Spaghetti all'italiana di Pietro Leeman, mia interpretazione

Ricette

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

Spaghetti all'italiana di Pietro Leeman, mia interpretazione

Messaggioda cinzia cipri' » 31 dic 2008, 17:18

Spaghetti all'italiana di Pietro Leeman, mia interpretaz.jpg
Semplicissimi, ma buonissimi.
Da quando li ho visti, sapevo che li avrei fatti oggi e cosi' e' stato.

Ingredienti
Spaghetti g 280
zafferano 3 bustine (io ho usato 1 bustina + un tocco di pistilli di zafferano)
400 g di pomodoro ramato maturo (ho usato al suo posto pomodorini pachino)
5 g olio al peperoncino
20 g olive taggiasche denocciolate
1/2 scorza grattugiata di limone
10 g timo fresco
10 g di capperi di pantelleria
4 mozzarelline di bufala
100 g di basilico
50 g pinoli
80 g olio evo
sale qb (poco o niente)

Se usate i pomodori ramati, eliminate i semi, quindi frullate e passate al chinois, salateli leggermente e metteteli in frigorifero. Dopo 4 ore, eliminate l'acqua in eccesso, condite con olio al peperoncino e qualche goccia di olio evo (ho usato un santa tea).

Sbollentate le foglie di basilico solo 1 minuto e passatele nel ghiaccio. Poi frullatele con 40 g di pinoli e 40 g di olio evo. Tritate il timo, mescolatelo alla scorza di limone e aggiungete l'olio rimanente.

Cuocete gli spaghetti in acqua salata e colorata con lo zafferano, conditeli con poco olio.

Impiattare:

In quattro piatti fondi (sceglieteli larghi... io ho sbagliato a usare quelli del servizio: non erano sufficientemente ampi), versate la salsa di pomodoro crudo, mettete al centro una mozzarellina ben sgocciolata e conditela con il pesto di basilico.
Sopra la mozzarella mettete gli spaghetti e guarnite con olive, capperi, un altro goccio di olio al timo e le zeste di limone.

Una ricetta semplicissima ma molto di effetto ;)
Avatar utente
cinzia cipri'
 
Messaggi: 6231
Iscritto il: 27 mar 2008, 12:03
Località: Palermo

Re: Spaghetti all'italiana di Pietro Leeman, mia interpretazione

Messaggioda Rossella » 31 dic 2008, 17:24

mi piace, ma lo trovo un piatto stagionale vista la presenza dei prodotti :D
da provare sicuramente in estate..sento già il profumo del basilico o di quel pachino che inebria il cervello :wink:
grazie *smk*
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Re: Spaghetti all'italiana di Pietro Leeman, mia interpretazione

Messaggioda Donna » 31 dic 2008, 18:34

Quoto Rossella!
ma non posso che esaltare laa semplicità della grandezza della creatività di questo piatto! Si capisce che volevo dire? :|? ;-))

Domandina...come si può fare in modo che gli spaghetti non si leghino troppo dal tempo dell'imppiattamento al momento di servire?
"Voglio un cibo educato. Un solo aggettivo, che non ha bisogno di tante parole di contorno. Così ci riprenderemo il diritto al cibo, e non il suo rovescio. Questo è quanto (basta)". ´
Andrea Segre´(Cibo)
Avatar utente
Donna
MODERATORE
 
Messaggi: 3320
Iscritto il: 30 gen 2007, 14:02

Re: Spaghetti all'italiana di Pietro Leeman, mia interpretazione

Messaggioda cinzia cipri' » 31 dic 2008, 19:26

Rossella ha scritto:mi piace, ma lo trovo un piatto stagionale vista la presenza dei prodotti :D
da provare sicuramente in estate..sento già il profumo del basilico o di quel pachino che inebria il cervello :wink:
grazie *smk*


Leeman stesso suggerisce di spruzzare la pasta di olio prima di impiattare: infatti, la pasta non e' diventata colla ;)
La sua foto e' piu' sobria della mia, ma d'altronde siamo due persone completamente diverse...
Il mio pesto e' verde brillante, il suo e' quasi sul nero (infatti ho sospettato che la sua foto sia stata saturata molto).
Ho fatto le foto della montatura del piatto.
E' sicuramente un piatto estivo: il pomodoro crudo frullato arriva freddo in tavola, idem gli altri ingredienti (solo la pasta e' cotta). Ciononostante oggi ne avremmo mangiati altri due piatti.
E' molto leggero come digeribilita', ma anche a livello calorico. Il sapore forte e' dato dalla presenza dei capperi e delle olive, per il resto e' di un fresco... mamma mia che bonta'!
Potrebbe finire nelle insalate di pasta fredda, perche' alla fine di questo si tratta.
La rifaro' presto: velocissima da realizzare una volta preparati gli ingredienti sul tavolo.
Leeman considera 23 minuti per la preparazione e 7 per impiattare.
Considerate che l'impiattamento si fa durante la cottura della pasta e il tempo di servire a tavola e' solo quello giusto per arrotolare la pasta e poggiarla sulla mozzarella. Tutto il resto si fa prima ;)
Avatar utente
cinzia cipri'
 
Messaggi: 6231
Iscritto il: 27 mar 2008, 12:03
Località: Palermo

Re: Spaghetti all'italiana di Pietro Leeman, mia interpretazione

Messaggioda Sandra » 31 dic 2008, 21:26

Cuocete gli spaghetti in acqua salata e colorata con lo zafferano, conditeli con poco olio.

Scusate non vedo il problema!!Se appena cotti li condisce con olio,se queste sono le sue parole o scritti!! :D
Se avesse avuto del Thymus citriodorus forse non avrebbe avuto bisogno di mettre la scorza del limone :lol: :lol: (scherzo ovvio :lol: :lol: )
E quando ne ho voglia faccio anche qualche foto:
http://www.flickr.com/photos/43807393@N00/
Avatar utente
Sandra
MODERATORE
 
Messaggi: 8432
Iscritto il: 25 nov 2006, 15:56
Località: vence(francia)

Re: Spaghetti all'italiana di Pietro Leeman, mia interpretazione

Messaggioda ZeroVisibility » 1 gen 2009, 7:57

cinzia cipri' ha scritto:Leeman considera 23 minuti per la preparazione e 7 per impiattare.


Ellamadonna....e che e' ..un bradipo????? :|? :ahaha:
Ettore
"guida poco...che devi bere"
Avatar utente
ZeroVisibility
 
Messaggi: 1061
Iscritto il: 15 lug 2007, 20:02
Località: milano nord/ovest

Re: Spaghetti all'italiana di Pietro Leeman, mia interpretazione

Messaggioda cinzia cipri' » 1 gen 2009, 10:12

ZeroVisibility ha scritto:
cinzia cipri' ha scritto:Leeman considera 23 minuti per la preparazione e 7 per impiattare.


Ellamadonna....e che e' ..un bradipo????? :|? :ahaha:


preparazione totale, Ettore 8))
Avatar utente
cinzia cipri'
 
Messaggi: 6231
Iscritto il: 27 mar 2008, 12:03
Località: Palermo

Re: Spaghetti all'italiana di Pietro Leeman, mia interpretaz

Messaggioda anavlis » 16 gen 2015, 8:42

Profumi estivi e tipici ingredienti del sud e tu sei stata brava nella realizzazione : Groupwave : Mi disorienta solo il pomodoro liquido che non può integrarsi con la pasta e che non consente agli ingredienti di legarsi. La pasta lunga rimane "squarata" solo bollita, e poi che posata si usa? con la forchetta catturi solo la pasta e con il cucchiaio solo il condimento :|?
silvana


L’ironia è una dichiarazione di dignità, un’affermazione della superiorità dell’uomo su ciò che gli capita. (Romain Gary)
Avatar utente
anavlis
MODERATORE
 
Messaggi: 10420
Iscritto il: 8 apr 2007, 8:38
Località: palermo

Re: Spaghetti all'italiana di Pietro Leeman, mia interpretaz

Messaggioda cinzia cipri' » 16 gen 2015, 8:56

serve anche il coltello: c'è una mozzarella di bufala posta al centro.
E' una ricetta che tende verso l'acidità e si mescola nel piatto.
Avatar utente
cinzia cipri'
 
Messaggi: 6231
Iscritto il: 27 mar 2008, 12:03
Località: Palermo

Re: Spaghetti all'italiana di Pietro Leeman, mia interpretaz

Messaggioda anavlis » 16 gen 2015, 9:36

cinzia cipri' ha scritto:serve anche il coltello: c'è una mozzarella di bufala posta al centro.
E' una ricetta che tende verso l'acidità e si mescola nel piatto.


con gli spaghetti lunghi anch'essi da tagliare :shock: quindi tagli tutto con forchetta e coltello e poi mangi con cucchiaio tipo minestra. Si vede che il cuoco non ha origini italiane :lol: :lol: :lol:
silvana


L’ironia è una dichiarazione di dignità, un’affermazione della superiorità dell’uomo su ciò che gli capita. (Romain Gary)
Avatar utente
anavlis
MODERATORE
 
Messaggi: 10420
Iscritto il: 8 apr 2007, 8:38
Località: palermo

Re: Spaghetti all'italiana di Pietro Leeman, mia interpretaz

Messaggioda cinzia cipri' » 16 gen 2015, 9:57

anavlis ha scritto:
cinzia cipri' ha scritto:serve anche il coltello: c'è una mozzarella di bufala posta al centro.
E' una ricetta che tende verso l'acidità e si mescola nel piatto.


con gli spaghetti lunghi anch'essi da tagliare :shock: quindi tagli tutto con forchetta e coltello e poi mangi con cucchiaio tipo minestra. Si vede che il cuoco non ha origini italiane :lol: :lol: :lol:


E' pur sempre svizzero :D
Ma gli spaghetti non li taglio ;)
Solo la mozzarella
Avatar utente
cinzia cipri'
 
Messaggi: 6231
Iscritto il: 27 mar 2008, 12:03
Località: Palermo

Re: Spaghetti all'italiana di Pietro Leeman, mia interpretaz

Messaggioda Rossella » 7 ago 2016, 14:13

cinzia cipri' ha scritto:
anavlis ha scritto:
cinzia cipri' ha scritto:serve anche il coltello: c'è una mozzarella di bufala posta al centro.
E' una ricetta che tende verso l'acidità e si mescola nel piatto.


con gli spaghetti lunghi anch'essi da tagliare :shock: quindi tagli tutto con forchetta e coltello e poi mangi con cucchiaio tipo minestra. Si vede che il cuoco non ha origini italiane :lol: :lol: :lol:


E' pur sempre svizzero :D
Ma gli spaghetti non li taglio ;)
Solo la mozzarella


lo spaghetto non lo spezziamo, ma il piatto vale la pena ricordarlo :wink:
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone


Torna a Dalla padella alla brace

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee