Problemi di cottura

Dubbi, consigli, attrezzi & c

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

Re: Problemi di cottura

Messaggioda nicodvb » 19 set 2010, 23:28

Gaudia, perché cercare i buchi se il pane è più buono così? Credo che anche la consistenza influisca sul sapore. In ogni caso i buconi non ti vengono proprio per il discorso che facevo ieri: la semola non ha la necessaria elesticità.
Che mondo sarebbe senza ricotta?
file excel con le ricette dei grandi lievitati: http://dl.dropbox.com/u/69660061/lievitati.xls
Avatar utente
nicodvb
 
Messaggi: 3048
Iscritto il: 23 dic 2008, 12:34
Località: Bologna

Re: Problemi di cottura

Messaggioda Gaudia » 19 set 2010, 23:36

Nico, la mia è solo una curiosità perchè i buchi non mi vengono anche se uso altri tipi di farine
Avatar utente
Gaudia
 
Messaggi: 2093
Iscritto il: 30 ott 2009, 0:17

Re: Problemi di cottura

Messaggioda nicodvb » 19 set 2010, 23:39

Gaudia ha scritto:Nico, la mia è solo una curiosità perchè i buchi non mi vengono anche se uso altri tipi di farine


che farine? fai la prova dito per verificare che l'impasto abbia ancora l'elasticità necessaria? altrimenti rischi di infornare quando non ne ha più e in forno non cresce
Che mondo sarebbe senza ricotta?
file excel con le ricette dei grandi lievitati: http://dl.dropbox.com/u/69660061/lievitati.xls
Avatar utente
nicodvb
 
Messaggi: 3048
Iscritto il: 23 dic 2008, 12:34
Località: Bologna

Re: Problemi di cottura

Messaggioda Gaudia » 20 set 2010, 0:44

Mi piace molto l'impasto con farina 0+ kamut e poi tutte le farine integrali.
Ieri ho comprato della farina di farro; a quale farina l'aggiungo? alla 0 va bene? E in che percentuale?
Avatar utente
Gaudia
 
Messaggi: 2093
Iscritto il: 30 ott 2009, 0:17

Re: Problemi di cottura

Messaggioda Luciana_D » 20 set 2010, 7:02

Gaudia ha scritto:Nico, la mia è solo una curiosità perchè i buchi non mi vengono anche se uso altri tipi di farine

I buchi non vengono quando si lavora troppo l'impasto e se non e' idratato a sufficienza.
Il buco e' un "disordine" della maglia glutinica.
Si vede che anche io sono ordinatissima :lol:
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11828
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri

Re: Problemi di cottura

Messaggioda Luciana_D » 20 set 2010, 7:07

ziaFania ha scritto:Ehi! A parte il pane che sembra meraviglioso, voglio usare anch'io la semola rimacinata, la tua tovaglia e` bellissima. Provero` la tua ricetta. Luciana non ne aveva anche una di grano duro per caso? Dov'e`?

Di grano duro sono quasi tutti ma forse t'interessava quello tipo altamura
Ce ne sono anche due di Adriano.In Archivio trovi tantissimo :wink:
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11828
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri

Re: Problemi di cottura

Messaggioda nicodvb » 20 set 2010, 8:38

Gaudia ha scritto:Mi piace molto l'impasto con farina 0+ kamut e poi tutte le farine integrali.
Ieri ho comprato della farina di farro; a quale farina l'aggiungo? alla 0 va bene? E in che percentuale?


volendo puoi usarlo anche da solo, ma di solito metà e metà è un buon compromesso, soprattutto se è farro integrale.
Che mondo sarebbe senza ricotta?
file excel con le ricette dei grandi lievitati: http://dl.dropbox.com/u/69660061/lievitati.xls
Avatar utente
nicodvb
 
Messaggi: 3048
Iscritto il: 23 dic 2008, 12:34
Località: Bologna

Re: Problemi di cottura

Messaggioda maria rita » 22 set 2010, 12:22

Siete troppo divertenti! davvero.

comunque grazie, Nico, per la tua risposta. Io metto il sale nella farina quando faccio il pane a modo mio. Anche a me l'alveolatura viene piuttosto fine e regolare, senza "buconi" ma il pane è morbido, la crosta "giusta" e quando vado a cena da amici me lo chiedono invece del dolce, perciò tanto mi basta. Se posso aggiungere: ho avuto problemi di crosta quando il lievito madre non era giunto a perfetta maturazione, poi non più. Mi piacerebbe sentire anche il pensiero degli altri "panettieri".
Maria Rita

« Noi atei crediamo di dover agire secondo coscienza per un principio morale, non perché ci aspettiamo una ricompensa in paradiso. »
(Margherita Hack)
Avatar utente
maria rita
 
Messaggi: 928
Iscritto il: 13 dic 2006, 15:13
Località: Padova

Re: Problemi di cottura

Messaggioda nicodvb » 22 set 2010, 12:28

maria rita ha scritto:Siete troppo divertenti! davvero.

comunque grazie, Nico, per la tua risposta. Io metto il sale nella farina quando faccio il pane a modo mio. Anche a me l'alveolatura viene piuttosto fine e regolare, senza "buconi" ma il pane è morbido, la crosta "giusta" e quando vado a cena da amici me lo chiedono invece del dolce, perciò tanto mi basta. Se posso aggiungere: ho avuto problemi di crosta quando il lievito madre non era giunto a perfetta maturazione, poi non più. Mi piacerebbe sentire anche il pensiero degli altri "panettieri".



io amo la mollica regolare e odio i buconi. Anche a me quella mollica dà l'impressione di mangiare un dolce, capisco bene le richieste che hai!
La crosta non mi piace per niente, tanto che quando faccio il pane non di segale faccio sempre il bauletto (che non è pancarrè) proprio perché
in quel modo lì il pane diventa proprio un vero sostituto del dolce :wink:
Che mondo sarebbe senza ricotta?
file excel con le ricette dei grandi lievitati: http://dl.dropbox.com/u/69660061/lievitati.xls
Avatar utente
nicodvb
 
Messaggi: 3048
Iscritto il: 23 dic 2008, 12:34
Località: Bologna

Re: Problemi di cottura

Messaggioda anavlis » 22 set 2010, 12:33

Gaudia complimenti!!!!!!!! lascia perdere i buconi, fai dei bellissimi pani. Ottima anche la cottura : Thumbup :
silvana


L’ironia è una dichiarazione di dignità, un’affermazione della superiorità dell’uomo su ciò che gli capita. (Romain Gary)
Avatar utente
anavlis
MODERATORE
 
Messaggi: 10429
Iscritto il: 8 apr 2007, 8:38
Località: palermo

Re: Problemi di cottura

Messaggioda Gaudia » 22 set 2010, 13:54

Silvana *smk*
Avatar utente
Gaudia
 
Messaggi: 2093
Iscritto il: 30 ott 2009, 0:17

Re: Problemi di cottura

Messaggioda ziaFania » 22 set 2010, 20:31

Adesso vi racconto quello che ho potuto constatare con il mio pane alla semola rimacinata. Avevo una pasta madre di segale rinforzata secondo il metodo di Pöt in http://www.der-Sauerteig.de. Ho usato lievito di birra nella biga e solo semola rimacinata di grano duro. Mi piacerebbe ottenere il colore, il sapore e la consistenza del pane di Matera. Siamo molto campanilisti per quel che riguarda il pane e anche se Altamura e` a 11 km da Matera i materani continueranno a preferire il pane di Matera, bisogna riconoscere pero` che ad Altamura si mangia bene. Ritornando al mio discorso di partenza, a giudicare dal mio prodotto finale e dal sapore che io ricordo io credo che si` usano solo semola rimacinata di grano duro. Come ho detto in un messaggio precedente, i panettieri non fanno mistero dell'uso del lievito di birra insieme a quello della pasta madre. Indi, per cui, poscia vorrei sapere se si puo` fare una pasta madre di sola semola rimacinata, ammesso e non concesso che la mia semola sia ad alto contenuto di glutine.
Avatar utente
ziaFania
 
Messaggi: 221
Iscritto il: 14 ago 2010, 17:18
Località: San Diego

Re: Problemi di cottura

Messaggioda nicodvb » 22 set 2010, 20:36

ziaFania ha scritto:Adesso vi racconto quello che ho potuto constatare con il mio pane alla semola rimacinata. Avevo una pasta madre di segale rinforzata secondo il metodo di Pöt in http://www.der-Sauerteig.de. Ho usato lievito di birra nella biga e solo semola rimacinata di grano duro. Mi piacerebbe ottenere il colore, il sapore e la consistenza del pane di Matera. Siamo molto campanilisti per quel che riguarda il pane e anche se Altamura e` a 11 km da Matera i materani continueranno a preferire il pane di Matera, bisogna riconoscere pero` che ad Altamura si mangia bene. Ritornando al mio discorso di partenza, a giudicare dal mio prodotto finale e dal sapore che io ricordo io credo che si` usano solo semola rimacinata di grano duro. Come ho detto in un messaggio precedente, i panettieri non fanno mistero dell'uso del lievito di birra insieme a quello della pasta madre. Indi, per cui, poscia vorrei sapere se si puo` fare una pasta madre di sola semola rimacinata, ammesso e non concesso che la mia semola sia ad alto contenuto di glutine.



certo che si può. Si usa esattamente lo stesso metodo che si usa per la pm di grano tenero, aggiustando l'idratazione come necessario. Conosco alcune cookine che ce l'hanno. Il grano duro fermenta parecchio, tanto che è la farina preferita da moltissime cookine per fare il lilì (parte molto veloce quasi quanto la segale).

Per il colore e il sapore potresti provare a mettere il 3% di sale rispetto alla farina, sia nella biga sia nell'impasto finale. Io rabbrividisco al solo pensiero (troppo sale secondo me), ma potrebbe fare unì'enorme differenza sotto molti punti di vista.
Che mondo sarebbe senza ricotta?
file excel con le ricette dei grandi lievitati: http://dl.dropbox.com/u/69660061/lievitati.xls
Avatar utente
nicodvb
 
Messaggi: 3048
Iscritto il: 23 dic 2008, 12:34
Località: Bologna

Re: Problemi di cottura

Messaggioda nicodvb » 22 set 2010, 20:40

Puoi spiegarci in cosa consiste il metodo della pm di segale rinforzata? quel sito è in tedesco e le traduzioni di google fanno talmente pena che si rischia di non capirci un tubo.
Che mondo sarebbe senza ricotta?
file excel con le ricette dei grandi lievitati: http://dl.dropbox.com/u/69660061/lievitati.xls
Avatar utente
nicodvb
 
Messaggi: 3048
Iscritto il: 23 dic 2008, 12:34
Località: Bologna

Re: Problemi di cottura

Messaggioda ziaFania » 22 set 2010, 22:12

Dato l'amore tedesco per la catalogazione, ti potrai immaginare il papiro che hanno scritto. Si' , te lo traduco ma dovrai avere pazienza. In questo momento non posso. Stasera (per me), quando i pargoli non rompono piu` le scatole, ve ne traduco un poco. Non tutto insieme, perfavore, o mi vedro` costretta a chiedere una compensazione finanziaria. Oh, che sono diventata veniale qua in America! Uuhhh! :ahaha:
Avatar utente
ziaFania
 
Messaggi: 221
Iscritto il: 14 ago 2010, 17:18
Località: San Diego

Re: Problemi di cottura

Messaggioda Gaudia » 22 set 2010, 22:23

Io tengo in frigo 2 barattolini: uno con LiLi di sola semola e l'altro con farina 0; funzionano entrambi a meraviglia.
Ho appena infornato il mio esperimento con il pane di Altamura;speriamo bene perchè ho fatto riposare il 2à impasto per 36 ore anzichè per 18/22 ore; ho avuto una serie di contrattempi che mi hanno fatto ritardare la panificazione; però ad un cert punto l'ho schiaffato in frigo :|?
Avatar utente
Gaudia
 
Messaggi: 2093
Iscritto il: 30 ott 2009, 0:17

Re: Problemi di cottura

Messaggioda ziaFania » 22 set 2010, 23:21

Grazie, adesso avvio anche quello con la semola. Penso che mi trovero` lievito madre anche nel letto, tra un poco.
Avatar utente
ziaFania
 
Messaggi: 221
Iscritto il: 14 ago 2010, 17:18
Località: San Diego

Re: Problemi di cottura

Messaggioda ziaFania » 23 set 2010, 1:16

Ecco il primo pezzo.
3.2 La rinfrescatura in tre fasi
Metodo classico (in tre fasi)
Metodo Detmolder
Pöts metodo semplificato in tre fasi

Ci sono diversi tipi di rinfrescatura, con cui si possa produrre un a pasta madre pronta alla panificazione. Qui ve ne metto solo 3, la piu` importanti per noi:
La rinfrescatura classica in tre fasi (un tipo di rinfrescatura piu` complicato ma anche il migliore)
Il Metodo Detmolder (davvero facile ma anche il meno ottimale per la panificazione indiretta)
La rinfrescatura in tre fasi semplificata, che e` stata elaborata da me stesso, vantaggiosa per mettere insieme le due precedenti metodi di rinfrescatura.


Tutti gli esempi partono da una massa di 600 gr. Se si dovesse aver bisogno di piu` pasta madre, bisogna aumentare la quantita` di tutti gli ingredienti in maniera proporzionale.L’opposto succede se avete bisogno di meno pasta madre.

3.2.1 La rinfrescatura classica in tre fasi
La rinfrescatura classica in tre fasi e` quella classica in 18-24 ore a diverse temperature e consistenza della pasta madre. Durante la prima fase aumentano soprattutto i lieviti , nella seconda aumentano soprattutto gli acidi. La terza fase serve a bilaniciare il rapporto tra acido acetico e quello lattico. Questa rinfrescatura e` davvero complicata ma con essa si ottiene un gusto particolarmente maturo. Chi ha tempo e la possibilita di controllare e modificare la temperatura , ci potrebbe provare:

1. Fase: Si mescolano 100 gr di farina con 100 ml di acqua tiepida e vi si aggiungono da 50 a 100 gr di lievito liquido, riposo circa 4-6 ore a 22-26 °C,

2. Fase: Altri 100 gr di farina vengono mescolati con 30-50 ml di acqua tiepida e il tutto viene aggiunto al composto precedente, ottenendo un impasto piu`sodo e ben lavorato. 6 ore appena sotto i 30 °C, o fino a 8 ore, pero` con un impasto piu` sodo, a una temperatura piu` bassa (fino a 22 °C) e con uno sviluppo maggiore degli acidi,

3. Fase: aggiungere di nuovo 100 gr di farina e 150-180 ml di acqua tiepida per formare una pasta molto morbida, riposo 3-4 ore a 28-30 °C.
Avatar utente
ziaFania
 
Messaggi: 221
Iscritto il: 14 ago 2010, 17:18
Località: San Diego

Re: Problemi di cottura

Messaggioda ziaFania » 23 set 2010, 5:56

3.2.2 Il rinfresco Detmolder
Con il metodo Detmolder l’intera quantita` di farina (300 gr) viene aggiunta in una sola volta al lievito liquido con 300 gr di acqua tiepida. E` importante che la pasta madre rimanga a una temperatura costante che varia tra 24-28°C. Dopo 15-20 ore la pasta madre e` prontra per la panificazione. Le fasi intermendie sono state evitate. La coltura acida (Sauerteigkultur questo e` il termine in tedesco e non ho il mio bel vocabolario qui) deve essere per lo meno tra il 5% e il 10% (ancora meglio al 20%) dell’intera pasta acida. Questo metodo di rinfresco e` stato sviluppato, per incarico dello stato, al fine di bilanciare gli svantaggi de rinfresco in tre fasi (ogni 6-8 ore la pasta madre dev’esser rinfrescata). Purtroppo questa rinfrescatura e` adatta solo a colture acide molto stabili, perche` altrimenti si svilppano facilmente le spore estranee. Tra l’altro i lieviti non hanno la massima forza e quindi sara` necessario l’utilizzo del lievito di birra per la panificazione. Il metodo Detmolder produce una pasta madre meno acida di quella del metodo tradizionale e per questo bisogna utilizzare il 40% della quantita` della farina totale di cui si ha bisogno per panificare.
3.2.3 Rinfresco modificato in 3 fasi di Pöt
Era necessario sviluppare una rinfrescatura leggera e sufficientemente acida e attiva. Dovrebbe essere semplice come il metodo Detmolder ma nello stesso tempo dovrebbe avere lo stesso risultato del metodo tradizionale. Bla bla

1. Fase: Si mescolano 100 gr di farina con 100 ml di acqua tiepida fino a formare una pasta morbida e si agiungono a 50-100 g di lievito liquido (Sauerteigkultur), riposo circa. 6-8 ore a 26-28 °C (per esempio il vano caldaia),

2. Fase: Aggiungere a questo composto altri 100 gr di farina con 100 ml di acqua tiepida, fino a produrre una massa morbida, riposo 6-8 ore a 22-26 °C (per esempio il salotto)

3. Fase: Aggiungere di nuovo 100 gr di farina e 100 ml di acqua tiepida alla pasta madre, riposo 3-4 ore a 18-22 °C (esempio: Cucina o pianerottolo) -N.B. In Germania le cucine e i pianerottoli non sono riscaldati. Io direi piuttosto la cantina)

Non e` sempre possibile mantenere la temperatura desiderata. Dal momento che si tratta della PM ottimale, questo metodo di rinfresco funziona anche a temperature minori, se si fa riposare l’impasto a un paio di gradi in meno per circa un’ora di piu`. Inoltre e` importante che la successione delle tempeatura sia decrescente, vale a dire che la temperatura deve diminuire di fase in fase.


Questo e` quello che il mastro fornaio Pöt ha scritto sul sito a proposito del rinfresco della pasta madre. C’e` molto di piu`, e` un sito dedicato solo ed esclusivamente alla pasta madre.
Spero che vi sia lettura gradita e spero che non vi aspettaste che lo scrivessi in versi. ;-))
Avatar utente
ziaFania
 
Messaggi: 221
Iscritto il: 14 ago 2010, 17:18
Località: San Diego

Re: Problemi di cottura

Messaggioda Luciana_D » 23 set 2010, 7:03

Fantastico Ste :clap: :clap:
Grazie *smk*
Avviero' il rinfresco anche con questo metodo . Adesso nico si scatenera' :lol:
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11828
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri

PrecedenteProssimo

Torna a Carabattole e pignate

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee