Torta Paradiso

Ricette di pasticceria

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

Re: Torta paradiso di Pinellla

Messaggioda rosanna » 6 mag 2011, 21:37

http://www.coquinaria.it/forum/showthre ... a-paradiso


Lt. 0,5 Latte,
Buccia di limone non trattato,
gr. 100 Farina,
gr. 100 Zucchero,
1 Bustina di vanillina,
1 confezione di panna per dolci da ml.125.

Mettere il latte in un tegame antiaderente assieme alla buccia grattugiata del limone e lasciarlo cuocere a fiamma bassa. Portare il latte quasi ad ebollizione, poi spegnere e lasciarlo riposare per almeno mezzora. In un altro tegame mettere la farina e poco alla volta versarci il latte facendolo passare da un colino. Allinizio aggiungerne solo un poco (meno di metà) in modo da far sciogliere tutta la farina. Solo quando la farina si sarà sciolta completamente, si potrà aggiungere lo zucchero e poco alla volta tutto il latte rimanente. Amalgamare bene il tutto. A questo punto, mettere il tegame sul fuoco a fiamma dolce e farlo addensare continuando a mescolare. Spegnere e lasciarla raffreddare. Aggiungere infine una bustina di vanillina e una confezione di panna per dolci senza montarla. Conservare in frigo fino al momento di farcire la torta.
Rosanna

L’uomo è viator, pellegrino o fuggiasco. Ogni cammino è infine verso una casa. E la casa, dove abito, è il luogo dove sono accolto e amato. Altrimenti fuggo e vado vagando. La casa di ognuno è chi lo ama. E chiunque ama è casa dell’amato. Il nostro camminare è sempre un «cercare» amore, unico luogo dove ci sentiamo di casa e possiamo riposare.
(Silvano Fausti sj)
Avatar utente
rosanna
 
Messaggi: 4411
Iscritto il: 25 nov 2006, 17:21
Località: NAPOLI

Re: Torta paradiso di Pinellla

Messaggioda susyvil » 6 mag 2011, 21:40

Luciana_D ha scritto:L'aspetto e' strepitoso !!
Brava Assunta :clap: :clap: :clap:

:shock:
Ma
: Blink :
quando
:lol:
mai?
*smk*
Assunta
" Cucinare è un modo di dare"- ( Michel Bourdin)
http://www.lacuocadentro.com
Avatar utente
susyvil
 
Messaggi: 2790
Iscritto il: 25 ago 2009, 17:29
Località: Villammare (SA)

Re: Torta paradiso di Pinellla

Messaggioda cinzia cipri' » 7 mag 2011, 2:20

assunta sembra quella kinder!
la proverò anche io se mi viene voglia :roll: :roll:
Avatar utente
cinzia cipri'
 
Messaggi: 6231
Iscritto il: 27 mar 2008, 12:03
Località: Palermo

Re: Torta paradiso di Pinellla

Messaggioda anavlis » 7 mag 2011, 7:27

susyvil ha scritto: mi merito la sezione spatafascio anche io? 8))

Assunta...ma fammi il piacere >furiosi< :lol: :lol: :lol: :lol: Sei stata bravissima come sempre :clap: :clap: :clap: Cos'è che non vanno, le righe? e se la Kinder le avesse fatte con il sopra rigato?
Anch'io avevo notato che mancava la misura della teglia, che è sempre un dato indispensabile, e non capisco la presenza del lievito per dolci se l'impasto è simile al pandispagna (dove non si mette) :|? poichè è un impasto che ingloba parecchia aria. Io non sono un'esperta e mi piacerebbe capirne il perchè.
silvana


L’ironia è una dichiarazione di dignità, un’affermazione della superiorità dell’uomo su ciò che gli capita. (Romain Gary)
Avatar utente
anavlis
MODERATORE
 
Messaggi: 10428
Iscritto il: 8 apr 2007, 8:38
Località: palermo

Re: Torta paradiso di Pinellla

Messaggioda Luciana_D » 7 mag 2011, 7:33

anavlis ha scritto:
susyvil ha scritto: mi merito la sezione spatafascio anche io? 8))

Assunta...ma fammi il piacere >furiosi< :lol: :lol: :lol: :lol: Sei stata bravissima come sempre :clap: :clap: :clap: Cos'è che non vanno, le righe? e se la Kinder le avesse fatte con il sopra rigato?
Anch'io avevo notato che mancava la misura della teglia, che è sempre un dato indispensabile, e non capisco la presenza del lievito per dolci se l'impasto è simile al pandispagna (dove non si mette) :|? poichè è un impasto che ingloba parecchia aria. Io non sono un'esperta e mi piacerebbe capirne il perchè.

gia' :D
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11828
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri

Re: Torta paradiso di Pinellla

Messaggioda Sandra » 7 mag 2011, 8:30

Silvana prendilo con 'beneficio di inventario' ma con tutto quel burro senza lievito secondo me non si muove dal fondo della teglia :D
Assunta fai schifo!!!!! :lol: :lol: :lol: :lol: *smk* *smk* *smk* Ci saranno pure le righe ma é bellissimo!!!! *smk* *smk*
E quando ne ho voglia faccio anche qualche foto:
http://www.flickr.com/photos/43807393@N00/
Avatar utente
Sandra
MODERATORE
 
Messaggi: 8433
Iscritto il: 25 nov 2006, 15:56
Località: vence(francia)

Re: Torta paradiso di Pinellla

Messaggioda Sandra » 7 mag 2011, 8:51

Ho trovato nel mio casino di PC questo intervento di Rosanna Sora nel forum di CI sulla torta paradiso :D Senza lievito
Rosanna la conosci ,mai fatta?

Torta del Paradiso:

torta nata a Pavia, in una famosa pasticceria situata di fronte all’ingresso dell’università in Strada Nuova è il dolce tipico della città: vi propongo una versione che assomiglia all’originale, non è ovviamente, l’originale.
È un mix tra un corso di pasticceria a cui ho partecipato e il libro di Annalisa Alberici cucina del pavese, dell’oltrepo e della lomellina.
Non aspettatevi un dolce altissimo, resta altro circa 3 cm.

dosi per tortiera da 22 cm:

250 gr di zucchero
250 gr di burro morbido
125 gr di farina
125 gr di fecola
125 gr di tuorli
125 gr di uova intere ( pesate senza guscio)
1 limone grattugiato

le uova pesate sono apparentemente caotiche, ma in realtà molto più comode così uno compra le uova che vuole, piccole, medie o grandi
io procedo con l’impastatrice elettrica: si comincia ammorbidendo il burro, deve essere tenuto a temperatura ambiente oppure riscaldato un poco nel mo o nel forno -ma è un procedimento rischioso: rischia di sciogliersi troppo-.
Va tagliato a pezzetti fatto ammorbidire a temperatura ambiente, quindi montato con la frusta, deve diventare una massa cremosa quasi una spuma.
Nel frattempo si imburra e infarina una tortiera tonda di 22 cm. E si accende il forno per preriscaldarlo a 180°
A parte si montano i tuorli e le uova con lo zucchero fino ad avere una seconda massa chiara, che “scrive”
Si uniscono le due montate usando con il cucchiaio, si setaccia la farina con la fecola, si unisco le due farine e la buccia di limone mescolando delicatamente
Si cuoce in forno a 180° per 25/30 minuti, nel forno ventilato meglio a 160/170: fare la prova stecchino !!!
Va fatta raffreddare nello stampo sopra una gratella per 10 minuti, poi si rovescia sopra la gratella fino a che non è raffreddata completamente.
Va poi impacchettata con carta d’alluminio e mangiata due giorni dopo – io però non ho pazienza e la mangio prima-
Prima di servirla va scaldata leggermente e spolverizzata di zucchero a velo

Per chi non possiede l’impastatrice il testo della signora Alberici spiega un procedimento manuale che provato con poco successo: si monta il burro finché non si è creata una crema soffice, con una frusta elettrica, non smettendo di mescolare si aggiunge lo zucchero un cucchiaio per volta. In una terrina si sbattono le uova e i tuorli e si versano un cucchiaio per volta sulla crema al burro, raschiando spesso il bordo della terrina con una spatola, per il resto si procede come sopra.
E quando ne ho voglia faccio anche qualche foto:
http://www.flickr.com/photos/43807393@N00/
Avatar utente
Sandra
MODERATORE
 
Messaggi: 8433
Iscritto il: 25 nov 2006, 15:56
Località: vence(francia)

Re: Torta paradiso di Pinellla

Messaggioda anavlis » 7 mag 2011, 16:30

Ed è pure ben spiegata, senza tralasciare nulla :D
silvana


L’ironia è una dichiarazione di dignità, un’affermazione della superiorità dell’uomo su ciò che gli capita. (Romain Gary)
Avatar utente
anavlis
MODERATORE
 
Messaggi: 10428
Iscritto il: 8 apr 2007, 8:38
Località: palermo

Re: Torta paradiso di Pinellla

Messaggioda Luciana_D » 7 mag 2011, 16:46

bella anche questa.Grazie Sandra :D
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11828
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri

Re: Torta paradiso di Pinellla

Messaggioda susyvil » 7 mag 2011, 16:56

La prossima volta provo questa! :D ...grazie Sandra! *smk*
Assunta
" Cucinare è un modo di dare"- ( Michel Bourdin)
http://www.lacuocadentro.com
Avatar utente
susyvil
 
Messaggi: 2790
Iscritto il: 25 ago 2009, 17:29
Località: Villammare (SA)

Re: Torta paradiso di Pinellla

Messaggioda Sandra » 7 mag 2011, 17:31

Ed io ora che faccio? :D Ho tirato fuori il burro dal frigo e poi? :?: :lol: :lol: Con o senza lievito? :lol: :lol: Ho l'impressione che quella di Pinella risulti piu' leggera :D
E quando ne ho voglia faccio anche qualche foto:
http://www.flickr.com/photos/43807393@N00/
Avatar utente
Sandra
MODERATORE
 
Messaggi: 8433
Iscritto il: 25 nov 2006, 15:56
Località: vence(francia)

Re: Torta paradiso di Pinellla

Messaggioda susyvil » 7 mag 2011, 19:07

Sandra ha scritto:Ed io ora che faccio? :D Ho tirato fuori il burro dal frigo e poi? :?: :lol: :lol: Con o senza lievito? :lol: :lol: Ho l'impressione che quella di Pinella risulti piu' leggera :D

Sandra, ti posso dire che era una piuma!!! :D ....solo che la prossima volta la lascerò " nature" :D , farcendola con la panna si è costretti a tenerla in frigo....con la conseguenza che diventa dura a causa di tutto quel burro!
Assunta
" Cucinare è un modo di dare"- ( Michel Bourdin)
http://www.lacuocadentro.com
Avatar utente
susyvil
 
Messaggi: 2790
Iscritto il: 25 ago 2009, 17:29
Località: Villammare (SA)

Re: Torta paradiso di Pinellla

Messaggioda anavlis » 7 mag 2011, 19:23

Sandra ha scritto:Ed io ora che faccio? :D Ho tirato fuori il burro dal frigo e poi? :?: :lol: :lol: Con o senza lievito? :lol: :lol: Ho l'impressione che quella di Pinella risulti piu' leggera :D

In effetti quella di pinella, a occhio, anche a me sembra più leggera. Ha più farina e meno uovo. Mettilo il lievito, non voglio averti sulla coscienza :lol: :lol: :lol: *smk* Poi chiederemo a Rosanna se ha mai realizzato questa seconda senza lievito. Questa seconda è più completa nei passaggi, misura teglia, conservare e tagliare dopo due giorni....

Assunta, credo che senza creme sia meglio. Queste torte sono fantastiche così o al massimo una salsa o crema a parte, in cui potere pucciare un pezzetto di torta.
silvana


L’ironia è una dichiarazione di dignità, un’affermazione della superiorità dell’uomo su ciò che gli capita. (Romain Gary)
Avatar utente
anavlis
MODERATORE
 
Messaggi: 10428
Iscritto il: 8 apr 2007, 8:38
Località: palermo

Re: Torta paradiso di Pinellla

Messaggioda Sandra » 7 mag 2011, 20:00

Ho fatto uno dei miei soliti casini!!!
Ho deciso di fare la seconda senza lievito ma visto che a Celia piacciono le merendine con la cioccolata ho sostituito 50 gr di fecola con 50 gr di cacao.Poi ho guardato la crema ,era montata ma non aveva un bell'aspetto liscio e schiumoso,allora ho buttato anche il lievito mescolato con le farine. :D
Non é chiarissima la seconda ricetta ,per me:

Si uniscono le due montate usando con il cucchiaio, si setaccia la farina con la fecola, si unisco le due farine e la buccia di limone mescolando delicatamente

Secondo voi il burro pomata montato e la montata zucchero ed uova vanno mescolati alla mano?Ho trovato la cosa un po' strana e difficoltosa ed ho mescolato piano con la frusta del Ken..per me si é sgonfiato tutto. :( Poi va bhe ho aggiunto la farina...con il cucchiaio stando attenta.
Poi é alta con uno stampo da 22 forse perche' é cresciuta troppo a causa del lievito..insomma un casino :lol: :lol: Ora vado a fare la crema con la vaniglia ,ho appena bollito il latte..poi vedremo domani quando la faricoro' :D
E quando ne ho voglia faccio anche qualche foto:
http://www.flickr.com/photos/43807393@N00/
Avatar utente
Sandra
MODERATORE
 
Messaggi: 8433
Iscritto il: 25 nov 2006, 15:56
Località: vence(francia)

Re: Torta paradiso di Pinellla

Messaggioda Sandra » 7 mag 2011, 21:13

Non aspettatevi un dolce altissimo, resta altro circa 3 cm.


Se avessi letto non avrei fatto un casino... :lol: :lol: :lol:
E quando ne ho voglia faccio anche qualche foto:
http://www.flickr.com/photos/43807393@N00/
Avatar utente
Sandra
MODERATORE
 
Messaggi: 8433
Iscritto il: 25 nov 2006, 15:56
Località: vence(francia)

Re: Torta paradiso di Pinellla

Messaggioda rosanna » 8 mag 2011, 1:28

TORTA PARADISO INGRID
250 gr di zucchero
250 gr di burro
125 gr di farina
125 gr di fecola
1 bustina di zucchero vanigliato
4 uova
2 tuorli
2 cucchiai di rum
scorza grattugiata di 1/2 limone
1 presa di sale

Lavorate il burro con lo zucchero sino ad ottenere una massa spumosa. Aggiungete, uno alla volta, i 2 tuorli, le uova intere e - a piacere - il rum, la scorza di limone e lo zucchero vanigliato, continuando a lavorare. Setacciate insieme la farina e la fecola e incorporate al composto. Versatelo in un o stampo a ciambella o in uno a cassetta, precedentemente imburrato e infarinato. Cuocete in forno a 180 gradi per 70-80 minuti ( fate la prova dello stechino!). Dopo mezz'ora circa incidete il dolce per illungo affinchè si gonfi meglio.
Si possono raddoppiare le dosi e preparare subito 2 torte, dato che si possono facilmente congelare.
Ingrid Kelder



TORTA PARADISO MORANDIN

Tuorli 500 gr.
Uova intere 500 gr.
Zucchero 1 kg.
Burro montato 1 kg.
Fecola gr. 500
Farina Besozzi oro antico W180-200 biscotto 500 gr.
Lievito in polvere 15 gr.
Buccia gratt. Di 2 limoni
Vaniglia


Lavorare tuorli e uova intere con lo zucchero, a parte montare il burro morbido. Setacciare fecola farina e lievito e quando la montata è pronta aggiungere la buccia gratt. di limone e la vaniglia, quindi il burro montato. Mescolare delicatamente ed aggiungere fecola, farina e lievito. Imburrare stampini e riempire per ¾. Cuocere a 180° per 30-35 minuti. Spolverare con zucchero a velo e scrivere con passata di albicocche : “Paradiso”


TORTA PARADISO Sergio Salomoni
300 g Burro freschissimo, a temp. ambiente,
num. 8 uova intere
300 g zucchero semolato
150 g farina bianca
150 g fecola
la scorza di un limone grattugiata, sale, zucchero a velo per completare, burro e farina per lo stampo da 26 cm..

Accendere il forno a 180°, imburrare e infarinare lo stampo, a bordo alto e a cerniera. Separare i tuorli dagli albumi e tenere da parte tre di questi ultimi.
Riscaldare con acqua calda una larga ciotola, asciugarla e mettervi il burro morbido; lavorarlo con un cucchiaio di legno per renderlo cremoso, poi unirvi, uno alla volta, i tuorli e quindi lo zucchero semolato, amalgamando e montando il composto con il frullino elettrico: si deve ottenere una "spuma" soffice e bianca. Aggiungere a questo punto la scorza di limone e la farina e la fecola, mescolate e amalgamate al composto di burro e uova poco per volta, attraverso un setaccino e mescolando con il cucchiaio di legno dal basso verso l'alto per non smontare il tutto. Montare a parte i tre albumi con un pizzichino di sale e unirli al resto, sempre lavorando con il cucchiaio di legno con grande delicatezza.
Versare nella tortiera, spianare e mettere in forno caldo per mezz'ora / 40 minuti, senza mai aprire lo sportello del forno. Quando la torta sarà cotta, farla raffreddare su una gratella, spolverarla abbondantemente di zucchero al velo e servirla.

TORTA PARADISO
specialità di Vigoni, pasticcere di Pavia,


200 gr. di fecola di patate
200 gr. di zucchero a velo
200 gr. di burro ammorbidito
5 uova
montare il burro con lo zucchero per almeno 7 minuti (così dice il Vigoni)
unire i tuorli 1 alla volta e dopo l'ultimo montare ancora per 7 minuti
unire la fecola setacciata e mescolare bene
unire sempre mescolando dal basso verso l'alto gli albumi montati a neve.
Versare il composto in uno stampo a cerniera foderato di carta da forno e infornare a 160/170° per 40 minuti.
Una volta raffreddata spolverizzare di zucchero a velo.
Rosanna

L’uomo è viator, pellegrino o fuggiasco. Ogni cammino è infine verso una casa. E la casa, dove abito, è il luogo dove sono accolto e amato. Altrimenti fuggo e vado vagando. La casa di ognuno è chi lo ama. E chiunque ama è casa dell’amato. Il nostro camminare è sempre un «cercare» amore, unico luogo dove ci sentiamo di casa e possiamo riposare.
(Silvano Fausti sj)
Avatar utente
rosanna
 
Messaggi: 4411
Iscritto il: 25 nov 2006, 17:21
Località: NAPOLI

Re: Torta paradiso di Pinellla

Messaggioda anavlis » 8 mag 2011, 7:05

Rosanna, ma tu quale hai realizzato? io mi fido di te e delle tue procedure *smk* Quell'impasto di torta paradiso che Elisabetta (gentilmente ricevuta dal pasticcere di Sorrento) come lo vedi? Anche tu hai realizzato tante volte la crostata con sopra l'impasto della torta paradiso.
silvana


L’ironia è una dichiarazione di dignità, un’affermazione della superiorità dell’uomo su ciò che gli capita. (Romain Gary)
Avatar utente
anavlis
MODERATORE
 
Messaggi: 10428
Iscritto il: 8 apr 2007, 8:38
Località: palermo

Re: Torta paradiso di Pinellla

Messaggioda giuliapi » 8 mag 2011, 7:52

Io ho fatto anni fa quella di Sergio Salomoni.. Ottima!!!
[url]giuliapignatelli.blogspot.it[/url]
giuliapi
 
Messaggi: 112
Iscritto il: 20 mar 2007, 10:07

Re: Torta paradiso di Pinellla

Messaggioda Luciana_D » 8 mag 2011, 9:28

Torta Paradiso Giovanni Pina (DOLCI- manuale pratico di pasticceria)

x 2 torte di diam 20cm

Burro anidro,160gr
Zucchero a velo,150gr
Tuorlo,50gr
Uova,125gr
Zucchero,50gr
Miele di acacia,5gr
Farina 00 W210-230,100gr
Fecola di patate,75gr
Lievito in polvere,2gr

Ammorbidire e montare il burro anidro.Quando ben gonfio e di colore chiaro aggiungere lo zucchero a velo.
Mischiare ad alta velocita'.Quando ben aerata fermare,coprire con panno e riservare a TA (20-22*)

Montare le uova con zucchero + miele e aggiungere i tuorli a fine montata e attendere che si gonfi fino a formare una schiuma stabile e soffice.
Unirla delicatamente alla massa burro montato/zucchero e alle polveri precedente setacciate tra loro.
Usare una frusta da pasticceria mescolando dall'alto verso il basso alternando uova montate a polveri.
Disporre il composto nelle tortiere imburrate e infarinate riempiendo per 2/3 della loro capienza.

Cuocere in forno statico preriscaldato a 170* (150* SE VENTILATO) per 30' in presenza di umidita'.

Quando cotte togliere dagli stampi e aspettare che siano fredde prima di cospargere con zucchero a velo vanigliato (non compreso nella lista).
Si conservano chiuse in un sacchetto di plastica per un max. di 5gg a TA protette da luce,umidita' e odori

:)
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11828
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri

Re: Torta paradiso di Pinellla

Messaggioda anavlis » 8 mag 2011, 9:38

Le ricette ci sono, adesso tocca sperimentare :D
silvana


L’ironia è una dichiarazione di dignità, un’affermazione della superiorità dell’uomo su ciò che gli capita. (Romain Gary)
Avatar utente
anavlis
MODERATORE
 
Messaggi: 10428
Iscritto il: 8 apr 2007, 8:38
Località: palermo

PrecedenteProssimo

Torna a Doce Doce

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee