° pesche dolci di prato

Pane e Lievitati - Il club dei Panificatori

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

° pesche dolci di prato

Messaggioda ila » 15 giu 2007, 21:06

Ho fatto le pesche dolci, in internet ci sono tantissime ricette, ne ho provate due prese in altri forum e le foto sembravano le vere pesche ma poi il risultato non é stato quello che mi aspettavo erano troppo panose. Ho riesumato una ricetta che avevo scritto (usavo il pc di mio fratello e non le salvavo) apportando qualche modifica e il risultato é questo

Immagine

300 gr farina 00 ( ho messo 250 00 e 50 manitoba)
50 gr di latte
50 gr di acqua
2 tuorli e 1/2 albume (aveva molto albume)
50 gr di zucchero
una bustina di vanillina
scorza di arancia (ho messo anche un pochino di succo perché la scorza non aveva dato molto sapore)
40 gr di burro
un pizzico di sale
20 gr di lievito di birra

Ho impastato bene tutti gli ingredienti, e ho messo a lievitare in ciotola per 30'. Ho ripreso la pasta ho formato delle pallette tipo panini e li ho messi a lievitare in teglia per un'ora.
Ho spennellato con uovo sbattuto con un goccio di latte e infornato a 210 per 15 minuti ma si devono dorare e basta, al tatto saranno molto morbidi ma quando hanno preso colore sono cotti.
Li ho fatti raffreddare un pochino messi nell'alchermes, girate nello zucchero e ho fatto una piccola buchina nella parte piatta ho messo la crema abbastanza soda e ho assemblato le palline

Alcuni mettono al posto del burro la margarina. Le ho fatte ieri buonissime, quella della foto l'ho assemblata oggi e devo dire che é meglio farle il giorno stesso gia' il giorno dopo la consistenza delle palline cambia.
Avatar utente
ila
 
Messaggi: 695
Iscritto il: 12 dic 2006, 15:09

Messaggioda luvi » 16 giu 2007, 9:17

:D
esistono anche le Pesche dolci... a Faenza.
Non le ho mai fatte perchè tutte le volte che mi imbattevo in unaricetta che poteva essere simile a quelle dei forni... aveva quantitativi da paura, poi perchè fin da piccolissima mi era stato detto che ci volevano i mezzi gusci delle noci per fare le pesche dolci..

si, una volta fatta la pallina si mette un mezzo guschio nella parte che appoggia alla teglia in mdo che lievitandoe cuocendo rimane già lo spazio per la crema gialla da una parte e nera dall'altra.

io non avrei spennellato con l'uovo, lasciando più porosa la pasta, in vecchi ricordi.. a volte si compravano nei forni i soli "gusci di patsa già cotta" erano tipo biscotti, non lucidi.

altra domandina.. poi vado a cercare anche le ricette chee avevo io in alcuni libri..

quante ne hai fatte con la tua dose?

:D
luvi
 

Messaggioda ila » 16 giu 2007, 11:49

Per i gusci delle noci non so cosa dirti, forse servono per fare il buchetto...perché queste sono proprio panini...ne ho fatte di due dimensioni per vedere quali erano quelle giuste una volta lievitate e cotte, e siccome l'impasto era abbondante ho fatto anche altre forme, secondo meuna quindicina forse 20, dipende anche dalla grandezza delle palline, mi sono accorta che quelle che io consideravo piccole si sono rivelate giuste le altre troppo grandi, non le ho pesate però, quando le rifaccio le peso e vi dico.
Avatar utente
ila
 
Messaggi: 695
Iscritto il: 12 dic 2006, 15:09

Messaggioda Sandra » 17 giu 2007, 11:25

luvi ha scritto::D
esistono anche le Pesche dolci... a Faenza.
Non le ho mai fatte perchè tutte le volte che mi imbattevo in unaricetta che poteva essere simile a quelle dei forni... aveva quantitativi da paura, poi perchè fin da piccolissima mi era stato detto che ci volevano i mezzi gusci delle noci per fare le pesche dolci..

si, una volta fatta la pallina si mette un mezzo guschio nella parte che appoggia alla teglia in mdo che lievitandoe cuocendo rimane già lo spazio per la crema gialla da una parte e nera dall'altra.

io non avrei spennellato con l'uovo, lasciando più porosa la pasta, in vecchi ricordi.. a volte si compravano nei forni i soli "gusci di patsa già cotta" erano tipo biscotti, non lucidi.

altra domandina.. poi vado a cercare anche le ricette chee avevo io in alcuni libri..

quante ne hai fatte con la tua dose?

:D


Anche a Bologna Luvi!!
Per fortuna ne ho mangiate tante da piccola e non mi lascio tentare :lol: :lol: :lol:

Sandra
E quando ne ho voglia faccio anche qualche foto:
http://www.flickr.com/photos/43807393@N00/
Avatar utente
Sandra
MODERATORE
 
Messaggi: 8435
Iscritto il: 25 nov 2006, 15:56
Località: vence(francia)


Torna a Chi va al mulino...s'infarina

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee