/ Panini Dede

Pane e Lievitati - Il club dei Panificatori

Moderatori: Clara, Sandra, Luciana_D, TeresaV, anavlis

/ Panini Dede

Messaggioda Dida » 29 nov 2006, 17:39

Panini Dede

Ingredienti:

gr. 500 farina 00
gr. 500 semola di grano duro
2 bustine di lievito di birra secco , due cucchiaiate di zucchero , 3 cucchiaini di sale fine, una cucchiaiata di burro o di olio evo, mezzo bicchiere di fiocchi di patate.

Ho usato mezzo chilo di farina doppio zero e mezzo chilo di semola di grano duro, due bustine di lievito secco, due cucchiai di zucchero, tre cucchiaini di sale, un bel cucchiaione di latte in polvere (per la serie incauti acquisti: non sai che fartene e finisci per piazzarli da qualche parte a vanvera) un cucchiaio di burro, e, aggiunta determinante, un mezzo bicchiere di fiocchi di patate.

L'acqua l'ho aggiunta poco alla volta a sentimento, badando di ottenere un impasto piuttosto sostenuto.
La lavorazione l'ho affidata a Larry, il mitico Kenwood ex-Robertopotito, che mi ha letteralmente aperto un nuovo mondo, non esagero.

Lievitato fino al raddoppio, poi ho diviso l'impasto a metà: una parte l'ho tagliata a pezzi senza lavorare ulteriormente, e un'altra parte l'ho stesa con le mani e poi arrotolata a formare dei filoncini, che ho poi tagliato trasversalmente in tre pagnottine.

Questo per verificare eventuali differenze nella consistenza finale: hanno vinto i panini dal filone arrotolato, più soffici degli altri.
Ho sistemato tutto in due teglie, messe a lievitare per un'altra oretta. Prima di infornare ho nebulizzato abbondantemente con acqua fresca.

Ho seguito le istruzioni del forno: ventilazione assistita (cosa vorrà dire?) temperatura 180° per mezz'ora, poi, dato che la teglia in alto era più colorita, ho fatto cambio.

Di lì ho proseguito a vista, non saprei precisamente per quanto tempo, più o meno ancora un quarto d'ora/venti minuti.
Daniela Mari Griner



In amore, come in cucina, ciò che è fatto troppo in fretta è fatto male.
Anonimo
Avatar utente
Dida
 
Messaggi: 2894
Iscritto il: 25 nov 2006, 16:04
Località: Casorezzo MI

Messaggioda dede » 30 nov 2006, 17:30

ma grazie Dida! non immaginavo che qualcuno se li ricordasse ancora :D
Avatar utente
dede
 
Messaggi: 42
Iscritto il: 27 nov 2006, 14:50
Località: Givoletto/Rivoli

Messaggioda francesca » 30 nov 2006, 19:28

dede ha scritto:ma grazie Dida! non immaginavo che qualcuno se li ricordasse ancora :D

Ehi, come no, io li faccio in continuazione!!! :wink:
francesca
Avatar utente
francesca
 
Messaggi: 277
Iscritto il: 25 nov 2006, 15:58
Località: lonato del garda


Torna a Chi va al mulino...s'infarina

Chi c’è in linea

Visitano il forum: MSNbot Media e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee