PANE CON LA BIRRA

Pane e Lievitati - Il club dei Panificatori

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

PANE CON LA BIRRA

Messaggioda Nonna Tata » 12 nov 2010, 15:46

Avevo il forno bello caldo dopo le infornate di paste di meliga e ho provato a fare questo pane, che a noi è piaciuto, può tornare utile quando si resta senza pane e si ha fretta di portarlo in tavola (Avevo sbirciato qiesta ricetta sul sito W La focaccia)
1 bottiglietta di birra da 330 ml
400 g farina 00
1 bustina di lievito istantaneo per torte salate
15 g di zucchero
8 g di sale
Mescolare bene gli ingredienti secchi, poi impastarli con la birra, unendola a filo.
Imburrare abbondantemente uno stampo da plum cake e versare l'impasto.
Cuocere in forno già caldo a 180 gradi per circa un'ora.

Immagine

Uploaded with ImageShack.us
Avatar utente
Nonna Tata
 
Messaggi: 752
Iscritto il: 28 set 2010, 20:19
Località: Paderna (AL) (ma da Genova)

Re: PANE CON LA BIRRA

Messaggioda Sandra » 12 nov 2010, 20:46

Perche' no!!Da provare é rapido!!Si sente molto il gusto di birra?
E quando ne ho voglia faccio anche qualche foto:
http://www.flickr.com/photos/43807393@N00/
Avatar utente
Sandra
MODERATORE
 
Messaggi: 8433
Iscritto il: 25 nov 2006, 15:56
Località: vence(francia)

Re: PANE CON LA BIRRA

Messaggioda Nonna Tata » 13 nov 2010, 5:51

Subito si, poi svanisce, resta solo un leggero amarognolo (Qui ci vorrebbe Mapi, per individuare la birra perfetta, io ho usato una Peroni...)
Avatar utente
Nonna Tata
 
Messaggi: 752
Iscritto il: 28 set 2010, 20:19
Località: Paderna (AL) (ma da Genova)

Re: PANE CON LA BIRRA

Messaggioda Mapi » 17 nov 2010, 15:04

Bello il tuo pane Stefania, com'è che me l'ero perso? :?
L'alveolatura mi sembra bellissima e mi domando solo come sia potuto venire così, visto che non hai usato un lievito di birra ma il comune lievito per torte salate.

La birra perfetta per un pane alla birra non esiste, nel senso che si può fare un pane con ogni tipo di birra; il sapore finale ovviamente cambierà, le doppio malto daranno un pane più dolce, le tedesche fortemente luppolate lasceranno un sentore di amaro più pronunciato, e così via.

Posto qui una ricetta sperimentata il week-end scorso, che in famiglia è piaciuto tantissimo.
La birra rimane come una sorta di sottofondo, non dà fastidio per niente, nonostante il gusto caratterizzato di questo stile birrario (io ho usato una Guinness).

Immagine

PANINI ALLA BIRRA SCURA
da Alice Cucina, novembre 2010

500 g farina 0
12,5 g lievito di birra fresco (mezzo cubetto)
330 ml birra scura (io ho usato una Guinness)
8 g sale
5 g malto d'orzo
25 g burro

Per la glassa:
125 ml birra scura
70 g farina di segale
1 pizzico di sale


Disporre la farina sulla spianatoia, praticare una fossa al centro e sbriciolarvi il lievito.
Versarvi la birra e il malto e cominciare ad impastare. Aggiungere il sale e il burro e proseguire a lavorare per una decina di minuti, fino ad ottenere un impasto tenero, ma non appiccicoso. Se necessario, afferrare la palla di impasto e sbatterla due o tre volte energicamente sul piano di lavoro, per darle nerbo.
Mettere l'impasto a lievitare in una ciotola coperta di pellicola trasparente per un'ora circa.
Trascorso questo tempo rovesciarlo sulla spianatoia, lavorarlo per altri 5 minuti e suddividerlo in panini (la rivista dice panini di 40 g, io ho raddoppiato la pezzatura).
Disporli a lievitare sulla placca ricoperta di carta forno, coprirli con un foglio di pellicola e lasciare in luogo tiepido al riparo da correnti d'aria per 40 minuti.
Nel frattempo preparare la glassa: setacciare la farina di segale e il sale e aggiungervi la birra, mescolando con una frusta perché non si formino grumi.
Quando i panini sono lievitati versare su ciascuno di essi una o due belle cucchiaiate di glassa, in modo da ricoprirli. Spolverare leggermente con altra farina di segale e infornare a 200 °C a metà del forno per 25 minuti circa.
Tirare fuori i panini dal forno e bussare sul fondo con le nocche: dovrebbe suonare vuoto. Se suona pieno toglierli dalla placca, passarli sulla griglia del forno posizionata verso il fondo del forno (2^ tacca), abbassare la temperatura a 180 °C e proseguire la cottura per altri 10 minuti.

NOTE:

Impasto: la rivista consiglia di usare birra ristretta al 60%, fatta ridurre sul fuoco a una temperatura di circa 30 °C. Io credo che ci sia un errore di stampa: non so cosa avvenga sui fuochi di casa vostra (e in quelli della cucina di Alice), ma a casa mia la temperatura di 30 °C viene raggiunta in un picosecondo e superata altrettanto velocemente. In ogni caso, dal momento che l'alcool è un sottoprodotto della fermentazione e non è quindi estraneo all'impasto del pane, e dal momento che evapora tutto in cottura, io ho usato la birra tale e quale, senza ridurre nulla.

Glassa: la ricetta originale prevede anche un nonnulla di lievito nella glassa. Siccome la funzione della glassa è quella di dare un aspetto craquelé al pane, tanto più che non la si fa riposare, a mio avviso il lievito è completamente inutile, pertanto l'ho omesso.

Immagine
La gente non vuole trovare solo la pappa pronta, vuole anche essere imboccata.

Maria Pia Bruscia
http://www.laapplepiedimarypie.blogspot.com
Avatar utente
Mapi
 
Messaggi: 142
Iscritto il: 4 dic 2006, 10:21

Re: PANE CON LA BIRRA

Messaggioda Sandra » 17 nov 2010, 15:57

Grande!!!E dopo il coniglio si fara' il pane!!!Grazie Mapi!! *smk*
E quando ne ho voglia faccio anche qualche foto:
http://www.flickr.com/photos/43807393@N00/
Avatar utente
Sandra
MODERATORE
 
Messaggi: 8433
Iscritto il: 25 nov 2006, 15:56
Località: vence(francia)


Torna a Chi va al mulino...s'infarina

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee