Pollo marinato agli agrumi in ricordo di mia madre

Ricette

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

Pollo marinato agli agrumi in ricordo di mia madre

Messaggioda cinzia cipri' » 10 mar 2015, 19:47

Mentre ve la copio, piango.
Per questo, anche se le foto sono quelle che sono, ho pensato di mettervela.
Non mi ha lasciato molte ricette mia madre...
Questa è la ricetta regina.


l pollo a marinare nell’olio e limone e’ una ricetta di quelle che mi faceva preparare mia madre da piccola.
Ora, con le nuove conoscenze e con la voglia di sperimentare, ho voluto elaborarla un pochino, dandogli, a parer mio, un tocco in piu’.
Magari non sara’ bella a vedersi, ma la riuscita e l’effetto al palato e’ fantastico.
Vi do’ le proporzioni per un kg di fette di petto di pollo (potrebbero bastare per 8 persone come per 6 o 4: secondo quanto mangiate)

Con 6 fette di petto di pollo (per un totale di 1 kg, quindi fettone) procedo come segue.
In un recipiente alto ma non largo (quanto basta per far entrare le fette), verso il primo mm di olio, aggiungo la fetta di pollo, metto sale, pepe, rosmarino e salvia, aglio tagliato a fettine, bagno di nuovo di olio, spremo sopra mezzo limone e metto l’altra fetta di pollo: continuo cosi’ fino ad esaurire le fette, aggiungo il succo di limone se me ne e’ avanzato e chiudo a riposare per almeno 5 ore.
Al momento di cuocere, metto a scaldare il forno a 170° se elettrico, a 200° se a gas (e poi calo a 180°).
Preparo del pangrattato spesso (non proprio fine fine, ma grossolano), aggiungo caciocavallo (un pugnetto) e la buccia tritata di un’arancia e di un limone.
Passo dunque le fette nellamiscela e le metto in una teglia abbastanza grande da contenerle perfettamente, senza farle accavallare.
Verso l’ultimo poco i sughetto rimasto e, se necessario, aggiungo ancora un po’ di olio.
Inforno e servo in genere con patate al forno.

Giuro che la versione con gli agrumi e gli aromi e’ perfetta: prima, come facevamia madre, con l’origano, mi sembrava sempre mancasse qualcosa. Con Salvia e rosmarino invece il gusto ne ha guadagnato tantissimo.

per fare questo lavoro, e’ necessario che le fette rimangano belle spesse, altrimenti si secca subito la carne.

Il pollo puo’ essere mangiato anche l’indomani freddo ed e’ un piatto buono per portarlo a mare o in montagna
Allegati
902843866.JPG
Avatar utente
cinzia cipri'
 
Messaggi: 6231
Iscritto il: 27 mar 2008, 12:03
Località: Palermo

Re: Pollo marinato agli agrumi in ricordo di mia madre

Messaggioda politiz29 » 10 mar 2015, 20:35

^fleurs^ grazie Cinzia, qui a casa consumiamo tanto petto di pollo, ma alla fine gira e rigira va cotto sempre allo stesso modo, questa invece mi mancava.
Quanto pensi ci si possa spingere con il tempo massimo di marinata prima che la carne vada a perdere?
Ma vi pare che si debba fare una vita mangiando da malato... per morire sano???Immagine

Immagine

Meglio l'ira del leone... che l'amicizia delle iene
saluti, Tiziano (il leone)
prima legge universale della termodinamica di Mancuso: kill shfortunat, a pingghia 'ngul pur assttat
Avatar utente
politiz29
 
Messaggi: 649
Iscritto il: 15 mar 2010, 11:51
Località: Pordenone

Re: Pollo marinato agli agrumi in ricordo di mia madre

Messaggioda cinzia cipri' » 10 mar 2015, 20:36

politiz29 ha scritto:^fleurs^ grazie Cinzia, qui a casa consumiamo tanto petto di pollo, ma alla fine gira e rigira va cotto sempre allo stesso modo, questa invece mi mancava.
Quanto pensi ci si possa spingere con il tempo massimo di marinata prima che la carne vada a perdere?


12 ore senza problemi!
Avatar utente
cinzia cipri'
 
Messaggi: 6231
Iscritto il: 27 mar 2008, 12:03
Località: Palermo

Re: Pollo marinato agli agrumi in ricordo di mia madre

Messaggioda Gaudia » 10 mar 2015, 20:44

Grazie Cinzia *smk*
Avatar utente
Gaudia
 
Messaggi: 2093
Iscritto il: 30 ott 2009, 0:17


Torna a Dalla padella alla brace

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee