Il panettone a lievitazione naturale di Leonardo Di Carlo

Pane e Lievitati - Il club dei Panificatori

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

Il panettone a lievitazione naturale di Leonardo Di Carlo

Messaggioda Rossella » 21 nov 2014, 11:34

Dal blog di Chef on demand, ma ho visto che anche Ginnolo lo ha fatto!
Del maestro Leonardo Di Carlo. E' una ricetta abbastanza difficile nel genere, in quanto ha un'idratazione molto elevata che richiede comunque un pò di esperienza con gli impasti lievitati , visto che anche in fase di pirlatura c'è qualche difficoltà in più.

Il panettone a lievitazione naturale di Leonardo Di Carlo

Ingredienti per un panettone di 1 Kg

Primo impasto

205 gr di farina 380/400W
80 gr di zucchero semolato
80 gr di tuorli
91 gr di acqua
68 gr di lievito madre maturo
114 gr di burro morbido

Procedimento

Fate sciogliere lo zucchero nell'acqua quindi aggiungere farina e lievito madre e far impastare a bassa velocità per 15 minuti. Aggiungere lentamente a filo i tuorli ( a temperatura di frigo 4/6°C) , una volta assorbiti procedere con il burro morbido poco per volta , facendo sempre incordare nuovamente l'impasto prima di aggiungerne altro. Quando l'impasto di presenta incordato e tendente al liscio, fermatevi, mettetelo a lievitare ben coperto a +28°C per 12/14 ore, fino a quando il volume iniziare aumenta di 1,5 volte ( ad esempio se mettiamo 2 kg di impasto in un contenitore graduato da 5kg , sarà pronto quando l'impasto raggiunge il livello dei 5kg) , una volta lievitato, passare l'impasto in frigo a +4°c per 60 minuti prima di procedere con il secondo impasto

Secondo impasto

Primo impasto
23 gr di farina 380/400W
23 gr di tuorli
23 gr di zucchero a velo senza amidi
91 gr di panna
55 gr di burro morbido

45 gr di miele d'acacia
1 gr di vaniglia in bacche
1,5 gr di sale fino

27 gr di pasta d'arancio
90 gr di uvetta
68 gr di arancia candita a cubetti
23 gr di cedro candito a cubetti


Procedimento

Impastare per 15 minuti il primo impasto con la farina, aggiungere lo zucchero e poi i tuorli lentamente a filo, impastare quindi 5 minuti. Aggiungere la panna lentamente in 4/5 volte e facendo sempre attenzione a incordare l'impasto prima di aggiungerne altra.Aggiungere in due volte il burro mescolato la sera prima con la pasta d'arancio,il miele,il sale e la vaniglia. Fate incordare bene e poi aggiungete la frutta candita e l'uvetta facendo girare ancora un paio di minuti.. Ora procedete con le pezzature e mettete a puntare a 38°c per 60 minuti, poi a temperatura ambiente 18/20°c per un'altra ora, procedete alla pirlatura e inserite nel pirottino. Mettere a lievitare ben coperto a 28°C per 6/8 ore fino a quando non arriva a un dito dal bordo. Passare 15 minuti in frigo a +4°c , glassare e cuocere.

Cottura

500gr: 35 minuti a 175°c
750gr: 45 minuti a 175°c
1000gr: 55 minuti a 175°C


Glassa Panettone ( per 2 panettoni da 1 KG)

50 gr di mandorle grezze
25 gr di nocciole tostate
200 gr di zucchero semolato
5 gr di cacao amaro in polvere
5 gr di fecola di patate
5 gr di farina di mais
75 gr di albume

Raffinate in un cutter tutti gli ingredienti secchi, aggiungete quindi l'albume continuando a frullare per un paio di minuti. Fate riposare in frigo almeno 4/5 ore prima di utilizzarla. Meglio se preparata il giorno prima.

Note

Come avrete notato c'è un'alta percentuale di idratazione che impone alcuni passaggi affinchè l'impasto tenga, come l'inserimento delle uova a temperatura di frigo nel primo impasto e il passaggio in frigo di un'ora prima del secondo impasto. Adottando questi piccoli accorgimenti non avrete problemi a realizzare questo impasto. Come già spiegato prima di cuocerli vi invito a passarli in frigo per 15 minuti, in quanto l’impasto si trova a circa 28°C, quindi vicino al punto di fusione del burro , il quale svolge un ruolo fondamentale in quanto contribuisce allo sviluppo della massa, quindi facendolo rassodare in frigo la sua azione sarà prolungata prima della sua fusione e darà uno sprint alla massa che svilupperà di più.
Se non fate il panettone glassato, dopo il passaggio in frigo procedete col classico taglio a croce e mettete una noce di burro al centro.

-------------------------------

la presenza della panna fresca nel secondo impasto e la grande quantità di miele mi perplime un tantino. : Chessygrin :
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Re: Il panettone a lievitazione naturale di Leonardo Di Carl

Messaggioda Luciana_D » 21 nov 2014, 12:02

L'ho appena fatto e non mi piace (non ho foto).Troppo soffice :lol:
Vi avverto che presenta maggiori difficolta' per via della panna.
Serve farina w400 o sara' spatascio assicurato
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11824
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri

Re: Il panettone a lievitazione naturale di Leonardo Di Carl

Messaggioda Rossella » 21 nov 2014, 14:05

Luciana_D ha scritto:L'ho appena fatto e non mi piace (non ho foto).Troppo soffice :lol:
Vi avverto che presenta maggiori difficolta' per via della panna.
Serve farina w400 o sara' spatascio assicurato

infatti ero già perplessa propio per questa maggiore idratazione, panna e una buona quantità di miele, così mi spiazzi! :lol: :lol:
Per la farina nessun problema, mi è appena arrivata la bedda farina panettone : Blink :
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Re: Il panettone a lievitazione naturale di Leonardo Di Carl

Messaggioda Luciana_D » 21 nov 2014, 14:10

Rossella ha scritto:
Luciana_D ha scritto:L'ho appena fatto e non mi piace (non ho foto).Troppo soffice :lol:
Vi avverto che presenta maggiori difficolta' per via della panna.
Serve farina w400 o sara' spatascio assicurato

infatti ero già perplessa propio per questa maggiore idratazione, panna e una buona quantità di miele, così mi spiazzi! :lol: :lol:
Per la farina nessun problema, mi è appena arrivata la bedda farina panettone : Blink :

Allora falla ma preparati anche alla delusione,nonostante sia buonissima,della non rispondenza alla consistenza tipica del panettone.
Questa e' ovattosa .
L'ho fatta per la scienza ma non la rifaro' ....almeno non con il nome di panettone :lol:

Lavora con ingredienti freddi e non scordarti il passaggio in frigo prima di infornare.
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11824
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri

Re: Il panettone a lievitazione naturale di Leonardo Di Carl

Messaggioda Rossella » 21 nov 2014, 14:18

Luciana_D ha scritto:
Rossella ha scritto:
Luciana_D ha scritto:L'ho appena fatto e non mi piace (non ho foto).Troppo soffice :lol:
Vi avverto che presenta maggiori difficolta' per via della panna.
Serve farina w400 o sara' spatascio assicurato

infatti ero già perplessa propio per questa maggiore idratazione, panna e una buona quantità di miele, così mi spiazzi! :lol: :lol:
Per la farina nessun problema, mi è appena arrivata la bedda farina panettone : Blink :

Allora falla ma preparati anche alla delusione,nonostante sia buonissima,della non rispondenza alla consistenza tipica del panettone.
Questa e' ovattosa .
L'ho fatta per la scienza ma non la rifaro' ....almeno non con il nome di panettone :lol:

Lavora con ingredienti freddi e non scordarti il passaggio in frigo prima di infornare.


Grazie *smk*
Al momento "combatto con il lm, non è ancora pronto, devo fargli qualche legatura ancora, machepalle!!!
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Re: Il panettone a lievitazione naturale di Leonardo Di Carl

Messaggioda Liliana88 » 21 nov 2014, 15:56

Ciao ragazze,
giovedì mi è stata consegnata la farina panettone e non solo :=:! del molino Quaglia e dopo aver fatto i vari rinfreschi al lm, stasera volevo procedere con il primo impasto per provare a fare il mio primo panettone e avevo scelto proprio la ricetta di Leonardo Di Carlo.
Vedo però pareri discordanti sulla ricetta. Cosa mi consigliate di fare, dato che per me sarebbe la prima volta? Meglio provare la ricetta di Giovanni Pina? :|?
Avatar utente
Liliana88
 
Messaggi: 132
Iscritto il: 12 nov 2014, 10:24

Re: Il panettone a lievitazione naturale di Leonardo Di Carl

Messaggioda Rossella » 21 nov 2014, 17:09

Liliana88 ha scritto:Ciao ragazze,
giovedì mi è stata consegnata la farina panettone e non solo :=:! del molino Quaglia e dopo aver fatto i vari rinfreschi al lm, stasera volevo procedere con il primo impasto per provare a fare il mio primo panettone e avevo scelto proprio la ricetta di Leonardo Di Carlo.
Vedo però pareri discordanti sulla ricetta. Cosa mi consigliate di fare, dato che per me sarebbe la prima volta? Meglio provare la ricetta di Giovanni Pina? :|?

Ciao, se è la prima volta ti consiglio di iniziare con una ricetta più semplice, questa è particolarmente carica, ci vuole una certa manualità ed esperienza!
Ti suggerisco di iniziare con questa di Iginio Massari, sul post troverai anche un passo passo, ti sarà utile, per qualsiasi cosa chiedi pure! :wink:
panettone-milano-ultima-moda-massari-t16589.html
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Re: Il panettone a lievitazione naturale di Leonardo Di Carl

Messaggioda Liliana88 » 22 nov 2014, 16:50

Rossella ha scritto:
Liliana88 ha scritto:Ciao ragazze,
giovedì mi è stata consegnata la farina panettone e non solo :=:! del molino Quaglia e dopo aver fatto i vari rinfreschi al lm, stasera volevo procedere con il primo impasto per provare a fare il mio primo panettone e avevo scelto proprio la ricetta di Leonardo Di Carlo.
Vedo però pareri discordanti sulla ricetta. Cosa mi consigliate di fare, dato che per me sarebbe la prima volta? Meglio provare la ricetta di Giovanni Pina? :|?

Ciao, se è la prima volta ti consiglio di iniziare con una ricetta più semplice, questa è particolarmente carica, ci vuole una certa manualità ed esperienza!
Ti suggerisco di iniziare con questa di Iginio Massari, sul post troverai anche un passo passo, ti sarà utile, per qualsiasi cosa chiedi pure! :wink:
panettone-milano-ultima-moda-massari-t16589.html

Ciao Rossella, grazie per la segnalazione thank you
Ieri però girovagando per il forum ho trovato quest'altra ricetta di L.Di Carlo panettone-leonardo-carlo-t15441.html?hilit=panettone%20di%20Di%20Carlo e in serata ho cominciato con il primo impasto, oggi ho fatto il secondo e ora sto aspettando che crescano per poter infornare...Speriamo bene :wink:
Avatar utente
Liliana88
 
Messaggi: 132
Iscritto il: 12 nov 2014, 10:24

Re: Il panettone a lievitazione naturale di Leonardo Di Carl

Messaggioda Rossella » 22 nov 2014, 17:19

Liliana88 ha scritto:
Rossella ha scritto:
Liliana88 ha scritto:Ciao ragazze,
giovedì mi è stata consegnata la farina panettone e non solo :=:! del molino Quaglia e dopo aver fatto i vari rinfreschi al lm, stasera volevo procedere con il primo impasto per provare a fare il mio primo panettone e avevo scelto proprio la ricetta di Leonardo Di Carlo.
Vedo però pareri discordanti sulla ricetta. Cosa mi consigliate di fare, dato che per me sarebbe la prima volta? Meglio provare la ricetta di Giovanni Pina? :|?

Ciao, se è la prima volta ti consiglio di iniziare con una ricetta più semplice, questa è particolarmente carica, ci vuole una certa manualità ed esperienza!
Ti suggerisco di iniziare con questa di Iginio Massari, sul post troverai anche un passo passo, ti sarà utile, per qualsiasi cosa chiedi pure! :wink:
panettone-milano-ultima-moda-massari-t16589.html

Ciao Rossella, grazie per la segnalazione thank you
Ieri però girovagando per il forum ho trovato quest'altra ricetta di L.Di Carlo panettone-leonardo-carlo-t15441.html?hilit=panettone%20di%20Di%20Carlo e in serata ho cominciato con il primo impasto, oggi ho fatto il secondo e ora sto aspettando che crescano per poter
infornare...Speriamo bene :wink:

Benissimo, aspettiamo di conoscere i tuoi progressi! : Thumbup :
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone


Torna a Chi va al mulino...s'infarina

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee