Panettone al cioccolato con LM - Igino Massari

Pane e Lievitati - Il club dei Panificatori

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

Panettone al cioccolato con LM - Igino Massari

Messaggioda Luciana_D » 2 dic 2009, 13:10

Per non farvi mancare niente ecco l'unica versione al cioccolato che siamo riuscite a trovare.
Le quantita' sono industriali ma se dividete gli ingredienti per 10 avrete il necessario per 2 panettoni da 1kg e poco piu'


Il panettone al cioccolato Gianduia - Igino Massari
(tratto dal libro "Cresci")" trovata QUI

Il 1° impasto

zucchero g. 2500
farina bianca g. 10000 (Manitoba da supermercato)
acqua g. 5600
lievito naturale a mat.pr. g. 2000
pasta di nocciole g. 1000
burro g. 2000

Nell'impastare, mettere lo zucchero e l'acqua ad una temperatura di 22°C, formare uno sciroppo, aggiungere la farina e tutto l'impasto.
Dopo 20-22 minuti, a pasta formata, liscia ed ornogenea, incorporare il burro morbido, ma non sciolto.
Lasciare avorare la pasta fino a che sia quasi liscia, stando attenti che non diventi troppo lucida; l'operazione dell'impastamento non dovrebbe durare più di 30 minuti.
Se si lavora in una impastatrice tuffante, la pasta è pronta quando incomincia a fare delle grosse bolle d'aria sulla superficie della medesima: completare aggiungendo l'acqua rimanente.
Mettere a lievitare la pasta in stufa per 10-12 ore ad una temperatura di 24°-26°C coperta da un cellophane, comunque fino a che sia triplicato il suo volume.

N.B. L'impasto non ben lievitato farò ritardare il prodotto in fase di lievitazione successiva, per un tempo uguale a tre volte la mancanza di tempo sottratto all'impasto.
N.B. Gli impasti senza tuorli lievitano più velocemente, perché il tuorlo è un rallentatore fermentativo. Reimpastare.


Il 2° impasto.
zucchero g. 1500
miele g. 1000
burro g. 1500
pasta gianduja amara g. 1500
pasta nocciola g. 1500
tuorli g. 1000
sale g. 80
vaniglia in bacche n. 5
gocce di cioccolato al latte g. 2000
gocce di cioccolato fondente g. 1500

Impastare aggiungendo alla pasta il sale e gli aro mi, lavorarla finché diventa liscia ed elastica: l'operazione durerà circa venti minuti d'impastamento.
Aggiungere lo zucchero con metà dei tuorli ed incorporarli omogeneamente, aggiungere la pasta di nocciola ed il gianduia, ottenendo così una pasta elastica ed asciutta; aggiungere il burro morbido, ma non sciolto, e la rimanenza dei tuorli.
Impastare bene il tutto, formando una pasta setosa, accertarsi che la sua consistenza vada bene, regolando l'impasto con l'acqua (circa 300-400 g).
Versare nella pasta 100 di burro fuso, quindi tutto il cioccolato, continuare la lavorazione per 3-4 minuti, finché la distribuzione del cioccolato sia uniforme.
Tutta l'operazione deve essere effettuata in una impastatrice tuffante con un minimo di 44 battute al minuto, non dovrebbe durare più di 45 minuti, l'ideale è 35 minuti.
Preparare le pezzature su assi ed arrotolare la pasta formando una pagnotta.
Fare puntare il panettone per 30 minuti in cella di lievitazione ad una temperatura di 26°C circa.
Rilavorare arrotondando ben strette le forme tonde del panettone, mettere la pasta nell'apposito pirottino basso.
Mettere il dolce di nuovo in cella di lievitazione ad una temperatura di 30°-32°C e 80% di umidità.
La lievitazione in fascia può durare dalle 6 alle 7 ore, a seconda della forza della pasta, fino al bordo del contenitore.
Glassare con l'apposita massa d'amaretto-cioccolato e cuocere.
Un panettone, una volta cotto, raggiungerà 5-6 volte il suo volume iniziale, a seconda della quantità di cioccolato aggiunto nella pasta.


La Ghiaccia
mandorle g. 250
nocciole tostate g. 250
cacao g. 100
miele g. 50
zucchero g. 1500
farina gialla g. 50
albume g. 400
bacca di vaniglia n. 1

Con una bacchetta molto piatta e con l'aiuto di un sacchetto, facendo attenzione di non metterne troppa, mettere qua e là qualche mandorla bianca, di prima qualità Bari.
Se la ghiaccia sarà troppo dura si staccherà dalla superficie del panettone.
Se troppo molle, si bagnerà circa 8-10 giorni dopo la cottura.
Il panettone cotto con la glassa di amaretto si sviluppa di più, perché la glassa provoca una barriera-vapore aumentando il volume del dolce in fase di cottura.

COTTURA
per g 500, ghiacciato, 30 minuti a 175°C, valvola aperta i primi dieci minuti;
per g 1 .000, 50 minuti a 170°C;
per g 1 .500, 70 minuti a 1 70°C.
Per mantenerne la forma e la fragranza, questo panettone, dopo la cottura, va girato immediatamente con le apposite pinze e lasciato stazionare in quella posizione per circa 10-12 ore prima del confezionamento.

===============

Chi ci prova? :D
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11824
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri

Re: Panettone al cioccolato con LM - Igino Massari

Messaggioda cinzia cipri' » 2 dic 2009, 17:06

tu sei matta!
:lol: :lol: :lol:

a parte gli scherzi, non parte l'impastatrice e non ci riprovo a fare il casino tra frullino e macchina del pane per poter avere un panettone...
Avatar utente
cinzia cipri'
 
Messaggi: 6231
Iscritto il: 27 mar 2008, 12:03
Località: Palermo

Re: Panettone al cioccolato con LM - Igino Massari

Messaggioda Luciana_D » 2 dic 2009, 17:08

cinzia cipri' ha scritto:tu sei matta!
:lol: :lol: :lol:

a parte gli scherzi, non parte l'impastatrice e non ci riprovo a fare il casino tra frullino e macchina del pane per poter avere un panettone...

Dici ? : Nar :
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11824
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri

Re: Panettone al cioccolato con LM - Igino Massari

Messaggioda cinzia cipri' » 2 dic 2009, 19:21

Luciana_D ha scritto:
cinzia cipri' ha scritto:tu sei matta!
:lol: :lol: :lol:

a parte gli scherzi, non parte l'impastatrice e non ci riprovo a fare il casino tra frullino e macchina del pane per poter avere un panettone...

Dici ? : Nar :


oggi no di sicuro, domani si vede :lol:
Avatar utente
cinzia cipri'
 
Messaggi: 6231
Iscritto il: 27 mar 2008, 12:03
Località: Palermo

Re: Panettone al cioccolato con LM - Igino Massari

Messaggioda rosannella » 7 dic 2009, 18:18

Ho comperato la pasta gianduia e mi cimenterò nel panettone al cioccolato con la ricetta di adriano che ho già sperimentato ma con la pasta gianduia che ho visto essere il 15% della farina. La settimana prossima vi farò sapere come è venuto. Grazie a tutti rosannella
rosannella
 
Messaggi: 8
Iscritto il: 1 dic 2009, 12:32

Re: Panettone al cioccolato con LM - Igino Massari

Messaggioda Luciana_D » 7 dic 2009, 18:30

Ma grazie a te e mostraci il risultato :D
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11824
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri


Torna a Chi va al mulino...s'infarina

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee