Quesito : meglio un PH acido o uno alcalino ?

Spazio per chiacchiere in libertà

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

Quesito : meglio un PH acido o uno alcalino ?

Messaggioda ronniebbq » 21 nov 2009, 21:31

Volevo porre questa domanda
per la nostra salute è meglio un ph acido quindi tendente al valore 0 o uno alclino quindi tendente verso 8 o 9 ?
La cucina è chimica.... quando capisci cosa avviene nella pentola ....cominci a vedere le cose diversamente ....
...la cottura della pasta non è altro che una gelificazione .....
R. P . Ronnie
L'esperienza è la somma di tutti i nostri errori passati :
e gli errori non identificati restano delle verità alternative ..... Oscar Wilde

www.grillemall.it
www.barbecueadomicilio.it
Avatar utente
ronniebbq
 
Messaggi: 238
Iscritto il: 25 ago 2008, 21:39
Località: MILANO - Monza -

Re: Quesito : meglio un PH acido o uno alcalino ?

Messaggioda cinzia cipri' » 21 nov 2009, 23:35

ronniebbq ha scritto:Volevo porre questa domanda
per la nostra salute è meglio un ph acido quindi tendente al valore 0 o uno alclino quindi tendente verso 8 o 9 ?


dipende di cosa stiamo parlando e spesso persino della pelle o dei capelli dell'individuo in esame.
Se si parla di acqua, anche li' diventa tutto molto relativo (alcune acque sono capaci di provocarmi forti bruciori di stomaco).
Avatar utente
cinzia cipri'
 
Messaggi: 5720
Iscritto il: 27 mar 2008, 12:03
Località: Palermo

Re: Quesito : meglio un PH acido o uno alcalino ?

Messaggioda ronniebbq » 21 nov 2009, 23:46

Parlo del Ph delle ... PLIM PLIM ...
:oops: :oops:
La cucina è chimica.... quando capisci cosa avviene nella pentola ....cominci a vedere le cose diversamente ....
...la cottura della pasta non è altro che una gelificazione .....
R. P . Ronnie
L'esperienza è la somma di tutti i nostri errori passati :
e gli errori non identificati restano delle verità alternative ..... Oscar Wilde

www.grillemall.it
www.barbecueadomicilio.it
Avatar utente
ronniebbq
 
Messaggi: 238
Iscritto il: 25 ago 2008, 21:39
Località: MILANO - Monza -

Re: Quesito : meglio un PH acido o uno alcalino ?

Messaggioda cinzia cipri' » 21 nov 2009, 23:51

ronniebbq ha scritto:Parlo del Ph delle ... PLIM PLIM ...
:oops: :oops:


qui ti aiutano le dottoresse e i dottori presenti sul forum allora ;)

per quello che so io (a forza di fare esami qualcosa la si impara), il valore corretto varia tra 5 e 7: valori inferiori a 5 o maggiori di 7 indicano potenziali problemi di varia natura (da verificare con altri esami)
Avatar utente
cinzia cipri'
 
Messaggi: 5720
Iscritto il: 27 mar 2008, 12:03
Località: Palermo

Re: Quesito : meglio un PH acido o uno alcalino ?

Messaggioda ronniebbq » 22 nov 2009, 0:03

cinzia cipri' ha scritto:
ronniebbq ha scritto:Parlo del Ph delle ... PLIM PLIM ...
:oops: :oops:


qui ti aiutano le dottoresse e i dottori presenti sul forum allora ;)

per quello che so io (a forza di fare esami qualcosa la si impara), il valore corretto varia tra 5 e 7: valori inferiori a 5 o maggiori di 7 indicano potenziali problemi di varia natura (da verificare con altri esami)


Personalmente se potessi scegliere - e lo si può fare - starei nella direzione alcalina .... qundi verso i valori tendenti all' 8
7 è circa l'internezzo quasi un equilibrio ....
L'alimentazione anche questa volta è fondamentale .... quindi in base a quello che si mangia si hanno i risultati ..
Volevo chiedervi di controllare il vostro PH se avete alcune patologie .... tipo diabete ... tipo ipercolesterolemia .... sovrappeso ...

State pensando se sono diventato pazzo ?
no mi sto solo informando ... leggendo ... cercare di capire ...
La cucina è chimica.... quando capisci cosa avviene nella pentola ....cominci a vedere le cose diversamente ....
...la cottura della pasta non è altro che una gelificazione .....
R. P . Ronnie
L'esperienza è la somma di tutti i nostri errori passati :
e gli errori non identificati restano delle verità alternative ..... Oscar Wilde

www.grillemall.it
www.barbecueadomicilio.it
Avatar utente
ronniebbq
 
Messaggi: 238
Iscritto il: 25 ago 2008, 21:39
Località: MILANO - Monza -

Re: Quesito : meglio un PH acido o uno alcalino ?

Messaggioda ettore » 22 nov 2009, 17:18

Cari amici/che
ovviamente non parlo "da medico" e m'attacco ad alcune notizie elementari che a suo tempo avevo studiato. Ve le passo:
1) Il pH delle urine può variare nell’arco della giornata fra 4,5 e 8 (più facile fra 5 e 7) in funzione di una serie di situazioni estemporanee, tutte più o meno “normali”. Diventano "anormali" se sono stabilmente o tendono a 4,5 o oltre 7,5.
2) Un pH basso, stabile o tendente al basso, trova spiegazioni dell’acidità, ad esempio, nel derivare da una alimentazione (costante o occasionale) iperproteica o ipoglucidica (compresi digiuni prolungati). Può derivare da farmaci che contengano cloruri o solfati o fostati di ammonio, o amminoacidi tipo la metionina. Altri motivi (più grvi, ovviamente) possono essere in alcune patologie tipo il diabete mellito o una insufficienza renale o una calcolosi renale, …
3) pH alcalino, stabilmente oltre 7, può essere indice di una alcalosi metabolica, respiratoria, vomito, farmaci antiacidi a base di bicarbonato di sodio o citrato di potassio, una dieta ricca di agrumi, infezioni alle vie urinarie, ...
buoni controlli, e parlate con qualcuno che ne sappia più di me.
ettore
Avatar utente
ettore
 
Messaggi: 223
Iscritto il: 5 apr 2007, 16:47
Località: Pesaro

Re: Quesito : meglio un PH acido o uno alcalino ?

Messaggioda rosanna » 22 nov 2009, 17:25

io so che la "direzione alcalina" dovrebbe essere quella giusta. Un noto professore, che poi e' oncologo di fama il prof Veronesi, che incontrai in un centro benessere in india, mi disse che si dovrebbero prediligere sempre gli alimenti alcalini (frutta, verdura e cereali) e che lui non mangia carni di nessun genere. ma sai in questo campo ognuno fa come crede o come e' abituato. Per alcune persone e' fondamentale mangiare carne e insaccati ogni giorno.
Io conosco un signore che, vivo per miracolo dopo essersi ammalato di linfoma non hodgkin, se non mangia carne la mattina e prosciutto la sera, notoriamente acidi si arrabbia, gli sembra di aver mangiato malissimo .
Personalmente non mangio quasi mai carne, raramente tacchino o pollo o coniglio (bio). Non so.. piu' passano gli anni meno avverto necessita' di proteine animali. Pero' faccio altri errori madornali (dolci e ..dolci ) e periodicamente corro ai ripari :D
Rosanna

L’uomo è viator, pellegrino o fuggiasco. Ogni cammino è infine verso una casa. E la casa, dove abito, è il luogo dove sono accolto e amato. Altrimenti fuggo e vado vagando. La casa di ognuno è chi lo ama. E chiunque ama è casa dell’amato. Il nostro camminare è sempre un «cercare» amore, unico luogo dove ci sentiamo di casa e possiamo riposare.
(Silvano Fausti sj)
Avatar utente
rosanna
 
Messaggi: 4466
Iscritto il: 25 nov 2006, 17:21
Località: NAPOLI

Re: Quesito : meglio un PH acido o uno alcalino ?

Messaggioda Danidanidani » 22 nov 2009, 18:44

ronniebbq ha scritto:Volevo porre questa domanda
per la nostra salute è meglio un ph acido quindi tendente al valore 0 o uno alclino quindi tendente verso 8 o 9 ?


Nè l'uno,né l'altro. Il Ph urinario ha una fascia di "normalità variabile tra 4,6 e 7,8...il "bello" è che il Ph urinario varia nello stesso individuo nel corso della giornata,trovandosi più tendente all'acido la mattina a digiuno e più all'alcalino nel corso delle ore diurne per riscendere a sera verso l'acidità.Come già detto da altri il Ph è influenzato dal tipo di alimentazione e,aggiungo,da eventuali farmaci assunti.Valori stabilmente e fortemente acidi o alcalini sono indice o di seri disturbi alimentari o di patologie,tante e tali che ci vorrebbe un trattato che oltre a non avere la capacità e neppure la voglia,trovo pure che non sarebbe opportuno fare in questa sede. :saluto: :saluto:
Daniela Del Castillo
le mie foto qui:
http://www.flickr.com/photos/8594434@N08/?saved=1
Immagine
Avatar utente
Danidanidani
 
Messaggi: 2719
Iscritto il: 26 nov 2006, 0:01
Località: Macerata Feltria

Re: Quesito : meglio un PH acido o uno alcalino ?

Messaggioda ronniebbq » 22 nov 2009, 18:55

Incuriosito da questo documento
http://www.criticamente.it/upload/dl/Sa ... _acidi.pdf
mi sono posto la domanda
volevo sentire anche il vostro parere
In oltre vi chiedo avete mai sentito parlare dell'erba di grano ?
La cucina è chimica.... quando capisci cosa avviene nella pentola ....cominci a vedere le cose diversamente ....
...la cottura della pasta non è altro che una gelificazione .....
R. P . Ronnie
L'esperienza è la somma di tutti i nostri errori passati :
e gli errori non identificati restano delle verità alternative ..... Oscar Wilde

www.grillemall.it
www.barbecueadomicilio.it
Avatar utente
ronniebbq
 
Messaggi: 238
Iscritto il: 25 ago 2008, 21:39
Località: MILANO - Monza -

Re: Quesito : meglio un PH acido o uno alcalino ?

Messaggioda Danidanidani » 22 nov 2009, 20:00

ronniebbq ha scritto:Incuriosito da questo documento
http://www.criticamente.it/upload/dl/Sa ... _acidi.pdf
mi sono posto la domanda
volevo sentire anche il vostro parere
In oltre vi chiedo avete mai sentito parlare dell'erba di grano ?


Vorrei sapere chi è questo prof.Kurt comesichiama,che titoli ha e cosa insegna,se insegna.Poi ti dirò cosa penso.Quanto all'erba di grano,mi è sconosciuta...non mi occupo di cose per me "strane" :shock: :shock: :shock: :saluto:
Daniela Del Castillo
le mie foto qui:
http://www.flickr.com/photos/8594434@N08/?saved=1
Immagine
Avatar utente
Danidanidani
 
Messaggi: 2719
Iscritto il: 26 nov 2006, 0:01
Località: Macerata Feltria

Re: Quesito : meglio un PH acido o uno alcalino ?

Messaggioda ronniebbq » 22 nov 2009, 20:50

... MA non saprei....
sono incappato casualmente facendo una ricerca su internet di un argomento legato alla cucina ...
e o per errore o per casualità ho aperto una pagina che parlava di ph negli umani ...
da li apri un pagina..... apri un collegamento.... sono poi arrivato qui
http://www.phmiracleliving.com/default.aspx
Poi ho trovato anche questo

Patologie e acqua ionizzata, con pH alcalino. 1
CANCRO – Otto Warburg, biochimico, premio Nobel 1931 (sue ricerche
verificate nel 1950) ha scoperto che se nella chimica “respiratoria” delle
cellule normali l'ossigeno viene sostituito dalla fermentazione degli
zuccheri, si sviluppano facilmente cellule tumorali che funzionano senza
ossigeno, analogamente alle cellule vegetali (per le quali l'ossigeno è un
prodotto di scarto rispetto all'anidride carbonica), e che sono acide.
E' evidente perciò la necessità di alimentazione adeguata ed esercizi
respiratori che contrastino questa tendenza: in particolare si ricorda che il
colon può assorbire il 70% dell'ossigeno somministrato per via gastrica ed
è quindi in pratica come un “terzo polmone”.
Nell'acqua alcalina (in seguito ad elettrolisi e ionizzazione) aumenta la
disponibilità di ossigeno (oltre alla forma molecolare O2) sotto forma di
ioni di idrossido (OH-) molto stabili perchè legati con minerali ionizzati
alcalini (a carica +). Altra reazione è che due di questi ioni possono
formare una molecola d'acqua, liberando un atomo di ossigeno.
Si ottengono così due effetti: si neutralizzano i composti acidi e si
ossigenano le cellule, e questo è quantomeno preventivo rispetto alla
formazione di cellule tumorali.
Gli ioni OH- si formano anche naturalmente nel nostro organismo, ma solo
in ambito alcalino (con pH del sangue non inferiore a 7): senza di essi e le
molecole O2 si muore.
Le persone con alto livello di alcalinità sopravvivono più facilmente in
ambienti scarsamente ossigenati.
In caso estremo, se si interrompe la respirazione, si muore in circa 3 minuti
ma chi, come i neonati, ha alto livello di alcalinità, sopravvive anche per
qualche minuto in più.
La formazione di cellule “simil vegetali” che non usano ossigeno,
inizialmente è un modo di far fronte alla carenza di ossigeno per
sopravvivere, finchè non escono dal controllo e proliferano senza limiti.

Pressione alta – Una causa certa è l'acidosi che fa diminuire l'ossigeno nel
sangue, per cui il cuore deve aumentare il ritmo di “pompaggio” (come
durante uno sforzo fisico), mentre i residui acidi incrostanti restringono le
arterie e quindi si ha un effetto di tipo “idraulico”: a parità di massa liquida
pompata e di forza di spinta, se diminuisce la sezione dei tubi aumenta la
pressione.

Lo zucchero si combina con l'ossigeno e ne consuma grande quantità
sottraendolo all'organismo.
Le bibite gasate contengono zucchero e biossido di carbonio (acido
carbonico). Ad esempio coca-cola e simili bevande hanno pH acido 2,5
e per neutralizzarlo si dovrebbe diluire un bicchiere di quel liquido in
32 bicchieri di acqua alcalina a pH 10.
Stanno aumentando nei giovani malattie tipiche degli adulti ultra
quarantenni (per esempio diabete, obesità, ecc.) ed è noto l'alto
consumo di quelle bevande da parte loro.

DIABETE – Il pancreas (con le “isole” di Langerhans) produce insulina
per la metabolizzazione degli zuccheri (e quindi anche dei carboidrati che
li generano). La carenza di ioni di calcio squilibra produzione e presenza
di insulina nel sangue, che si acidifica e trattiene scorie che riducono la
funzionalità arteriosa, si depositano sulle cartilagini delle articolazioni e
provocano logoramento, infiammazioni e dolori.
L'acqua alcalina fornisce ioni di calcio che contrastano queste tendenze, e
perciò può prevenire (e modificare in meglio) questi esiti negativi.
Naturalmente, con il suo uso, hanno migliori risultati le terapie specifiche
e si rinforza l'organismo in modo che, in moltissimi casi, avviene una
ripresa del sistema immunitario che favorisce l'auto-guarigione.

ARTRITE, GOTTA – Relativamente ai dolori alle articolazioni, le cause
sono le stesse del diabete (in particolare, nella gotta, si deposita acido
urico, prevalentemente generato dal consumo di carne).
Anche in questi casi, assieme ad una alimentazione adeguata, l'acqua
alcalina ha un ruolo nel rimuovere le scorie acide e, riequilibrando
l'organismo, nel migliorare la funzionalità del sistema linfatico che porta,
tra l'altro, allo smaltimento della ritenzione idrica eccessiva nei tessuti del
corpo, tipica della gotta.
Non va dimenticato che molti medicinali usati nelle terapie specifiche
hanno effetti collaterali acidificanti, da neutralizzare.

Malattie DEGENERATIVE da invecchiamento - Anche queste sono
legate all'accumulo di rifiuti acidi e all'azione dei radicali liberi.
E' certo che, anche in casi di tendenze dovute a fattori genetici ereditari, se
si utilizza acqua alcalina fin dall'infanzia si ottiene un effetto preventivo.
Malattie RENALI – I reni sono filtri che eliminano i residui acidi, ma se
viene superata la quantità che possono gestire possono cadere in patologie
(nefrite, avvelenamento uremico, disturbi della vescica, ecc.).

I calcoli renali sono formati da sali acidi (urico e/o fosforico, combinati
con calcio e/o magnesio che in parte riducono l'acidità). Aggiungere ioni
di calcio e quindi alzare il pH verso l'alcalino aiuta a sciogliere i calcoli e a
prevenire la loro formazione.
L'acqua alcalina quindi può ottenere questi effetti e anche regolare la
pressione osmotica e la funzionalità dei reni.

ASMA, FEBBRE DA FIENO, ALLERGIE – Sembra che anche questi
disturbi siano riconducibili ad un eccesso di acidità interna che indebolisce
il sistema immunitario e ne altera le funzioni, inducendolo a riconoscere
come aggressioni pericolose gli incontri con sostanze che, per la maggior
parte delle persone, non sono nocive, e scatenando reazioni di rigetto di
vario tipo. Tali reazioni hanno aspetti anche auto-distruttivi
dell'organismo se questo non riesce a superare l'emergenza ed entra in
stato di disturbo cronico (si assommano anche effetti psicosomatici).

IPERACIDITA' (a livello sensibile) – Bruciori di stomaco, indigestione,
gonfiori di stomaco e intestino (gas da fermentazione), nausea, ecc.
Sono riconducibili all'effetto dell'eccessiva presenza di scorie acide e
anche in questi casi è di grande aiuto l'acqua alcalina.

OSTEOPOROSI – Le ossa contengono principalmente calcio e fosforo.
Il calcio dà resistenza alle strutture. Quando l'organismo è in acidosi forte
e protratta nel tempo, per fornire un “tampone” anti-acido preleva calcio (e
altri minerali alcalini) dalle riserve interne e quindi anche dalle ossa, che si
indeboliscono fino all'osteoporosi.
Negli anziani, questo può portare a cambi di postura, a incurvature
(“ripiegamenti su sé stessi” con apparente diminuzione di statura), forse
per un reazione inconscia di difesa contro la possibilità di fratture nelle
ossa indebolite.
NAUSEE AL RISVEGLIO di donne in gravidanza – Nella fase fetale
gli organismi dei bambini assorbono grandi quantità di minerali alcalini di
cui hanno bisogno per svilupparsi, sottraendoli all'organismo materno.
Questo avviene anche durante il sonno e quindi, perdendo fonti di
alcalinità, il sangue della madre diventa più acido e crea uno squilibrio che
porta al senso di nausea (come nei “capogiri” e simili fenomeni di perdita
di equilibrio), finchè si provvede con l'alimentazione al riequilibrio.
L'uso costante e abbondante di acqua alcalina è di grande aiuto.

DIFETTI della VISTA – La causa primaria è la perdita di elasticità del
cristallino e dei muscoli del globo oculare. 3 >>>
Anche in questo caso i residui acidi incrostanti hanno un ruolo nel
compromettere la funzionalità dei tessuti corporei (assieme ad
alimentazione e “stile di vita”).
Una interessante casistica porta a far ritenere che l'abbattimento della
acidosi con l'acqua alcalina consenta recuperi, anche consistenti (si nota
molto spesso una sinergia con l'uso di occhiali a fori stenopeici).

MALATTIE INFETTIVE – Quando si è aggrediti da batteri e virus, i
linfociti (componenti dei “globuli bianchi” o leucociti del sangue) si
scontrano con essi distruggendoli ed essendo in parte distrutti con il
conseguente accumulo di cellule morte, che sono acide.
Se l'indice di alcalinità del sangue è elevato e vengono perciò rimossi i
residui acidi, la capacità di resistenza e ripresa dell'organismo aumenta.
Non a caso, dopo, per esempio, un attacco di influenza, è buona cosa
consumare cibi alcalini (come le banane, che contengono potassio) per
reintegrare le scorte ed eliminare le scorie.
E' evidente quindi il ruolo che può avere l'acqua a pH alcalino.

DIARREA CRONICA e STITICHEZZA – Sono prodotte entrambe
dall'eccesso di acidità che riduce l'alcalinità del succo pancreatico, il quale
non riesce a neutralizzare l'acidità degli alimenti che, arrivando negli
intestini con troppa acidità provocano la diarrea (una espulsione anomala
che il corpo attiva per liberarsi da materiale nocivo, così come avviene con
il vomito). Se il disequilibrio non viene rimosso, la diarrea diviene cronica.
Sembra che la stitichezza sia indotta da un accumulo di scorie acide sulla
membrana mucosa del colon: l'acqua alcalina sembra favorire la
secrezione di fluidi alcalini dal colon, che eliminano gli accumuli acidi, in
conseguenza anche della ripresa di alcalinità del succo pancreatico.
Test fatti su decine di probandi stitici (età compresa fra 39 e 62 anni), con
il consumo di 1,5 litri di acqua alcalina al dì, a testa, per 7 giorni, hanno
mostrato una riduzione del tempo medio di passaggio alle feci da 74 ore a
40, pari a una media dei tempi di riduzione del 51%.
Tutti i probandi, continuando il trattamento in un periodo da una a due
settimane, riuscirono a defecare una volta al giorno.
N.B.
Metabolizzazione dei nutrienti: dopo esser stati disgregati dai succhi
gastrici (acidi), gli alimenti hanno bisogno di ambiente alcalino per il loro
perfetto assorbimento (cioè, come si dice, per “bruciare” completamente)
se no i residui non bruciati si trasformano in grasso, e questo può avvenire
anche in chi non mangia molto.




ed allora mi è sorta la domanda
altro non saprei dirti !!!

Incuriosito ho dato un okkio ai miei esami
Ho però notato una cosa , che avevo il colesterolo + alto quando avevo il ph tendente all'acido 6
e ho il colesterolo + basso ( esami fatti 15 gg fa ) avendo il ph 7 cioè neutro . sempre prendendo la mia bella pastiglietta !

DANI ..... tu ne sai più di me sicuramente ... illuminaci
La cucina è chimica.... quando capisci cosa avviene nella pentola ....cominci a vedere le cose diversamente ....
...la cottura della pasta non è altro che una gelificazione .....
R. P . Ronnie
L'esperienza è la somma di tutti i nostri errori passati :
e gli errori non identificati restano delle verità alternative ..... Oscar Wilde

www.grillemall.it
www.barbecueadomicilio.it
Avatar utente
ronniebbq
 
Messaggi: 238
Iscritto il: 25 ago 2008, 21:39
Località: MILANO - Monza -

Re: Quesito : meglio un PH acido o uno alcalino ?

Messaggioda Danidanidani » 22 nov 2009, 21:43

Naaaaa,voglio sapere di questo Kurt Tepperwein........
Daniela Del Castillo
le mie foto qui:
http://www.flickr.com/photos/8594434@N08/?saved=1
Immagine
Avatar utente
Danidanidani
 
Messaggi: 2719
Iscritto il: 26 nov 2006, 0:01
Località: Macerata Feltria

Re: Quesito : meglio un PH acido o uno alcalino ?

Messaggioda ronniebbq » 22 nov 2009, 21:55

Danidanidani ha scritto:Naaaaa,voglio sapere di questo Kurt Tepperwein........


ahhahaa D:Do
non lo conosco .... ma ancora di più mi ha incuriosito questo
Dr. Young and the pH Miracle
La cucina è chimica.... quando capisci cosa avviene nella pentola ....cominci a vedere le cose diversamente ....
...la cottura della pasta non è altro che una gelificazione .....
R. P . Ronnie
L'esperienza è la somma di tutti i nostri errori passati :
e gli errori non identificati restano delle verità alternative ..... Oscar Wilde

www.grillemall.it
www.barbecueadomicilio.it
Avatar utente
ronniebbq
 
Messaggi: 238
Iscritto il: 25 ago 2008, 21:39
Località: MILANO - Monza -

Re: Quesito : meglio un PH acido o uno alcalino ?

Messaggioda Danidanidani » 22 nov 2009, 22:11

Allora rispondo che penso siano tutti "pallonari"..e con questo chiudo le comunicazioni! :saluto: :saluto: :saluto:
Daniela Del Castillo
le mie foto qui:
http://www.flickr.com/photos/8594434@N08/?saved=1
Immagine
Avatar utente
Danidanidani
 
Messaggi: 2719
Iscritto il: 26 nov 2006, 0:01
Località: Macerata Feltria

Re: Quesito : meglio un PH acido o uno alcalino ?

Messaggioda Sandra » 22 nov 2009, 22:19

http://www.tepperwein.at/index.php?id=13&L=3

Una linea completa per deacidificarsi!!! :D Farebbe bene a tanta gente :lol: :lol:
E quando ne ho voglia faccio anche qualche foto:
http://www.flickr.com/photos/43807393@N00/
Avatar utente
Sandra
MODERATORE
 
Messaggi: 8098
Iscritto il: 25 nov 2006, 15:56
Località: vence(francia)

Re: Quesito : meglio un PH acido o uno alcalino ?

Messaggioda Danidanidani » 22 nov 2009, 22:39

Sandra ha scritto:http://www.tepperwein.at/index.php?id=13&L=3

Una linea completa per deacidificarsi!!! :D Farebbe bene a tanta gente :lol: :lol:


...del sedicente professore.Ho ragione io:pallonari! :saluto: :saluto: :saluto:
Daniela Del Castillo
le mie foto qui:
http://www.flickr.com/photos/8594434@N08/?saved=1
Immagine
Avatar utente
Danidanidani
 
Messaggi: 2719
Iscritto il: 26 nov 2006, 0:01
Località: Macerata Feltria

Re: Quesito : meglio un PH acido o uno alcalino ?

Messaggioda rosanna » 22 nov 2009, 23:14

non sono medico e quindi parlo da profana. l'erba di grano, in india in questo istituto http://www.jindalnaturecure.org , dove mi reco ogni anno me ne danno un bicchierino piccolo centrifugato ed e' la wheat grass per l'appunto. Io vi posso dire per certo che dopo due tre giorni di dieta ...alcalina la pelle visibilmente cambia di colpo (dicono che e' il primo segnale di deacidificazione) mi sento una meraviglia, non ho il fiatone e corro tutto il giorno nonostante mangi solo frutta e verdura (e latte di soya ) e mi sgonfio e dimagrisco . Ci andro' anche quest'anno, perche' penso che alla mia eta' la manutenzione della "macchina" sia doverosa, a casa non riesco proprio a fare nessun tipo di dieta e quindi una volta all'anno faccio le grandi pulizie e poi per un paio di mesi faccio la brava. Qui non si puo' a meno che non si viva in un eremo.
Rosanna

L’uomo è viator, pellegrino o fuggiasco. Ogni cammino è infine verso una casa. E la casa, dove abito, è il luogo dove sono accolto e amato. Altrimenti fuggo e vado vagando. La casa di ognuno è chi lo ama. E chiunque ama è casa dell’amato. Il nostro camminare è sempre un «cercare» amore, unico luogo dove ci sentiamo di casa e possiamo riposare.
(Silvano Fausti sj)
Avatar utente
rosanna
 
Messaggi: 4466
Iscritto il: 25 nov 2006, 17:21
Località: NAPOLI

Re: Quesito : meglio un PH acido o uno alcalino ?

Messaggioda ronniebbq » 23 nov 2009, 7:03

Caspita Rosanna che bel posto rilassante ed equlibrante sia per la mente che per il corpo !!!
... e quindi tu hai assaggiato questo erba di grano !!!
guarda qui http://www.lioverde.com/
La cucina è chimica.... quando capisci cosa avviene nella pentola ....cominci a vedere le cose diversamente ....
...la cottura della pasta non è altro che una gelificazione .....
R. P . Ronnie
L'esperienza è la somma di tutti i nostri errori passati :
e gli errori non identificati restano delle verità alternative ..... Oscar Wilde

www.grillemall.it
www.barbecueadomicilio.it
Avatar utente
ronniebbq
 
Messaggi: 238
Iscritto il: 25 ago 2008, 21:39
Località: MILANO - Monza -

Re: Quesito : meglio un PH acido o uno alcalino ?

Messaggioda anavlis » 23 nov 2009, 11:00

rosanna ha scritto:non sono medico e quindi parlo da profana. l'erba di grano, in india in questo istituto http://www.jindalnaturecure.org , dove mi reco ogni anno me ne danno un bicchierino piccolo centrifugato ed e' la wheat grass per l'appunto. Io vi posso dire per certo che dopo due tre giorni di dieta ...alcalina la pelle visibilmente cambia di colpo (dicono che e' il primo segnale di deacidificazione) mi sento una meraviglia, non ho il fiatone e corro tutto il giorno nonostante mangi solo frutta e verdura (e latte di soya ) e mi sgonfio e dimagrisco .


Ci vorrebbe per me! (costa molto?)

Neppure io sono un medico, però penso che non si debba demonizzare tutto ciò che è diverso dalla medicina cosiddetta ufficiale. Troverei utile vedere camminare insieme le varie teorie mediche invece di contrapporsi per partito preso; quello che avviene da anni negli ospedali francesi. Infondo l'uomo si è curato per millenni con rimedi naturali che oggi, con la memoria corta degli uomini, sono andati quasi del tutto perduti. Un patrimonio perduto.

Ettore mi raccontava come reagiscono gli enzimi del vino con la luna piena, o non ricordo bene cosa, che migliorava la qualità del vino. Ovviamente parlare di questo sembra quasi superstizione, fissazione di uomini ignoranti che collegavano il vino con la luna....
Cosa avveniva lo hanno spiegato, oggi , un gruppo di ricercatori americani (che non avevano un c.... da fare :lol: :lol: :lol: ) quello che nella pratica era stato il comportamento, frutto di anni di esperienza, tramandato verbalmente.

Nel mio girovagare per le montagne mi capita di trovare ancora qualche anziano che conosce le proprietà di alcune erbe del proprio territorio ed io scrivo...segno...cerco di collegare il nome dell'erba in dialetto con quello scientifico. Sto faticando a trovare il corrispettivo di un' erba che pestata con una pietra è un potente cicatrizzante-
silvana


L’ironia è una dichiarazione di dignità, un’affermazione della superiorità dell’uomo su ciò che gli capita. (Romain Gary)
Avatar utente
anavlis
MODERATORE
 
Messaggi: 11399
Iscritto il: 8 apr 2007, 8:38
Località: palermo

Re: Quesito : meglio un PH acido o uno alcalino ?

Messaggioda rosanna » 23 nov 2009, 12:26

L'istituto di naturopatia e scienze yoga di Mr. Jindal a bangalore costa poco. Io vado in executive room e pago : check up completo all'arrivo, trattamenti vari ecc. sui 700 euro per due settimane. Il medico stabilisce quotidianamente dieta e trattamenti (sono una ventina di medici , io ho una donna chief doctor, bravissima) Non e' un ospedale ed e' costruito in estensione, come un club med , si cammina sempre da un posto all'altro. Sono sette i pasti, diciamo cosi', al giorno, piu' la centrifuga di erba di grano mentre fai i trattamenti (massaggio o altro) . A me danno anche datteri e miele e latte di soya e dimagrisco ugualmente . Tutti gli alimenti sono bio e coltivate in loco, al mattino durante la passeggiata intorno al laghetto si incontrano le contadine con grosse cesta sulla testa, piene di verdure .
Silvana se vuoi venire fammelo sapere, magari andiamo insieme a gennaio o febbraio.
Rosanna

L’uomo è viator, pellegrino o fuggiasco. Ogni cammino è infine verso una casa. E la casa, dove abito, è il luogo dove sono accolto e amato. Altrimenti fuggo e vado vagando. La casa di ognuno è chi lo ama. E chiunque ama è casa dell’amato. Il nostro camminare è sempre un «cercare» amore, unico luogo dove ci sentiamo di casa e possiamo riposare.
(Silvano Fausti sj)
Avatar utente
rosanna
 
Messaggi: 4466
Iscritto il: 25 nov 2006, 17:21
Località: NAPOLI

Prossimo

Torna a Il cavolo a merenda

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee