pasticceria fra i Greci antichi

Ricette di pasticceria

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

pasticceria fra i Greci antichi

Messaggioda ettore » 15 apr 2007, 10:56

Che ne dite di queste "focaccine al sesamo" che andavano di moda fra i Greci antichi ?
La ricetta è stata tramandata da Ateneo di Naucrati, scrittore del II sec. d.C., ma era molto più antica. Non so fosse piaciuta anche ad Ulisse & Soci ma potrebbe darsi ...
Ve la passo così, se volete, vi potete dare un tono "classico"

Ingredienti:
Noci, mandorle, sesamo, semi di papavero, farina integrale, miele, pepe.
(le quantità non sono descritte quindi ciascuno si regoli)
Preparazione:
Far tostare, separatamente, i semi di papavero, le noci e le mandorle, ovviamente sgusciate; pestarli in un mortaio aggiungendo pepe e, infine, miele, finché tutta questa "pasta nera" (per il pepe!) sia ben amalgamata.
Pestare i semi di sesamo, mescolarli con farina e miele facendo delle focacce al cui interno si intriderà la "pasta nera".
Far cuocere per pochi minuti in forno.

Al tempo di Agamennone si usava cuocere sotto la cenere ! Fate voi.
ettore
Avatar utente
ettore
 
Messaggi: 288
Iscritto il: 5 apr 2007, 16:47
Località: Pesaro

Re: pasticceria fra i Greci antichi

Messaggioda Rossella » 15 apr 2007, 11:14

ettore ha scritto:Che ne dite di queste "focaccine al sesamo" che andavano di moda fra i Greci antichi ?
La ricetta è stata tramandata da Ateneo di Naucrati, scrittore del II sec. d.C., ma era molto più antica. Non so fosse piaciuta anche ad Ulisse & Soci ma potrebbe darsi ...
Ve la passo così, se volete, vi potete dare un tono "classico"

Ingredienti:
Noci, mandorle, sesamo, semi di papavero, farina integrale, miele, pepe.
(le quantità non sono descritte quindi ciascuno si regoli)
Preparazione:
Far tostare, separatamente, i semi di papavero, le noci e le mandorle, ovviamente sgusciate; pestarli in un mortaio aggiungendo pepe e, infine, miele, finché tutta questa "pasta nera" (per il pepe!) sia ben amalgamata.
Pestare i semi di sesamo, mescolarli con farina e miele facendo delle focacce al cui interno si intriderà la "pasta nera".
Far cuocere per pochi minuti in forno.

Al tempo di Agamennone si usava cuocere sotto la cenere ! Fate voi.


Ettore sono estasiata :shock: questo tuffo nel passato mi affascina :D
tra gli ingredienti l'unico ingrediente liquido che leggo è il miele...confermi?
grazie. :D
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Messaggioda ila » 15 apr 2007, 13:14

Il pepe come lo macinavano? Molto fine o tritato??? In polvere assorbe di piú che tritato... magari cambia ai fini dell'impasto
Avatar utente
ila
 
Messaggi: 695
Iscritto il: 12 dic 2006, 15:09

Re: pasticceria fra i Greci antichi

Messaggioda Typone » 15 apr 2007, 13:50

ettore ha scritto:Noci, mandorle, sesamo, semi di papavero, farina integrale, miele, pepe.

Sembra che debba assomigliare ai dolci rinascimentali senesi, tipo panforte o panpepato...Che dici?

T.
Typone
 

Messaggioda ettore » 16 apr 2007, 14:11

di acqua ne serve molto poco da aggiungere alla farina. Non l'ho messa fra gli ingredienti, perchè il nostro Ateneo di Naucrati non la cita, ma serve per dare quel minimo di consistenza necessario all'impasto.
Il pepe era probabilmente pestato nel mortaio ma si fatica meno usando quello macinato fine di fresco.
Assomiglia al panforte rispetto al quale è più ... pepato.
Fate sapere cosa ve ne pare di questo dolce.
Ovviamente le ragazze che lo fanno devono indossare il peplo, avere in testa la ghirlandina di fiori e, ai piedi, i calzari se no non vale!
ettore
Avatar utente
ettore
 
Messaggi: 288
Iscritto il: 5 apr 2007, 16:47
Località: Pesaro

Messaggioda Rossella » 16 apr 2007, 14:13

ettore ha scritto:di acqua ne serve molto poco da aggiungere alla farina. Non l'ho messa fra gli ingredienti, perchè il nostro Ateneo di Naucrati non la cita, ma serve per dare quel minimo di consistenza necessario all'impasto.
Il pepe era probabilmente pestato nel mortaio ma si fatica meno usando quello macinato fine di fresco.
Assomiglia al panforte rispetto al quale è più ... pepato.
Fate sapere cosa ve ne pare di questo dolce.
Ovviamente le ragazze che lo fanno devono indossare il peplo, avere in testa la ghirlandina di fiori e, ai piedi, i calzari se no non vale!

:lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol:
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Messaggioda MEB » 16 apr 2007, 14:24

il nero potrebbe essere dato anche dai semi di papavero o dal sesamo ( quello nero ) .. se fosse solo pepe .. AIUTO !
Maria Elena Baroni
MEB
 
Messaggi: 228
Iscritto il: 27 nov 2006, 11:24
Località: Dovera - CR

Re: pasticceria fra i Greci antichi

Messaggioda anavlis » 7 apr 2014, 9:44

niente lievito?
silvana


L’ironia è una dichiarazione di dignità, un’affermazione della superiorità dell’uomo su ciò che gli capita. (Romain Gary)
Avatar utente
anavlis
MODERATORE
 
Messaggi: 10428
Iscritto il: 8 apr 2007, 8:38
Località: palermo

Re: pasticceria fra i Greci antichi

Messaggioda Rossella » 8 apr 2014, 6:40

anavlis ha scritto:niente lievito?

Se hai deciso di provare ricorda : Chessygrin :

Ovviamente le ragazze che lo fanno devono indossare il peplo, avere in testa la ghirlandina di fiori e, ai piedi, i calzari se no non vale!
:cool:
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Re: pasticceria fra i Greci antichi

Messaggioda anavlis » 8 apr 2014, 7:39

seeeeeeee!!!!!!!!!!! :no:
silvana


L’ironia è una dichiarazione di dignità, un’affermazione della superiorità dell’uomo su ciò che gli capita. (Romain Gary)
Avatar utente
anavlis
MODERATORE
 
Messaggi: 10428
Iscritto il: 8 apr 2007, 8:38
Località: palermo

Re: pasticceria fra i Greci antichi

Messaggioda flokkietta » 10 apr 2014, 16:06

Mi ricordano molto la ricetta dei Susamielli Campani...magari ne sono i discendenti diretti!!! : WohoW :
Florinda
Avatar utente
flokkietta
 
Messaggi: 296
Iscritto il: 24 feb 2009, 13:30

Re: pasticceria fra i Greci antichi

Messaggioda nicodvb » 11 apr 2014, 15:38

Se lòa intendevano di dolci 'stio Greci antichi. Con ingrtedienti del genere la gustosità è assicurata.
Che mondo sarebbe senza ricotta?
file excel con le ricette dei grandi lievitati: http://dl.dropbox.com/u/69660061/lievitati.xls
Avatar utente
nicodvb
 
Messaggi: 3048
Iscritto il: 23 dic 2008, 12:34
Località: Bologna


Torna a Doce Doce

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee