/ riciclare il lm di scarto?

Pane e Lievitati - Il club dei Panificatori

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

/ riciclare il lm di scarto?

Messaggioda lallinat » 23 nov 2007, 21:44

Premesso che

- sto rinfrescando il mio lievito madre a distanza di 2 giorni per rinforzarlo, e che mi scoccia oltremodo buttarne una parte, visto che comunque non è molto acido
- volevo provare una ricetta di panini che prevede il lievito di birra
-non ho tempo di aspettare la lenta lievitazione con lm

chiedo a codesto ill.mo Foro

- se prendessi l'avanzo, calcolassi quanta acqua e farina contiene (ad esempio 100 g di farina e 50 di acqua), e lo aggiungessi all'impasto dei panini usandolo in sostituzione di parte della farina e dell'acqua, proseguendo poi con la normale lievitazione col lievito di birra, rischierei di fare una ciofeca?


Grazie :fiori:
dai diamanti non nasce niente...

Immagine
Avatar utente
lallinat
 
Messaggi: 53
Iscritto il: 26 nov 2006, 12:42
Località: roma

Re: riciclare il lm di scarto?

Messaggioda Rossella » 23 nov 2007, 22:07

lallinat ha scritto:- se prendessi l'avanzo, calcolassi quanta acqua e farina contiene (ad esempio 100 g di farina e 50 di acqua), e lo aggiungessi all'impasto dei panini usandolo in sostituzione di parte della farina e dell'acqua, proseguendo poi con la normale lievitazione col lievito di birra, rischierei di fare una ciofeca?


Grazie :fiori:

è una cosa che faccio spesso quando mi capita, ma non sto tanto a pesare il tutto, lo butto dentro l'impasto e via 8))
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Messaggioda lallinat » 23 nov 2007, 22:16

perfetto :D
dai diamanti non nasce niente...

Immagine
Avatar utente
lallinat
 
Messaggi: 53
Iscritto il: 26 nov 2006, 12:42
Località: roma

Messaggioda Rossella » 23 nov 2007, 22:19

lallinat ha scritto:perfetto :D

un pò di sperimentazione su via, la pratica è la migliore "palestra" in cucina :wink:
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Messaggioda lallinat » 23 nov 2007, 22:57

Sisì, infatti l'avrei fatto comunque, però, giacchè ci siete voi supercuochi, approfitto!
dai diamanti non nasce niente...

Immagine
Avatar utente
lallinat
 
Messaggi: 53
Iscritto il: 26 nov 2006, 12:42
Località: roma

Messaggioda maria rita » 26 nov 2007, 16:42

Anch'io lo faccio spesso: cambia il tempo di lievitazione più che il risultato. Quando non voglio avanzi parto con il rinfresco da una dose minima: anche soli 50 gr.
Avatar utente
maria rita
 
Messaggi: 928
Iscritto il: 13 dic 2006, 15:13
Località: Padova

Re: riciclare il lm di scarto?

Messaggioda Eledigi » 26 nov 2007, 21:49

Rossella ha scritto:
lallinat ha scritto:- se prendessi l'avanzo, calcolassi quanta acqua e farina contiene (ad esempio 100 g di farina e 50 di acqua), e lo aggiungessi all'impasto dei panini usandolo in sostituzione di parte della farina e dell'acqua, proseguendo poi con la normale lievitazione col lievito di birra, rischierei di fare una ciofeca?


Grazie :fiori:

è una cosa che faccio spesso quando mi capita, ma non sto tanto a pesare il tutto, lo butto dentro l'impasto e via 8))

Pure io lo uso come mi capita, e se ho poco tempo aggiungo una puntina di lievito di birra.

Lallina, provalo anche nei biscotti, tipo:

BISCOTTI AL CIOCCOLATO CON LIEVITO NATURALE
Ingr. 100 gr di pasta madre, 200-220 gr di farina (a seconda della consistenza del vostro lievito), 50 gr di burro ammorbidito, 60 ml di latte, un uovo, 120 gr di zucchero più quello per spolverare alla fine, 50 gr di fiocchi di avena, 150 gr di cioccolato a pezzetti (avendo avanzi di Pasqua, ho usato quello delle uova…), aroma vaniglia.

Estrarre dal frigo la pasta madre al mattino e lasciarla rinvenire per alcune ore nella ciotola in cui farete l'impasto, ben coperta. Quando vedete che e' lievitata, aggiungete farina, uova, burro, vanillina, latte e zucchero, ed iniziate ad impastare. Aggiungete i fiocchi di avena e il cioccolato a pezzettini, continuando a mescolare nell'impastatrice o a mano. Non risultera' un impasto molto sodo, ma maneggiabile con le mani. A questo punto, intiepidite il forno a 40 gradi e prendete due teglie. Aiutandovi ponendo un velo di farina sulle mani, formate delle palline con l'impasto ed appiattitele sulla teglia ricoperta di carta forno.
Pennellate leggermente la superficie dei biscotti con acqua (pochissimo, mi raccomando) e cospargete di zucchero. Mettete le teglie in forno a lievitare per un'ora e mezzo circa.
Preriscaldate il forno a 180° e cuocete per 13 minuti.
Avatar utente
Eledigi
 
Messaggi: 285
Iscritto il: 25 nov 2006, 16:05
Località: Macerata

Messaggioda Eledigi » 26 nov 2007, 21:50

Ovviamente, le belle cose che ho scritto sull'estrazione del lm la mattina ecc ecc possono essere modificate in base al tempo che hai a disposizione...
Avatar utente
Eledigi
 
Messaggi: 285
Iscritto il: 25 nov 2006, 16:05
Località: Macerata

Messaggioda lallinat » 27 nov 2007, 11:26

Bellissimi, Elena, e in casa circolano anche dei fiocchi d'avena che non sappiamo come utilizzare...
Li faccio di sicuro, non subito perchè al momento sono veramente incasinata, ma appena posso li faccio!
Di quanto dovrebbero crescere in quell'ora e mezza di lievitazione? Io mi regolo molto a occhio.
dai diamanti non nasce niente...

Immagine
Avatar utente
lallinat
 
Messaggi: 53
Iscritto il: 26 nov 2006, 12:42
Località: roma


Torna a Chi va al mulino...s'infarina

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee