Torta di mandorle e Pere (Delia´s cake)

Ricette di pasticceria

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

Torta di mandorle e Pere (Delia´s cake)

Messaggioda Donna » 17 gen 2017, 9:34

LA recensione da parte di un appassionato ad una vecchia osteria di Padova parlava appunto di una squisita torta di mandorle e pere che la moglie del gestore aveva offerto all´ospite. Mi e´venuta voglia di farla, ma da dove sarei partita? Tra le tante foto di internet ho trovato una che si riferiva alla ricetta tratta Da Delia's cake - Hodder & Stoughton Ltd - Pear & Almond cake with streusel topping. MI piace mi sono detta, ma ecco che con I quantitativi indicati non sapevo che teglia usare. Allora mi sono detta, intanto moltiplico per 5 perche´di sicuro devo farne 3 di torte, e inoltre non sapevo quanto sarebbe venuta alta. Qui riporto la ricotta con I quantitative originali (tar parentesi I miei). Inoltre aggiungo che motiplicando per 5 ho fatto 3 tort3: 2 teglie da 20 cm e 1 teglia da 26 cm. L´altezza era giusta una volta cotta: circa 4-5 cm in totale. So gia´come modificarla per avere piu´sapore di mandorle e pere.
Immagine


per la torta

  • 110 g di farina autolievitante (500gr di farina)
  • 1 cucchiaio raso di lievito in polvere per dolci (1 bustina intera di lievito per dolci)
  • 50 g di burro morbido (250 gr)
  • 50 g di zucchero di canna fine(250 gr)
  • 50 g di mandorle macinate (o farina di mandorle) (250 gr)
  • 1 uovo grande (5 uova grandi)
  • poche gocce di essenza pura di mandorle (ok)
  • un pizzico di sale
  • 3 cucchiai di latte (100 gr di latte)
  • 2 pere mature (6 pere messe a macerare con limone)
per la copertura

    50 g di burro fuso (120 gr )
  • 75 g di farina autolievitante (150 gr )
  • 50g di zucchero demerara (zucchero di canna grosso) (200gr)
  • 40 g di mandorle a lamelle (150 gr)
  • zucchero a velo, per spolverare (a casa mia non piace)
preparazione
Mescolare gli ingredienti insieme dopo aver setacciato la farina nel mixer fino ad ottenere una consistenza liscia e cremosa. Versare il composto, negli stampi imburrati e infarinati:
450 gr di impasto negli stampi da 20 cm
Circa 700 in quello da 26 cm
Disporre a raggera le pere sopra al composto
Come avrete capito dalle mie indicazioni, ho messo molta meno farina perche´non volevo unáltro strato troppo alto e volevo conservare il piu´possibile il sapore di burro, pere e mandorle.
Per preparare la copertura: mischiare la farina e lo zucchero in una ciotola, poi unire il burro fuso e le mandorle a lamelle.
Distribuire uniformemente sopra le torte, aggiungere altro zucchero di canna grezzo.
Per la cottura: nel mio forno sono bastate circa 35-40 min a 180 gradi. Potete benissimo aprire il forno per verificare la cottura.
"Voglio un cibo educato. Un solo aggettivo, che non ha bisogno di tante parole di contorno. Così ci riprenderemo il diritto al cibo, e non il suo rovescio. Questo è quanto (basta)". ´
Andrea Segre´(Cibo)
Avatar utente
Donna
MODERATORE
 
Messaggi: 3317
Iscritto il: 30 gen 2007, 14:02

Re: Torta di mandorle e Pere (Delia´s cake)

Messaggioda anavlis » 17 gen 2017, 9:54

deve essere molto buona : Groupwave :

perché usare la farina autolievitante? peraltro è previsto anche il lievito chimico.
silvana


L’ironia è una dichiarazione di dignità, un’affermazione della superiorità dell’uomo su ciò che gli capita. (Romain Gary)
Avatar utente
anavlis
MODERATORE
 
Messaggi: 10414
Iscritto il: 8 apr 2007, 8:38
Località: palermo

Re: Torta di mandorle e Pere (Delia´s cake)

Messaggioda Donna » 17 gen 2017, 10:49

anavlis ha scritto:deve essere molto buona : Groupwave :

perché usare la farina autolievitante? peraltro è previsto anche il lievito chimico.


Qui all`estero si usa molto, infatti io ho usato 1 bustina per 500gr di farina in totale....
"Voglio un cibo educato. Un solo aggettivo, che non ha bisogno di tante parole di contorno. Così ci riprenderemo il diritto al cibo, e non il suo rovescio. Questo è quanto (basta)". ´
Andrea Segre´(Cibo)
Avatar utente
Donna
MODERATORE
 
Messaggi: 3317
Iscritto il: 30 gen 2007, 14:02

Re: Torta di mandorle e Pere (Delia´s cake)

Messaggioda Luciana_D » 17 gen 2017, 11:08

Bella :clap: :clap: :clap:
E' rimasta umida?
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11826
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri

Re: Torta di mandorle e Pere (Delia´s cake)

Messaggioda Donna » 17 gen 2017, 11:13

Luciana_D ha scritto:Bella :clap: :clap: :clap:
E' rimasta umida?

Nonostante abbia aggiunto latte e l´ho cotta a Temp non troppo alta (la ricetta prevedeva 200oC :shock: ) , abbatsnaz ma non come me lo sarei aspettato.
La prossima volta diminuiro´la farina e aggiungero´piu´farina di mandorle, e mischiero´delle pere spezzettate nell´impasto.
"Voglio un cibo educato. Un solo aggettivo, che non ha bisogno di tante parole di contorno. Così ci riprenderemo il diritto al cibo, e non il suo rovescio. Questo è quanto (basta)". ´
Andrea Segre´(Cibo)
Avatar utente
Donna
MODERATORE
 
Messaggi: 3317
Iscritto il: 30 gen 2007, 14:02

Re: Torta di mandorle e Pere (Delia´s cake)

Messaggioda Clara » 17 gen 2017, 14:11

Bella :clap:
Brava Donatella :D

Quindi secondo te, conviene togliere dei grammi dalla farina 00 aggiungendoli a quella di mandorle ?
E usando farina normale, non lievitante intendo, a quanto porteresti il lievito chimico?
Grazie *smk*
clara
***********
Non si vede bene che col cuore. L'essenziale è invisibile agli occhi. (Saint-Exupéry)
Avatar utente
Clara
MODERATORE
 
Messaggi: 6369
Iscritto il: 30 nov 2006, 18:46
Località: Rivoli/to


Torna a Doce Doce

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee