/ Pinza istriana a lievitazione veloce (12 ore)

Pane e Lievitati - Il club dei Panificatori

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

/ Pinza istriana a lievitazione veloce (12 ore)

Messaggioda Typone » 13 nov 2007, 16:34

L'ha fatta Runner con la ricetta di sua madre istriana d.o.c.

Pinza, lievitazione naturale veloce-12 ore
Ingredienti:
400 + 250 di farina 00
500 g di lievito madre
125 g di burro
80g di uvetta
100g di zucchero
1 uovo intero
5 tuorli di uova
40 g di macedonia di canditi
1 bustina di vaniglia
28 g di mix di acqua di fior d'arancia e di rosa
Lavorazione:
-unire al lievito madre 250g farina con circa 30 grammo d'acqua per ottenere un panetto morbido e far lievitare per 5-6 ore
-ottenere col mixer una crema cpmposta da 100g di zucchero , 1 uovo intero e 5 tuorli d'uova, ammorbidire nell'acqua tiepida l'uvetta
- scioglere il burro a bagno maria
-Prelevare 500 g di lievito madre lievitato per 6 ore e unirivi in successione 400 g di farina, la crema di uova e zucchero, il burro, l'uvetta,
la macedonia di canditi, la bustina di vanigla e il mixer di acque aromatiche.
lavorare fino a ottenere un panetto morbido, se serve utilizzare qualche manciata di farina e qualche grammo di acqua.
-Far lievitare per 6 ore
-cuocere a 175° per 50 minuti.

Niene foto purtroppo...

T.
Ultima modifica di Typone il 23 nov 2007, 13:47, modificato 3 volte in totale.
Typone
 

Messaggioda robertopotito » 14 nov 2007, 7:21

grazie mille Ty!!!
immagino che se la ricetta nasce con il lievito madre, sia meglio non stravolgerla con l'utilizzo di lievito di birra...almeno credo
Roberto Potito
Finchè la barca va tu non remareee...finchèla barca va...lasciala andareee..(Orietta Berti)
robertopotito
 
Messaggi: 446
Iscritto il: 28 nov 2006, 7:38

Messaggioda luvi » 14 nov 2007, 9:40

:D se mi piacesse l'uvetta io proverei con una biga e poco lievito di birra... ma dato che le ricette non vanno stravolte.. io passo pur apprezzando la lavorazione..:D
luvi
 

Messaggioda Alberto Baccani » 14 nov 2007, 13:14

Trascrivo una ricetta di Pinza triestina di Nicoletta Berti ( una attendibile) fatta con il lievito di birra
Alberto Baccani
Alberto Baccani
 
Messaggi: 298
Iscritto il: 21 feb 2007, 7:13
Località: Milano

Messaggioda Alberto Baccani » 14 nov 2007, 13:19

Ovviamente ho dimenticato la trascrizione

PINZA TRIESTINA

50g di lievito di birra
350 g farina
500 g farina
100 g di zucchero
50 g di burro
2 tuorli + 3 uova intere
1 kg di farina
350 g di zucchero vanigliato ( aromatizzato con la vaniglia)
100g burro
1/4 litro di uova
1/10 litro di rum
Sminuzzare in una terrina il lievito con poca acqua tiepida, aggiungere un cucchiaio di zucchero e i 350 g di
farina e tana acqua quanto basta ad ottenere una pastella morbida.Coprire e lasciar lievitare fino al raddoppio
A questo punto aggiungere, alternando, i 500g di farina, i 100 di zucchero e i 50 di burro liquefatto tiepido, i 2 tuorli e le 3 uova intere.Incorporare tutto e lasciare lievitare ancora fino al raddoppio della massa.
Fare uu mucchio con il kilogrammo di farina, farvi una fossa e mettervi tutta la pasta lievitata, aggiungere i 350g di zucchero vanigliato, i 100 di burro liquefatto tiepido, 2 cucchiai di sale(che peraltro non sono prima menzionati) e lavorando di continuo far incorporrare molto bene il 1/4 di lit5ro di uova e il rum.Va lavorata con molta energia per un'ora, è pronta quando è tenera ed elastica, tanto che scompare subito l'impronta del dito. Fare 7 panetti metterli su carta imburrata e far lievitare fino al raddoppio.
Pennellarli con rosso d'uovo e fare tre incisioni a stella profonde 3 centimetri.
Infornare a forno moderato (160°).
nicoletta berti
Alberto Baccani
Alberto Baccani
 
Messaggi: 298
Iscritto il: 21 feb 2007, 7:13
Località: Milano

Messaggioda Etta » 14 nov 2007, 15:17

La pinsa triestina ha molte uova (é molto gialla dentro) e non ha frutta secca.Si presenta scura e lucida con tre profondi tagli..si usa per Pasqua, ma è diventata assieme a putiza e presniz di uso comune.Baciotti, Paola
Avatar utente
Etta
 
Messaggi: 1058
Iscritto il: 5 lug 2007, 14:04
Località: Milano

Re: Pinza istriana

Messaggioda hadassa » 14 nov 2007, 17:32

questa mi interessa, ma non capisco qui:

Typone ha scritto:-Far lievitare per 6 ore 2 cuocere a 175g per 50 minuti.


e poi: io l'acqua di rose e di fiori d'arancio non la trovo: sono sostituibili?

Merci
Fratelli umani, lasciate che vi racconti com'è andata. J Littel
hadassa
 
Messaggi: 95
Iscritto il: 8 dic 2006, 9:29

Re: Pinza istriana

Messaggioda Typone » 16 nov 2007, 15:54

hadassa ha scritto:questa mi interessa, ma non capisco qui:

Typone ha scritto:-Far lievitare per 6 ore 2 cuocere a 175g per 50 minuti.

Cos'è che non capisci?

T.
Typone
 

Re: Pinza istriana

Messaggioda hadassa » 17 nov 2007, 17:57

Typone ha scritto:
hadassa ha scritto:questa mi interessa, ma non capisco qui:

Typone ha scritto:-Far lievitare per 6 ore 2 cuocere a 175g per 50 minuti.

Cos'è che non capisci?

T.


il 2, boh, non lo capisco ... help!
Fratelli umani, lasciate che vi racconti com'è andata. J Littel
hadassa
 
Messaggi: 95
Iscritto il: 8 dic 2006, 9:29

Re: Pinza istriana

Messaggioda Typone » 23 nov 2007, 13:44

hadassa ha scritto:
Typone ha scritto:
hadassa ha scritto:questa mi interessa, ma non capisco qui:

Typone ha scritto:-Far lievitare per 6 ore 2 cuocere a 175g per 50 minuti.

Cos'è che non capisci?

T.


il 2, boh, non lo capisco ... help!

Scusami Hadà, non avevo visto l'errore, adesso ho corretto...
Fare lievitare per 6 ore e cuocere a 175° per 50 minuti.

T.
Typone
 


Torna a Chi va al mulino...s'infarina

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee