Pasta a ventu (Tr)°

Ricette di pasticceria

Moderatori: Clara, Sandra, Luciana_D, anavlis

Pasta a ventu (Tr)°

Messaggioda Rossella » 1 dic 2006, 17:43

Immagine


Pasta a ventu chiamata anche varva di san Binidittu. (barba di san benedetto)
Piatto che veniva preparato anticamente nelle vecchie famiglie nobili Catanesi.

Immagine
Immagine
Immagine

pasta a ventu
Ingredienti

100 gr di farina 00
100 gr di farina di semola
un cucchiaio scarso di zucchero
sale
pizzico di zafferano

150 gr. Di miele di zagara possibilmente
acqua di arancia (essenza di arancia)
50 gr. Di pistacchi
zucchero a velo
olio d'oliva x friggere

Preparazione

Impastare le farine insieme alle uova, il sale e il cucchiaio di zucchero, aggiungere quel tanto di acqua calda dove scioglieremo una punta di zafferano.
Fare riposare l'impasto qualche ora .Ricavare una sfoglia sottile e tagliare a listerelle sottili(tipo capelli d'angelo)
Friggere in abbondante olio caldo, in questo modo assumeranno la caratteristica rigida è a vento.
Ultima modifica di Rossella il 17 set 2007, 16:00, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 14278
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Messaggioda Sandra » 17 set 2007, 15:54

Eccola !!!Mi ricordavo che anche nel profondissimo sud, direi quasi in Africa :lol: :lol: :lol: , facevano dolci con le tagliatelline :lol: :lol:

Bellissima anche questa!!

Sandra
E quando ne ho voglia faccio anche qualche foto:
http://www.flickr.com/photos/43807393@N00/
Avatar utente
Sandra
MODERATORE
 
Messaggi: 9017
Iscritto il: 25 nov 2006, 15:56
Località: vence(francia)


Torna a Doce Doce

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee