LA SFIDA DI MAGGIO - Miseria e Nobilta'

Ricette di pasticceria

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

Re: LA SFIDA DI MAGGIO - Miseria e Nobilta'

Messaggioda Danidanidani » 18 mag 2011, 9:07

Bellissimi Assunta...bellissime le prugne nonna Tata! Da provare....e poi sono dolci facili,quindi adatti a me :lol: :lol: :lol: Grazie! *smk* *smk*
Daniela Del Castillo
le mie foto qui:
http://www.flickr.com/photos/8594434@N08/?saved=1
Immagine
Avatar utente
Danidanidani
 
Messaggi: 2803
Iscritto il: 26 nov 2006, 0:01
Località: Macerata Feltria

Re: LA SFIDA DI MAGGIO - Miseria e Nobilta'

Messaggioda Danidanidani » 18 mag 2011, 12:05

2.jpg
1.jpg
Bustrengo



Dolce "povero" e molto diffuso a Macerata feltria e zone limitrofe.Come al solito ogni contrada e quasi ogni famiglia ha le sue piccole varianti. In altri paesi delle Marche è molto più ricco,dato che prevede anche cioccolato,fichi secchi,frutta secca.

Ingredienti per una teglia rettangolare di 31x23 cm
1 etto di riso (ho usato arborio) 30 c.
2uova 36 c.
1 etto di zucchero semolato 11c.
mezzo litro di latte fresco (ho usato il granarolo) 56 c.
30 gr. di burro ,circa 22 c.
100 gr di pangrattato (ho usato quello fatto da pane locale tipo terni,avanzatomi),non quantificabile
scorza grattugiata di mezza arancia non trattata
e un pizzico di sale.

Mettere a cuocere il riso in acqua leggermente salata.Quando è cotto scolarlo e condirlo con il burro.Intanto avrete sbattuto le uova con lo zucchero e il latte,quindi aggiungete il pangrattato e la scorza di arancia grattugiata. Fate riposare una ventina di minuti.Unite il riso.Disponete in una teglia ben unta di burro e mettete in forno a 180 gradi per tre quarti d'ora,finché si sarà formata una crosticina dorata.Prova stecchino,che deve risultare ben asciutto.Col mio forno ho impiegato un'ora.Fate freddare e tagliate a quadrotti.Spolverate di zucchero semolato. :saluto:
Daniela Del Castillo
le mie foto qui:
http://www.flickr.com/photos/8594434@N08/?saved=1
Immagine
Avatar utente
Danidanidani
 
Messaggi: 2803
Iscritto il: 26 nov 2006, 0:01
Località: Macerata Feltria

Re: LA SFIDA DI MAGGIO - Miseria e Nobilta'

Messaggioda Dida » 18 mag 2011, 12:30

Buonissimo il bustrengo, lo ho mangiato a casa di mia cognata, assomiglia un po' alla torta di riso che una volta si faceva in casa di mia nonna. Che ricordi!!!
Daniela Mari Griner



In amore, come in cucina, ciò che è fatto troppo in fretta è fatto male.
Anonimo
Avatar utente
Dida
 
Messaggi: 2199
Iscritto il: 25 nov 2006, 16:04
Località: Casorezzo MI

Re: LA SFIDA DI MAGGIO - Miseria e Nobilta'

Messaggioda Luciana_D » 18 mag 2011, 12:41

Questa sfida sta diventando la N.1 in assoluto !!!
Grazie Dani *smk*
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11827
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri

Re: LA SFIDA DI MAGGIO - Miseria e Nobilta'

Messaggioda susyvil » 18 mag 2011, 15:03

Grazie Dani per questa bellissima ricetta!!! :D ...non la conoscevo e la trovo golosissima!!! :-P o :p
Assunta
" Cucinare è un modo di dare"- ( Michel Bourdin)
http://www.lacuocadentro.com
Avatar utente
susyvil
 
Messaggi: 2790
Iscritto il: 25 ago 2009, 17:29
Località: Villammare (SA)

Re: LA SFIDA DI MAGGIO - Miseria e Nobilta'

Messaggioda Gaudia » 18 mag 2011, 18:32

bella anche la tua ricetta Daniela :clap:
Avatar utente
Gaudia
 
Messaggi: 2093
Iscritto il: 30 ott 2009, 0:17

Re: LA SFIDA DI MAGGIO - Miseria e Nobilta'

Messaggioda anavlis » 18 mag 2011, 18:38

Bellissima ricetta Dani *smk* Concordo con Luciana, queso è un post che non andrebbe mai chiuso e da rigenerare nel tempo. Troppo bello :D :D :D
silvana


L’ironia è una dichiarazione di dignità, un’affermazione della superiorità dell’uomo su ciò che gli capita. (Romain Gary)
Avatar utente
anavlis
MODERATORE
 
Messaggi: 10426
Iscritto il: 8 apr 2007, 8:38
Località: palermo

Re: LA SFIDA DI MAGGIO - Miseria e Nobilta'

Messaggioda Clara » 19 mag 2011, 16:25

Stefania, Assunta, Dani che belle le vostre ricette, semplici e particolarissime :D :clap:
clara
***********
Non si vede bene che col cuore. L'essenziale è invisibile agli occhi. (Saint-Exupéry)
Avatar utente
Clara
MODERATORE
 
Messaggi: 6375
Iscritto il: 30 nov 2006, 18:46
Località: Rivoli/to

Re: LA SFIDA DI MAGGIO - Miseria e Nobilta'

Messaggioda Rossella » 19 mag 2011, 16:29

Complimenti ragazze siete super *smk*
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Re: LA SFIDA DI MAGGIO - Miseria e Nobilta'

Messaggioda misskelly » 19 mag 2011, 20:17

Dani....molto golosa la tua torta, mi piacciono molto i dolci con il riso.... : Thumbup :
Brava Assunta....il miele lo fai sciogliere in un pentolino per renderlo più liquido e farlo aderire meglio alle frittelle?.... :|?
Giovanna ...e Spike Immagine
Avatar utente
misskelly
 
Messaggi: 1961
Iscritto il: 25 mar 2008, 17:45
Località: ISERNIA

Re: LA SFIDA DI MAGGIO - Miseria e Nobilta'

Messaggioda Dida » 22 mag 2011, 10:02

Castagnaccio a modo mio

Ingredienti:
farina di castagne gr. 400
due cucchiaiate rase di zucchero semolato finissimo – una manciata di pinoli – una manciata di uvetta sultanina – olio evo - acqua q.b. . sale.

Setacciare la farina di castagne facendola cadere in una capiente ciotola, unirvi un pizzico di sale e lo zucchero e mescolare, poi versarvi, poco alla volta e sempre mescolando con una frusta, circa 800 gr. di acqua tiepida e due cucchiaiate di olio. Si dovrà ottenere una pastella semiliquida. Oliare abbondantemente una teglia rotonda a bordi bassi di 35 cm. di diametro, versarvi il composto ad un’altezza di un centimetro e distribuire sulla superficie l’uvetta secca e i pinoli, terminando con un giro di olio versato in filo sottilissimo. Passare la superficie con i rebbi di una forchetta così da distribuire meglio l'olio. Passare in forno caldo a 180° per circa un’ora: la superficie dovrò risultare screpolata e croccante. E' ottimo sia tiepido sia freddo.
Costo totale circa 3 euro scarsi.


Immagine
Daniela Mari Griner



In amore, come in cucina, ciò che è fatto troppo in fretta è fatto male.
Anonimo
Avatar utente
Dida
 
Messaggi: 2199
Iscritto il: 25 nov 2006, 16:04
Località: Casorezzo MI

Re: LA SFIDA DI MAGGIO - Miseria e Nobilta'

Messaggioda anavlis » 23 mag 2011, 13:48

Brava Dida : WohoW :
silvana


L’ironia è una dichiarazione di dignità, un’affermazione della superiorità dell’uomo su ciò che gli capita. (Romain Gary)
Avatar utente
anavlis
MODERATORE
 
Messaggi: 10426
Iscritto il: 8 apr 2007, 8:38
Località: palermo

Re: LA SFIDA DI MAGGIO - Miseria e Nobilta'

Messaggioda Rossella » 24 lug 2016, 12:27

anavlis ha scritto:
gelo.jpg
1.jpg


GELO di CANNELLA
gr15 stecca di cannella - € 0,30
gr70 zucchero - € 0,07
gr40 amido di frumento - €0,17
ml 500 acqua
acqua di gelsomino
cacao amaro per spolvero

Con meno di €0.50 ho realizzato 8 bicchierini (che porterò lunedì ai colleghi) e 2 bicchieri in vetro.

E’un dolce al cucchiaio ancora fortemente mantenuto nella sicilia orientale e quasi dimenticato nella parte occidentale. Ha certamente una storia che lo lega al periodo arabo per via degli ingredienti:cannella, gelsomino. Era molto apprezzato dal Principe Corbera, quindi un pò di nobiltà ce l'ha di suo :lol: :lol: :lol:
Molti lo zuccherano troppo e si perde l’inebriante sapore e profumo della spezia. Questa quantità di zucchero potrebbe anche essere diminuita.


La sera prima spezzettare la cannella nell’acqua, portare a bollore, e lasciare riposare fino all’indomani.
Sciogliere l’amido nel liquido filtrato, aggiungere lo zucchero, e il *cubetto con l’acqua di gelsomino. Appena addensa versare nei bicchierini o in coppette e mettere in frigo. Spolverare sopra cacao amaro. Io ho decorato con 3 minuscoli amaretti che tengo gelosamente per decorare e che mi sono stati regalati da una dolce amica.

*faccio sbocciare il fiore del gelsomino in poca acqua – l’indomani l’acqua sarà impregnata di profumo. Uso congelare quest’acqua nelle formine per i cubetti di ghiaccio e l’uso quando mi serve e quando il gelsomino non è in fioritura.


Fresco veloce e buono!
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Precedente

Torna a Doce Doce

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee