Perchè non lievita???

Pane e Lievitati - Il club dei Panificatori

Moderatori: Clara, Sandra, Luciana_D, TeresaV, anavlis

Perchè non lievita???

Messaggioda Laura Cantalupi » 22 gen 2007, 10:12

Innanzi tutto non so se è corretto mettere qui la domanda, ma ci provo lo stesso.
Il problema si pone alla mia amica Cristina (Cri..... presentati.....), ed è questo: suo marito, sotto la supervisione di Ivano che ormai è diventato un esperto) ha provato ad impastare il pane della mezz'ora delle sorelle Simili. Non ho sottomano la ricetta, in ogni caso alla fine prevede di mettere il pane nel forno freddo, accendere il forno per 1 minuto, poi spegnerlo e lasciare lievitare il pane per 30 minuti, al termine dei quali si accende il forno con il pane all'interno e lo si fa cuocere per circa 50 minuti.
Ora, a Ivano escono dei bei 'micconi' ben lievitati, soffici e profumati.
A Fabrizio sono usciti dei sassi da usare per la demolizione dei fabbricati. In pratica, il pane non ha nemmeno iniziato la lievitazione, e questo nonostante abbia provato ad aspettare anche ben più di mezz'ora prima di accendere il forno.
Ora, farina, lievito, procedimento... tutto esattamente uguale.
Qualcuno ha idea del motivo per cui a casa nostra lievita, e a casa loro (500mt. di distanza...) no???
La vita è come uno specchio: ti sorride se la guardi sorridendo.
Laura Cantalupi
 
Messaggi: 28
Iscritto il: 27 nov 2006, 8:46
Località: Cura Carpignano - PV

Messaggioda robertopotito » 22 gen 2007, 10:26

ciao carissima!
l'unico quesito che mi viene in mente riguarda il lievito di birra utilizzato: forse non era attivo oppure era stato conservato male.
Un'altra causa potrebbe essere attribuibile al sale: forse è stato messo a diretto contatto con il lievito e ciò ha inibito completamente la fermentazione e lo sviluppo dei panini.
Non saprei dirti altro...
bacioni e fammi sapere
Roberto Potito
Finchè la barca va tu non remareee...finchèla barca va...lasciala andareee..(Orietta Berti)
robertopotito
 
Messaggi: 449
Iscritto il: 28 nov 2006, 7:38

Messaggioda ddaniela » 22 gen 2007, 10:30

A volte quando ho fretta e non ho acceso per tempo il forno cuocio il pane in questo modo e mi viene benissimo, quindi non capisco.

fatevi dire dal vostro amico tutti i passaggi, non è che usa acqua calda che uccide il lievito?
Ultima modifica di ddaniela il 24 gen 2007, 8:03, modificato 2 volte in totale.
Avatar utente
ddaniela
 
Messaggi: 421
Iscritto il: 25 nov 2006, 17:03

Messaggioda Laura Cantalupi » 22 gen 2007, 10:45

Il procedimento usato è esattamente quello che usa mio marito, che lo ha seguito passo passo indicandogli cosa usare e come....
E' per questo che il mistero è ancora più fitto... :roll:
La vita è come uno specchio: ti sorride se la guardi sorridendo.
Laura Cantalupi
 
Messaggi: 28
Iscritto il: 27 nov 2006, 8:46
Località: Cura Carpignano - PV

Messaggioda ddaniela » 22 gen 2007, 10:53

allora è un mistero...
Avatar utente
ddaniela
 
Messaggi: 421
Iscritto il: 25 nov 2006, 17:03

Messaggioda lallinat » 22 gen 2007, 12:53

Se l'acqua era alla temperatura giusta e il sale non è stato messo a diretto contatto, consolalo, può essere solo lievito inattivo!
Avatar utente
lallinat
 
Messaggi: 57
Iscritto il: 26 nov 2006, 12:42
Località: roma

Messaggioda ddaniela » 22 gen 2007, 12:55

è successo solo una volta o più volte?

digli di riprovare perché:

la speranza è l'ultima a morire :D
Avatar utente
ddaniela
 
Messaggi: 421
Iscritto il: 25 nov 2006, 17:03

Messaggioda mammamamma » 22 gen 2007, 13:24

Magari anche il forno può fare la differenza, verifica che tipo di cottura abbia fatto :wink:
Stefania M
Avatar utente
mammamamma
 
Messaggi: 68
Iscritto il: 25 nov 2006, 19:00
Località: Dalmine

Messaggioda Laura Cantalupi » 22 gen 2007, 13:42

Allora, visto che la ragazza è timida... ecco cosa mi ha scritto stamattina:

Ho appena letto le risposte...ma non so proprio cosa pensare...sabato Fabrizio ha provato a rifarlo, il risultato non e' cambiato anche se abbiamo scaldato un po' di piu' il forno per favorire la lievitazione! Lo abbiamo cotto ugulmente e, impostando il forno a 200 gradi la crosta e' diventata scura...almeno un passo avanti, visto che prima usciva sempre una pagnotta non lievitata e anemica!
Ieri poi, presi dalla disperazione, l'abbiamo rifatto ancora, lasciandolo lievitare vicino al termosifone coperto da due stracci da cucina. Non e' lievitato neanche così...

?????????
La vita è come uno specchio: ti sorride se la guardi sorridendo.
Laura Cantalupi
 
Messaggi: 28
Iscritto il: 27 nov 2006, 8:46
Località: Cura Carpignano - PV

Messaggioda Lamù » 22 gen 2007, 14:59

Sciolgono il lievito in acqua? a che temperatura la usano?

Io, all'inizio della mia storia con i lieviti, lessavo sempre il lievito di birra perchè scaldavo l'acqua per renderla tiepida.
Ho scoperto che è inutile oltre che potenzialmente molto pericoloso, perchè il lievito ha un concetto "diverso" di acqua tiepida :lol:
P.E. Simona
Avatar utente
Lamù
 
Messaggi: 136
Iscritto il: 27 nov 2006, 7:48
Località: Bologna

Messaggioda elvira » 23 gen 2007, 11:30

Laura, una stupidata magari. Non è che sciolgano il lievito in acqua metttendo tutto nel microonde? Mio errore all'inizio
elvira
 
Messaggi: 287
Iscritto il: 27 nov 2006, 10:17
Località: MARZANO(PV)

Messaggioda Laura Cantalupi » 23 gen 2007, 13:07

elvira ha scritto:Laura, una stupidata magari. Non è che sciolgano il lievito in acqua metttendo tutto nel microonde? Mio errore all'inizio


No Elvira, anche perchè è andato Ivano a casa loro e li ha curati passo passo, e come quindi...
La vita è come uno specchio: ti sorride se la guardi sorridendo.
Laura Cantalupi
 
Messaggi: 28
Iscritto il: 27 nov 2006, 8:46
Località: Cura Carpignano - PV

Messaggioda ddaniela » 23 gen 2007, 13:27

influssi negativi?

presenza di fantasmi?

alieni?

8)
Avatar utente
ddaniela
 
Messaggi: 421
Iscritto il: 25 nov 2006, 17:03

Messaggioda Rossella » 23 gen 2007, 13:33

robertopotito ha scritto:ciao carissima!
l'unico quesito che mi viene in mente riguarda il lievito di birra utilizzato: forse non era attivo oppure era stato conservato male.
Un'altra causa potrebbe essere attribuibile al sale: forse è stato messo a diretto contatto con il lievito e ciò ha inibito completamente la fermentazione e lo sviluppo dei panini.
Non saprei dirti altro...
bacioni e fammi sapere

Non conosco il pane della mezz'ora delle Simili, dopo avere letto ed escludendo alcuni fattori, credo anch'io come dice Roby che dipenda dal lievito di birra inattivo.
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 14281
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Messaggioda Barbara » 23 gen 2007, 13:46

Forse il latte in cui si scioglie il lievito era troppo caldo, cosa che ne avrebbe causato.. il decesso?

Inserisco la ricetta, magari qualcuno riesce a svelare l'arcano!!!

Pane della mezz'ora Simili
800g di farina manitoba
200g di acqua tiepida
3 cucchiai di acqua
36g di lievito di birra
200g di latte
30g di burro
2 cucchiai di zucchero
3 cucchiaini di sale
Sciogliere in una tazza il lievito e lo zucchero con i tre cucchiai di acqua. Intiepidire il latte assieme al burro e al sale, versare il tutto in una ciotola, unitevi quasi tutta l'acqua, poi un terzo della farina e incominciate a battere, poi aggiungete il lievito, sciolto con lo zucchero, e la restante farina. Deve risultare un impasto morbido, se non lo è aggiustatelo unendo altra acqua o farina. Rovesciatelo sul tavolo e lavoratelo, battendo per 5 o 6 min. Dividete a metà e fate due palle, schiacciatele con le mani formando due ovali, raddoppiateli e arrotolateli col pollice fina ottenere due corti filoni. Disponeteli a falda sotto su una teglia infarinata che riporrete in forno freddo. Accendete il forno per un minuto (non importa a che temperatura), poi spegnetelo e lasciate riposare per 30'. Passato questo lasso di tempo, senza aprire il forno, accendetelo di nuovo a 200° e fate cuocere per 45'- 50'. Se si colorasse troppo, copritelo con la stagnola.
Barbara
______________________________________
Un giorno senza un sorriso, è un giorno perso (Charlie Chaplin)

http://ricettebarbare.blogspot.com/
Avatar utente
Barbara
 
Messaggi: 379
Iscritto il: 27 nov 2006, 9:59
Località: Trieste

Messaggioda robertopotito » 24 gen 2007, 7:37

Barbara ha scritto:Forse il latte in cui si scioglie il lievito era troppo caldo, cosa che ne avrebbe causato.. il decesso?

Inserisco la ricetta, magari qualcuno riesce a svelare l'arcano!!!

Pane della mezz'ora Simili
800g di farina manitoba
200g di acqua tiepida
3 cucchiai di acqua
36g di lievito di birra
200g di latte
30g di burro
2 cucchiai di zucchero
3 cucchiaini di sale
Sciogliere in una tazza il lievito e lo zucchero con i tre cucchiai di acqua. Intiepidire il latte assieme al burro e al sale, versare il tutto in una ciotola, unitevi quasi tutta l'acqua, poi un terzo della farina e incominciate a battere, poi aggiungete il lievito, sciolto con lo zucchero, e la restante farina. Deve risultare un impasto morbido, se non lo è aggiustatelo unendo altra acqua o farina. Rovesciatelo sul tavolo e lavoratelo, battendo per 5 o 6 min. Dividete a metà e fate due palle, schiacciatele con le mani formando due ovali, raddoppiateli e arrotolateli col pollice fina ottenere due corti filoni. Disponeteli a falda sotto su una teglia infarinata che riporrete in forno freddo. Accendete il forno per un minuto (non importa a che temperatura), poi spegnetelo e lasciate riposare per 30'. Passato questo lasso di tempo, senza aprire il forno, accendetelo di nuovo a 200° e fate cuocere per 45'- 50'. Se si colorasse troppo, copritelo con la stagnola.


proverei ad utilizzare il latte solo a temperatura ambiente senza scaldarlo...
Roberto Potito
Finchè la barca va tu non remareee...finchèla barca va...lasciala andareee..(Orietta Berti)
robertopotito
 
Messaggi: 449
Iscritto il: 28 nov 2006, 7:38

Messaggioda ddaniela » 24 gen 2007, 8:03

robertopotito ha scritto:
Barbara ha scritto:Forse il latte in cui si scioglie il lievito era troppo caldo, cosa che ne avrebbe causato.. il decesso?

Inserisco la ricetta, magari qualcuno riesce a svelare l'arcano!!!

Pane della mezz'ora Simili
800g di farina manitoba
200g di acqua tiepida
3 cucchiai di acqua
36g di lievito di birra
200g di latte
30g di burro
2 cucchiai di zucchero
3 cucchiaini di sale
Sciogliere in una tazza il lievito e lo zucchero con i tre cucchiai di acqua. Intiepidire il latte assieme al burro e al sale, versare il tutto in una ciotola, unitevi quasi tutta l'acqua, poi un terzo della farina e incominciate a battere, poi aggiungete il lievito, sciolto con lo zucchero, e la restante farina. Deve risultare un impasto morbido, se non lo è aggiustatelo unendo altra acqua o farina. Rovesciatelo sul tavolo e lavoratelo, battendo per 5 o 6 min. Dividete a metà e fate due palle, schiacciatele con le mani formando due ovali, raddoppiateli e arrotolateli col pollice fina ottenere due corti filoni. Disponeteli a falda sotto su una teglia infarinata che riporrete in forno freddo. Accendete il forno per un minuto (non importa a che temperatura), poi spegnetelo e lasciate riposare per 30'. Passato questo lasso di tempo, senza aprire il forno, accendetelo di nuovo a 200° e fate cuocere per 45'- 50'. Se si colorasse troppo, copritelo con la stagnola.


proverei ad utilizzare il latte solo a temperatura ambiente senza scaldarlo...

infatti, come ho scritto sopra anche io ho pensato al liquido troppo caldo, meglio usarlo freddo.
Avatar utente
ddaniela
 
Messaggi: 421
Iscritto il: 25 nov 2006, 17:03

Messaggioda Barbara » 24 gen 2007, 9:56

ddaniela ha scritto:infatti, come ho scritto sopra anche io ho pensato al liquido troppo caldo, meglio usarlo freddo.


:oops: :oops: scusa per la "cecataggine" della sottoscritta!!! Avevo suggerito quello che mi era venuto in mente senza essermi accorta.. che lo avevi già detto prima tu!!!
Barbara
______________________________________
Un giorno senza un sorriso, è un giorno perso (Charlie Chaplin)

http://ricettebarbare.blogspot.com/
Avatar utente
Barbara
 
Messaggi: 379
Iscritto il: 27 nov 2006, 9:59
Località: Trieste

Messaggioda ddaniela » 24 gen 2007, 12:50

Barbara ha scritto:
ddaniela ha scritto:infatti, come ho scritto sopra anche io ho pensato al liquido troppo caldo, meglio usarlo freddo.


:oops: :oops: scusa per la "cecataggine" della sottoscritta!!! Avevo suggerito quello che mi era venuto in mente senza essermi accorta.. che lo avevi già detto prima tu!!!


figurati, ma quali scuse, puoi dire quello che vuoi :)
Avatar utente
ddaniela
 
Messaggi: 421
Iscritto il: 25 nov 2006, 17:03

Messaggioda Laura Cantalupi » 26 gen 2007, 9:23

Allora: situazione a ieri sera alle 20 e 30.
Ivano è andato a casa di Cri, portando il nostro lievito (che tra l'altro io ho usato nel pomeriggio per fare i panini con uva e cioccolato, ed è 'funzionato' benissimo). Ha seguito passo passo Fabrizio nella preparazione, ma alla fine il pane non è lievitato per niente.Si sono messi d'accordo per lasciarlo lì fino a stasera, ma Ivano vuole fare questo esperimento: andare da Cri, far fare l'impasto a Fabrizio e portarlo a casa nostra a lievitare e cuocere :roll:
Vi faremo sapere.... stavo pensando di contattare i RIS.... :shock:
La vita è come uno specchio: ti sorride se la guardi sorridendo.
Laura Cantalupi
 
Messaggi: 28
Iscritto il: 27 nov 2006, 8:46
Località: Cura Carpignano - PV

Prossimo

Torna a Chi va al mulino...s'infarina

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee