Roselline

Pane e Lievitati - Il club dei Panificatori

Moderatori: Clara, Sandra, Luciana_D, TeresaV, anavlis

Roselline

Messaggioda pikkolin@ » 5 feb 2007, 15:43

Con l'impasto con cui preparo la treccia ho provato a fare delle monoporzioni (magari da congelare, se avanza qualcosa!) cotte nello stampo in silicone per muffin. L'impasto è questo:

400 gr. di farina (200 gr. di "00" e 200 di manitoba)
60 gr. di burro morbido
125 gr. di latte tiepido
2 uova
40 gr. di zucchero
1 cubetto di lievito
1/2 cucchiaino di sale
marmellata per farcire

Ho impastato come sempre con il Ken per 10 minuti buoni, messo a lievitare per due ore poi, ripreso l'impasto, e senza rilavorarlo, l'ho steso in un rettangolo. Ho farcito con un velo di marmellata e granella di nocciole, arrotolato dal lato lungo e tagliato a fette. Cercando di chiudere la base con un pizzicotto, per evitare che fuoriesca la marmellata in cottura, ho rimesso a lievitare nello stampo per un'altra oretta. In forno a 180° fino a doratura. Scusate ma la foto è sfocata :oops:
Immagine
pikkolin@
 
Messaggi: 235
Iscritto il: 9 gen 2007, 14:40
Località: Roma

Messaggioda amarisca » 5 feb 2007, 20:01

Belli!!!! Quanto tempo si mantengono morbidi?
amarisca
 
Messaggi: 180
Iscritto il: 25 nov 2006, 20:44
Località: orta nova

Messaggioda pikkolin@ » 6 feb 2007, 8:41

Come tutti i dolci di pasta lievita hanno vita relativamente breve: chiusi in un sacchetto di plastica per alimenti sono morbidi per 3 giorni circa. Infatti, per questo ho fatto le monoporzioni. Li congelo dopo cotti poi li tolgo dal freezer la sera prima e la mattina sono come "nuovi".
pikkolin@
 
Messaggi: 235
Iscritto il: 9 gen 2007, 14:40
Località: Roma

Messaggioda Rossella » 6 feb 2007, 9:42

pikkolin@ ha scritto:Come tutti i dolci di pasta lievita hanno vita relativamente breve: chiusi in un sacchetto di plastica per alimenti sono morbidi per 3 giorni circa. Infatti, per questo ho fatto le monoporzioni. Li congelo dopo cotti poi li tolgo dal freezer la sera prima e la mattina sono come "nuovi".

Ciao Pikkolina, mi permetti due parole sulla tua ricetta. :|?
dimuirei drasticamente il lievito di birra, farei una doppia lievitazione utilizzando in percentuale meno manitoba, in questo modo si ottiene un prodotto migliore che si conserva più a lungo.
Grazie
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 14278
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Messaggioda pikkolin@ » 6 feb 2007, 10:06

Grazie Rossella del consiglio: unico motivo per cui uso tutto il lievito richiesto dalla ricetta è il fatto che arrivo alle 17 a casa, attacco l'impastatrice, metto a lievitare e inforno per l'ora di cena (insomma: modello "la rapida"!). Devo provare a rifarle nel w.e. così faccio le cose con calma (spero :) ).
pikkolin@
 
Messaggi: 235
Iscritto il: 9 gen 2007, 14:40
Località: Roma


Torna a Chi va al mulino...s'infarina

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee