° Schiacciata al Rosmarino

Pane e Lievitati - Il club dei Panificatori

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

° Schiacciata al Rosmarino

Messaggioda lux_lucy » 15 ago 2007, 12:58

Schiacciata al Rosmarino

Ho usato lo stesso impasto della Pizza con Poolish per realizzare questa stuzzicante schiacciata. Ottima da servire con l'antipasto o a trancetti per l'aperitivo, si presta ad essere farcita in mille modi e soprattutto.... è squisita se cotta nel forno a legna (che io non ho purtroppo) !!!!!!

Eccola cruda subito prima di essere infornata, cosparsa di olio EVO e rosmarino
Immagine

Ed eccola cotta appena tolta dal forno
Immagine


270 gr di farina tipo 0,
80 gr di semola rimacinata di grano duro,
500 gr. di farina 00 Manitoba,
3 gr. di lievito di birra,
1 cucchiaio di malto,
1 cucchiaio raso di sale fino,
30 gr. di olio,
500 gr. di acqua .
-----------------------------------------------------

Preparare la sera prima il poolish con:
500 manitoba,
500 acqua,
3 gr. lievito fresco,
1 cucchiaino di malto.

Al mattino, preparare l'impasto definitivo mescolando il poolish con: farina 0 , semola di grano duro rimacinata, sale marino, olio extravergine di oliva. Impastare unendo la farina 2 cucchiai alla volta a pioggia, sale ed olio alla fine. Fare riposare per circa 2 ore. Stendere con le dita l'impasto in una teglia da forno, cospargere di una emulsione di acqua+olio EVO e rosmarino e lasciar lievitare per 2-3 ore. Infornare a 200-250°C per circa 35.-40 minuti.


Un trancio...
Immagine


Alveolatura...
Immagine
Avatar utente
lux_lucy
 
Messaggi: 77
Iscritto il: 9 giu 2007, 9:22
Località: verona

Messaggioda luvi » 15 ago 2007, 13:14

:D mi sembra ottima, la proverò!
luvi
 

Messaggioda bollicina » 15 ago 2007, 13:56

Complimenti, veramente bella :D
bollicina
 

Messaggioda robertopotito » 16 ago 2007, 17:19

ci potresti dire qualcosina sulla consistenza finale dell'impasto?
grazie mille
Roberto Potito
Finchè la barca va tu non remareee...finchèla barca va...lasciala andareee..(Orietta Berti)
robertopotito
 
Messaggi: 446
Iscritto il: 28 nov 2006, 7:38

Messaggioda luvi » 16 ago 2007, 18:00

io ho un ricordo di una schiacciata simile quando andavo alle elementari in una piccola scuola di campagna... era una delle 4 merende possibili: pizza salata (al taglio), pizza dolce, mars o patatine pai....

non sono mai più riuscita a mangiare la pizza dolce...era tonda leggeremente dorata, monoporzione... con sopra una spolverata di zucchero...

Potito, se provassi a fare questo impasto e in metà sostituire lo zucchero al sale?
il forno che produceva queste "merendine" era davvero piccolo e io sono convinta che avesse pochi impasti base: pizza, pane romagnolo, biscotti delle feste...qualche altro suggerimento per questo mio pazzo tentativo?

Ah, il forno è chiuso da anni, come la piccola scuola di 5 classi....
luvi
 

re

Messaggioda lux_lucy » 17 ago 2007, 9:59

[quote="luvi"]

non sono mai più riuscita a mangiare la pizza dolce...era tonda leggeremente dorata, monoporzione... con sopra una spolverata di zucchero...

Potito, se provassi a fare questo impasto e in metà sostituire lo zucchero al sale?
il forno che produceva queste "merendine" era davvero piccolo e io sono convinta che avesse pochi impasti base: pizza, pane romagnolo, biscotti delle feste...qualche altro suggerimento per questo mio pazzo tentativo?
quote]

Ti rispondo io va bene lo stesso? :wink:

Secondo me puoi tranquillamente provare diminuendo il sale e aggiungendo una piccola quantità di zucchero nell'impasto.

ciao ciao!
Avatar utente
lux_lucy
 
Messaggi: 77
Iscritto il: 9 giu 2007, 9:22
Località: verona

Messaggioda luvi » 17 ago 2007, 10:53

:D vi terrò aggiornati, grazie
luvi
 


Torna a Chi va al mulino...s'infarina

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee