Paste cresciute di Adriano

Pane e Lievitati - Il club dei Panificatori

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

Paste cresciute di Adriano

Messaggioda susyvil » 25 feb 2013, 11:27

Ricordavo di averle intraviste tanto tempo fa, ora non le trovo più! :|?
Ho arricchito l'impasto con rucola e gamberetti tritati finemente e cosparso con una gelatina
di aceto balsamico che ci stava divinamente! D:Do
Io ho seguito la procedura per l'impasto a mano, abbastanza faticoso ma molto appagante in termini di riuscita!!! :D

Immagine

Dal blog di Adriano

Ingredienti:
500gr farina W 250 (in alternativa 0 per pizza 12% proteine)
450gr acqua
5gr lievito fresco
10gr sale
1 cucchiano malto (facoltativo – no miele)
1 cucchiaio di olio evo
olio di arachide per friggere

Ripieni: provola, mozzarella, fior di latte, ricotta asciutta, caciocavallo, ricotta mescolata con parmigiano sale e pepe, formaggi di media densità.

Ore 15 ca: nella ciotola dell’impastatrice sciogliamo il lievito ed il malto nell’acqua fresca di rubinetto, amalgamiamo 450gr di farina setacciata, copriamo e lasciamo triplicare a temp. ambiente (ca. 2 ore).
Quando noteremo le prime fossette al centro, uniamo il resto della farina ed avviamo con la foglia a vel. 1. Non appena la farina sarà amalgamata uniamo il sale e lasciamo andare per 4’. Aumentiamo lentamente la vel. a 2 ed impastiamo fino a che non incorda (ca. 10 – 12’). Inseriamo l’olio a filo e riportiamo in corda.
Montiamo il gancio e lasciamo andare a vel, 2 fino a che non si presenterà ben legato, lucido ed elastico.

Copriamo e lasciamo a temp. ambiente fino alle 19,30.

A mano:
partendo dal poolish maturo, come sopra, fatto in una ciotola altina a fondo tondo, uniamo il resto della farina ed il sale, mescoliamo in senso circolare, sempre nella stessa direzione per 4’. Raccogliamo l’impasto su di un lato della ciotola, ciotola che avvinghieremo letteralmente con il braccio sinistro (se non siamo mancini). Con la mano destra chiusa a coppa, lavoreremo tirando l’impasto in alto, lungo la parete che è verso di noi e sbattendolo sul fondo. Continueremo in questo modo, capovolgendo spesso l’impasto ed incrementando l’energia man mano che lega, fino a che non si staccherà dalle pareti della ciotola. Uniamo l’olio un po’ alla volta e lavoriamo finchè non sarà pronto (come sopra).
A questo punto io ho aggiunto la rucola ed i gamberetti tritati finemente con la mezzaluna, ho mescolato ripetutamente fino a che non sono stati bene assorbiti dall'impasto.


Nel frattempo tagliamo il ripieno a cubetti da 1, 5cm ca. di lato e lasciamo sgocciolare se acquoso.

Con un cucchiaio (o con le mani se avete pratica), preleviamo una parte di impasto, mettiamo al centro il ripieno ed avvolgiamolo tirando l’impasto e facendo attenzione a non lasciare parti scoperte.
Tuffiamo in olio profondo a 175°, fino a doratura.
Sgoccioliamo e poniamo su carta assorbente, saliamo leggermente.
Assunta
" Cucinare è un modo di dare"- ( Michel Bourdin)
http://www.lacuocadentro.com
Avatar utente
susyvil
 
Messaggi: 2790
Iscritto il: 25 ago 2009, 17:29
Località: Villammare (SA)

Re: Paste cresciute di Adriano

Messaggioda titione06 » 25 feb 2013, 11:57

:-P o :p: :-P o :p: :-P o :p: belli!!! :clap: :clap:
Christiane
titione06
 
Messaggi: 882
Iscritto il: 25 nov 2010, 18:04
Località: BIOT in FRANCIA

Re: Paste cresciute di Adriano

Messaggioda rosanna » 25 feb 2013, 12:08

la salsa rossa cosa è?

belli belli ! :clap:
Rosanna

L’uomo è viator, pellegrino o fuggiasco. Ogni cammino è infine verso una casa. E la casa, dove abito, è il luogo dove sono accolto e amato. Altrimenti fuggo e vado vagando. La casa di ognuno è chi lo ama. E chiunque ama è casa dell’amato. Il nostro camminare è sempre un «cercare» amore, unico luogo dove ci sentiamo di casa e possiamo riposare.
(Silvano Fausti sj)
Avatar utente
rosanna
 
Messaggi: 4413
Iscritto il: 25 nov 2006, 17:21
Località: NAPOLI

Re: Paste cresciute di Adriano

Messaggioda anavlis » 25 feb 2013, 12:22

Caspita che belle : WohoW : fritte in modo perfetto!!!!! :clap: :clap: :clap:
sai che vengono bene anche con la semola rimacinata? ...e pucciate nel miele di fico o vino cotto :-P o :p:
silvana


L’ironia è una dichiarazione di dignità, un’affermazione della superiorità dell’uomo su ciò che gli capita. (Romain Gary)
Avatar utente
anavlis
MODERATORE
 
Messaggi: 10428
Iscritto il: 8 apr 2007, 8:38
Località: palermo

Re: Paste cresciute di Adriano

Messaggioda Luciana_D » 25 feb 2013, 15:05

Susy,queste sono da sballo!! :shock:
:clap: :clap: :clap:
e la gelatina hai ragione a dire che ci sta d'incanto ^rodrigo^
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11828
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri

Re: Paste cresciute di Adriano

Messaggioda Rossella » 25 feb 2013, 16:20

Assunta :-::! :-::! :clap: :clap:
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Re: Paste cresciute di Adriano

Messaggioda Gaudia » 25 feb 2013, 17:50

Bello e perfettamente eseguito, come tutti i tuoi piatti, del resto :clap: :clap:
Il tocco di genio di rucola e gamberetti mi convince molto ma non riesco ad immaginarci alcun ripieno tra quelli elencati: tu quale hai usato? *smk*
Avatar utente
Gaudia
 
Messaggi: 2093
Iscritto il: 30 ott 2009, 0:17

Re: Paste cresciute di Adriano

Messaggioda Patriziaf » 25 feb 2013, 17:55

sembrano nuvolette......peccato che siano fritte.... :sigh: :sigh: :sigh: !!!!!
Patrizia
Avatar utente
Patriziaf
MODERATORE
 
Messaggi: 2635
Iscritto il: 22 lug 2012, 20:15
Località: Cisterna di Latina

Re: Paste cresciute di Adriano

Messaggioda rosanna » 25 feb 2013, 19:45

gaudia non c'è ripieno :D la ricetta di Adriano è questa riportata da Assunta che l'ha modificata mettendo gamberetti e rucola nell'impasto e la gelatina balsamica sopra. Buonissime devono essere e le vorrei assaggiare, non posso per ora ..mannaggia la dieta !
Rosanna

L’uomo è viator, pellegrino o fuggiasco. Ogni cammino è infine verso una casa. E la casa, dove abito, è il luogo dove sono accolto e amato. Altrimenti fuggo e vado vagando. La casa di ognuno è chi lo ama. E chiunque ama è casa dell’amato. Il nostro camminare è sempre un «cercare» amore, unico luogo dove ci sentiamo di casa e possiamo riposare.
(Silvano Fausti sj)
Avatar utente
rosanna
 
Messaggi: 4413
Iscritto il: 25 nov 2006, 17:21
Località: NAPOLI

Re: Paste cresciute di Adriano

Messaggioda Gaudia » 25 feb 2013, 20:06

susyvil ha scritto:Ingredienti:
500gr farina W 250 (in alternativa 0 per pizza 12% proteine)
450gr acqua
5gr lievito fresco
10gr sale
1 cucchiano malto (facoltativo – no miele)
1 cucchiaio di olio evo
olio di arachide per friggere

Ripieni: provola, mozzarella, fior di latte, ricotta asciutta, caciocavallo, ricotta mescolata con parmigiano sale e pepe, formaggi di media densità.

Ore 15 ca: nella ciotola dell’impastatrice sciogliamo il lievito ed il malto nell’acqua fresca di rubinetto, amalgamiamo 450gr di farina setacciata, copriamo e lasciamo triplicare a temp. ambiente (ca. 2 ore).
Quando noteremo le prime fossette al centro, uniamo il resto della farina ed avviamo con la foglia a vel. 1. Non appena la farina sarà amalgamata uniamo il sale e lasciamo andare per 4’. Aumentiamo lentamente la vel. a 2 ed impastiamo fino a che non incorda (ca. 10 – 12’). Inseriamo l’olio a filo e riportiamo in corda.
Montiamo il gancio e lasciamo andare a vel, 2 fino a che non si presenterà ben legato, lucido ed elastico.

Copriamo e lasciamo a temp. ambiente fino alle 19,30.

A mano:
partendo dal poolish maturo, come sopra, fatto in una ciotola altina a fondo tondo, uniamo il resto della farina ed il sale, mescoliamo in senso circolare, sempre nella stessa direzione per 4’. Raccogliamo l’impasto su di un lato della ciotola, ciotola che avvinghieremo letteralmente con il braccio sinistro (se non siamo mancini). Con la mano destra chiusa a coppa, lavoreremo tirando l’impasto in alto, lungo la parete che è verso di noi e sbattendolo sul fondo. Continueremo in questo modo, capovolgendo spesso l’impasto ed incrementando l’energia man mano che lega, fino a che non si staccherà dalle pareti della ciotola. Uniamo l’olio un po’ alla volta e lavoriamo finchè non sarà pronto (come sopra).
questo punto io ho aggiunto la rucola ed i gamberetti tritati finemente con la mezzaluna, ho mescolato ripetutamente fino a che non sono stati bene assorbiti dall'impasto.


Nel frattempo tagliamo il ripieno a cubetti da 1, 5cm ca. di lato e lasciamo sgocciolare se acquoso.

Con un cucchiaio (o con le mani se avete pratica), preleviamo una parte di impasto, mettiamo al centro il ripieno ed avvolgiamolo tirando l’impasto e facendo attenzione a non lasciare parti scoperte.

Tuffiamo in olio profondo a 175°, fino a doratura.
Sgoccioliamo e poniamo su carta assorbente, saliamo leggermente.


(I think) Ho evidenziato in rosso il passaggio che parla del ripieno: aspettiamo Susy
Avatar utente
Gaudia
 
Messaggi: 2093
Iscritto il: 30 ott 2009, 0:17

Re: Paste cresciute di Adriano

Messaggioda misskelly » 25 feb 2013, 20:40

:clap: :clap: :clap: Brava Assunta.... :-::! :-::! :-::!
Giovanna ...e Spike Immagine
Avatar utente
misskelly
 
Messaggi: 1962
Iscritto il: 25 mar 2008, 17:45
Località: ISERNIA

Re: Paste cresciute di Adriano

Messaggioda susyvil » 25 feb 2013, 20:51

Gaudia ha scritto:Bello e perfettamente eseguito, come tutti i tuoi piatti, del resto :clap: :clap:
Il tocco di genio di rucola e gamberetti mi convince molto ma non riesco ad immaginarci alcun ripieno tra quelli elencati: tu quale hai usato? *smk*

Grazie a tutte innanzitutto! *smk*
Gaudia, non ho messo alcun ripieno, ho riportato per intero la ricetta di Adriano così come scritto nel suo blog per chi volesse eseguirla alla lettera! :D
Io, come introdotto all'inizio, ho solamente mescolato all'impasto la rucola ed i gamberetti tritati finemente. *smk*
Assunta
" Cucinare è un modo di dare"- ( Michel Bourdin)
http://www.lacuocadentro.com
Avatar utente
susyvil
 
Messaggi: 2790
Iscritto il: 25 ago 2009, 17:29
Località: Villammare (SA)

Re: Paste cresciute di Adriano

Messaggioda susyvil » 25 feb 2013, 20:54

miky ha scritto:sembrano nuvolette......peccato che siano fritte.... :sigh: :sigh: :sigh: !!!!!

Miky, come già scritto da Donna in un'altra discussione, quando ce vò ce vò!!!! :lol:
Assunta
" Cucinare è un modo di dare"- ( Michel Bourdin)
http://www.lacuocadentro.com
Avatar utente
susyvil
 
Messaggi: 2790
Iscritto il: 25 ago 2009, 17:29
Località: Villammare (SA)

Re: Paste cresciute di Adriano

Messaggioda Donna » 26 feb 2013, 8:07

Bravissima, anche se io per ragioni di pigrizia continuero´a friggere parte dell´impasto per pizza che avanza come faceva la mia mamma :mrgreen: : WohoW :
"Voglio un cibo educato. Un solo aggettivo, che non ha bisogno di tante parole di contorno. Così ci riprenderemo il diritto al cibo, e non il suo rovescio. Questo è quanto (basta)". ´
Andrea Segre´(Cibo)
Avatar utente
Donna
MODERATORE
 
Messaggi: 3323
Iscritto il: 30 gen 2007, 14:02

Re: Paste cresciute di Adriano

Messaggioda anavlis » 26 feb 2013, 8:49

miky ha scritto:sembrano nuvolette......peccato che siano fritte.... :sigh: :sigh: :sigh: !!!!!


Patrizia, il fritto per immersione non è così terribile. L'importante è non usare la forchetta per girarle, con il rischio di bucarle e fare penetrare olio. Rimangono perfettamente asciutte, per nulla untuose, e non si mangiano tutti i giorni.

mi fate morire quando vi preoccupate del fritto, ricordo tante discussione per la scorza dei cannoli, e poi non temete i tanti grassi animali di molte ricette :lol: :lol: :lol: :lol:
silvana


L’ironia è una dichiarazione di dignità, un’affermazione della superiorità dell’uomo su ciò che gli capita. (Romain Gary)
Avatar utente
anavlis
MODERATORE
 
Messaggi: 10428
Iscritto il: 8 apr 2007, 8:38
Località: palermo

Re: Paste cresciute di Adriano

Messaggioda anavlis » 26 feb 2013, 8:56

Donna ha scritto: anche se io per ragioni di pigrizia continuero´a friggere parte dell´impasto per pizza che avanza come faceva la mia mamma :mrgreen: : WohoW :


Donatella, se ci pensi la ricetta questa è. Solo che si frigge. In tutte le regione d'Italia si è sempre preparata in questo modo. Si preparava più impasto ed una parte - solitamente si faceva la versione dolce - si friggeva per farne un dolce povero magari da pucciare solo con un poco di zucchero o miele.
silvana


L’ironia è una dichiarazione di dignità, un’affermazione della superiorità dell’uomo su ciò che gli capita. (Romain Gary)
Avatar utente
anavlis
MODERATORE
 
Messaggi: 10428
Iscritto il: 8 apr 2007, 8:38
Località: palermo

Re: Paste cresciute di Adriano

Messaggioda Patriziaf » 26 feb 2013, 9:30

"Patrizia, il fritto per immersione non è così terribile. L'importante è non usare la forchetta per girarle, con il rischio di bucarle e fare penetrare olio. Rimangono perfettamente asciutte, per nulla untuose, e non si mangiano tutti i giorni.

mi fate morire quando vi preoccupate del fritto, ricordo tante discussione per la scorza dei cannoli, e poi non temete i tanti grassi animali di molte ricette"


Sì va bè,dovrò aspettare un bel pò prima di mangiarne....dopo colicistectomia!!!!! :no: :no: :no:
Patrizia
Avatar utente
Patriziaf
MODERATORE
 
Messaggi: 2635
Iscritto il: 22 lug 2012, 20:15
Località: Cisterna di Latina


Torna a Chi va al mulino...s'infarina

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee