Pandolce genovese - basso

Ricette di pasticceria

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

° panettone genovese (Tr)

Messaggioda Irmavet » 17 set 2007, 11:01

Ciao!
Questa è la ricetta che mi ha passato una mia amica ligure:
[copio&incollo]

PANDOLCE GENOVESE

farina 400 gr
zucchero 150 gr
burro fuso 150 gr
uovo 1
tuorli 2
uvetta 150 gr
arancia candita (o arancia e cedro) 150 gr
pinoli 50 gr
marsala 6 cucchiai circa
acqua di fiori d'arancio 3 cucchiaini (aumentabile)
lievito per dolci 1 bustina
limone 1 (per la scorza)
Almeno dodici ora prima della lavorazione lavare l'uvetta e metterla ad ammorbidirsi in una scodella con il marsala che dovrebbe ricoprirla.
Scaldare il forno.
Mescolare la farina con zucchero, lievito, scorza grattugiata di limone, uova, acqua di fiori d'arancio e burro fuso.
Impastare e aggiungere uvetta, canditi e pinoli.
Formare un panetto, metterlo in una teglia non troppo larga e lasciarlo lievitare mezz'ora dopo averlo inciso con un taglio a croce.
Infornare a 180° per un'ora. Se necessario coprire il pandolce con la stagnola nell'ultimo quarto d'ora.
Lasciare raffreddare, ben protetto da stagnola, in forno semiaperto.
Vanno benissimo gli stampi di carta da forno appunto per pandolce: sono alti 7-8 cm e larghi 22 circa.
Nota ovvia: i canditi non devono essere i pezzetti di zucca già tagliati a dadini, ma quelli buoni!
Avatar utente
Irmavet
 
Messaggi: 74
Iscritto il: 7 mag 2007, 12:31
Località: Mondovì

° Panettone genovese

Messaggioda Runner » 24 set 2007, 21:32

L'ho fatto !!!!!!!!!!!!!!!!!
Con la ricetta di mia madre, genovese di adozione e ottima pasticcera e panificatrice...

Immagine

Immagine

Panettone genovese

Prepararazione 1
705g farina
200g zucchero normale
2 bustine lievito da dolci
1 presa sale
1 cucchiaino di limone grattuggiato
1 cucchiaino di semi anice pestati
Amalgamare bene gli ingredienti

Preparazione 2
100g di uvetta semplice ammollata
60g di pinoli
60g di canditi
2 cucchiai da minestra di farina 00
Amalgamare il tutto molto bene

Preparazione 3
120g di burro a temperatura ambiente

Preparazione 4
2 uova intere
150g di marsala secco
1 cucchiaio da minestra di succo di limone
Sbattere il tutto insieme

Preparazione 5
Amalgamare molto bene il composto 1 con quello 2.
Amalgamare il composto ottenuto con il burro.
Amalgamare molto bene il composto ottenuto con il composto 4.
Formare una palla* morbida e disporla su una teglia da forno coperta con carta da forno.
Incidere la parte superiore della palla di pasta a croce.
Cuocere in forno prescaldato a 200° per 40 minuti poi a 180° per 7 minuti
A cottura ultimata levare dal forno e mangiare dopo qualche ora.

*Con questa quantità di impasto potete fare un solo panettone come ho fatto qui oppure due più piccoli. Vengono benissimo ugualmente.
Evviva!
Runner
 
Messaggi: 39
Iscritto il: 9 mar 2007, 21:53
Località: Firenze

Pandolce genovese - basso

Messaggioda Nonna Tata » 26 nov 2010, 17:45

Lo metto qui, perchè non è un lievitato. Non contiene uova, si preparava in anticipo e guadagna nel riposo.
A Genova si fanno due tipi di pandolce (guai chiamarlo panettone!) quello basso, che ora vi racconto, e quello alto, con il lievito di birra, o meglio ancora con il LM
250 g farina 00
100 g zucchero semolato
100 g burro fuso
170 g uvetta - non ammollata
70 g canditi misti a cubettini piccoli
30 g pinoli
1 pizzico semi finocchio
1 cucchiaio acqua di fior d'arancio
latte freddo q.b.
mezza bustina lievito vanigliato
Prepararlo due giorni prima del consumo, ci guadagna molto.
Mescolare tutti gli ingredienti secchi e impastarli con il burro fuso tiepido, aiutandosi con il latte, unito a cucchiai. Deve risultare un impasto sodo, simile alla pasta frolla. Lavorare brevemente, compattare e posare su una teglia (max.cm.24) appena imburrata, dando la forma di una "montagnola" - incidere alla sommità un triangolo
Cuocere a forno già caldo - 170 gradi - per quasi un'ora.

Immagine

Uploaded with ImageShack.us
Avatar utente
Nonna Tata
 
Messaggi: 752
Iscritto il: 28 set 2010, 20:19
Località: Paderna (AL) (ma da Genova)

Re: Pandolce genovese - basso

Messaggioda stroliga » 26 nov 2010, 21:46

Bello nonna Tata, proverò anche questa ricetta.
In genere io seguo quella di Runner
che non so come mai è finita nel mulino :|?
****************************
Licia
“Tra vent’anni non sarete delusi delle cose che avete fatto, ma da quelle che non avete fatto.
Allora levate l’ancora, abbandonate i porti sicuri, catturate il vento nelle vostre vele.
Esplorate. Sognate. Scoprite.” (Mark Twain)

“Se avete costruito castelli in aria, il vostro lavoro non sarà sprecato: è quello il posto in cui devono stare.E adesso metteteci sotto le fondamenta.” David Thoreau
Avatar utente
stroliga
 
Messaggi: 1274
Iscritto il: 14 lug 2007, 8:27
Località: Bugliaga dentro - VCO

Re: Pandolce genovese - basso

Messaggioda Clara » 26 nov 2010, 22:00

Bello Nonna Tata, grazie, lo conosco e non mi dispiace, anzi, quasi lo preferisco al panettone classico :oops: :D

stroliga ha scritto:Bello nonna Tata, proverò anche questa ricetta.
In genere io seguo quella di Runner
che non so come mai è finita nel mulino :|?


Rimediamo subito Licia :D :wink:
clara
***********
Non si vede bene che col cuore. L'essenziale è invisibile agli occhi. (Saint-Exupéry)
Avatar utente
Clara
MODERATORE
 
Messaggi: 6383
Iscritto il: 30 nov 2006, 18:46
Località: Rivoli/to

Re: Pandolce genovese - basso

Messaggioda Nonna Tata » 26 nov 2010, 23:34

Ho confrontato le ricette, che in effetti sono molto simili, la mia "antica" ricetta però non prevede uova.
Quando si seguivano le tradizioni, questo dolce si faceva per i "Santi", apriva le festività natalizie. Si metteva in tavola con al centro un ramoscello di alloro, il più anziano lo tagliava e la prima fetta toccava al più giovane. Ho pure letto che veniva baciato dal più anziano...ma questa tradizione la salto volentieri!
Avatar utente
Nonna Tata
 
Messaggi: 752
Iscritto il: 28 set 2010, 20:19
Località: Paderna (AL) (ma da Genova)

Re: Pandolce genovese - basso

Messaggioda Nonna Tata » 20 nov 2012, 6:45

Domenica l'ho fatto in una nuova versione, che a Genova fanno poche pasticcerie, è piaciuto molto. Si tratta di sostituire il peso di uvetta, pinoli e canditi con eguale peso di metà cioccolato fondente spezettato e metà nocciole tostate tritate grosse, tenendone alcune per decorare. Squisito.
In tutte e due le versioni, è un dolce che dura a lungo, anzi migliora e quindi adatto per i regalini di Natale.
Avatar utente
Nonna Tata
 
Messaggi: 752
Iscritto il: 28 set 2010, 20:19
Località: Paderna (AL) (ma da Genova)

Re: Pandolce genovese - basso

Messaggioda Ilafior » 20 nov 2012, 21:42

Stefania, mi salvo la tua ricetta, mi fido ciecamente, non l'ho mai fatto e voglio andare a colpo sicuro; i parenti emiliani me lo chiedono sempre, e se non devo fare mille ricerche il gioco è fatto!! penso che opterò per un mix delle due versioni,
ciao Ilaria
Avatar utente
Ilafior
 
Messaggi: 123
Iscritto il: 7 gen 2012, 17:27
Località: Genova

Re: Pandolce genovese - basso

Messaggioda Nonna Tata » 21 nov 2012, 14:49

Ilaria se ti va...fai prima la mia ricetta, è velocissima, poi magari anche l'altra e paragoni. Aspetto il tuo giudizio, ci tengo.
Avatar utente
Nonna Tata
 
Messaggi: 752
Iscritto il: 28 set 2010, 20:19
Località: Paderna (AL) (ma da Genova)

Re: Pandolce genovese - basso

Messaggioda Ilafior » 21 nov 2012, 18:24

Nonna Tata ha scritto:Ilaria se ti va...fai prima la mia ricetta, è velocissima, poi magari anche l'altra e paragoni. Aspetto il tuo giudizio, ci tengo.
Agli ordini!! : Chessygrin :
Avatar utente
Ilafior
 
Messaggi: 123
Iscritto il: 7 gen 2012, 17:27
Località: Genova

Re: Pandolce genovese - basso

Messaggioda zoster » 24 dic 2014, 14:16

<^UP^>
Avatar utente
zoster
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 276
Iscritto il: 30 nov 2006, 23:22
Località: Fabrica di cioccolato di Willy Wonka


Torna a Doce Doce

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee