S/G Torta di patate e zucca (vegana)

vegetariano, vegano, macrobiotica, problemi alimentari.

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

S/G Torta di patate e zucca (vegana)

Messaggioda cinzia cipri' » 19 ott 2014, 12:23

La torta di patate e zucca era una delle specialità che offrivamo ai tempi dell'apertura dell'Agricantus, prima un pub/teatro, ora più teatro e non so se hanno ancora la cucina perché non vado da anni.
La faceva sempre Rosalba ed era divina!
Perfetta per qualsiasi intollerante perché non contiene grassi, non contiene formaggi, non contiene uova, non contiene farina o pangrattato.
Semplicemente frutto della terra.

La dico a braccio perché a braccio ancora la faccio.
Almeno un kg e mezzo di patate vecchie da bollire con la buccia e un po' di sale.
Una zucca bella grande possibilmente bio.
Bollire le patate come sopra detto e lasciarle raffreddare sotto acqua fredda.
Cuocere la zucca in forno a pezzi per farla asciugare dal liquido in eccesso.
Soffriggere un paio di spicchi di aglio con la salvia e se si vuole altre spezie a piacere (io ho aggiunto anche rosmarino e cumino).
Passare la zucca sbucciata e lasciar insaporire qualche minuto nel soffritto (poco olio!!!)
Passare le patate al passaverdure con ogni tipo di aroma vi venga in mente: io consiglio peperoncino, sale, rosmarino, timo e prezzemolo (e il mai mancante cumino che adoro).
Ungere una tortiera o quel che volete pure nei bordi.
Mettere un primo strato di patata, secondo strato zucca, terzo strato patate e passare in forno a 190° per circa 40 minuti, comunque finché non si forma la crosticina sulla patata.
Se necessario dare un tocco di grill.
Avatar utente
cinzia cipri'
 
Messaggi: 6231
Iscritto il: 27 mar 2008, 12:03
Località: Palermo

Torna a "Leggermente" goloso : regimi alimentari con restrizioni dietetiche

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee