Barbara » 30 nov 2007, 13:31

Immagine

Per il bisquit al cioccolato
4 uova
70g zucchero
30g fecola
70g farina
2 cucchiai cacao amaro
1 punta di coltello di lievito per dolci
Montare le uova con lo zucchero, aggiungere la farina e la fecola setacciate con il lievito ed il cacao. Porre su una teglia ricoperta di carta forno e cuocere in forno a 180° per 8 e tagliare il bisquit ottenendo due dischi.

Per la pasta esterna
350g farina
120g burro fuso
100g acqua
1 uovo
5 chiodi di garofano in polvere
sale
Setacciare la farina con il sale e la polvere di chiodi di garofano, aggiungere il burro fuso, l'uovo, l'acqua. Impastare e lasciar riposare coperto per 30in luogo fresco.

Per il ripieno - 1
3 mele renette piccole
100g uvetta ammollata nel rum
50g pinoli
100g zucchero
1 limone
½ cucchiaino cannella in polvere
Tagliare a julienne le mele sbucciate e detorsolate e bagnarle con il succo del limone. Aggiungere l'uvetta ammollata, qualche cucchiaio di rum, lo zucchero i pinoli e la cannella.

Per il ripieno - 2
100g noci
150g latte
130g zucchero
1 uovo
Bollire il latte con 60g dello zucchero previsto e le noci tritate grossolonamente, facendolo parzialmente evaporare; una volta fuori dal fuoco e raffreddato, unire il tuorlo.
A parte montare l'albume con i rimanenti 70g di zucchero ed unire al composto di noci.

Montaggio del dolce
Prendere l'impasto messo a riposare al fresco e tirarlo sottile, foderando uno stampo da 24cm precedentemente imburrato e cosparso di pangrattato.
Mettere metà  dose di ripieno di mele (ripieno1), un bisquit al cioccolato, poi uno strato con tutta la cremina di noci (ripieno2), il secondo biscuit al cioccolato e completare con l'altra metà  dose di ripieno di mele (ripieno1).
Chiudere l'impasto a fazzoletto lasciando al centro un foro sprovvisto di pasta di almeno 8cm di diametro, facendo attenzione al modellamento della pasta che non deve soprapporsi eccessivamente.
Cuocere in forno 180° per 30, poi abbassare a 160° e cuocere per altri 10-20
Una volta fredda, togliere dallo stampo, cospargere con chicci di melograna e chiudere con un bel fiocco rosso!
Barbara
______________________________________
Un giorno senza un sorriso, è un giorno perso (Charlie Chaplin)

http://ricettebarbare.blogspot.com/
Avatar utente
Barbara
 
Messaggi: 369
Iscritto il: 27 nov 2006, 9:59
Località: Trieste

Messaggioda Rossella » 30 nov 2007, 22:07

la dimensione della teglia del bisquit al cioccolato e della teglia dove hai montato la torta qual'è?
sarebbe possibile vederla in sezione?
grazie Barbara!
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Messaggioda Barbara » 3 dic 2007, 9:08

Rossella ha scritto:la dimensione della teglia del bisquit al cioccolato e della teglia dove hai montato la torta qual'è?
sarebbe possibile vederla in sezione?
grazie Barbara!


Montata in uno uno stampo da 24cm. Il biscuit si cuoce in una teglia da forno, stendendolo abbastanza sottile: dopo cotto si ottengono due dischi, sempre del diametro di 24 cm o pochissimo meno.
Niente sezione, sorry, è una torta fatta parecchio tempo fa, che ho ritrovato e messo perchè in tema.. natalizio!
Barbara
______________________________________
Un giorno senza un sorriso, è un giorno perso (Charlie Chaplin)

http://ricettebarbare.blogspot.com/
Avatar utente
Barbara
 
Messaggi: 369
Iscritto il: 27 nov 2006, 9:59
Località: Trieste


Torna a Doce Doce

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee