pasta con le sarde e finocchietto di montagna

Ricette

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

pasta con le sarde e finocchietto di montagna

Messaggioda acidrave » 13 ago 2008, 20:13

chiedo venia alle sicule se invado il loro campo, ma ho trovato del bellissimo finocchietto ai piedi dei monti.. per farmi perdonare la dedico a tutte le calde e solari donne siciliane, in particolare a una :wink: , affinchè possa perdersi ma poi ritrovarsi. Con tutto il cuore.

Immagine

Immagine

Immagine

la ricetta domani
Avatar utente
acidrave
 
Messaggi: 308
Iscritto il: 9 mag 2008, 7:26
Località: Cuneo

Re: pasta con le sarde e finocchietto di montagna

Messaggioda cinzia cipri' » 13 ago 2008, 20:34

sono commossa... sinceramente commossa.
Se l'avessi qui, la mangerei volentieri caro Paolo.
certo non assomigli alla versione autoctona, ma mi piace moltissimo la reinterpretazione.
Grazie davvero Paolo: mi perdero' e mi ritrovero' pensandoti
Avatar utente
cinzia cipri'
 
Messaggi: 6231
Iscritto il: 27 mar 2008, 12:03
Località: Palermo

Re: pasta con le sarde e finocchietto di montagna

Messaggioda acidrave » 14 ago 2008, 7:10

Arancina ha scritto:certo non assomigli alla versione autoctona


oopps... :oops: e sì che l'ho copiata pari pari dal libro: "cucinare alla siciliana" di Carmelo Sanmarco, libro preso nel 2001 a Palermo. Va beh, ho tolto l'uva passa (che non sopporto proprio), la cipolla (xche non ne avevo voglia), lo zafferano (che non avevo), cambiato un pò l'ordine e i tempi di cottura, ma il resto uguale uguale! :mrgreen:

per 2:

160 gr di pasta
10-15 sarde
finocchietto (tanto...)
pinoli
aglio
olio
pan grattato

fare bollire 10 minuti il finocchietto tritato fine fine, toglierlo e tenere l'acqua, in cui farete poi cuocere la pasta.

fare andare in padella metà della alici insieme a olio, finocchietto e poco pangrattato, bagnare con un pò di acqua di cottura del finocchietto e cuocere fino a che non sono disfatte. togliere e tenere da parte, servirà come base del piatto.
Cuocere la pasta nell'acqua dei finocchietti.
ne tegame di prima mettere olio, le restanti alici intere, i pinoli, il finocchietto, l'aglio e cuocere 5 minuti a fuoco basso. Aggiungere la pasta scolata al dente e fare insaporire. Servire stendendo uno strato delle alici di prima cottura , e sopra la pasta come da foto.

e mi raccomando MANGIA!!!!!!!!!
Avatar utente
acidrave
 
Messaggi: 308
Iscritto il: 9 mag 2008, 7:26
Località: Cuneo

Re: pasta con le sarde e finocchietto di montagna

Messaggioda Rossella » 14 ago 2008, 7:27

acidrave ha scritto:
Arancina ha scritto:certo non assomigli alla versione autoctona


oopps... :oops: e sì che l'ho copiata pari pari dal libro: "cucinare alla siciliana" di Carmelo Sanmarco, libro preso nel 2001 a Palermo. Va beh, ho tolto l'uva passa (che non sopporto proprio), la cipolla (xche non ne avevo voglia), lo zafferano (che non avevo), cambiato un pò l'ordine e i tempi di cottura, ma il resto uguale uguale! :mrgreen:


Cinzia ha ragione. :wink: ..non conosco questo testo che hai citato, , ci sarebbe da dire che, se da un piatto come questo pasta con le sarde, ometti alcuni degli ingredienti principali invertendo la sequenza di procedimento, meglio sarebbe dire, che hai preso spunto da un piatto della nostra tradizione personalizzandolo, creandone uno tuo, :wink:
il piatto si presenta bene e sarà anche ottimo, ne sono certa!
grazie per la dedica *smk*
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone


Torna a Dalla padella alla brace

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee