Polpettine di sarde

Ricette

Moderatori: Clara, Sandra, Luciana_D, TeresaV, anavlis

Polpettine di sarde

Messaggioda benedetta lugli » 16 mar 2007, 17:34

Sempre in tema di polpette, molto simili a quelle di Rossella, ricetta palermitana, copiata tanti anni fa sul forum di cucinait, squisite sia così, rifatte al pomodoro, che solo fritte.

Polpette di sarde

per sei persone:
gr.800 di sarde squamate, diliscate e private di ogni scarto
uvetta di corinto gr.50,
pinoli gr.50,
caciocavallo grattugiato gr.50,
tre spicchi d'aglio,
una manciata di foglie di menta fresca,
due uova,
sale, pepe,
pane grattugiato gr.100,
farina gr.200,
olio d'oliva,
un litro di passata di pomodoro.

Dopo averle lavate, tagliate a pezzetti piccoli le sarde, mettetele in una capace ciotola, aggiungete l'uvetta, i pinoli, il formaggio, uno spicchio d'aglio tritato finissimo, alcune foglie di menta tritate, una manciata di pane grattuggiato, le uova, il sale ed il pepe.
Mescolate tutti gli ingredienti con le mani, per amalgamarli meglio, dovrete ottenere un composto morbido quanto basta per formare delle polpette, eventualmente aggiungete ancora pane grattuggiato.rotolate le polpette nella farina, friggetele in olio d'oliva, mettetele quindi su carta assorbente.
Preparate quindi con l'olio d'oliva, due spicchi d'aglio in camicia , il sale e il pepe e la passata di pomodoro, un sugo in cui farete ammorbidire a cottura lenta per circa trenta minuti le polpette.con il sugo potrete condire casarecce o tripolini lessate al dente e cosparse di menta fresca e caciocavallo, se vi piace.
Servite le polpette tiepide come secondo, oppure fredde come antipasto.
Cucino per amore
Avatar utente
benedetta lugli
 
Messaggi: 419
Iscritto il: 27 nov 2006, 21:34
Località: firenze

Torna a Dalla padella alla brace

Chi c’è in linea

Visitano il forum: magpie-crawler e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee