Ravioli ( cassatelle) dolci di ricotta di Enna di Rossella

Ricette di pasticceria

Moderatori: Clara, Sandra, Luciana_D, anavlis

Ravioli ( cassatelle) dolci di ricotta di Enna di Rossella

Messaggioda M.Giovanna » 25 nov 2006, 23:31

Ravioli ( cassatelle) di ricotta di Enna di rossella

Per la pasta:

ingredienti:

750 gr.di farina 00
due cucchiai di zucchero
80 g. strutto o di burro
circa 350 di l. latte o acqua(io metto latte)temp. ambiente
un pizzico di sale

ripieno:

1.500 di ricotta di pecora fresca e asciutta
600 gr. di zucchero
100gr. di gocce di cioccolato lindt

olio d'oliva per friggere
zucchero a velo
secondo la tradizione miele

Preparazione:

Impastare la farina il burro il sale lo zucchero e aggiungere gradualmente il latte non freddo, lavoratela a lungo fino ad avere una pasta morbida e setosa, copritela e lasciatela riposare per un'ora circa.

La sera precedente avrete aggiunto alla ricotta(asciutta) lo zucchero lasciandola riposare per tutta la notte coperta e in frigorifero.
Riprendetela e passatela a setaccio, aggiungete le gocce di cioccolato.

Tirate la pasta, se usate la sfogliatrice tiratela fino al n° 4(ormai mi affido al kitchanaid)

Distribuire la crema di ricotta a mucchietti sulla sfoglia, coprite con l'altra sfoglia siggillate e ritagliate dando la forma di raviolo, con l'apposito attrezzo.

Friggete in abondante olio caldo, se i ravioli presenteranno in superfice tante bollicine sarete stati davvero bravi.

Spolverate di zucchero a velo.

La tradizione vorrebbe anche del miele, noi preferiamo il solo zucchero.
Il giorno seguente ammesso chè ve ne restassero saranno ancora più buoni.

Di origini Ennesi della famiglia del padre di Antonio, sono una tradizione tramandata da suocera a nuora.
Durante le festività, sono una tradizione nella mia tavola.
Negli ultimi anni di vita di mio sucero, ho avuto il piacere di prepararglieli personalmente sperando di eguagliarli a quelli di mia suocera, ripensandoci mi commuovo ancora...mi auguro domani potere trasmettere anch'io questa tradizione.
Che bel regalo che mi hai fatto mamma, ti voglio bene GRAZIE!

Rossella
M.Giovanna
 
Messaggi: 272
Iscritto il: 25 nov 2006, 17:36

ravioli dolci

Messaggioda Rossella » 16 dic 2006, 18:52

e qui le foto passo passo :wink:

Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 14282
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Messaggioda Marika » 18 ott 2007, 19:25

Vi ringrazio moltissimo:)
E' una splendida ricetta e la conserverò stavolta :D .Però io ricordavo di aver visto la classica raviola di ricotta al forno che si mangia nei bar di Catania, forse mi sbagliavo.Grazie tante lo stesso :D
Marika
 
Messaggi: 17
Iscritto il: 15 dic 2006, 16:28

Messaggioda mariafatima » 18 ott 2007, 19:44

Volendo i ravioli fatti con la stessa ricetta si possono cuocere al forno?'Si perde qualcosa della loro bontà?
mariafatima
 
Messaggi: 363
Iscritto il: 14 apr 2007, 15:26
Località: San Pietro in Lama (Lecce)

Messaggioda mariafatima » 18 ott 2007, 19:48

mariafatima ha scritto:Volendo i ravioli fatti con la stessa ricetta si possono cuocere al forno?'Si perde qualcosa della loro bontà?




Vedo che il guscio ha le bolle tipiche della crosta dei cannoli.Qui però non c'è l'alcool, come si speiga la loro presenza?
mariafatima
 
Messaggi: 363
Iscritto il: 14 apr 2007, 15:26
Località: San Pietro in Lama (Lecce)

Messaggioda Rossella » 18 ott 2007, 21:07

mariafatima ha scritto:
mariafatima ha scritto:Volendo i ravioli fatti con la stessa ricetta si possono cuocere al forno?'Si perde qualcosa della loro bontà?




Vedo che il guscio ha le bolle tipiche della crosta dei cannoli.Qui però non c''èl'alcool, come si speiga la loro presenza?


Puoi provare Maria, non saranno la stessa cosa, per la cottura in forno dico.
lavorando la pasta a lungo senza aggiungere liquidi, credo che il segreto sia quello.
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 14282
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Messaggioda anavlis » 19 ott 2007, 7:41

La sicilia è piena di questi dolci che cambiano nome da città a città, da paese a paese.

Ho una ricetta datami, tanti anni fa, da due vecchiette del trapanese, dove le chiamano "cassateddi".

Ingredienti per la pasta:

1 kg farina bianca
200 gr zucchero
2 uova intere
150 gr sugna
poca cannella in polvere e pizzico di sale

Mia madre, quando ero piccola, li preparava (purtroppo non conosco la sua ricetta) chiamandoli "ravioli". Ricordo solo che aggiungeva un poco di limone spremuto ed un pizzico di bicarbonato... :?:

La pasta va spianata molto sottile come si vede bene nella foto di Rossella e la "morte loro" è fritta!!! l'impasto non assorbe olio ed ogni tanto si può fare uno strappo alle regole dietetiche.

Pensavo a cosa hai potuto mangiare in pasticceria, cotta al forno, che somigliasse a questa ricetta. L'unica cosa che mi viene in mente è "l'iris al forno" che credo si prepari solo a Palermo e che sta vivendo un brutto periodo perchè quasi dimenticata! Solo in pochi la preparano. Però, l'impasto ricorda più la brioscina...
silvana


L’ironia è una dichiarazione di dignità, un’affermazione della superiorità dell’uomo su ciò che gli capita. (Romain Gary)
Avatar utente
anavlis
MODERATORE
 
Messaggi: 10915
Iscritto il: 8 apr 2007, 8:38
Località: palermo

Messaggioda lallinat » 19 ott 2007, 9:51

La raviola di ricotta al forno si trova facilmente nel siracusano. Credo (ma dovrei, quando scendo a Natale, fare una spedizione al bar), che sia fatta con la solita pasta da rosticceria, ripiena di ricotta dolce.
Marika, la pasta che hai mangiato era morbida o croccante? Se, come penso, era soffice, puoi fare un tentativo con la pasta da rosticceria di Rò di Coquinaria, eventualmente portando lo zucchero a 100 g:

Pasta da rosticceria di rò

1 kg farina 00
70 gr zucchero
100 gr strutto
30/35 gr sale
30gr lievito di birra
400/430 gr acqua (dipende da quanto è umida la farina)

Impasto il tutto e lascio lievitare per circa 2 ore , dopodichè stendo col matterello ad un'altezza di circa 5/7 mm.

Dopo aver steso ritaglio dei tondi di pasta di circa 10 cm (tranne che per le pizzette per le quali ritaglio dei tondi di circa 5/6 cm)

Dopo aver preparato tutti i ripieni, procedo alla realizzazione:

Per i panini tondi metto del ripieno (parecchio) al centro della pasta (che ho spennellato precedentemente con uovo e latte mischiati insieme per favorire la chiusura), chiudo tutti i lembi di pasta cercando di dare una forma a "palla", metto in teglia a lievitare (1 ora circa) spennellando ti tanto in tanto con il latte e l'uovo.

Per i panini quadrati parto sempre dal disco di pasta spennellato e dopo aver inserito il ripieno, piego due lembi di pasta per volta a mòdi croce, non so come spiegare...diciamo che... unisco il nord al sud (i leghisti inorridiranno ) e l'ovest all'est (che fatica ), così viene fuori una sorta di fagottino coi lembi chiusi al centro, quindi chiudo la pasta che rimane inevitabilmente aperta e metto a lievitare.

Il ripieno dei calzoni è molto semplice metto del prosciutto cotto insieme alla mozzarella, mentre quello agli spinaci lo preparo aggiungendo agli spinaci scottati in padella con un pò di burro, del gorgonzola a pezzetti, mozzarella e un pò di besciamella molto densa.

Per quelli coi wurstel, prendo delle strisce di pasta di circa 1/2 cm di larghezza e 15 di lunghezza che semplicemente arrotolo sul wurstel.

Prima di infornare dopo aver rispennellato con l'uovo e il latte spolvero con semi di sesamo per fare un pò di scena.
dai diamanti non nasce niente...

Immagine
Avatar utente
lallinat
 
Messaggi: 57
Iscritto il: 26 nov 2006, 12:42
Località: roma

Re: Ravioli dolci di ricotta di Enna di Rossella

Messaggioda cinzia cipri' » 30 gen 2009, 23:25

e gia' che ci siamo... questi vale la pena di farli appena prendo la ricotta fresca
Avatar utente
cinzia cipri'
 
Messaggi: 6999
Iscritto il: 27 mar 2008, 12:03
Località: Palermo


Torna a Doce Doce

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee