polpo in pignatta

Ricette

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

polpo in pignatta

Messaggioda ugo » 2 mag 2010, 14:46

Versione personale del polpo in pignatta(per quella DOC ci vuole un pugliese DOC! :) )
Mi sembrava di averla già postata lo scorso anno ma non la trovo...boh..la memoria...

Immagine


Ieri ,sebbene fosse il 1°maggio,l'Esselunga era aperta e il bancone della pescheria era attraente..(preso anche un S.Pietro preparato in cartoccio oggi e guarnito con asparagi:semplicissimo e buonissimo D:Do )
Vabbè non divaghiamo...
non c'è cacao però..

POLPO IN PIGNATTA(x 6 pers.)
4/5 cucchiai olio ev carico(pugliese ad es.)2/3 spicchi d'aglio,una latta da 400 di pelati,un cucchiaio di triplo concentrato di pomodoro,una bustina di zafferano una presa di finocchietto liofilizzato ed un cucchiaino da caffè di origano,una bustina di zucchero,vino bianco un bicchiere scarso
1/1.2 kg di tentacolati misti(ho usato 3 moscardini ,due calamari grandi,3 seppie, 1/2 kg circa di ciuffi di totanetti)
3 patate gialle medio-grandi,3 carote,una costa e 1/2 di sedano ,una bella manciata di prezzemolo tagliato grossolanamente.

Prendere una pignatta alta in coccio (che abbia il coperchio) e rosolarvi dolcemente(fuoco minimo e retina frangifiamma)
l'aglio con l'olio
Nel frattempo tagliare a mirepoix grossa le patate e il sedano,a rondelle sottili le carote .Sbianchire le verdure.
Togliere l'aglio ,alzare la fiamma e introdurre il pesce tagliato ad anelli e listelle.Prima i moscardini poi(dopo un paio di minuti il resto.
Far evaporare parte del liquido rimescolando nel frattempo e aggiungere il vino.
Dopo qualche minuto aggiungere le verdure ,abbassare al minimo la fiamma ed incoperchiare.
Aggiungere anche gli altri ingredienti,tenere coperto e cuocere per un'oretta.Girare ogni tanto.
Negli ultimi 5 minuti estrarre qualche pezzo di patate e frullarli con la salsa per addensare.
assaggiare e salare .
Servire con pane (meglio pugliese e tostato)non male anche col panpatata
Giro d'olio e velo di paprika dolce
:saluto:
Ciò che esisteva ai tempi di Careme,esiste ancor oggi ed esisterà per quanto tempo sarà dato alla cucina di vivere.
A.Escoffier Novembre 1902
Avatar utente
ugo
 
Messaggi: 670
Iscritto il: 11 gen 2008, 17:43

Re: polpo in pignatta

Messaggioda rosanna » 2 mag 2010, 15:36

bella ricetta ugo, grazie !!
Rosanna

L’uomo è viator, pellegrino o fuggiasco. Ogni cammino è infine verso una casa. E la casa, dove abito, è il luogo dove sono accolto e amato. Altrimenti fuggo e vado vagando. La casa di ognuno è chi lo ama. E chiunque ama è casa dell’amato. Il nostro camminare è sempre un «cercare» amore, unico luogo dove ci sentiamo di casa e possiamo riposare.
(Silvano Fausti sj)
Avatar utente
rosanna
 
Messaggi: 4406
Iscritto il: 25 nov 2006, 17:21
Località: NAPOLI

Re: polpo in pignatta

Messaggioda Gaudia » 2 mag 2010, 15:51

Grazie Ugo, la proverò anche perchè mi piace moltissimo la cucina pugliese :saluto:
Avatar utente
Gaudia
 
Messaggi: 2093
Iscritto il: 30 ott 2009, 0:17

Re: polpo in pignatta

Messaggioda anavlis » 2 mag 2010, 18:45

boniiii!!!!
Abbiamo qualcosa di simile anche da noi e prendono il nome di "purpitieddri affucati" (affogati nel sugo) o in modo più raffinato "polpitelli in umido"
Metto la ricetta presa dal sito di Camilleri:

Ingredienti: 750 gr. di polpetti, 2 pomodori maturi, 1 cipolla piccola, origano, olio e sale.
Pulite e lavate i polipetti, affettate finemente la cipolla, pelate i pomodori e tagliateli a pezzettini. Insieme ad un po' d'olio mettete tutto quanto a cucinare, dapprima a fuovo vivo (mescolando) e poi smorzando. Dopo circa 10 minuti, aggiungete acqua calda (fin quasi a coprire i polipetti), aggiustate di sale ed agiungete un po' di origano. Cucinate a fuoco basso per circa mezzora. E' opportuno fare un taglio alla testa dei polpetti in modo tale che fuoriesca, durante la cottura lu nivuru (il nero) del polpo. Il sughetto risultera' piu' saporito.
silvana


L’ironia è una dichiarazione di dignità, un’affermazione della superiorità dell’uomo su ciò che gli capita. (Romain Gary)
Avatar utente
anavlis
MODERATORE
 
Messaggi: 10416
Iscritto il: 8 apr 2007, 8:38
Località: palermo

Re: polpo in pignatta

Messaggioda maria rita » 3 mag 2010, 19:03

davvero interessante!
Una domanda forse stupida ( ma io il polpo lo faccio sempre lesso, lo spello e lo condisco con aglio prezzemolo ed olio evo) come lo pulisci prima di metterlo in pignatta?
Maria Rita

« Noi atei crediamo di dover agire secondo coscienza per un principio morale, non perché ci aspettiamo una ricompensa in paradiso. »
(Margherita Hack)
Avatar utente
maria rita
 
Messaggi: 928
Iscritto il: 13 dic 2006, 15:13
Località: Padova

Re: polpo in pignatta

Messaggioda ugo » 3 mag 2010, 19:54

maria rita ha scritto:davvero interessante!
Una domanda forse stupida ( ma io il polpo lo faccio sempre lesso, lo spello e lo condisco con aglio prezzemolo ed olio evo) come lo pulisci prima di metterlo in pignatta?

Spellandolo con pazienza,per quanto possibile,con coltellino o con unghie e polpastrelli....
però quando riesci a staccare un lembo di pelle,se tiri lo spelli quasi tutto.
:saluto:
Ciò che esisteva ai tempi di Careme,esiste ancor oggi ed esisterà per quanto tempo sarà dato alla cucina di vivere.
A.Escoffier Novembre 1902
Avatar utente
ugo
 
Messaggi: 670
Iscritto il: 11 gen 2008, 17:43

Re: polpo in pignatta

Messaggioda maria rita » 4 mag 2010, 22:08

immaginavo ma non ne ero certa. Grazie Ugo: l'aspetto è così invitante che mi cimenterò
Maria Rita

« Noi atei crediamo di dover agire secondo coscienza per un principio morale, non perché ci aspettiamo una ricompensa in paradiso. »
(Margherita Hack)
Avatar utente
maria rita
 
Messaggi: 928
Iscritto il: 13 dic 2006, 15:13
Località: Padova

Re: polpo in pignatta

Messaggioda cinzia cipri' » 5 mag 2010, 7:15

mi sa che lo faccio stasera
Avatar utente
cinzia cipri'
 
Messaggi: 6231
Iscritto il: 27 mar 2008, 12:03
Località: Palermo


Torna a Dalla padella alla brace

Chi c’è in linea

Visitano il forum: DotBot e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee