°Le pastuccelle di Acquavella

Ricette di pasticceria

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

Re: Le pastuccelle di Acquavella

Messaggioda Caris » 19 gen 2014, 10:13

Rossella ha scritto:
Nel frattempo, tritare le mandorle più finemente possibile. Metterle in una pentola, unire lo zucchero e l’acqua e far cuocere per 10-15 minuti (o comunque fino ad ottenere un composto sostenuto). Aggiungere il limone grattato e l’anice. Far freddare bene.

Pastuccelle in progress :hi
Trito la mandorla ma senza ridurla a farina? Per quanto riguarda l'anice, se usassi i semi?


humm forse in ritardo!!!
Riduci le mandorle secondo il tuo gusto: fine o finissime a seconda se ti piace sentire un minimo di granulosità o se vuoi una cosa molto omogenea!
Con i semi non lo perché non li ho mai usati...come vengono?
Avatar utente
Caris
 
Messaggi: 235
Iscritto il: 12 gen 2014, 20:12

Re: Le pastuccelle di Acquavella

Messaggioda Rossella » 19 gen 2014, 10:17

Con i semi non lo perché non li ho mai usati...come vengono?

Questo ancora non lo so, mi piacciono perchè particolarmente aromatici, insomma non mi fermerò per questa piccola "differenza" :lol: :lol:
Ti saprò dire più tardi.
Grazie mille :D
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Re: Le pastuccelle di Acquavella

Messaggioda Rossella » 19 gen 2014, 10:19

Una domanda te la faccio, anice quale?
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Re: Le pastuccelle di Acquavella

Messaggioda Caris » 19 gen 2014, 10:27

Rossella ha scritto:Una domanda te la faccio, anice quale?

In che senso?
Io sai cosa uso? l'anisetta Meletti, che è un liquore famosissimo comprato in un bar ad Ascoli piceno! ci sono stata una volta e me lo centellino!
Va bene anche la sambuca (dovessi averla)!
Avatar utente
Caris
 
Messaggi: 235
Iscritto il: 12 gen 2014, 20:12

Re: Le pastuccelle di Acquavella

Messaggioda Rossella » 19 gen 2014, 10:36

Caris ha scritto:
Rossella ha scritto:Una domanda te la faccio, anice quale?

In che senso?
Io sai cosa uso? l'anisetta Meletti, che è un liquore famosissimo comprato in un bar ad Ascoli piceno! ci sono stata una volta e me lo centellino!
Va bene anche la sambuca (dovessi averla)!


Infatti, la sambuca è perfetta, l'utilizzo de semi mi comporterebbe la mancanza della parte liquida, e non voglio snaturare la ricetta, dev'essere provata nella sua interezza!
Grazie ;-)
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Re: Le pastuccelle di Acquavella

Messaggioda anavlis » 19 gen 2014, 11:25

Anch'io centellino il Varnelli ed è questo liquore all'anice che userò per questa ricetta. Comunque il nostro sambuca è pure ottimo!
silvana


L’ironia è una dichiarazione di dignità, un’affermazione della superiorità dell’uomo su ciò che gli capita. (Romain Gary)
Avatar utente
anavlis
MODERATORE
 
Messaggi: 10428
Iscritto il: 8 apr 2007, 8:38
Località: palermo

Re: Le pastuccelle di Acquavella

Messaggioda Rossella » 19 gen 2014, 18:03

Un dolce piccolo nell'aspetto ma anche "sontuoso" nel sapore, tanto è vero che era un dolce utilizzato dalle famiglie ricche. I poveri sostituivano il ripieno con i ceci (altro grande classico)


Vera è la sontuosità di cui parla Maria Grazia. Si manifesta al palato sin dal primo approccio, per lasciare poi, pian piano, spazio all'azzeccatissimo connubio tra mandorla e anice, conferendo a lungo al palato la piacevolezza di una lasciata morbida e profumata che esprime tutto il garbo e l'equilibrio degli ingredienti.


30lji9u.jpg
30lji9u.jpg (190.32 KiB) Osservato 61 volte

2hn2qzp.jpg
2hn2qzp.jpg (117.39 KiB) Osservato 61 volte


Ho fatto metà dose utilizzando 60 gr. di strutto al posto del burro, pasta leggerissima fragrante e leggera, ottima!
Grazie *smk*
p.s. : Pur facendo metà dose, a un certo punto mi sono arresa per la quantità che avevo fatto e che dovevo ancora fare, stanca ho sigillato il resto e ho surgelato nella speranza che si mantenga! : Chessygrin :
Ci hai mai provato?
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Re: Le pastuccelle di Acquavella

Messaggioda Caris » 19 gen 2014, 18:18

:clap: :clap:
wow, son bellissime! anche la forma, è perfetta!
in effetti conviene farne la metà, forse un quarto (della dose)!tutta è veramente troppa!
non l'ho mai congelata ma sarei fiduciosa! secondo me va bene!
Avatar utente
Caris
 
Messaggi: 235
Iscritto il: 12 gen 2014, 20:12

Re: Le pastuccelle di Acquavella

Messaggioda Rossella » 19 gen 2014, 19:13

Caris ha scritto::clap: :clap:
wow, son bellissime! anche la forma, è perfetta!
in effetti conviene farne la metà, forse un quarto (della dose)!tutta è veramente troppa!
non l'ho mai congelata ma sarei fiduciosa! secondo me va bene!

Grazie carissima, queste sono le ricette che prediligo, quelle di famiglia che portano con se un pò di storia.
Un quarto sarebbe stato più che sufficiente, ne ho mandate una buona quantità a mia cognata che abita al piano di sotto, il resto senza freno le stiamo mangiando uno dietro l'altro, tanto sono buone e leggere :-P o :p: :-P o :p:
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Re: Le pastuccelle di Acquavella

Messaggioda Patriziaf » 19 gen 2014, 19:52

L'allieva supera la maestra????????? :shock: fisch^gif
Patrizia
Avatar utente
Patriziaf
MODERATORE
 
Messaggi: 2635
Iscritto il: 22 lug 2012, 20:15
Località: Cisterna di Latina

Re: Le pastuccelle di Acquavella

Messaggioda anavlis » 19 gen 2014, 21:15

Bravissima Rossella!!!!!! :clap: :clap: :clap: :clap:

secondo me puoi anche conservare per alcuni giorni in frigo o anche surgelare. Faccio così quando preparo i buccellati, mi stanco e li faccio sostare in frigo! anche il condimendo regge bene è simile al "chinu di mandorle" e lo zucchero conserva bene.
silvana


L’ironia è una dichiarazione di dignità, un’affermazione della superiorità dell’uomo su ciò che gli capita. (Romain Gary)
Avatar utente
anavlis
MODERATORE
 
Messaggi: 10428
Iscritto il: 8 apr 2007, 8:38
Località: palermo

Re: Le pastuccelle di Acquavella

Messaggioda Gaudia » 19 gen 2014, 22:08

Rossella :shock: :thud:
Avatar utente
Gaudia
 
Messaggi: 2093
Iscritto il: 30 ott 2009, 0:17

Re: Le pastuccelle di Acquavella

Messaggioda Rossella » 20 gen 2014, 9:41

Grazie ragazze ^timid!
Li ho assaggiati questa mattina, non hanno perso la fragranza :-::! , cosa che invece accade a tutti i fritti, che restano untuosi perdendo tutte quelle caratteristiche iniziali :wink:
A tempo debito vi informerò per la parte che ho surgelato : Chessygrin :
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Re: Le pastuccelle di Acquavella

Messaggioda titione06 » 20 gen 2014, 11:43

^rodrigo^ :clap: :clap: :clap: brava ROSSELLA : Thumbup :
Christiane
titione06
 
Messaggi: 882
Iscritto il: 25 nov 2010, 18:04
Località: BIOT in FRANCIA

Re: Le pastuccelle di Acquavella

Messaggioda susyvil » 20 gen 2014, 13:06

Rossella....mamma mia!!!!!! :thud:
Assunta
" Cucinare è un modo di dare"- ( Michel Bourdin)
http://www.lacuocadentro.com
Avatar utente
susyvil
 
Messaggi: 2790
Iscritto il: 25 ago 2009, 17:29
Località: Villammare (SA)

Re: Le pastuccelle di Acquavella

Messaggioda Caris » 20 gen 2014, 19:57

Rossella ha scritto:Grazie ragazze ^timid!
Li ho assaggiati questa mattina, non hanno perso la fragranza :-::! , cosa che invece accade a tutti i fritti, che restano untuosi perdendo tutte quelle caratteristiche iniziali :wink:
A tempo debito vi informerò per la parte che ho surgelato : Chessygrin :

a me restano così per dei giorni, non perdono quella loro caratteristica! Mi ha sempre sorpreso questa cosa ma è vero: puoi conservarli a lungo e sono buoni!(il problema è averne una quantità tale da non finirseli subito :ahaha: )
Avatar utente
Caris
 
Messaggi: 235
Iscritto il: 12 gen 2014, 20:12

Re: Le pastuccelle di Acquavella

Messaggioda Rossella » 20 gen 2014, 20:18

Caris ha scritto:
Rossella ha scritto:Grazie ragazze ^timid!
Li ho assaggiati questa mattina, non hanno perso la fragranza :-::! , cosa che invece accade a tutti i fritti, che restano untuosi perdendo tutte quelle caratteristiche iniziali :wink:
A tempo debito vi informerò per la parte che ho surgelato : Chessygrin :

a me restano così per dei giorni, non perdono quella loro caratteristica! Mi ha sempre sorpreso questa cosa ma è vero: puoi conservarli a lungo e sono buoni!(il problema è averne una quantità tale da non finirseli subito :ahaha: )

Questa cosa è veramente sorprendente, motivo in più per farle :wink:
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Re: Le pastuccelle di Acquavella

Messaggioda rosanna » 21 gen 2014, 12:37

con burro chiarificato Corman che avevo dallo scorso anno, inserendone il 20% in meno rispetto alla quantità di burro prevista ed aumentando di un poco i liquidi cioè il vino .
La mia colazione di stamani , l'impasto mi è piaciuto molto dovevo solo mettere un po' più .. sale, ne avevo messo troppo poco.
Grazie Maria Grazia !! :-P o :p: *smk*

e083cfa7c57c9161e741abc016d01e79.jpg
e083cfa7c57c9161e741abc016d01e79.jpg (107.72 KiB) Osservato 60 volte
Rosanna

L’uomo è viator, pellegrino o fuggiasco. Ogni cammino è infine verso una casa. E la casa, dove abito, è il luogo dove sono accolto e amato. Altrimenti fuggo e vado vagando. La casa di ognuno è chi lo ama. E chiunque ama è casa dell’amato. Il nostro camminare è sempre un «cercare» amore, unico luogo dove ci sentiamo di casa e possiamo riposare.
(Silvano Fausti sj)
Avatar utente
rosanna
 
Messaggi: 4413
Iscritto il: 25 nov 2006, 17:21
Località: NAPOLI

Re: Le pastuccelle di Acquavella

Messaggioda Rossella » 21 gen 2014, 12:40

Perfette Ros. sono buone, oggi domani e dopodomani :clap: :clap:
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Re: Le pastuccelle di Acquavella

Messaggioda Rossella » 21 gen 2014, 12:50

Per quanto riguarda il sale anche se non menzionato, ho l'abitudine di aggiungerlo sempre, in questo caso l'ho aggiunto sia nella pasta che nel ripieno ^timid!
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

PrecedenteProssimo

Torna a Doce Doce

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee