° pane seghetto

Pane e Lievitati - Il club dei Panificatori

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

Re: pane seghetto

Messaggioda cinzia cipri' » 19 feb 2009, 11:21

beasarti ha scritto:Cara Cinzia, non ti preoccupare, sicuramente ho sbagliato qualcosa, credo faccia differenza anche il tipo di semola che si usa, tu che marca utilizzi? E poi non riesco a capire perchè il mio malto sia così... colorante! Il tuo pane è bianchissimo, il mio dentro era marrone! In ogni caso, l'avevo fatto per una cena di amiche di ieri sera e siccome poi ci dividiamo quello che resta, tutte e tre ne hanno voluto un pezzo a casa, quindi è finito! Non avevo pensato di fare una foto prima. Si vede che a loro non è poi dispiaciuto..

io mi faccio mandare la semola di rimacinato da palermo da panificio... perche' quelle in commercio non mi soddisfano, tendono a dare un pane gommoso, secondo me.
Il malto che uso io me lo ha dato gentilmente stroliga ed e' in polvere e mi trovo effettivamente benissimo.
Aggiungo che anche il mio lievito madre e' alimentato a semola, la stessa... piu' un cucchiaino di miele di rugiada melata ogni tre giorni (a lui piace cosi'...)
Avatar utente
cinzia cipri'
 
Messaggi: 6231
Iscritto il: 27 mar 2008, 12:03
Località: Palermo

Re: pane seghetto

Messaggioda beasarti » 19 feb 2009, 12:05

Infatti, con la semola non riesco mai a ottenere dei buoni risultati, devo cercarne un altro tipo. Il mio malto invece è liquido e scuro scuro, quindi è inevitabile che colori il pane. Non credo sia un problema di lievito madre, è bello arzillo e di solito il pane mi viene bene.
Beatrice
Bologna
beasarti
 
Messaggi: 347
Iscritto il: 27 gen 2009, 20:15
Località: Bologna

Re: pane seghetto

Messaggioda Rossella » 19 feb 2009, 13:26

beasarti ha scritto:Infatti, con la semola non riesco mai a ottenere dei buoni risultati, devo cercarne un altro tipo. Il mio malto invece è liquido e scuro scuro, quindi è inevitabile che colori il pane. Non credo sia un problema di lievito madre, è bello arzillo e di solito il pane mi viene bene.

è il malto che acquisti nei negozi bio? se è questo lo adopero anch'io ma con risultati diversi :roll: :saluto:
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Re: pane seghetto

Messaggioda beasarti » 19 feb 2009, 14:24

Si, l'ho comprato in erboristeria. Forse sbaglio nelle modalità di utilizzo, lo metto insieme al lievito madre quando lo sciolgo nell'acqua e già lì il colore si vede molto..
Beatrice
Bologna
beasarti
 
Messaggi: 347
Iscritto il: 27 gen 2009, 20:15
Località: Bologna

Re: pane seghetto

Messaggioda Rossella » 19 feb 2009, 14:34

beasarti ha scritto:Si, l'ho comprato in erboristeria. Forse sbaglio nelle modalità di utilizzo, lo metto insieme al lievito madre quando lo sciolgo nell'acqua e già lì il colore si vede molto..

lo aggiungo durante la prima fase di lavorazione sciolto in pò di acqua. mai nel lievito madre, un cucchiaino su circa 700 gr. di farine :saluto:
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Precedente

Torna a Chi va al mulino...s'infarina

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee