Pranzo simil-etnico a scuola.

Altrove e dintorni, ricette dall'estero

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

Messaggioda cipina » 2 giu 2007, 20:33

In un mio personale file di ricette senza burro e uova fatto per un'amica con figlia allergica a latte e uova ho anche questa
TORTA ALL'ARANCIO Senza burro e uova
2 aranci (succo + scorza grattugiata)
3 cucchiai di acqua
4 cucchiai di olio
5 cucchiai di zucchero
300 gr di farina
1 bicchiere circa di latte
1 bustina di lievito per dolci

Si lavorano l'olio, lo zucchero e gli aranci, poi si aggiunge la farina ed infine l'acqua ed il latte quanto ne serve per rendere morbido l'impasto. In ultimo la bustina di lievito.Versare il composto in una tortiera imburrata ed infarinata e cuocere in forno a 170° per circa 40 min (fare la prova con il coltello).ciao Elisabetta
elisabetta albanese

Anche questa proviene da cucinait, anno 2002/03
"Ma che fai, mi prendi per i fornelli?"
cipina
 
Messaggi: 190
Iscritto il: 26 nov 2006, 10:56
Località: Pavia

Messaggioda cipina » 2 giu 2007, 20:39

Questo è un classico di Anna Moroni, una delle prime ricette copiate da cucinait (mi ero iscritta al sito nel 1999...)

Dolcetti al vin santo.
DOLCETTI AL VIN SANTO
Ingredienti:


500 gr di farina 00
200 gr di vin santo
200 gr di zucchero
200 g di uvetta
80 gr di pinoli
200 gr di olio di mais
1 bustina di lievito
1 pizzico di sale

Procedimento


Impastare tutti gli ingredienti velocemente.
Prendere con le dita dei piccoli mucchietti e mettere in una placca su carta da forno.
Infornare a 180° per circa 15 minuti.
Spolverare di zucchero a velo.

Anche se c'è il liquore, questo in cottura evapora, per cui non ci sono problemi. Credo si possa sostituire con altro, forse aroma di limone o arancia diluita in pari quantità di acqua, ma sono elucubrazioni di una mamma reduce da festa di compleanno. Forse Ty può dare in merito qualche dritta...
"Ma che fai, mi prendi per i fornelli?"
cipina
 
Messaggi: 190
Iscritto il: 26 nov 2006, 10:56
Località: Pavia

Messaggioda Typone » 3 giu 2007, 7:19

cipina ha scritto:Anche se c'è il liquore, questo in cottura evapora, per cui non ci sono problemi. Credo si possa sostituire con altro, forse aroma di limone o arancia diluita in pari quantità di acqua, ma sono elucubrazioni di una mamma reduce da festa di compleanno. Forse Ty può dare in merito qualche dritta...

Il vinsanto non è un liquore, ha una gradazione molto più bassa (intorno ai 16-17°) e comunque come dici l'alcool evapora durante la cottura.

T.
Typone
 

Messaggioda Bocconcino » 3 giu 2007, 17:23

GRAZIE GRAZIE GRAZIE.
Con tutte queste idee non avrò problemi ad invitare qualche volta a pranzo i compagni stranieri di mio figlio.
Al pranzo purtroppo non hanno partecipato una compagna romena ed una brasiliana, peccato
sarà per la prossima volta, faranno un nuovo pranzo internazionale.
Mio figlio era contentissimo di aver assaggiato cibi inconsueti ma il suo palato è stato stregato da arancini di riso e da un riso allo zafferano con dei semi al sapore di menta (che noi nei barattoli strani a casa non abbiamo) !!!!!
Ciao
A.
Bocconcino
 
Messaggi: 30
Iscritto il: 8 feb 2007, 14:20
Località: Bergamo

Messaggioda anavlis » 3 giu 2007, 17:47

Bocconcino ha scritto:Con tutte queste idee non avrò problemi ad invitare qualche volta a pranzo i compagni stranieri di mio figlio.
A.


Brava! e' importante che i bambini imparino a vivere, a condividere, con bambini di altre nazioni. Quando sento certi discorsi sui popoli non comunitari |^.^|
L'eterogeneità può essere una grande risorsa.
silvana


L’ironia è una dichiarazione di dignità, un’affermazione della superiorità dell’uomo su ciò che gli capita. (Romain Gary)
Avatar utente
anavlis
MODERATORE
 
Messaggi: 10428
Iscritto il: 8 apr 2007, 8:38
Località: palermo

Precedente

Torna a Specialità dal mondo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee