Ovis molis

Ricette di pasticceria

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

Ovis molis

Messaggioda luvi » 12 giu 2007, 13:59

Ieri pomeriggio ho provato a fare dei nuovi biscottini...

Ho trovato la ricetta sul numero di giugno 2007 della "Cucina Italiana":

INGREDIENTI:

5 tuorli sodi setacciati
200 gr farina
100 gr fecola (io non ne avevo abbastanza così ho messo metà fecola e metà maizena)
100 gr zucchero a velo (io: zucchero semolato tritato col macinacaffè)
1 bustina di vanillina
1 pizzico di sale
200 gr burro
marmellata di arance fatta da mio padre
gelatina di pesche (compera)


Ho mescolato col Ken il burro (da frigo) a pezzi con lo zucchero a velo, poi ho aggiunto gli altri ingredienti.
Dopo poco ne è risultato un impasto liscio, giallo, compatto e lucido.
Ho fatto un panetto che ho avvolto con carta trasparente e lasciato in frigo 40 min.

Ho portato il forno ventilato a 170°C

Preso il panetto ho fatto tanti rotolini lunghi e della dimensione di un dito, che poi ho tagliato di lunghezza di circa 2 cm.
Ho trasformato in palline ciascun tronchetto e li ho posizionati su due teglie rivestite di carta forno.
Con il ditero di un cucchiaio di legno ho fatto il buchino centrale che poi ho leggermente allargato con un dito.

Una teglia è stata farcita con marmellata di arance, l'altra con gelatina di pesche.

Infornato una teglia alla volta a 170°C per 15 minuti.

Appena sfornato ho messo i biscotti ( circa 36+37) a raffreddare su una gratella.

Davvero buoni friabili, quasi sabbiosi, delicati.


poi vi posto foto di rito.
luvi
 

Messaggioda ila » 12 giu 2007, 14:03

Sono spettacolari, i tuoi sicuramente anche se ancora non li ho visti, ma voglio dire la ricetta (presa dallo stesso giornale...)
io avevo già una ricetta di ovis mollis buona si ma questa é di gran lunga migliore...
Avatar utente
ila
 
Messaggi: 695
Iscritto il: 12 dic 2006, 15:09

Messaggioda ila » 12 giu 2007, 16:44

:clap: belli!!!
a me non erano venuti cosí perfetti, sapore e consistenza please?
Io ho fatto una semplice pasta frolla per dei biscottini... :? adesso mi sembreranno bruttini...
Luvi se ti avanzano e passi dalle mie parti... :wink:
Avatar utente
ila
 
Messaggi: 695
Iscritto il: 12 dic 2006, 15:09

Messaggioda luvi » 12 giu 2007, 16:59

:D
sono molto più fini di qualunque pasta frolla..e...quando ti decidi a venire qui?:D

il trucco che ho imaprato qui con la ricetta dei baci di dama è quello di fare dei filoncini e poi tagliare a pezzetti.. poi così le palline di base saranno circa tutte uguali..:D
luvi
 

Messaggioda gatta » 12 giu 2007, 20:46

Buoniiii!!!
Me li faceva mia sorella un po' di anni fa, quando frequentava un piccolo corso di pasticceria.
Ma sono anni che non me li fa più, adesso mi copio la ricetta e me li farò da sola!
Grazie Luisa!!! *smk*
Avatar utente
gatta
 
Messaggi: 153
Iscritto il: 22 dic 2006, 15:50
Località: Milano

Messaggioda luvi » 12 giu 2007, 22:44

:D li ho messi nel vaso di vetro con tappo per i biscotti e satsera ne ho mangiato qualcuno.. sono ancora più buoni..

diemnticavo di dire che li ho lavorati, ho dato loro la forma su un piano di lavoro di plastica.. per le frolle e similari va meglio.:D
luvi
 

Messaggioda Rossella » 12 giu 2007, 22:50

Li adoro :D Luisa, guarda che se riposano migliorano assaissimo :lol: :lol:
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Messaggioda Frabattista » 12 giu 2007, 22:57

luvi ha scritto::D li ho messi nel vaso di vetro con tappo per i biscotti e satsera ne ho mangiato qualcuno.. sono ancora più buoni..

diemnticavo di dire che li ho lavorati, ho dato loro la forma su un piano di lavoro di plastica.. per le frolle e similari va meglio.:D


ahh questa poi non la sapevo!!!grazie dell'informazione: insomma per le esperte magari ci sono tante cose che si sanno, ma io in effetti quando leggo le ricette e i commenti, soprattutto in doce doce, proprio "vengo giù dal pero"!
Ad es per le frolle che mi è capitato di preparare, ho sempre fatto fatica a stenderle o lavorarle sul tagliere a meno di non usare un bel po' di farina o di avere l'impasto molto molto freddo.
grazie Luvi e ciao a tutti.... ora ^sleep^
ps proprio invitanti i biscottini tipo uno tira l'altro :D
Avatar utente
Frabattista
 
Messaggi: 957
Iscritto il: 6 gen 2007, 15:52
Località: Ferrara

Messaggioda luvi » 18 giu 2007, 23:11

:D frabattista non sono una esperta ma io provo e riprovo.. e alla fine sono arrivata ..un po' più lentamente alle conclusioni ovvie per chi è esperto.. e quindi le racconto.. perchè spesso non sono ovvie..:D
luvi
 

Messaggioda rosanna » 28 set 2007, 21:29

io pure li adoro d è un po' di tempo che non li faccio


100 g. di farina o fecola
100 g. di burro
50 g. di fecola
50 g. di zucchero a velo
n. 3 tuorli sodi; sale q.b.
scorza grattugiata ed essenza di arancia
marmellata di arancia o albicocche fatta in casa

Passare i tuorli d'uovo al setaccio, lavorarli con il burro e lo zucchero, unire la farina, la fecola, il sale e la scorza dj arancia. Formare delle palline, appoggiarle sulla teglia coperta con la carta da forno schiacciandole leggermente al centro. Con un piccolo cucchiaino o con sac a poche versare poca marmellata di arancia. Sono buoni anche con scorza gratt. di limone e marmellata di albicocca. Cuocere in forno a 180° per 10 max 15 minuti, dipende dal forno. .
Avatar utente
rosanna
 
Messaggi: 4413
Iscritto il: 25 nov 2006, 17:21
Località: NAPOLI

Messaggioda anavlis » 29 set 2007, 7:52

Bella ricetta, vanno fatti. Un grazie a Luisa per la chiara descrizione, non trascurando quello che si definisce "ovvio" o scontato. Ad esempio per me diventa basilare :lol: . Grazie a Rossana e a Benedetta...li farò con la marmellata di limoni che ho preparato secondo la tua ricetta.
silvana
silvana


L’ironia è una dichiarazione di dignità, un’affermazione della superiorità dell’uomo su ciò che gli capita. (Romain Gary)
Avatar utente
anavlis
MODERATORE
 
Messaggi: 10428
Iscritto il: 8 apr 2007, 8:38
Località: palermo

Messaggioda Eledigi » 29 set 2007, 20:33

Anch'io li adoro. Da quando la ricetta mi fu data anni e anni fa da Fabio Fongoli.
Evito di farli per non mangiarne 25-30 di seguito.
Come molti o tutti sapranno, e come mi insegno' Fabio al tempo della ricetta, per rassodare solo i tuorli si puo' usare il microonde, salvando cosi' gli albumi.
Fare attenzione a bucare i tuorli e a far cuocere per 15 secondi, poi schiacciare, poi far ripartire. Di solito bastano 3-4 "mandate" da 15 secondi.
Avatar utente
Eledigi
 
Messaggi: 285
Iscritto il: 25 nov 2006, 16:05
Località: Macerata

Re: Ovis molis

Messaggioda rosanna » 15 mar 2011, 15:31

Altra ricetta testata oggi .....molto buoni
Burro gr 750
Zucchero gr360
Tuorli cotti n. 20
Vaniglia
Gratt. Di limone
Sale
Farina gr. 900
Fecola gr 300
Rosanna

L’uomo è viator, pellegrino o fuggiasco. Ogni cammino è infine verso una casa. E la casa, dove abito, è il luogo dove sono accolto e amato. Altrimenti fuggo e vado vagando. La casa di ognuno è chi lo ama. E chiunque ama è casa dell’amato. Il nostro camminare è sempre un «cercare» amore, unico luogo dove ci sentiamo di casa e possiamo riposare.
(Silvano Fausti sj)
Avatar utente
rosanna
 
Messaggi: 4413
Iscritto il: 25 nov 2006, 17:21
Località: NAPOLI

Re: Ovis molis

Messaggioda nannarella » 15 mar 2011, 22:14

Buoni gli Ovis Mollis Immagine

La ricetta che uso io e' dal libro dell'Etoile, quello sulla pasticceria da forno, i biscotti... : Thumbup :

Ovviamente ho ridotto le dosi per una produzione "umana"... mi sembra che le originali fossero quadruplicate o giu' di li...

OVIS MOLLIS
4 tuorli
200g burro
100g zucchero a velo
200g farina debole da dolci
100g fecola
vaniglia

Per spolverare uso uno zucchero a velo aromatizzato al cioccolato bianco...

Ah... dimenticavo... io i tuorli li assodo facendoli scivolare in un pentolino di acqua salata che sobbolle... insomma come si fa l'uovo in camicia ma senza le chiare (che salvo anche io)...

Ripeto... troppo buoni... Immagine
Immagine
Avatar utente
nannarella
 
Messaggi: 13
Iscritto il: 13 dic 2010, 14:02

Re: Ovis molis

Messaggioda rosanna » 16 mar 2011, 0:08

pensavo che si dovessero chiamare ovis molis, se viene dal latino dovrebbe significare uova schiacciate :) e mi hai fatto incuriosire. Vedo che le chiamano anche ovis mollis e non so se siano i biscotti di stresa o se sia un refuso.

Mi sembra carina questa forma, li ho visti fare oggi. Si fa un cilindretto lungo piu' o meno 20 cm si piega a meta' e si attorciglia

Immagine
Rosanna

L’uomo è viator, pellegrino o fuggiasco. Ogni cammino è infine verso una casa. E la casa, dove abito, è il luogo dove sono accolto e amato. Altrimenti fuggo e vado vagando. La casa di ognuno è chi lo ama. E chiunque ama è casa dell’amato. Il nostro camminare è sempre un «cercare» amore, unico luogo dove ci sentiamo di casa e possiamo riposare.
(Silvano Fausti sj)
Avatar utente
rosanna
 
Messaggi: 4413
Iscritto il: 25 nov 2006, 17:21
Località: NAPOLI

Re: Ovis molis

Messaggioda nannarella » 16 mar 2011, 0:23

rosanna ha scritto:pensavo che si dovessero chiamare ovis molis, se viene dal latino dovrebbe significare uova schiacciate :) e mi hai fatto incuriosire. Vedo che le chiamano anche ovis mollis e non so se siano i biscotti di stresa o se sia un refuso.

Mi sembra carina questa forma, li ho visti fare oggi. Si fa un cilindretto lungo piu' o meno 20 cm si piega a meta' e si attorciglia

Immagini cancellate dal quote come da regolamento


Penso che sia un refuso ormai divenuto di uso comune... ;-))

Belle le ciambelline intrecciate : WohoW :
Immagine
Avatar utente
nannarella
 
Messaggi: 13
Iscritto il: 13 dic 2010, 14:02


Torna a Doce Doce

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee