Pain perdu ovvero Pan perso (rivisitato da due golose)

Ricette di pasticceria

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

Pain perdu ovvero Pan perso (rivisitato da due golose)

Messaggioda Typone » 8 set 2007, 5:35

Una classica ricetta delle merende e colazioni, che si fa ancora in Francia (e forse in Italia...), con il pane avanzato e raffermo...
Si tratta di tagliare delle fette di pane non troppo alte ma non troppo basse, di passarle in uovo sbattuto (io ci aggiungo un pò di zucchero vanigliato), e di dorarle nel burro in padella.
Poi si spolverano con zucchero semolato e cannella, e si mangiano calde... :wink:
E' un dolce assolutamente rustico e semplicissimo ma ha il sapore dell'infanzia golosa...

T.
Typone
 

Messaggioda melagrana » 8 set 2007, 16:49

Il pain perdu! Diventato in tutti i breakast internazionali il French toast.
Adesso ti dico come lo preparo io:
In un piatto fondo grande mescolo latte, uova e zucchero e ci metto a bagno le fette - alte - di pane di grano duro, rafferme. Ogni tanto le volto per far assorbire bene. Al momento di prepararlo, premo leggermente le fette per togliere l'eccesso di liquido. Fondo il burro in una padella e, a fuoco medio, rosolo le fette di pane finché diventano ben colorite dalle due parti. La mattina di Natale lo preparavo ai miei figli con un ragù di frutta secca... bei tempi!
melagrana
 
Messaggi: 15
Iscritto il: 3 set 2007, 17:10
Località: Zenevredo (Pavia)

Messaggioda cipina » 8 set 2007, 18:01

Una piccola annotazione toponomastica.
Pain perdu (che in italiano diviene spesso pan perduto), si ritrova anche come nome di località di quelle zone che non si riusciva a bonificare e a utilizzare per la coltivazione di un qualunque cereale adatto all'alimentazione. Si trova, per esempio, in provincia di Vercelli, sulla strada che facciamo di solito da Pavia per andare in Val d'Aosta o in Valsesia. E' una cosa studiata sui testi di filologia romanza e che ho potuto poi vedere di persona nei miei girovagamenti.
"Ma che fai, mi prendi per i fornelli?"
cipina
 
Messaggi: 190
Iscritto il: 26 nov 2006, 10:56
Località: Pavia

Messaggioda Desideria » 10 set 2007, 8:40

cipina ha scritto:Una piccola annotazione toponomastica.
Pain perdu (che in italiano diviene spesso pan perduto), si ritrova anche come nome di località di quelle zone che non si riusciva a bonificare e a utilizzare per la coltivazione di un qualunque cereale adatto all'alimentazione. Si trova, per esempio, in provincia di Vercelli, sulla strada che facciamo di solito da Pavia per andare in Val d'Aosta o in Valsesia. E' una cosa studiata sui testi di filologia romanza e che ho potuto poi vedere di persona nei miei girovagamenti.


Anche a Segrate c'è una via molto stretta che si chiama "Panperdù". Ogni volta che passavo di lì mi chiedevo l'origine del nome. Grazie dell'informazione!
Desideria
 
Messaggi: 16
Iscritto il: 21 dic 2006, 13:19
Località: Milano

Re: Pain perdu fatto con brioche di Nanterre,caramello al bu

Messaggioda Sandra » 28 apr 2012, 21:23

Immagine
Pain perdu fatto con brioche di Nanterre,caramello al burro salato e gelato di vaniglia
Questo é il pain perdu delle golosacce!!! :lol: :lol:
Fette di brioche di Nanterre di 1 cm,bagnate in una miscela di latte,uovo,estratto di vaniglia,lasciate sgocciolare e fritte in pochissimo olio.
Sopre abbiamo messo caramello al burro salato tiepido e due palline di gelato di vaniglia!!! :D
Grande leccornia!!! :lol: :lol:

Da una ricetta da miseria ad un dessert da sogno :D

Per semplificare:

Pain perdu Chef Simon
Caramello al burro salato
Brioche di Nanterre :D
E quando ne ho voglia faccio anche qualche foto:
http://www.flickr.com/photos/43807393@N00/
Avatar utente
Sandra
MODERATORE
 
Messaggi: 8427
Iscritto il: 25 nov 2006, 15:56
Località: vence(francia)

Re: Pain perdu ovvero Pan perso (rivisitato da due golose)

Messaggioda Luciana_D » 29 apr 2012, 6:22

:shock:
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11824
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri

Re: Pain perdu ovvero Pan perso (rivisitato da due golose)

Messaggioda scarabeo14 » 29 apr 2012, 7:19

Sandra: :shock: :clap: :shock: :clap: :shock: :clap: :shock: :clap: :shock: :clap: :clap: :lol: :lol: :lol:
:saluto: Diana
Diana
Lascio agli altri la convinzione di essere migliori . . . per me tengo la certezza che nella vita si può sempre migliorare.
Avatar utente
scarabeo14
 
Messaggi: 631
Iscritto il: 8 gen 2009, 20:34
Località: Bordighera

Re: Pain perdu ovvero Pan perso (rivisitato da due golose)

Messaggioda titione06 » 29 apr 2012, 8:43

:thud: :clap: :clap: SANDRA
quando faccio questa ricetta con la brioche metto la panna liquida al posto del latte, è troppo buono
Christiane
titione06
 
Messaggi: 882
Iscritto il: 25 nov 2010, 18:04
Località: BIOT in FRANCIA

Re: Pain perdu ovvero Pan perso (rivisitato da due golose)

Messaggioda Luciana_D » 29 apr 2012, 12:00

Chris,anche tu non scherzi :shock:
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11824
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri


Torna a Doce Doce

Chi c’è in linea

Visitano il forum: AhrefsBot e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee