° Pagnottelle morbide

Pane e Lievitati - Il club dei Panificatori

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

° Pagnottelle morbide

Messaggioda germana » 4 lug 2008, 13:16

A dire il vero, quando ho fatto questo pane, (é la prima volta che uso questa ricetta) all'inizio ero molto scettica perché l'impasto risultava molto morbido e a mio avviso troppo morbido; ma essendo un po' cocciuta ho portato fino in fondo l'esperimento, e devo dire che mi sono dovuta ricredere. Le pagnottelle sono morbide, perfette, soffici dentro e leggermente croccanti fuori.

500 g miscela di farine per panificazione (Molino di Vigevano)
180 g di lievito madre
1 cucchiaino di malto d'orzo oppure di zucchero
1 cucchiaino di sale fino (o più se piace il pane salato)
1 cucchiaino di olio evo
acqua minerale naturale appena tiepida q.b.
farina di semola di grano duro per la placca


Ho messo la farina + il lievito + un po' di acqua dentro alla ciotola della planetaria e ho iniziato ad impastare con la frusta a gancio a vel.1, aggiungendo altra acqua fino a raggiungere, dopo 10 minuti, un impasto morbido.
L'ho travasato in una ciotola di plastica grande, ho coperto con della plastica .
Ho lasciato riposare tutta la notte.
Al mattino l'impasto aveva occupato quasi tutta la ciotola, l'ho rovesciato sulla spianatoia, ho aggiunto il malto, il sale e l'olio. Manualmente ho fatto assorbire il tutto e l'ho rimesso nella ciotola di plastica per la seconda lievitazione.
Deve raddoppiare .
Ho sgonfiato la massa e, senza lavorarla, ho tagliato dei pezzi da 150 g. cad. e li ho modellati a panino rotondo.
e li ho posti isulla teglia cosparsa di semola. .
Dopo ca. 2 ore ho infornato a 220°abbassato subito a 200° per 10 minuti, poi a 180° per 15 minuti.



Immagine
Avatar utente
germana
 
Messaggi: 55
Iscritto il: 6 giu 2008, 12:16
Località: Cremona

Re: Pagnottelle morbide

Messaggioda Rossella » 14 ago 2008, 11:27

non avendo LM, perchè non riesco più a stargli"dietro, con cosa mi consigli di sostituire? una biga.. lievito di birra :|?
grazie
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Re: Pagnottelle morbide

Messaggioda rosalbaf » 16 ago 2008, 9:36

bellissimi i tuoi pani!
Mi dici che tipo di farina e'?
rosalbaf
 
Messaggi: 103
Iscritto il: 31 gen 2007, 19:25
Località: a 7 km da Palinuro

Re: Pagnottelle morbide

Messaggioda Riccardo Frola » 17 ago 2008, 14:55

Rossella ha scritto:non avendo LM, perchè non riesco più a stargli"dietro, con cosa mi consigli di sostituire? una biga.. lievito di birra :|?
grazie



considerato il fatto che devi tenere morbidezza...la biga sarebbe la cosa migliore....in quanto la precvia lievitazione della biga...al momento del nuovo impasto ..da origine ad una nuova lievitazione più lenta....

puoi aiutarti con la fa, mosa pasta acida che tanto uso. abbiamo bisogno di acidità nell'impasto....è un po come la storia del acido nel albume da montare.

un bacione :saluto:
....alcuni Chef trasformano un gusto in un piatto.....
......altri Chef trasformano un piatto in un gusto.......
(R.Frola)
Avatar utente
Riccardo Frola
 
Messaggi: 361
Iscritto il: 29 mag 2008, 16:44
Località: Genova Ovest Sampierdarena


Torna a Chi va al mulino...s'infarina

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee