Il panettone di Rolando Morandin

Pane e Lievitati - Il club dei Panificatori

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

Re: il panettone di Rolando Morandin

Messaggioda Luciana_D » 2 dic 2012, 12:32

Rossella ha scritto:
Che faccio ? per il secondo impasto mi spaventa solo il burro , anche perchè Rossella mi dice che disorienta per la consistenza molle

A tuoi rischio e pericolo, io proverei quello canonico per il momento :roll:

Quoto Rossella.
Crema pasticcera a patto solo se l'impasto e' sodo
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11827
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri

Re: il panettone di Rolando Morandin

Messaggioda rosanna » 2 dic 2012, 20:23

Immagine
Non è bagnato Ross, nella foto in alto è unto


me l'ero scordato...hai ragione rossella è particolare questo impasto, non tanto per la mollezza, anzi mi sembra tenace :|? ..ed a causa della ricchezza degli ingredienti di burro e uova sono stata attentissima a non farlo riscaldare, velocità max 2 . Ho fatto uno spolvero di farina alla fine e mi sembra che abbia gradito.
Dopo averlo pesato l'ho tenuto per un'ora quasi.. a riposo
Immagine
e poi l'ho pirlato. Sta di nuovo nello scatolone , ve lo mostro

Immagine


un po' di foto per spezzare l'attesa...e spero che all'una sia pronto : orologio:
Ultima modifica di rosanna il 2 dic 2012, 21:36, modificato 1 volta in totale.
Rosanna

L’uomo è viator, pellegrino o fuggiasco. Ogni cammino è infine verso una casa. E la casa, dove abito, è il luogo dove sono accolto e amato. Altrimenti fuggo e vado vagando. La casa di ognuno è chi lo ama. E chiunque ama è casa dell’amato. Il nostro camminare è sempre un «cercare» amore, unico luogo dove ci sentiamo di casa e possiamo riposare.
(Silvano Fausti sj)
Avatar utente
rosanna
 
Messaggi: 4420
Iscritto il: 25 nov 2006, 17:21
Località: NAPOLI

Re: il panettone di Rolando Morandin

Messaggioda Rossella » 2 dic 2012, 20:37

Evvaiiiiiiiiiiiiii :D :D
Il velo c'è :D , ma guarda quanto è unto e lucido, il mio impasto, prima di raggiungere quella tenacità ha impiegato un bel pò, tra ribaltamenti vari, tutto eseguito a bassi giri :thud:
La tua farina è più forte rispetto a quella utilizzata da me ?( io rossetto w440, tu panettone la quaglia)
Aspettiamo insieme a te :D
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Re: il panettone di Rolando Morandin

Messaggioda nicodvb » 2 dic 2012, 20:53

se vi viene incordato ma stramolle potete usare un trucchettino. Siccome le planetarie non incorporano ossigeno neanche a spararglielo con la bombola a pressione è meglio se lo fate voi: un'ora dopo la lavorazione mettetevi comodamente sedute in divano con l'impasto in una ciotola larga.
Con tre dita sollevate un lembo per volta ed estendetelo il più possibile, poco per volta viene su tutto in blocco.
È anche un buon esercizio per i deltoidi. Basta una decina di minuti e l'impasto sarà più bello. Dopo un po' di tempo diventa anche bello sodo!
Che mondo sarebbe senza ricotta?
file excel con le ricette dei grandi lievitati: http://dl.dropbox.com/u/69660061/lievitati.xls
Avatar utente
nicodvb
 
Messaggi: 3048
Iscritto il: 23 dic 2008, 12:34
Località: Bologna

Re: il panettone di Rolando Morandin

Messaggioda rosanna » 3 dic 2012, 8:08

sono le 8 e sono trascorse 18 ore e sale lentamente ..è quasi al bordo . Mi chiedo perchè tanto tempo mah !
Rosanna

L’uomo è viator, pellegrino o fuggiasco. Ogni cammino è infine verso una casa. E la casa, dove abito, è il luogo dove sono accolto e amato. Altrimenti fuggo e vado vagando. La casa di ognuno è chi lo ama. E chiunque ama è casa dell’amato. Il nostro camminare è sempre un «cercare» amore, unico luogo dove ci sentiamo di casa e possiamo riposare.
(Silvano Fausti sj)
Avatar utente
rosanna
 
Messaggi: 4420
Iscritto il: 25 nov 2006, 17:21
Località: NAPOLI

Re: il panettone di Rolando Morandin

Messaggioda Rossella » 3 dic 2012, 8:10

rosanna ha scritto:sono le 8 e sono trascorse 18 ore e sale lentamente ..è quasi al bordo . Mi chiedo perchè tanto tempo mah !

18 ore solo per la seconda lievitazione?
La temperatura Ros.
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Re: il panettone di Rolando Morandin

Messaggioda anavlis » 3 dic 2012, 10:56

Rossella Bravissima :shock: :shock: :clap: :clap: :clap: e Rosanna non sarà da meno : Thumbup : aspetta con pazienza ricorda le parole di Morandin :D
silvana


L’ironia è una dichiarazione di dignità, un’affermazione della superiorità dell’uomo su ciò che gli capita. (Romain Gary)
Avatar utente
anavlis
MODERATORE
 
Messaggi: 10429
Iscritto il: 8 apr 2007, 8:38
Località: palermo

Re: il panettone di Rolando Morandin

Messaggioda rosanna » 3 dic 2012, 11:04

27-28° e sale lentamente ....
una causa potrebbe essere il peso dei canditi ? quando li ho inseriti mi sembravano una quantità enorme e scappavano da tutte le parti, l'uvetta era quella di corinto e non voleva entrare nell'impasto anche perchè è meno umida dell'altra e non si attacca. Guardate la foto sopra..Nel tuo quanti ne hai messi ? Il tuo impasto era cosi' giallo quasi arancio come il mio ? :lol:
I canditi non li aumenterei del 10% : Smile :
Ultima modifica di rosanna il 3 dic 2012, 11:10, modificato 1 volta in totale.
Rosanna

L’uomo è viator, pellegrino o fuggiasco. Ogni cammino è infine verso una casa. E la casa, dove abito, è il luogo dove sono accolto e amato. Altrimenti fuggo e vado vagando. La casa di ognuno è chi lo ama. E chiunque ama è casa dell’amato. Il nostro camminare è sempre un «cercare» amore, unico luogo dove ci sentiamo di casa e possiamo riposare.
(Silvano Fausti sj)
Avatar utente
rosanna
 
Messaggi: 4420
Iscritto il: 25 nov 2006, 17:21
Località: NAPOLI

Re: il panettone di Rolando Morandin

Messaggioda Rossella » 3 dic 2012, 11:09

rosanna ha scritto:27-28° e sale lentamente ....
una causa potrebbe essere il peso dei canditi ? quando li ho inseriti mi sembravano una quantità enorme e scappavano da tutte le parti, l'uvetta era quella di corinto e non voleva entrare nell'impasto anche perchè è meno umida dell'altra e non si attacca. Guardate la foto sopra..
Non li aumenterei del 10% : Smile :

Sarebbe possibile, io non ho messo cedro candito, ma ho aumentato il peso dell'uvetta :|?
Ho fatto lievitare tra gli 28°/e i 30°, in sette ore.
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Re: il panettone di Rolando Morandin

Messaggioda Rossella » 3 dic 2012, 11:12

Ros. ho utilizzato uva passa di Pantelleria, tenuta a bagno diverse ore, successivamente tenuta nel marsala, scolata e tamponata più volte con della carta da cucina.
Tu non lo hai fatto?
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Re: il panettone di Rolando Morandin

Messaggioda rosanna » 3 dic 2012, 11:43

Rossella ha scritto:Ros. ho utilizzato uva passa di Pantelleria, tenuta a bagno diverse ore, successivamente tenuta nel marsala, scolata e tamponata più volte con della carta da cucina.
Tu non lo hai fatto?


No me ne sono dimenticata , anche a Morandin l'ho visto fare.Ed è giusto perchè l'uvetta secca sottrae liquidi all'impasto. Meno male che l'ambiente è umido, ho cambiato spesso l'acqua calda , sempre controllando la temperatura interna dello scatolone sui 27.28° .

Va bene, sale ancora lentamente e ci siamo quasi :lol: :shock: :lol:

Vado a spedire LM e spillone ad un'amica *smk*


Sbagliando si impara..non ho mai ammollato in acqua l'uvetta. Infatti il panettone di Morandin che feci ( vedi foto in quarta pagina) aveva gocce di cioccolato, sali' in undici ore e venne bene. Morandin dice che non bisogna guardare l'orologio e pure Silvana se lo ricorda bene : Smile :
Rosanna

L’uomo è viator, pellegrino o fuggiasco. Ogni cammino è infine verso una casa. E la casa, dove abito, è il luogo dove sono accolto e amato. Altrimenti fuggo e vado vagando. La casa di ognuno è chi lo ama. E chiunque ama è casa dell’amato. Il nostro camminare è sempre un «cercare» amore, unico luogo dove ci sentiamo di casa e possiamo riposare.
(Silvano Fausti sj)
Avatar utente
rosanna
 
Messaggi: 4420
Iscritto il: 25 nov 2006, 17:21
Località: NAPOLI

Re: il panettone di Rolando Morandin

Messaggioda rosanna » 3 dic 2012, 16:24

dopo 24 ore di lievitazione non potevo pretendere che salisse di più e l'ho infornato. SEMIFLOP :sigh:
Immagine

Tutto è andato liscio fino alla fine della lavorazione del secondo impasto, penso che la causa del rallentamento della seconda lievitazione, siano davvero i canditi, sia per il peso in più sia per non aver ammollato l'uvetta. L'uvetta secca e zuccherina insieme all'arancia candita, assorbe acqua .. . Inoltre questo impasto è molto più ricco e pesante di altri . Con le gocce di cioccolato, con un peso inferiore ai canditi, nel panettone di morandin andò bene, benche anche il cioccolato tenda a seccare gli impasti.
Rosanna

L’uomo è viator, pellegrino o fuggiasco. Ogni cammino è infine verso una casa. E la casa, dove abito, è il luogo dove sono accolto e amato. Altrimenti fuggo e vado vagando. La casa di ognuno è chi lo ama. E chiunque ama è casa dell’amato. Il nostro camminare è sempre un «cercare» amore, unico luogo dove ci sentiamo di casa e possiamo riposare.
(Silvano Fausti sj)
Avatar utente
rosanna
 
Messaggi: 4420
Iscritto il: 25 nov 2006, 17:21
Località: NAPOLI

Re: il panettone di Rolando Morandin

Messaggioda Rossella » 3 dic 2012, 16:50

Tutto è andato liscio fino alla fine della lavorazione del secondo impasto, penso che la causa del rallentamento della seconda lievitazione, siano davvero i canditi, sia per il peso in più sia per non aver ammollato l'uvetta. L'uvetta secca e zuccherina insieme all'arancia candita, assorbe acqua .. . Inoltre questo impasto è molto più ricco e pesante di altri . Con le gocce di cioccolato, con un peso inferiore ai canditi, nel panettone di morandin andò bene, benche anche il cioccolato tenda a seccare gli impasti.

Ros. chissà che in forno non riesca ad alzarsi come si deve :sad: *smk*
Si, credo che tu hai ragione, se la frutta immessa era maggiore di quella stabilita, per le uvette non so, l'uva rinvenuta, quindi inumidita, non pesa di più :|?
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Re: il panettone di Rolando Morandin

Messaggioda Luciana_D » 3 dic 2012, 18:52

25' primo impasto fatto con carrefour rossa.
Speram :wink:
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11827
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri

Re: il panettone di Rolando Morandin

Messaggioda Luciana_D » 3 dic 2012, 18:55

rosanna ha scritto:dopo 24 ore di lievitazione non potevo pretendere che salisse di più e l'ho infornato. SEMIFLOP :sigh:


Tutto è andato liscio fino alla fine della lavorazione del secondo impasto, penso che la causa del rallentamento della seconda lievitazione, siano davvero i canditi, sia per il peso in più sia per non aver ammollato l'uvetta. L'uvetta secca e zuccherina insieme all'arancia candita, assorbe acqua .. . Inoltre questo impasto è molto più ricco e pesante di altri . Con le gocce di cioccolato, con un peso inferiore ai canditi, nel panettone di morandin andò bene, benche anche il cioccolato tenda a seccare gli impasti.

Ros ,non credo sia la frutta.
Non e' che hai scaldato troppo l'impasto? guarda com'e' lucido
Bisognerebbe ricordarsi di monitorare la temperatura di lavorazione che mai seve superare i 26*
Chiaramente se l'uvetta non e' stata asciugata contribuisce a smollare e di conseguenza a lavorare ancora per rimediare.

Pero' aspettiamo a giudicare dopo la cottura.
Tutto puo' accadere :wink: *smk*
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11827
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri

Re: il panettone di Rolando Morandin

Messaggioda rosanna » 3 dic 2012, 20:01

monitorare la temperatura di lavorazione che mai deve superare i 26* Lo so, devo farlo la prossima volta. Tu lo fai ?


non credo che l'impasto si sia surriscaldato , ho lavorato con molta attenzione. Ci riprovo perchè è un impasto difficile ma anche molto buono. Ne ho provati ai suoi corsi ed è un panettone favoloso
Eppoi non è ammissibile far calare l'autostima per un panettone :lol: :lol: :lol: Certo che ci provo ancora una volta, con calma e determinazione , molto presto :D
Vado a consolarmi :D facendo la delizia al caffè cardamomo e vaniglia da congelare per dopodomani sera .
Rosanna

L’uomo è viator, pellegrino o fuggiasco. Ogni cammino è infine verso una casa. E la casa, dove abito, è il luogo dove sono accolto e amato. Altrimenti fuggo e vado vagando. La casa di ognuno è chi lo ama. E chiunque ama è casa dell’amato. Il nostro camminare è sempre un «cercare» amore, unico luogo dove ci sentiamo di casa e possiamo riposare.
(Silvano Fausti sj)
Avatar utente
rosanna
 
Messaggi: 4420
Iscritto il: 25 nov 2006, 17:21
Località: NAPOLI

Re: il panettone di Rolando Morandin

Messaggioda Luciana_D » 3 dic 2012, 20:18

rosanna ha scritto:monitorare la temperatura di lavorazione che mai deve superare i 26* Lo so, devo farlo la prossima volta. Tu lo fai ?


non credo che l'impasto si sia surriscaldato , ho lavorato con molta attenzione. Ci riprovo perchè è un impasto difficile ma anche molto buono. Ne ho provati ai suoi corsi ed è un panettone favoloso
Eppoi non è ammissibile far calare l'autostima per un panettone :lol: :lol: :lol: Certo che ci provo ancora una volta, con calma e determinazione , molto presto :D
Vado a consolarmi :D facendo la delizia al caffè cardamomo e vaniglia da congelare per dopodomani sera .

Quando mi ricordo lo faccio :lol:

L'autostima caduta sotto il panettone? Giammai :lol: :lol: :lol: :lol:
Questo era solo il riscaldamento.
Adesso a macchina riscaldata sara' altra cosa :lol: :lol: :lol: *smk*
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11827
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri

Re: il panettone di Rolando Morandin

Messaggioda Rossella » 3 dic 2012, 21:03

Non abbiamo resistito :lol: :lol:

Immagine
MERAVIGLIOSO!
Non pensavo potesse venire cosi, dopo lo stress che l'impasto mi ha procurato :cool:
Soffice, profumato, umido al punto giusto, un panettone cosi buono con le caratteristiche elencate, è difficile da trovare in commercio!
Lo paragono a quello di Adriano, quello è un tantino più aromatico e meno "soffice" :D
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Re: il panettone di Rolando Morandin

Messaggioda Rossella » 4 dic 2012, 7:23

Grazie Lu *smk*
Le mie foto sono brutte lo so, ieri sera non potevo fare di più.
Guardate che ho trovato : Chessygrin :

http://www.youtube.com/watch?v=f61cr_GI ... jEkRUKzsrP
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Re: il panettone di Rolando Morandin

Messaggioda anavlis » 4 dic 2012, 9:39

Rossella complimenti!!! :clap: :clap: il panettone di Morandin è soffice ed umido al punto giusto, come dici tu. L'ho mangiato ed è stupendo.

Rosanna, come mai hai usato l'uvetta di Corinto? solitamente viene utilizzata solo nel salato.
silvana


L’ironia è una dichiarazione di dignità, un’affermazione della superiorità dell’uomo su ciò che gli capita. (Romain Gary)
Avatar utente
anavlis
MODERATORE
 
Messaggi: 10429
Iscritto il: 8 apr 2007, 8:38
Località: palermo

PrecedenteProssimo

Torna a Chi va al mulino...s'infarina

Chi c’è in linea

Visitano il forum: DotBot e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee