° Piccole brioche all'albicocca

Pane e Lievitati - Il club dei Panificatori

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

° Piccole brioche all'albicocca

Messaggioda Silvia Briba » 26 ott 2008, 11:55

Ciao a tutti,

vi sottopongo due ricette che ho fatto ieri (ero in astinenza da panificazone). Una è questa delle brioche all'albicocca.
Si tratta di una ricetta per m[youtube1][/youtube1]dp trovata anni fa sul noto forum oliocarli.it, che non avevo ancora provato.

Prima le foto :)
Prima di infornare:
Immagine

E quelle finite:
Immagine

Ricetta:
500 gr. farina 00
1 busta lievito di birra secco
scorza grattuggiata di 1 limone
60 gr. zucchero
2 uova
1 cucchiaino sale
75 gr. burro morbido
230/240 ml latte tiepido
PER FARCIRE: marmellata di albicocche
PER DECORARE: 1 uovo e zucchero in granella

PROCEDIMENTO: mettere nel cestello gli ingredienti e avviare il programma solo impasto; al termine prendere l'impasto ottenuto (che sarà ben lievitato) e fare un cilindro che divideremo in palline grandi come un mandarino circa. Schiacciarle leggermente e mettere al centro un cucchiaino di marmellata; richiuderle e metterle in una teglia a lievitare per 20 minuti (va benissimo il forno intiepidito). Infine spennellarle con l'uovo sbattuto (io ho usato latte per spennellare, ndS) e cospargerle di zucchero in granella. cuocere in forno a 175° per 20 minuti circa.
Si otterranno circa 20 piccole brioche.

Note mie: impasto e lievitazione li ho fatti nella mdp perchè il kenwood era impegnato in altro e anche le mie mani. Nel totale della farina ho messo anche un avanzo di farina 0 che avevo (saranno stati 2 pugni di farina). La lievitazione è stata decisamente abbondante (stava uscendo fuori dal cestello...). Ho spennellato con latte anzichè con uovo e, come vedete dalle foto, non ho usato la granella di zucchero (che non amo particolarmente), ma ho decorato con dei semini di papavero.
L'alveolatura era perfetta (purtroppo non ho una foto della sezione) e il gusto era molto buono, anche se la distribuzione della marmellata non mi è venuta tanto omogenea (chiudendo la palletta sul fondo ho accumulato troppa pasta nella parte bassa della brioche). L'unica cosa che mi ha deluso è stata l'umidità del risultato finito. Le ho sfornate alle 19 circa e alle 22, quando le abbiamo assaggiate, erano già un po' secche... :?
A cosa può essere dovuto? La consistenza dell'impasto, mentre lo lavoravo, mi sembrava quella giusta, ma evidentemente qualcosa non ha funzionato.

Nel complesso comunque sono soddisfatta :)
Adesso voglio assolutamente provare quelle di jane!!! : Chessygrin :
Avatar utente
Silvia Briba
 
Messaggi: 48
Iscritto il: 14 set 2007, 16:06
Località: Londra

Re: Piccole brioche all'albicocca

Messaggioda Rossella » 26 ott 2008, 13:05

L'unica cosa che mi ha deluso è stata l'umidità del risultato finito. Le ho sfornate alle 19 circa e alle 22, quando le abbiamo assaggiate, erano già un po' secche.


Silvia, una bustina di lievito di birra per 500 gr di farina mi sembra troppo, sono pari a 25gr. di lievito fresco? se è cosi, dimezzeri la quantità di lievito e allungherei i tempi di lievitazione, volendo, potresti partire da un polisch," preimpasto liquido ottenuto con acqua e farina in proporzioni uguali,il lievito varia in base al tempo di fermentazione e alla temp. dell'ambiente."
otteniamo prodotto dal sapore più intenso ,il pane presenterà un'alveolatura più ampia e risulterà più digeribile e si conserverà più a lungo.
bacioni *smk*
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone


Torna a Chi va al mulino...s'infarina

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee